Riserva naturale dell'Isola Boscone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Riserva naturale dell'Isola Boscone
Tipo di areaRiserva naturale regionale
Codice WDPA64459
Codice EUAPEUAP0307
Class. internaz.Categoria IUCN IV: area di conservazione di habitat/specie
StatiItalia
RegioniLombardia Lombardia
ProvinceMantova Mantova
ComuniBorgocarbonara
Superficie a terra127,04 ha
Provvedimenti istitutiviD.C.R. n. 566 del 29 gennaio 1987
GestoreComune di Borgocarbonara
Mappa di localizzazione
Coordinate: 45°02′32.82″N 11°14′08.23″E / 45.04245°N 11.23562°E45.04245; 11.23562

La riserva naturale dell'Isola Boscone è un'area naturale protetta situata nell'alveo del fiume Po, nel territorio del comune di Borgocarbonara, in massima parte nella municipalità di Carbonara di Po, in provincia di Mantova. La riserva è stata istituita con DCR n. 566 del 29 gennaio 1987.

L'originaria isola fluviale che appare per la prima volta in una mappa conservata nell'archivio Gonzaga di Mantova, nella prima metà del XVII secolo,[1] con il tempo si è trasformata in una penisola in particolare a seguito di interventi idraulici sul corso del fiume attuati negli anni 70 e 80 del XX sec. che hanno prodotto l'interramento delle lanche.

Prima ancora dell'istituzione regionale a riserva naturale, nel 1983 fu creata l’oasi LIPU Isola Boscone che assicura visite nei mesi estivi. L'area è zona umida di importanza internazionale secondo la convenzione di Ramsar ed è inoltre zona di protezione speciale designata ai sensi della direttiva 79/409/CEE dal decreto del Ministro dell’ambiente del 3 aprile 2000.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Simone Rossi, Atlante dei SIC della Provincia di Mantova, Milano, Regione Lombardia e Fondazione Lombardia per l’Ambiente, p. 138.
  2. ^ Simone Rossi, Atlante dei SIC della Provincia di Mantova, Milano, Regione Lombardia e Fondazione Lombardia per l’Ambiente, p. 142.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rossi S., Atlante dei SIC della Provincia di Mantova, Regione Lombardia e Fondazione Lombardia per l’Ambiente, Milano, 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]