Gaudenzio di Novara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Gaudenzio di Novara
Ivrea Duomo Cripta San Gaudenzio.jpg
Affresco di san Gaudenzio vescovo di Novara nella cripta del Duomo di Ivrea

Vescovo

Nascita 327
Morte 3 agosto 418
Venerato da Chiesa cattolica
Santuario principale Basilica di San Gaudenzio
Ricorrenza 22 gennaio
Patrono di Novara, Diocesi di Novara vedi Patronati
Gaudenzio di Novara
vescovo della Chiesa cattolica
Template-Bishop of Novara.svg
Incarichi ricoperti Vescovo di Novara
Nato 327, Ivrea
Consacrato vescovo 397
Deceduto 3 agosto 418, Novara

Gaudenzio di Novara (Ivrea, 327Novara, 3 agosto 418) è stato il primo vescovo di Novara. Venerato come santo dalla Chiesa cattolica, è considerato protettore della città e della diocesi di Novara.

Agiografia[modifica | modifica wikitesto]

San Gaudenzio lascia la città natale di Ivrea, navigando sulla Dora, affresco di Luca Rossetti della Chiesa di San Gaudenzio a Ivrea

Gaudenzio fu convertito al cristianesimo da Eusebio, vescovo di Vercelli.

Divenuto amico di sant'Ambrogio, iniziò a diffondere la dottrina cristiana nel basso novarese.

Il successore di Ambrogio, Simpliciano, lo consacrò vescovo di Novara nel 398 dando così vita alla diocesi gaudenziana, staccandola dalla sede metropolitana di Milano.

Tutti gli elementi popolarmente caratteristici della sua vita, come la sua nascita ad Ivrea, lo spegnimento dell’incendio scoppiato in città, l’incontro con Ambrogio e il miracolo dei fiori, i prodigi di guarigione compiuti, la narrazione della sua morte, appartengono alla tradizione agiografica altomedievale, e pur non essendo – in linea di principio – falsi, sono tuttavia destituiti di ogni fondamento critico[1].

La pietà popolare che il santo riesce a condensare attorno a sé è però ancora molto forte. Esempio è la grande partecipazione alle iniziative per la festa patronale. E il fatto che nel 2018 la diocesi di Novara ha indetto un Anno Giubilare Gaudenziano[2] per celebrare il XVI centenario della morte di Gaudenzio.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

A lui è stata dedicata dai cittadini l'omonima Basilica di San Gaudenzio, sormontata dall'altissima cupola di Alessandro Antonelli.

La sua festa liturgica è il 22 gennaio, giorno della traslazione del suo corpo nell'attuale basilica.

San Gaudenzio è inoltre il patrono di alcune località italiane, tra le quali:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (IT) San Gaudenzio patrono di Novara - Diocesi di Novara, in Diocesi di Novara. URL consultato l'08 aprile 2018.
  2. ^ (IT) 2018 - 2019 Anno Giubilare Gaudenziano della Chiesa novarese - Diocesi di Novara, in Diocesi di Novara. URL consultato l'08 aprile 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]