Morro d'Alba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Morro d'Alba
comune
Morro d'Alba – Stemma Morro d'Alba – Bandiera
Morro d'Alba – Veduta
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Marche.svg Marche
Provincia Provincia di Ancona-Stemma.png Ancona
Sindaco Alberto Cinti (lista civica - Progresso democratico) dal 27-5-2013
Territorio
Coordinate 43°36′04.19″N 13°12′49.55″E / 43.601164°N 13.213764°E43.601164; 13.213764 (Morro d'Alba)Coordinate: 43°36′04.19″N 13°12′49.55″E / 43.601164°N 13.213764°E43.601164; 13.213764 (Morro d'Alba)
Altitudine 199 m s.l.m.
Superficie 19,12 km²
Abitanti 1 999[1] (30-11-2012)
Densità 104,55 ab./km²
Frazioni Santa Maria, Sant'Amico
Comuni confinanti Belvedere Ostrense, Monte San Vito, San Marcello, Senigallia
Altre informazioni
Cod. postale 60030
Prefisso 0731
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 042031
Cod. catastale F745
Targa AN
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona D, 1 936 GG[2]
Nome abitanti morresi
Patrono san Michele Arcangelo
Giorno festivo 29 settembre
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Morro d'Alba
Posizione del comune di Morro d'Alba nella provincia di Ancona
Posizione del comune di Morro d'Alba nella provincia di Ancona
Sito istituzionale

Morro d'Alba è un comune italiano di 1999[1] abitanti della provincia di Ancona nelle Marche.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

A 10 km dal mare Adriatico, sulla linea di colline tra Senigallia e Jesi, Morro d'Alba domina la campagna circostante.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Morro d'Alba ha origini lontanissime.

La sua esistenza storica è accertata intorno all'anno Mille, quando compare come "Curtis" in un atto imperiale di Federico I. Ma le sue campagne, le zone dell'attuale territorio comunale, risultavano già abitate in epoca romana. Ad attestarlo è un medaglione aureo che riporta la scritta ricostruita "Theodoricus pius princeps invictus semper", rinvenuto in una tomba a Sant'Amico, nelle vicinanze del paese e oggi conservato presso il Museo delle Terme di Roma. Il toponimo sembra ricordare la "mora" o cippo di confine sull'"alba" o colle, che segnava la separazione tra i comitato medievali di Jesi e di Senigallia.

Compare invece come "Castrum" in un altro atto del 1213, quando Senigallia è costretta a cedere Morro d'Alba al vicino comune di Jesi. Entrerà così a far parte del contado della "Respublica Aesina", e ne seguirà tutte le sorti storiche. Nel 1326, Morro d'Alba viene assediata dalle milizie di Fabriano, e nel 1365 le mura devono essere ricostruite, forse a causa dei danni subiti da una incursione dei banditi della "Compagnia Maledicta" di FraMoriale. Nel 1481 subisce diverse incursioni degli Anconetani.

Soltanto nel 1808, con il Regno Napoleonico, viene definitivamente sottratta al comune di Jesi; è poi nel 1860, con l'unità d'Italia, che Morro d'Alba entra a far parte della provincia di Ancona. Proprio questo avvenimento comportò, nel 1862, l'aggiunta del termine Alba al nome del paese, per evitare delle confusioni con altre località del Regno.

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[3]

Luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Morro d'Alba, Antiche Mura
Morro d'Alba, "La Scarpa" delle Antiche Mura
Morro d'Alba, Municipio
Morro d'Alba, Loggia dei Mercanti

Morro d'Alba conserva oggi numerose testimonianze del suo passato: la cinta muraria e il camminamento interno "La Scarpa", i sotterranei, il Palazzo comunale, la chiesa di San Gaudenzio e quella della Santissima Annunziata.

Prodotti tipici[modifica | modifica sorgente]

Il più famoso prodotto di questo paese sulle colline marchigiane è la Lacrima di Morro d'Alba, vino di una certa importanza nella regione e in Italia. Deve il suo nome alla particolare goccia (chiamata appunto lacrima) che fuoriesce dal grappolo d’uva quando essa giunge a maturazione.[senza fonte]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
25 maggio 2003 13 aprile 2008 Simone Spadoni lista civica Sindaco
14 aprile 2008 26 maggio 2013 Simone Spadoni lista civica "Impegno civile progresso democratico" Sindaco
27 maggio 2013 in carica Alberto Cinti lista civica "Progresso democratico" Sindaco

Associazioni[modifica | modifica sorgente]

  • ALBANOSTRA - Società Mutuo Soccorso;
  • Archeoclub d'Italia - sede di Morro d'Alba;
  • Associazione A.V.I.S. - Sezione comunale;
  • Associazione Carabinieri in congedo;
  • Associazione Musicale Banda Cittadina;
  • Associazione Nazionale Bersaglieri;
  • Azione cattolica;
  • Circolo ACLI;
  • Circolo Morrese;
  • Danzaintondo;
  • Ducato della Lacrima;
  • G.A.T. (Gruppo Alternativo Teatrale);
  • Gruppo AIDO;
  • Nuovo Circolo "Don Aldo Montesi affiliato al C.S.I.:
  • Croce Gialla Morro d'Alba - Pubblica Assistenza ONLUS;
  • Società Sportiva Morro d'Alba APD UNIONMORRO;
  • Società Sportiva Volley 3.


Sport[modifica | modifica sorgente]

Come detto sopra nelle associazioni è citata anche la squadra di calcio locale che è l' Union Morro D'Alba calcio, che gioca in Terza Categoria, ma ha anche una squadra in Serie D di calcio a 5. A Morro d'Alba è inoltre presente una squadra di pallavolo, la Società Sportiva Volley 3.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b [1] - Popolazione residente al 30 novembre 2012.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Marche Portale Marche: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marche