Rino Lavezzini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rino Lavezzini
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore
Carriera
Carriera da allenatore
1985-1986 non conosciuta Polesine
1986-1987 Soragna
1987-1988 Fiorenzuola Giovanili
1988-1989 Fidenza Giovanili
1989-1991 Parma Giovanili
1991-1993 Montevarchi
1993-1995 Carrarese [1]
1995 Giorgione
1995-1996 Pontedera
1996-1997 Catanzaro
1997 Catanzaro
1997-1998 Massese
1998-2000 Mantova
2000-2001 Viareggio
2001-2002 Poggese
2002-2003 Genoa
2003-2004 Genoa Primavera
2004-2005 Sūduva
2005 Lavagnese
2006-2007 Petrolul Ploiești
2007-2009 Livorno Primavera
2009-2010 Carrarese
2010-2011 Vicenza Primavera
2012 Rosignano Sei Rose
2012-2014 Rosso e Blu3.png S.Marco Avenza
2014-2016 Padova[2] Vice
2017- Alessandria Vice
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 15 aprile 2017

Rino Lavezzini (Fidenza, 20 febbraio 1952) è un allenatore di calcio italiano, collaboratore dell'area tecnica dell'Alessandria.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la carriera di allenatore al Polesine nel 1985, per poi passare al Soragna. Dal 1987 al 1991 allena nei settori giovanili del Fiorenzuola, Fidenza, Parma.

Nel 1991 diventa allenatore del Montevarchi, con cui giunge al terzo posto nel Girone B della Serie C2 1991-1992 e l'ottavo in quella successiva. Passa nel 1993 alla Carrarese, che militava in Serie C1, rimanendovi all'inizio della stagione seguente[3]. Nel febbraio 1995 è assunto alla guida del Giorgione, club col quale retrocede nei Dilettanti a fine play out della Serie C2 1994-1995.

Nel 1995 passa al Pontedera, venendo esonerato. Nel 1996, diventa allenatore del Catanzaro: esonerato mentre la squadra era terza in classifica, viene richiamato ai play off non riuscendo a ottenere la promozione in Serie C1[4].

Nel 1997 passa alla Massese, nel Campionato Nazionale Dilettanti 1997-1998: vi colleziona il terzo esonero consecutivo. Torna a allenare in Serie C2 nella stagione seguente, venendo chiamato a stagione in corso dal Mantova, e raggiunge il terzo posto del Girone A, perdendo ai play off col Prato. Nella stagione seguente è esonerato alla terza di campionato dal club lombardo. Nella stagione 2000-2001 è chiamato alla guida del Viareggio, club nel quale viene esonerato, richiamato e nuovamente esonerato.

Nella Serie C2 2001-2002 è chiamato a stagione in corso alla guida della neopromossa Poggese, subendo un nuovo esonero. Dal 22 settembre 2002, guida insieme a Vincenzo Torrente il Genoa[5] che militava in Serie B, che al termine della stagione retrocederà in Serie C1 (verrà ripescata a seguito del Caso Catania)[6]. Rimasto coi rossoblu, Lavezzini è posto alla guida della Primavera.

Nel 2004 si trasferisce in Lituania alla guida del Sūduva Marijampolė, militante nella A Lyga 2004, e ottiene il settimo posto. Guida i lituani sino a maggio 2005 raggiungendo terzo posto e qualificazione in coppa UEFA .[7]

A fine esperienza estera torna in Liguria, alla guida della Lavagnese[8], militante il Girone E della Serie D 2005-2006, venendo esonerato a novembre 2005 dopo il pareggio 2-2 col Cascina.[9]

Nel 2006 torna all'estero, in Romania, alla guida del Petrolul Ploiești.[10] Coi rumeni ottenne il terzo posto della Serie I nella Liga II 2006-2007.

Torna in Italia per guidare la primavera del Livorno e da febbraio 2009 la Carrarese, con cui ottiene il nono posto del Girone B della Lega Pro Seconda Divisione 2008-2009. Lasciato nell'estate il sodalizio toscano, che gli aveva offerto un posto da responsabile dell'area tecnica[11], per il desiderio di continuare a allenare, vi torna a novembre dello stesso anno, richiamato per sostituire il dimissionario Salvatore Mango.[12] Il ritorno a Carrara è negativo, venendo esonerato a febbraio 2010.[13]

Nel 2010 diviene allenatore della Primavera del Vicenza[14]. Dal luglio 2011 è direttore tecnico del settore giovanile del Pisa.[15]

Il 6 gennaio 2012 assume la guida del Rosignano Sei Rose, in Serie D, in sostituzione dell'esonerato Stefano Brondi.[16], ma vi resta per poche gare prima di essere esonerato il 18 febbraio seguente.[17]

Il 31 luglio 2012 è nominato allenatore del San Marco Avenza, squadra neopromossa nel campionato Eccellenza toscana[18]. Il 10 maggio 2014 dopo la retrocessione in Promozione, lascia la squadra toscana.[19]

Il 29 luglio 2014 diventa il vice allenatore della Biancoscudati Padova di Carmine Parlato, in Serie D.[20] Al termine della stagione ottiene la promozione in Lega Pro.

Nella stagione successiva, 2015/2016 rimane, nella prima parte della stagione , vice allenatore di Carmine Parlato e poi , a seguito dell'esonero di quest'ultimo diventa vice allenatore del nuovo tecnico , Giuseppe Pillon.

Il 10 giugno 2016[21], con l'approdo di Oscar Brevi sulla panchina del Padova, diventa collaboratore dell'area tecnica della squadra veneta[22].

Il 15 aprile 2017, viene ingaggiato dall'Alessandria come secondo dell'allenatore Giuseppe Pillon.[23]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Al fianco del direttore tecnico Corrado Orrico per la stagione 1994-1995.
  2. ^ Dal 2014 al 2015 Biancoscudati Padova.
  3. ^ Carlo Fontanelli, Gustavo Masseglia, 100 anni di calcio a Carrara, Empoli, Geo Edizioni, 2009, p. 9
  4. ^ 1994/1997 - L'inferno continua catanzaro1929.com
  5. ^ Genoa, Lavezzini nuovo allenatore Primocanale.it
  6. ^ Figc: serie B a 24 squadre con la Fiorentina Corriere.it
  7. ^ Ekranas open eight-point gap Uefa.com
  8. ^ Rino Lavezzini è il nuovo allenatore della Lavagnese Radioaldebaran.it
  9. ^ Lavagnese: esonerato Lavezzini Radioaldebaran.it
  10. ^ Rino Lavezzini, antrenor la Petrolul Ploiesti Romanialibera.ro
  11. ^ Carrarese: si è dimesso Rino Lavezzini. Non ha accettato l'incarico da dirigente Teletoscananord.it
  12. ^ Carrarese, Lavezzini alla squadra: “dobbiamo tornare a essere protagonisti” Calciotoscano.it
  13. ^ Ufficiale: Lavezzini esonerato dalla Carrarese Teletoscananord.it
  14. ^ Rino Lavezzini nuovo allenatore della Primavera Vicenzacalcio.com
  15. ^ Lavezzini Direttore Tecnico ilpisasiamonoi.it
  16. ^ Lavezzini è il nuovo mister Iltirreno.gelocal.it
  17. ^ Ribaltone in panchina: esonerato Lavezzini Iltirreno.gelocal.it
  18. ^ MR. RINO LAVEZZINI NUOVA GUIDA TECNICA DELLA SAN MARCO AVENZA 1926 Sanmarcoavenza.it
  19. ^ Rino Lavezzini divorzia dal San Marco Avenza: al suo posto Riccardo Bracaloni, mister della Juniores Radiobrunotoscana.it
  20. ^ Ritiro, staff e giocatori: si corre Mattinopadova.gelocal.it
  21. ^ Padova, presentato ufficialmente Brevi: “Darò tutto me stesso, e spero di convincere i tifosi vincendo…” Padovagoal.it
  22. ^ Società, padovacalcio.it. URL consultato il 20 ottobre 2016.
  23. ^ Mimma Caligaris, Pillon: "La qualità c'è, serve ritrovare subito la serenità", in Il Piccolo, 15 aprile 2017. URL consultato il 18 aprile 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, Genova, De Ferrari, 2008, ISBN 978-88-6405-011-9.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]