Apollo Creed

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Apollo Creed
Rocky2.JPG
Apollo contro Rocky in Rocky II
UniversoRocky
Lingua orig.Inglese
AutoreSylvester Stallone
1ª app. inRocky
Ultima app. inRocky IV
Interpretato daCarl Weathers
Voci italiane
SessoMaschio
Luogo di nascitaLos Angeles
Data di nascita17 agosto 1942
ProfessionePugile

Apollo Creed è un personaggio cinematografico della saga di Rocky interpretato da Carl Weathers.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Rocky[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Rocky.

Apollo Creed è il campione del mondo in carica dei pesi massimi di boxe. Lo sfidante Green si infortuna alla mano e gli altri pugili in graduatoria si ritirano dichiarando che cinque settimane non sono sufficienti per prepararsi: Apollo e lo staff dell'evento decidono quindi di offrire ad uno sconosciuto la possibilità di combattere per la cintura nel giorno del bicentenario della fondazione degli Stati Uniti. Sfogliando l'annuario Apollo rimane divertito dal soprannome affibbiato ad un certo Rocky Balboa, "Lo Stallone Italiano": questi, che in realtà lavoro al soldo di un piccolo gangster e che boxa quasi per hobby, viene contattato dall'organizzatore e accetta; così ha modo di riavvicinarsi al suo allenatore Mickey e di dichiararsi finalmente ad Adriana, sorella dell'amico Paulie. Vedendo finalmente l'occasione di riscattare un'esistenza di insoddisfazione, Rocky si prepara all'incontro e riesce a resistere contro Apollo per tutte le quindici riprese perdendo solo ai punti.

Rocky II[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Rocky II.

Apollo ha vinto l'incontro con Rocky ai punti, ma non accettando le illazioni emerse dopo il match e soprattutto non sopportando l'idea di aver "vinto ma non battuto" un pugile sconosciuto, rilancia la sua sfida per dimostrare al mondo della boxe che il primo incontro è stato solo frutto del fatto non facesse sul serio. Contrariamente alle aspettative, tuttavia, Apollo perde il titolo ma, messo da parte il furore agonistico, cede sportivamente la cintura al rivale e si ritira.

Rocky III[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Rocky III.

Apollo ha chiuso con il mondo della boxe dopo la sconfitta con Rocky; quest'ultimo, campione ormai affermato ma ormai "sazio", accetta la sfida lanciata dall'emergente Clubber Lang e, a causa anche della morte di Mickey, Rocky viene sconfitto. Credendo tuttavia che con il suo aiuto lo "Stallone" possa recuperare il suo titolo, Apollo convince l'ex rivale ad allenarsi con lui e insieme riescono nell'impresa.

Rocky IV[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Rocky IV.

Apollo ha ormai 42 anni ma non riesce ad accettare l'idea di non poter più combattere. L'occasione per il riscatto sembra arrivare quando dall'Unione Sovietica giunge un pugile dalla stazza gigantesca, Ivan Drago, pronto a lanciare il guanto di sfida alla boxe statunitense. Nonostante gli avvertimenti di Rocky, Apollo sfida il pugile sovietico ma quello che doveva essere solo un match di esibizione si trasforma in tragedia: Drago dimostra infatti una forza al limite dell'umano e, con una serie tremenda di colpi, lo uccide sul ring, dopo che lo stesso Apollo aveva supplicato Rocky - presente al suo angolo - di non gettare la spugna. Apollo sarà poi vendicato dall'amico, che sconfigge Drago in Russia.

Stile di combattimento[modifica | modifica wikitesto]

Lo stile di combattimento di Creed è basato su quello del leggendario Muhammad Ali: predilige infatti la tecnica, la velocità e l'agilità tralasciando in parte le capacità d'incasso (nel primo incontro con Rocky, infatti, Apollo va subito al tappeto dopo un montante sinistro, complice anche il fatto che "lo stallone italiano" è mancino e quindi lo sbilanciava).

Nel secondo match con Rocky, Creed si concentra ancor di più su potenza e velocità trascurando leggermente la resistenza: Rocky riesce infatti a resistere alle centinaia di colpi messi a segno dal campione mentre questi viene messo in difficoltà da Rocky con un numero decisamente inferiore di colpi.

Nel combattimento con Drago, Apollo non è più forte e veloce come un tempo e, complici l'enorme differenza di età, la sovrumana potenza e l'enorme capacità d'incasso del sovietico, viene ucciso.

Ispirazione per il personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Come dichiarato dallo stesso Stallone, il personaggio di Rocky Balboa è nato dopo che aveva assistito all'incontro del 1975 fra Chuck Wepner e Ali.

Apollo nasce nel 1942, proprio come il campione di Louisville, e in Rocky Balboa, nel corso di alcune trasmissioni sportive, le stesse che mostravano gli incontri fittizi dei pugili al computer, vengono proposte alcune immagini di archivio dello stesso Muhammad Ali, riferite agli anni '70. Dunque, tutto ciò lascerebbe supporre che, nella cronologia storica della saga, Muhammad Ali, ai tempi in cui Apollo era il campione del mondo dei pesi massimi (sempre negli anni '70), combattesse ancora, e plausibilmente avrebbe potuto anche rappresentare uno dei suoi più accreditati rivali per la corona iridata.

Questo particolare è rafforzato anche dal fatto che nel primo film fa la sua apparizione un altro vero ex pugile: infatti c'è un breve cameo di Joe Frazier che sale sul ring per salutare Apollo e Rocky prima del loro incontro, e addirittura lui e Creed in quella circostanza cominciano a "beccarsi" quasi a volersi lanciare una sfida. È da notare il fatto che Frazier in quegli anni era uno dei più accreditati rivali di Alì e nello stesso tempo, nel film, lo si sente dire ad Apollo "Hai avuto paura a sfidare me!". Dunque non ci sarebbe nulla da sorprendersi se Apollo Creed, che in "Rocky IV", durante la conferenza stampa prima dell'incontro con Drago, dichiara che nella sua carriera aveva "incontrato i migliori battendoli tutti" chiudendo con la battuta "ho mandato più gente in pensione io della previdenza sociale", avesse combattuto in quegli anni anche con lo stesso Alì e con Frazier, ovviamente vincendo come recita il suo professional boxing record prima del secondo incontro con Rocky: 47 incontri e 47 vittorie, di cui una sola non per K.O. (e cioè proprio quella con Rocky nel primo film della saga).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Edward Gross, Rocky - the Ultimate Guide, Dorling Kindersley, 2006
  • (EN) Rocky IV: The Official Movie Book, Mov Tie in, 1985

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]