I mercenari 3

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
I mercenari 3
The Expendables 3.jpg
Il cast al completo nel teaser trailer ufficiale
Titolo originaleThe Expendables 3
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2014
Durata126 min
Rapporto2,35 : 1
Genereazione, avventura, thriller
RegiaPatrick Hughes
SoggettoSylvester Stallone, Dave Callaham (personaggi)
SceneggiaturaSylvester Stallone, Katrin Benedikt, Creighton Rothenberger
ProduttoreAvi Lerner, Danny Lerner, Kevin King Templeton, John Thompson, Les Weldon
Produttore esecutivoGuy Avshalom, Guymon Casady, Boaz Davidson, Danny Dimbort, Robert Earl, Samuel Hadida, Victor Hadida, Basil Iwanyk, Zygi Kamasa, Trevor Short, David Varod
Casa di produzioneMillennium Films, Nu Image, Davis Films
Distribuzione in italianoUniversal Pictures
FotografiaPeter Menzies Jr.
MontaggioSean Albertson, Paul Harb
Effetti specialiDimitar Krustev
MusicheBrian Tyler
ScenografiaDaniel T. Dorrance
CostumiLizz Wolf
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

I mercenari 3 (The Expendables 3) è un film del 2014 diretto da Patrick Hughes, ed è il sequel del film I mercenari 2.

Il film è la terza pellicola della serie degli Expendables, iniziata nel 2010 e creata da Sylvester Stallone, protagonista dei film e regista del primo capitolo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Gli Expendables, guidati da Barney Ross, liberano dalla prigionia un ex-mercenario chiamato Doc, approfittando del suo trasferimento su un treno blindato verso una prigione militare. Doc è un ex-medico ed ex-mercenario molto abile nell'uso dei coltelli e nelle arti marziali, che era stato già parte della prima squadra di Expendables fondata da Barney Ross anni prima. Dopo averlo liberato, Barney gli rivela di averlo salvato anche per poterlo reclutare nella nuova squadra di Expendables in quanto gli mancava un uomo per il loro prossimo incarico: intercettare un carico di bombe termobariche destinate ad essere consegnate ad un signore della guerra in Somalia. Arrivati al porto designato, Barney scopre, con enorme sorpresa, che il commerciante di armi che devono eliminare è in realtà Conrad Stonebanks, che aveva fondato con lui la prima squadra di Expendables e che Barney credeva di avere ucciso anni prima, su incarico del Governo, per mettere fine ai crimini compiuti da Stonebanks durante le sue missioni. Barney ingaggia uno scontro a fuoco con Stonebanks che ferisce gravemente il compagno Hale Caesar.

Tornati negli Stati Uniti, gli Expendables portano d'urgenza il loro amico in ospedale. Barney lascia a Caesar il suo anello portafortuna e se ne va. Uscito dall'ospedale incontra l'agente della CIA Max Drummer, che si lamenta con lui del fatto che non abbia portato a termine la missione assegnatagli. Barney risponde che le informazioni fornitegli erano sbagliate. Drummer gli concede una seconda chance per catturare Stonebanks e portarlo al Tribunale Internazionale dell'Aja per essere processato per crimini di guerra.

Barney, traumatizzato dall'incidente occorso a Caesar, riunisce gli Expendables da Rusty's, il loro bar di fiducia. Dopo aver ribadito che loro ormai fanno parte del passato, scioglie la squadra, invitando i membri a cambiare vita prima che sia troppo tardi e facciano tutti una brutta fine. Neanche le parole di Christmas, furioso per la notizia, lo convincono a cambiare idea, e Barney si dilegua.

La sera stessa Barney parte per Las Vegas dove incontra il suo amico Bonaparte, che dovrà aiutarlo a formare un nuovo team di persone giovani e determinate per catturare Stonebanks. Le reclute, trovate nei più disparati luoghi di tutto il mondo, sono l'ex-marine John Smilee, la buttafuori Luna, l'hacker Thorn e l'esperto di armi e pugile Mars. Fra i candidati c'è anche un ex soldato spagnolo agile e veloce, ma un po' troppo anziano, Galgo, che continua a falsificare la sua richiesta di arruolamento perché disoccupato e convinto di essere ancora pronto per l'azione. Bonaparte lo rifiuta a priori per l'età avanzata.

L'appuntamento successivo di Barney è con Trench Mauser. Trench ha rintracciato Stonebanks in Romania, dove si sta recando per un importante affare di armi con un mafioso albanese. La stessa sera Barney e la nuova squadra volano con Trench fino a Bucarest e si paracadutano. Iniziano a sorvegliare il palazzo dell'incontro già il giorno prima. Dopo aver scattato delle fotografie dell'esercito privato di Stonebanks e aver pianificato l'assalto, si mettono all'opera. Di notte, mentre Barney e Luna aspettano in un furgone e Thorn disattiva i sistemi di sicurezza usando un drone, Smilee e Mars si calano dal tetto e si infiltrano nell'edificio. Mentre Stonebanks sta contrattando un carico di armi pesanti nascoste in mezzo a dei dipinti in modo da farli passare alla dogana, Barney e i suoi mercenari creano un diversivo e uccidono tutti gli uomini presenti, per poi stordire e catturare Stonebanks e portarlo con loro per consegnarlo alla CIA.

Stonebanks si risveglia nel furgone in cui lo stanno trasportando e inizia a provocare Barney ricordandogli il passato e accusandolo di aver rovinato tutto tra loro. Infuriato, Barney gli si avventa contro, ma viene convinto dagli altri a desistere. Sfortunatamente l'orologio di Conrad ha un GPS e pochi secondi dopo un elicottero li raggiunge sopra un ponte e spara un colpo di lanciarazzi contro il furgone, ribaltandolo. Mentre cerca di rimettersi in piedi, Barney è spinto nel fiume sottostante da un'altra esplosione, mentre Smilee, Luna, Thorn e Mars sono catturati dagli uomini di Stonebanks. Quest'ultimo si rialza e una volta liberatosi ordina ai suoi uomini di cercare il corpo di Barney.

Barney intanto viene trascinato dalla corrente e sbatte la testa contro una roccia, svenendo. Risvegliatosi su una riva e preso da una pattuglia di alleati di Stonebanks, estrae fulmineamente il suo vecchio revolver e li uccide, poi recupera una delle loro armi e si incammina nella vegetazione. Raggiunge Trench, che gli mostra un video su un tablet arrivato poco prima; Stonebanks ha infatti mandato un video, in cui sfida Barney ad andare a riprendersi i suoi ragazzi. Mentre si prepara a partire da solo per salvarli, Barney viene trovato da Galgo che gli offre di nuovo i suoi servizi. Barney questa volta accetta di dargli una possibilità, ma mentre sta decollando viene fermato dai suoi vecchi compagni: Lee Christmas, Gunnar Jensen, Toll Road e Doc, anch'essi intenzionati a non abbandonarlo.

Intanto Drummer telefona a Barney per informarlo che Stonebanks non ha provato neanche a nascondersi, e che si trova in Armenia. L'esercito armeno, essendo piccolo e corrotto, è sul libro paga di Stonebanks da anni e quindi la missione sarà molto più difficile del previsto. Perciò Drummer decide di intervenire personalmente in maniera non ufficiale assieme a Trench e a Yin Yang, ex membro degli Expendables ora al soldo di Trench.

Nel frattempo Barney è arrivato a destinazione insieme alla vecchia squadra e si incammina nella foresta per seguire le coordinate dategli dalla CIA. Attraversata la foresta, arrivano in una zona bombardata dove si trova un unico grattacielo ancora intatto. Gli Expendables perlustrano la zona e scoprono che le reclute sono tenute prigioniere all'ottavo piano, e una volta entrati li liberano senza problemi, ma da uno schermo Stonebanks li avverte che era tutto programmato per attirarli in quel posto, carico di C4 collegato ad un timer. Thorn interviene utilizzando il dispositivo jammer di Gunnar per bloccare il conto alla rovescia; lo blocca, ma siccome le batterie del suo dispositivo sono al minimo, hanno poco tempo a disposizione per scappare prima che il timer riparta. Stonebanks, furioso, ordina quindi alle forze armate armene di attaccare l'edificio con tutta la loro potenza, anche con carri armati ed elicotteri d'attacco. I nuovi membri e i veterani degli Expendables, dopo un iniziale litigio, superano le ostilità tra di loro grazie alle parole di Barney e decidono di lavorare insieme per uccidere gli uomini di Stonebanks.

Inizia una vera e propria guerra fra il manipolo di mercenari e l'esercito armeno, ma quando una seconda ondata di nemici inizia a muoversi, Drummer, Trench e Yang intervengono eliminando con il loro elicottero i nemici, poi sotto suggerimento di Barney atterrano sul tetto per far evacuare tutti prima che l'edificio venga distrutto. Tuttavia, Stonebanks trova e attacca personalmente Barney, coinvolgendolo in un violento corpo a corpo. Ross alla fine recupera il suo revolver e lo uccide, riuscendo finalmente a vendicarsi, ma subito dopo le bombe esplodono, facendo collassare l'intera struttura.

Gli Expendables intanto hanno raggiunto l'elicottero e stanno per partire, credendo che sia troppo tardi per Barney, ma improvvisamente Barney riesce ad uscire sul tetto e inizia a correre verso l'elicottero in partenza mentre il tetto gli si sbriciola sotto i piedi e si lancia nel vuoto. In mezzo al fumo i suoi compagni credono di averlo perso per sempre, ma una volta diradatosi il fumo lo trovano aggrappato ad un cavo che pendeva dall'elicottero. La squadra vittoriosa riparte, lasciando però Barney appeso per fargliela "pagare" scherzosamente del loro licenziamento anticipato.

Caesar intanto viene dimesso dall'ospedale e Barney accetta ufficialmente Galgo, Smilee, Luna, Thorn e Mars nella squadra, mentre gli Expendables festeggiano tutti insieme nel loro solito bar.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Budget[modifica | modifica wikitesto]

Il budget del film è stato di circa 90 milioni di dollari.

Riprese e location[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese della pellicola sono iniziate il 19 agosto[1] e sono terminate il 25 ottobre 2013[2]; si sono svolte in Bulgaria, tra le città di Sofia e Varna, ed in Grecia, sul fiume Evros, mentre le scene interne sono state girate negli studios della Nu Boyana Film[3]. A settembre 2013, Crews ha rivelato in un'intervista che Statham è sopravvissuto a un incidente sul set, quando il camion che stava guidando è finito nel Mar Nero dopo che i suoi freni si erano rotti.

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Sylvester Stallone alla première tedesca.

Gli attori confermati in questo terzo capitolo sono sempre Sylvester Stallone, Jason Statham, Jet Li, Dolph Lundgren, Arnold Schwarzenegger, Terry Crews e Randy Couture, tutti membri della squadra degli Expendables.

L'attore Bruce Willis doveva tornare in questo terzo capitolo dopo aver partecipato ai primi due, ma dopo aver chiesto 4 milioni di dollari per quattro giorni di riprese, Stallone e la produzione non hanno aumentato la loro offerta di 3 milioni e nel giro di tre giorni hanno sostituito Willis con Harrison Ford, che interpreta un personaggio nuovo[4][5].

Inizialmente era anche previsto un ritorno di Chuck Norris e Jean-Claude Van Damme, già superstar del secondo capitolo. Norris però rivelò già il 16 agosto 2012, alla première del secondo film a Los Angeles, di non voler partecipare al terzo capitolo della saga, ringraziando comunque tutti i colleghi che lo avevano accolto nel cast[6]. Van Damme invece rivelò che Stallone lo aveva considerato per interpretare Claude Vilain, il fratello di Jean Vilain, antagonista del secondo film, ma alla fine il suo ruolo venne cancellato dalla sceneggiatura.

Nicolas Cage fu considerato per il ruolo di Bonaparte, andato poi a Kelsey Grammer[7].

Prima di firmare per interpretare l'antagonista del film, Mel Gibson fu scelto da Stallone per dirigere il film, ma Gibson rifiutò e divenne solo successivamente l'antagonista principale[8].

Fu offerto un ruolo a Jackie Chan, il quale pose la condizione che fosse un ruolo principale[9].

Milla Jovovich fu scelta per il ruolo di Camilla, ma dovette rifiutare per il sovrapporsi delle riprese di altri due film[10], così il ruolo è andato poi a Sarai Givaty[11].

Per il ruolo di John Smilee fu inizialmente considerato l'attore Lucas Till, ma alla fine fu scelto Kellan Lutz[12].

Questo è il primo film per Wesley Snipes dopo la condanna di tre anni scontati in carcere per evasione fiscale. Snipes doveva già essere nel cast dal primo film. L'attore stesso scherza su questo quando nel film i mercenari gli chiedono per quale motivo il suo personaggio fosse stato incarcerato, rispondendo appunto "per evasione fiscale".

Regia[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente Stallone voleva Mel Gibson dietro la macchina da presa, ma dopo il suo rifiuto[8], viene scelto il semi-sconosciuto Patrick Hughes, che Stallone stesso annuncia tramite il suo account di twitter[13]. Il direttore della seconda unità è il regista Dan Bradley, già collaboratore in questo ruolo di importanti film d'azione.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il cast alla presentazione del film al Festival di Cannes 2014.

Il primo teaser trailer del film viene diffuso il 19 dicembre 2013[14]; nel teaser i protagonisti del film, agguerriti più che mai, marciano schierati, all'interno di un hangar, sulle note di una famosissima marcia militare "fischiettata" resa celebre dal film Il ponte sul fiume Kwai del 1957, rivisitata in chiave rock per l'occasione.[15][16]

Il 3 aprile 2014 viene diffuso il primo trailer in esclusiva sul sito Movies.Yahoo.com.

Per promuovere il film, la Millennium Films ha organizzato, in occasione del Festival di Cannes 2014, un evento speciale all'Hotel Carlton sulla Promenade de la Croisette, con la partecipazione di Sylvester Stallone, Jason Statham, Arnold Schwarzenegger, Mel Gibson, Harrison Ford, Wesley Snipes, Antonio Banderas, Dolph Lundgren, Randy Couture, Kellan Lutz, Ronda Rousey, Glen Powell e Victor Ortiz e del regista Patrick Hughes. Il cast ha raggiunto la Croisette a bordo di un tank dell'Armata Rossa.[17]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola viene distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 15 agosto 2014 ed in quelle italiane dal 4 settembre dello stesso anno.

Divieto[modifica | modifica wikitesto]

In controtendenza con le due precedenti pellicole della saga, questo terzo episodio viene vietato solamente ai minori di 13 anni non accompagnati da maggiorenni per la presenza di violenza sotto forma di scontri a fuoco e scene di lotta, linguaggio non adatto ai più piccoli e sangue in computer grafica poco presente[18].

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è stato accolta con recensioni generalmente negative. Rotten Tomatoes ha dato un punteggio del 34%, con una valutazione media di 4,9 su 10, sulla base di 143 recensioni. La recensione del sito dice: "Come i precedenti film, I Mercenari 3 offre un minimo di emozioni all-star per gli appassionati dei thriller d'azione della vecchia scuola, ma dato tutto il talento assemblato avrebbe dovuto essere molto più divertente." Su Metacritic, il film ha un punteggio di 35 su 100, sulla base di 35 recensioni.

Il film è stato trasmesso in prima TV in Italia il 7 marzo 2016 su Canale 5.

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha incassato 39,322,554 di dollari negli Stati Uniti e circa 206,172,544 a livello mondiale. Il botteghino in Italia è stato di 4,011,630 di euro.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Casi mediatici[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 luglio 2014, tre settimane prima della premiere del film, la pellicola viene trafugata e caricata su internet, in 24 ore vengono eseguiti più di 189.000 download.[19] Dopo una settimana, vengono stimati più di 2 milioni di download.[20]

Il 31 luglio 2014, dalla casa di produzione del film, la Lionsgate, viene inoltrata una denuncia contro dieci individui anonimi per violazione del copyright, al tribunale federale della California.[21] La casa di produzione ha riportato che una copia digitale del film è stata rubata e caricata su Internet. la Lionsgate ha dichiarato di aver mandato lettere di richiesta agli operatori dei siti (Limetorrents.com, Billionuploads.com, Hulkfile.eu, Played.to, Swankshare.com e Dotsemper.com), senza aver ricevuto alcuna risposta.[22] Nel mese di agosto 2014, il sito Hulkfile.eu cessa le sue operazioni a livello mondiale, perché, la società riferisce di non avere altra scelta dopo il danno causato dalla querela della Lionsgate.[23] Nel giugno del 2015, la Lionsgate si trova in tribunale con gli operatori di Played.to, a causa dello streaming di una copia trafugata del film.[24] I dettagli della transazione sono confidenziali e il sito rimane operativo.

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 dicembre 2016 viene annunciato che il quarto capitolo della saga degli Expendables arriverà nei cinema nel 2018 e sarà il capitolo conclusivo della serie.[25][26][27][28] Il 30 dicembre 2016 lo stesso Sylvester Stallone annuncia in un video pubblicato sul proprio profilo Facebook che il prossimo capitolo della saga è in lavorazione e sarà un film molto diverso dai precedenti.[29][30][31]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Inizio riprese, collider.com. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  2. ^ (EN) Riprese, Internet Movie Database. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  3. ^ (EN) Location, Internet Movie Database. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  4. ^ (EN) Willis, The Hollywood Reporter. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  5. ^ (EN) Willis, Daily Mail. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  6. ^ Chuck Norris dice no a 'I mercenari 3'
  7. ^ (EN) Nicolas Cage, Internet Movie Database. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  8. ^ a b (EN) Mel Gibson, Internet Movie Database. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  9. ^ (EN) Jackie Chan, Internet Movie Database. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  10. ^ (EN) Milla Jovovich, Internet Movie Database. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  11. ^ (EN) Sarai Givaty, Internet Movie Database. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  12. ^ (EN) Lucas Till, Internet Movie Database. URL consultato il 3 maggio 2014.
  13. ^ Regia I mercenari 3, comingsoon.it. URL consultato il 21 febbraio 2014.
  14. ^ (EN) Primo teaser trailer, comingsoon.net. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  15. ^ I SACRIFICABILI 3, su leortola.wordpress.com. URL consultato il 12 marzo 2017.
  16. ^ I Mercenari 3: Il primo Teaser Trailer Ufficiale del film, su comingsoon.it. URL consultato il 12 marzo 2017.
  17. ^ (EN) Cannes: Sly, Arnie, Mel & More To Storm Croisette For Mega ‘Expendables 3’ Event, su deadline.com. URL consultato l'11 marzo 2017.
  18. ^ (EN) Rating, collider.com. URL consultato il 2 luglio 2014.
  19. ^ Todd Spangler, ‘Expendables 3’ Leaks Online, Pirated Copy Downloaded 189,000 Times in 24 Hours, Variety, 25 luglio 2014. URL consultato il 29 luglio 2014.
  20. ^ Will Expendables 3 pre-release hurt box office revenue
  21. ^ Lionsgate Sues Pirates over Expendable 3 Leaked Internet Copy
  22. ^ Lionsgate Sues for Expendable 3 Leak
  23. ^ Hulkfile Shuts Down Following Expendables 3 Lawsuit August 13, 2014
  24. ^ Played.to Operator Admits Guilt in Expendables 3 Leak. June 25, 2015. Retrieved 20 July 2015
  25. ^ (EN) The Expendables 4 is happening, will end the series, su denofgeek.com. URL consultato il 23 dicembre 2016.
  26. ^ (EN) The Expendables 4 coming in 2018, su flickeringmyth.com. URL consultato il 23 dicembre 2016.
  27. ^ (EN) Stallone, Statham and Schwarzenegger to Return for 'The Expendables 4', su fandango.com. URL consultato il 23 dicembre 2016.
  28. ^ (EN) Splendid Takes 'The Expendables 4' for German-Speaking Europe, su hollywoodreporter.com. URL consultato il 23 dicembre 2016.
  29. ^ I mercenari 4, Sylvester Stallone conferma che il film si farà, su quotidiano.net. URL consultato il 3 gennaio 2017.
  30. ^ (EN) When The Expendables 4 Will Begin Shooting, According To Sylvester Stallone, su cinemablend.com. URL consultato il 31 dicembre 2016.
  31. ^ (EN) Sylvester Stallone Teases Something Different For The Expendables 4, su comicbook.com. URL consultato il 31 dicembre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema