Mafia: Definitive Edition

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mafia: Definitive Edition
videogioco
Mafia Definitive Edition.png
Tommy Angelo in una missione del gioco.
PiattaformaPlayStation 4, Xbox One, Microsoft Windows
Data di pubblicazioneMicrosoft Windows:
Mondo/non specificato 24 settembre 2020

PlayStation 4, Xbox One:
Mondo/non specificato 25 settembre 2020

GenereSparatutto in terza persona, avventura dinamica
TemaCriminalità organizzata, proibizionismo
OrigineStati Uniti
SviluppoHangar 13
Pubblicazione2K Games
DirezioneHaden Blackman, Alex Cox
ProduzioneNicole Sandoval
DesignOndřej Vévoda
Direzione artisticaPetr Motejzik
SceneggiaturaHaden Blackman, Will Porter
MusicheJesse Harlin (direttore d'orchestra), Cab Calloway (compositori), Guy Lombardo, Duke Ellington, Django Reinhardt, Eddy Duchin, Hal Kemp, Harry James, Jeanette McDonald e Rounders, Larry Clinton, Lionel Hampton, Louis Armstrong, Mildred Bailey, The High Hatters
Modalità di giocoGiocatore singolo
Periferiche di inputDualShock 4, gamepad, Kinect, tastiera, mouse
Motore fisicoHavok
SupportoDVD-ROM, compact disc, blu-ray disc, download
Distribuzione digitalePlayStation Network, Xbox Live, Steam, Epic Games Store, Microsoft Store, Playstation Store, Humble Store
Requisiti di sistemaMinimi: Windows 10 64 bit, CPU Intel Core i5-2 500, AMD Phenom FX-8 120, AMD Radeon R9-280X, nVidia GeForce GTX770, DX 11c, RAM 6 GB, Scheda video 2 GB, Scheda audio compatibile DirectX, HD 50 GB, connessione Internet no
[1][2]

Consigliati: Windows 10 64 bit, CPU Intel Core i7-3 770, AMD Phenom FX-8 350 4.0 GHZ, AMD Radeon RX-5 700, nVidia GeForce GTX1 080, DX 11c, RAM 16 GB, Scheda video 4 GB, Scheda audio compatibile DirectX, HD 50 GB, connessione Internet no
[1][2]

Fascia di etàCERO: Z[3] · ESRB: M[4] · OFLC (AU): MA15+[5] · PEGI: 18[6] · USK: 18[7]
SerieMafia
Preceduto daMafia III
Mafia - Definitive Edition logo.png
Logo ufficiale

Mafia: Definitive Edition (anche detto Mafia 2020 o Mafia Remake[8][9]) è un videogioco sviluppato da Hangar 13, pubblicato da 2K Games e distribuito da PlayStation Network, Xbox Live, Steam, Epic Games Store e Humble Store per PlayStation 4, Xbox One e Microsoft Windows nel 2020.

La storia del gioco, ambientato nella città immaginaria di Lost Heaven, in Illinois durante gli anni trenta, segue l'ascesa e la caduta di un mafioso siculo-americano, Tommy Angelo, all'interno della famiglia criminale Salieri. Oltre alla modalità storia, i giocatori possono anche esplorare la città in una modalità open world. Il gioco è un rifacimento di Mafia: The City of Lost Heaven[8], e fa parte di Mafia Trilogy: una trilogia che comprende le definitive edition di Mafia: The City of Lost Heaven, Mafia II e Mafia III[10].

Il remake ha portato con sé diverse innovazioni alla storia e alle modalità di gioco originali, tra cui un'ambientazione ricostruita, dinamiche delle missioni migliorate e l'introduzione di motociclette[11].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ambientazione[modifica | modifica wikitesto]

Immagine di Chicago nel 1938, alla quale è ispirata Lost Heaven, città nella quale è ambientato il gioco.

Il gioco è ambientato nella città di Lost Heaven (controparte fittizia di Chicago[12], Illinois), situata nella parte centro-occidentale degli Stati Uniti d'America, dall'epoca del proibizionismo (tra gli anni venti e gli anni trenta) al 1951.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La trama del gioco viene narrata attraverso la conversazione tra l'ex tassista e famigerato gangster di Lost Heaven Thomas "Tommy" Angelo e il detective Norman. Quest'ultimo è infatti determinato a catturare don Ennio Salieri, il boss mafioso per il quale Tommy ha lavorato dal 1930 al 1938.

Nel 1930 Tommy viene minacciato da due uomini armati di nome Paulie Lombardo e Sam Trapani, membri della famiglia mafiosa Salieri, che lo obbligano a seminare in taxi alcuni gangster appartenenti alla famiglia rivale Morello. Benché gli sia offerto un lavoro e venga risarcito per il suo aiuto, Tommy decide di rifiutare. Il giorno seguente, tuttavia, viene attaccato dagli sgherri di Morello della sera precedente: viene tuttavia protetto da Paulie e Sam, che lo introducono nella malavita invitandolo a lavorare per Ennio Salieri, il quale gli garantisce il suo sostegno nell'ottenere vendetta sui suoi assalitori. Da quel momento Tommy inizia a prendere parte ad alcune operazioni illecite assieme ai colleghi, guadagnandosi così la fiducia del boss.

Nel 1932, dopo aver vinto una gara automobilistica al posto di Mickey Dunne, il pilota di Salieri che avrebbe dovuto gareggiare contro il pilota di Morello, Tommy, oramai divenuto un made man, intraprende una relazione con Sarah Marino, la figlia di Luigi, il barista di Salieri, dopo averla protetta da alcuni teppisti capeggiati dallo stupratore Billy Ghillotti. Il giorno successivo Salieri manda Tommy e Paulie ad attaccare il nascondiglio di Billy, che muore durante un inseguimento; Salieri informa però i suoi affiliati che Billy era figlio di un noto assessore di nome Roberto Ghillotti, che il proprietario dell'hotel Corleone (in realtà un bordello), Howard Davis, ha tradito Salieri per Morello, e che una prosituta di nome Michelle che lavora al Corleone passa informazioni sulle operazioni del clan di Salieri a Morello. Tommy si reca al Corleone, trova Michelle, che però decide di non uccidere su richiesta di Sam, che la conosceva, uccide il proprietario del bordello, e lo fa esplodere; giunge alla chiesa di San Michael, dove interrompe il funerale di Billy Ghillotti ingaggiando una sparatoria con la sua banda, e scappa con Sam dalla chiesa.

Nel 1933 Frank chiede a Tommy di aiutare Sam e Paulie a recapitare un carico illegale arrivato dal Canada a una fattoria nella zona rurale di Lost Heaven; giunti sul posto Tommy viene attaccato da alcuni poliziotti corrotti da Morello, trova Sam, che si era recato in precedenza sul luogo, coperto di ferite e lo difende dai nemici mentre Paulie prende un furgone; l'intero plotone della polizia di frontiera li insegue, ma il trio riesce comunque a fuggire e consegnare il carico al boss. Quando Frank scompare con i libri contabili della famiglia, Tommy scopre che vuole lasciare il Paese con la moglie March e la figlia Alice, avendo stretto un accordo segreto con Morello e la polizia federale perché quest'ultimo desiderava ottenere i libri contabili; Tommy risparmia Frank, che consegna a Tommy la chiave della Grand Imperial Bank, dove Tommy va a prendere i libri contabili; successivamente l'uomo brucia la casa di Frank, ne inscena il funerale e lo spaccia per morto. Intanto Morello riesce ad ottenere l'appoggio di Roberto Ghillotti, che desidera vendetta per l'omicidio del figlio Billy.

Con la fine del proibizionismo, entrambe le famiglie danno inizio a nuovi traffici illeciti, mentre Tommy, promosso a caporegime per i suoi successi, sposa Sarah e si crea una famiglia. Morello tenta di assassinare Salieri al ristorante di Pepé, un suo conoscente, inviando alcuni sicari, ma Tommy riesce a proteggerlo, scoprendo inoltre che i sicari erano stati guidati da Carlo, affiliato di don Salieri. Tommy e il boss raggiungono Carlo, lo inseguono e Salieri lo pesta fino alla morte. Salieri capisce che sta per iniziare una guerra contro Morello e manda Tommy a uccidere il suo più fedele alleato Roberto Ghillotti, che festeggerà il suo compleanno a bordo di un piroscafo. Con Ghillotti morto Morello può contare solo sull'aiuto del fratello Sergio. Salieri chiede a Tommy di piazzare una bomba sotto la sua automobile, ma una giovane donna rimane vittima dell'attentato al posto di Sergio; Salieri scopre che Sergio si trova al ristorante di Giorgi e chiede a Paulie, Sam e Tommy di ucciderlo, ma Sergio riesce a fuggire a un magazzino con Tommy che lo segue in moto; Tommy raggiunge Sergio, lo ferisce e accende un accendino in un'area piena di barili infiammabili nel magazzino: Tommy fugge e Sergio viene abbandonato alle fiamme. Salieri decide che è arrivato il momento di uccidere Morello e manda Tommy, Sam e Paulie al teatro dove sta organizzando una festa di beneficenza, ma Morello riesce a fuggire verso un aeroporto: il trio compie una strage nella struttura e Tommy distrugge i motori dell'aeroplano su cui è salito Morello sparandogli con un Thompson; l'aereo si schianta, il pilota muore e Morello è ustionato, e Tommy lo finisce con una scarica di Thompson.

3 anni dopo la fine della guerra tra Salieri e Morello il boss ordina a Tommy di uccidere il politico Turnbull con un fucile di precisione mentre tiene un discorso a Central Island perché sta dando problemi alla famiglia, e molti cittadini di Lost Heaven sostengono la sua campagna elettorale. Dopo la morte di Turnbull Salieri manda Tommy, Paulie e Sam a una dogana per rubare un carico di sigari e diamanti arrivato dal Camerun; dopo aver rubato il carico, essere fuggiti dalla polizia e aver evitato i posti di blocco però i tre scoprono che il carico conteneva droga, che il boss disprezza. Paulie, stanco della vita criminale che sta conducendo da più di 18 anni, desidera aprire una pizzeria con i soldi ricavati da una rapina in banca e chiede a Tommy di appoggiarlo; seppur inizialmente riluttante Tommy accetta, e il giorno dopo lui e Paulie mettono a segno il colpo nella banca di Lost Heaven, ma quando Tommy va a casa di Paulie per dividere i guadagni lo trova morto con due proiettili nel cranio; Sam chiama Tommy per chiedergli notizie di Paulie e gli chiede di incontrarsi alla Galleria Comunale dopo che Tommy gli rivela l'accaduto; Tommy si reca alla Galleria Comunale per incontrare Sam, che però si scopre aver ucciso Paulie e riferito a Salieri che Tommy ha risparmiato Michelle all'hotel Corleone e aiutato a fuggire Frank invece di ucciderlo; Tommy quindi ripulisce la Galleria Comunale, raggiunge Sam, che rivela a Tommy che Frank e la sua famiglia sono stati trovati in Europa e trucidati dagli uomini di Salieri, e a malincuore lo uccide.

Da quel momento Tommy Angelo si pente di aver lavorato per Salieri e si rivolge al detective Norman, offrendosi di testimoniare contro la famiglia Salieri in cambio di protezione per la sua famiglia. Le risultanti indagini e processi di massa portano la maggior parte della famiglia, incluso Don Salieri, ad essere giudicata colpevole e condannata all'ergastolo.

Dopo aver scontato otto anni di carcere, Tommy si riunisce alla sua famiglia e si trasferisce a Empire Bay. Nel 1951 due sicari di Salieri, Vito Scaletta e Joe Barbaro, giunti da Empire Bay, lo uccidono nella sua villa per conto di Salieri. Il gioco si conclude con Tommy, ferito a morte, che rivolge alla moglie, alla figlia e al genero un ultimo discorso sull'importanza dei momenti della famiglia, sostenendo che mentre tutto nella vita va e viene, la famiglia è per sempre.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco è un open world in cui il giocatore controlla Tommy Angelo (protagonista e personaggio giocante) e può esplorare l'intera mappa di gioco a piedi o servendosi di veicoli quali automobili, barche, camion e motociclette. Queste ultime sono utilizzabili per la prima volta nella serie[11].

Torna inoltre la modalità "Fatti un giro", che consente di esplorare liberamente la città e intraprendere scontri a fuoco contro poliziotti, oppure seguire missioni secondarie o raccogliere collezionabili sparsi per la mappa[13][14], mentre la modalità "A tutto gas" è stata rimossa[15][16]. Il giocatore può scegliere di saltare o meno il tutorial, mentre i livelli di difficoltà si dividono in Facile, Media, Difficile e Classica (nelle modalità Facile e Media la vitalità del protagonista si rigenererà automaticamente fino a un limite quando raggiunge un livello critico), mentre per lo stile di guida si può scegliere tra Normale e Simulazione[16].

Durante la trama principale c'è la possibilità di saltare le sessioni di guida tenendo premuto il pulsante d'azione e arrivare direttamente a destinazione. Durante le sessioni di guida il giocatore può urtare gli altri veicoli premendo l'apposito pulsante d'azione. Dalle opzioni di gioco è possibile far apparire un indicatore del limite della velocità, che appare quando Tommy sta guidando accanto alla minimappa. Il giocatore può inoltre scegliere di rigiocare un capitolo della trama principale, che in tutto sono 20[17].

Dal menù principale si può accedere all'autopedia[16], nella quale si può scegliere inizialmente 20 veicoli terrestri (automobili, camion, motociclette) e completare sfide attraversando una pista a ostacoli con diversi checkpoint[18]; le caratteristiche si dividono in: accelerazione, frenata e tenuta e a seconda di quanto è alta l'accelerazione del veicolo il tempo iniziale per completare la sfida sarà minore; quando il giocatore raggiunge i checkpoint vengono aggiunti 5 secondi al tempo iniziale.

Tommy può trasportare 2 armi da fuoco (una principale con cui si può sparare solo a piedi e una secondaria con cui si può sparare a piedi e durante gli inseguimenti sui veicoli), 2 bombe (molotov e granate) e un'arma per il combattimento corpo a corpo (da taglio o da mischia). È possibile cambiare le armi a propria disposizione in qualunque momento del gioco. Le munizioni per le armi sono reperibili in delle casse di munizioni sparse per gli ambienti o dai cadaveri dei nemici[16]. In basso a destra dello schermo l'HUD visualizza la mini-mappa, in alto la vitalità del veicolo alleato, in alto a sinistra l'obbiettivo di missione, in basso a sinistra l'arma selezionata con le munizioni totali residue e quello delle munizioni attualmente nel caricatore, e la vitalità del personaggio giocante.

Il livello di notorietà di Tommy come criminale, e quindi la sua pericolosità, è indicato da cinque stelle blu visibili a schermo. Se infatti viene notato dalle autorità di Lost Heaven, per esempio mentre scassina automobili o uccide passanti, queste agiranno in maniera diversa in base al numero di stelle ottenute: se sono due o meno, i poliziotti tenteranno di multare o arrestare il personaggio giocante, che potrà comunque tentare di ribellarsi; qualora invece fossero tre o superiore, i poliziotti inizieranno a usare armi da fuoco per uccidere Tommy[19][20].

Con le successive patch è stata aggiunta anche la modalità noir, che converte i colori dell'interfaccia in bianco e nero[21][22].

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Colonna sonora di Mafia: Definitive Edition.

La colonna sonora di Mafia: Definitive Edition è stata riorchestrata da zero e comprende 36 tracce in totale[23][24].

Per completare la colonna sonora principale del remake è stato necessario condurre diverse sessioni di registrazione dell'orchestra con un numero limitato di membri per volta, così che potessero eseguire i loro pezzi rispettando i protocolli di distanziamento sociale. Le registrazioni sono poi state unite in post-produzione. Questo però ha comportato che la data di lancio del gioco sia stata posticipata al 24 settembre[25].

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 maggio 2020, 2K Games ha annunciato un remake di Mafia intitolato Mafia: Definitive Edition, come parte di Mafia: Trilogy: le altre parti sono una rimasterizzazione di Mafia II e un aggiornamento di Mafia III. Per garantire che il gioco fosse adatto all'ultima generazione di console e sistemi, Xbox One, PlayStation 4, e Microsoft Windows, lo studio statunitense Hangar 13 (che aveva precedentemente lavorato allo sviluppo di Mafia III) ha utilizzato lo stesso motore grafico utilizzato per realizzare la definitive edition di Mafia III[26][27].

Il gioco è stato sviluppato presso gli uffici di Hangar 13 a Praga, Brno e altri uffici a Brighton e Novato[28] da una squadra composta da oltre 200 membri[28], ricostruito da zero e con una trama ampliata[29]. L'intera ambientazione del gioco originale è stata ridisegnata: l'aspetto della città è stato reso più simile ai panorami degli Stati Uniti all'epoca del proibizionismo ed è stata migliorata l'atmosfera e il design estetico dei vari quartieri di Lost Heaven[12][30]. Un esempio di questo è stata la ridefinizione del quartiere originale di Chinatown, che ora presenta edifici e decorazioni più riconoscibili[12]. Altri miglioramenti si sono concentrati sulla modifica del layout delle strade in modo che coincidano con le nuove meccaniche di guida più fluide implementate nel gioco, rendendo quindi angoli e incroci più agevoli, collocando edifici e punti di riferimento in posizioni differenti e aggiungendo scorciatoie e vicoli[12][30]. L'azienda ha inoltre esaminato i percorsi seguiti maggiormente dai giocatori per capire quali strade venissero imboccate più frequentemente durante le missioni e, in base a tali dati, ha modificato la posizione di alcuni obiettivi, punti di interesse, vicoli, scorciatoie, incroci e curve[12]. I nomi delle principali località sono tuttavia rimasti pressoché invariati[12].

L'attore italo-australiano Andrew Bongiorno ha preso parte al motion capture del gioco interpretando Tommy Angelo[31].

Il presidente di Hangar 13 Haden Blackman ha dichiarato:

«Poiché i nostri filmati si basano molto sul motion capture, era essenziale che avessimo performance sia vocali che fisiche [...] e volevamo garantire che gli attori non solo interpretassero la parte, ma potessero anche recitare bene sia in motion capture che in voice-over.[32]»

Nel doppiaggio ceco invece sono tornati molti doppiatori del gioco originale, tra cui Marek Vašut nei panni di Tommy Angelo[31].

Gli sforzi per preparare il gioco per la pubblicazione il 28 agosto 2020 sono stati ostacolati dalla pandemia di COVID-19 del 2019-2020, che ha reso difficile il completamento del gioco[25][33].

Alcuni oggetti caratteristici del periodo in cui è ambientato il gioco, ovvero copertine di riviste e fumetti, tra cui Black Mask, Super Science Stories, Dime Detective Magazine e Terror Tales, oggetti immaginari basati sui miti di Mafia, come la serie di fumetti Gangsters Monthly basata su eventi che si svolgono in tutto il gioco e carte delle sigarette con le sembianze dei personaggi della serie Mafia e dei loro retroscena, sono stati inclusi come collezionabili nascosti nel mondo di gioco per essere trovati dal giocatore[34][35].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 maggio 2020 è stato annunciato che Mafia: Definitive Edition sarebbe dovuto uscire sul mercato il 28 agosto come parte di Mafia Trilogy[29][36], ma l'uscita è stata successivamente posticipata al 25 settembre dello stesso anno su console e al 24 su personal computer a causa della pandemia di COVID-19 del 2019-2020[33][37][38][39]; le prime demo e sequenze di gioco sono state invece mostrate il 22 luglio 2020[40][41].

La versione PC del gioco è stata munita della protezione del software anti-pirateria Denuvo, che impedisce che venga effettuato l'accesso al gioco oltre cinque volte in un giorno[42][43], ma il 23 settembre 2021 il programma è stato rimosso dal gioco da 2K Games[44][45].

Mafia: Definitive Edition risulta inoltre essere il videogioco più atteso di settembre 2020[46][47].

Nel gioco è presente una pagina di giornale in cui è visibile il volto di Adolf Hitler[48]: tale dettaglio è stato censurato nella versione tedesca del gioco, in quanto in Germania è vietato qualsiasi riferimento al nazionalsocialismo nelle opere audiovisive e non[49].

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Valutazioni professionali
Testata Versione Giudizio
Metacritic (media al 22/10/2020) PS4 76/100[50]
Windows 79/100[51]
XOne 79/100[52]
Destructoid Windows 9/10[53]
Digital Spy PS4, Windows, XOne 4/5[54]
Electronic Gaming Monthly XOne 4/5[55]
Eurogamer (ITA) PS4 8/10[56]
Everyeye.it PS4 7,8/10[57]
Game Informer PS4 5,5/10[58]
GamePro (DEU) PS4 8,9/10[59]
GameSpot Windows 6/10[60]
Hardcore Gamer PS4 3,5/5[61]
IGN XOne, PS4 8/10[62]
Multiplayer.it PS4 8/10[63]
PC Gamer Windows 79/100[64]
The Games Machine PS4 8,3/10[65]

Mafia: Definitive Edition ha ricevuto recensioni generalmente favorevoli da parte della critica specializzata e dei revisori[50][51][52].

L'edizione italiana di Eurogamer lo ha descritto come "un remake perfetto, sospeso tra l'innovazione e la tradizione"[56]; Everyeye.it ha dichiarato che Mafia: Definitive Edition si mostra "molto leale all'opera originale" perché ricrea "l'inimitabile carisma" della trama, paragonandolo a un bicchiere di whiskey invecchiato "agrodolce, corposo e inebriante"[57]; Multiplayer.it ha definito Mafia: Definitive Edition "un ottimo remake" lodandone "l'ottimo doppiaggio", "la trama fedele a quella dell'opera originale", "il gameplay rifinito e modernizzato" e la "grafica che influisce sull'ambientazione", ma criticandone "il setting ormai datato" e "alcuni evidenti errori di sistema"[63]; iCrewPlay lo ha descritto come "un remake ben fatto che rende giustizia a quello che è il miglior titolo della serie", aggiungendo che "pur non essendo esente da difetti è sicuramente tra i migliori remake visti nel recente periodo"[66]; secondo Jeff Cork di Game Informer il gioco è "fedele fin quasi nei difetti, il remake di Hangar 13 aggiunge una finitura lucida a un titolo fondamentalmente ammuffito per gli standard contemporanei" e che può essere visto solo come "una dichiarazione fondante" dei giochi successivi della serie[58].

PC Gamer ha affermato che Mafia: Definitive Edition offre "un'esperienza lineare, con missioni strettamente progettate, elevate da scenografie artistiche e scene memorabili"[64]; secondo Kotaku Mafia: Definitive Edition è "un fantastico remake di un gioco vecchio e cigolante che si discosta a malapena dalla storia o dal gameplay dell'originale, consentendo ai vecchi fan di rivivere un gioco che già amano con immagini sorprendenti e combattimenti più serrati", aggiungendo che "per coloro che vogliono giocare per la prima volta al gioco originale questa è l'occasione migliore per farlo"[67]; Polygon ha affermato che nonostante sia "un remake di bell'aspetto" Mafia: Definitive Edition non migliora il design delle missioni e non aggiunge elementi che possano "far sentire Lost Heaven più viva"[68]; secondo IGN Mafia: Definitive Edition è "un ringiovanimento con la migliore storia della serie 2K"[62], mentre secondo le edizioni spagnola e italiana, che hanno attribuito ad esso rispettivamente una valutazione di 8,5/10[69] e di 8,2/10[70], "tornare a Lost Heaven con questa qualità è stata un'offerta che non potevamo rifiutare", nonostante "la mancanza di innovazione rispetto al gioco originale"[69][70].

The Games Machine lo ha trovato "un remake esteticamente pulito e appagante, in linea con gli standard odierni, ma la narrazione e la contestualizzazione storica si rivelano di nuovo il fiore all'occhiello di una produzione che ha avuto gran cura e rispetto del capitolo originale, ma che presentava qualche piccola incertezza nelle fasi di guida o nelle animazioni, difetti di poco conto per chi aveva giocato all'originale, così come per chi vuole (ri)scoprire un grande classico così com'era stato pensato, ma svecchiato e ottimizzato a dovere"[65]; riguardo al design l'edizione tedesca di GamePro ha affermato che il gioco è "un remake modello" e che "Hangar 13 ha fatto tutto bene con Mafia: Definitive Edition", aggiungendo che il remake del primo titolo "sembra fantastico e mette in risalto i grandi punti di forza della narrazione e la messa in scena è ancora migliore di quella dell'originale" e che "le modifiche si integrano perfettamente e danno un senso alla modernizzazione del gioco in modo che funzioni sia per i principianti che per gli esperti"[59]; secondo la rivista Electronic Gaming Monthly, che gli ha attribuito 4 stelle su 5[55], Mafia: Definitive Edition è "il meglio di entrambi i mondi" perché "la sua grafica aggiornata riporta in vita Lost Heaven e i suoi abitanti senza appesantirli con elementi del game design moderno", e che sebbene basato su un gioco di quasi 20 anni "sembra più rinfrescante della maggior parte dei giochi open world"[55].

Vendite e premi[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima settimana di uscita il gioco è risultato il terzo videogioco più venduto nel Regno Unito[71][72], mentre Mafia Trilogy si è classificata al sesto posto[71][72][73].

Secondo le classifiche italiane di vendita Mafia: Definitive Edition è stato il terzo videogioco più venduto in Italia dopo Super Mario 3D All-Stars e Tom Clancy's The Division 2 nella sua prima settimana di lancio[74][75], mentre Mafia: Trilogy si è classificata al quarto posto[75].

Il gioco è stato inoltre nominato tra gli Outstanding Story - Rich Games agli Steam Awards 2020[76][77][78].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Nicola Armondi, Mafia Definitive Edition: requisiti minimi e consigliati, su Tom's Hardware Italia, Bestofmedia Group Company, 9 settembre 2020. URL consultato il 26 ottobre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  2. ^ a b Antonio Izzo, Mafia Definitive Edition: i requisiti di sistema per tornare a Lost Heaven, su Everyeye.it, 16 settembre 2020. URL consultato il 26 ottobre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  3. ^ (JA) マフィア コンプリート・エディション, su PlayStation Store, 25 settembre 2020. URL consultato il 27 ottobre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  4. ^ (EN) Mafia: Definitive Edition, su Entertainment Software Rating Board, Entertainment Software Association. URL consultato il 26 ottobre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  5. ^ (EN) Mafia: Definitive Edition - Australian Classification, su Office of Film and Literature Classification (Australia), 13 luglio 2020. URL consultato il 26 ottobre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  6. ^ (EN) Mafia: Definitive Edition, su Pan European Game Information, Take2 Interactive Software Europe ltd. URL consultato il 26 ottobre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  7. ^ (DE) Mafia: Definitive Edition, su Unterhaltungssoftware Selbstkontrolle. URL consultato il 26 ottobre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  8. ^ a b Michele Galluzzi, Mafia Definitive Edition: 2K conferma, sarà un vero Remake, su Everyeye.it, 19 maggio 2020. URL consultato il 23 settembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  9. ^ Luca Forza, Mafia Definitive Edition: la polizia e le sparatorie saranno completamente rivisitate, su Multiplayer.it, 24 giugno 2020. URL consultato il 23 settembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  10. ^ Giada Mattiolo, Mafia: Trilogy - Data e info sulla raccolta Definitiva della serie criminale, su GameSoul, 19 maggio 2020. URL consultato il 23 settembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  11. ^ a b (EN) Wesley Yin-Poole, Mafia: Definitive Edition looks great, su Eurogamer, 13 giugno 2020. URL consultato il 23 settembre 2020 (archiviato il 3 settembre 2020).
  12. ^ a b c d e f (MUL) 2K Web, Ricostruendo Lost Heaven per Mafia: Definitive Edition, su Mafia - Official Website, 2K Games. URL consultato il 23 settembre 2020 (archiviato il 3 agosto 2020).
  13. ^ Alessandro Zangrandi, Mafia Definitive Edition avrà la modalità Fatti un giro, tutti i dettagli, su GamingTalker, 22 settembre 2020. URL consultato il 23 ottobre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  14. ^ Mafia: Definitive Edition è un gioco open world?, su giochipertutti.org. URL consultato il 23 ottobre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  15. ^ Salvatore Terlizzi, Mafia: Definitive Edition, la modalità Fatti un giro sarà folle come nell’originale, su PlayStationBit 4.0, 23 settembre 2020. URL consultato il 23 ottobre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  16. ^ a b c d Vezio Ceniccola, Recensione Mafia Definitive Edition: una (spettacolare) mancanza di rispetto, su SmartWorld, 24 settembre 2020. URL consultato il 23 ottobre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  17. ^ Quante missioni ci sono in Mafia: Definitive Edition?, su emagtrends.com, 26 settembre 2020. URL consultato il 22 novembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  18. ^ Salvatore Terlizzi, Mafia: Definitive Edition, ecco come trovare tutti i veicoli, su PlayStationBit 4.0, 12 ottobre 2020. URL consultato il 31 dicembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  19. ^ Matteo Zibbo, Mafia: Definitive Edition e la polizia troppo severa? Il remake cambierà questa particolare meccanica, su Eurogamer Italia, 24 giugno 2020. URL consultato il 27 dicembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  20. ^ Paolo Sirio, Mafia Definitive Edition, come cambiano polizia e sparatorie, su SpazioGames, 24 giugno 2020. URL consultato il 27 dicembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  21. ^ Daniele Dolce, Mafia: Definitive Edition si aggiorna e introduce la modalità Noir | News, su The Games Machine, 9 ottobre 2020. URL consultato il 9 dicembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  22. ^ Guido Avitabile, Mafia: Definitive edition si aggiorna, ecco la modalità Noir!, su Videogiochi - BadTaste.it, 8 ottobre 2020. URL consultato il 9 dicembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  23. ^ Mafia: Definitive Edition, svelati i brani della colonna sonora, su Console-Tribe, 16 settembre 2020. URL consultato il 23 settembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  24. ^ (EN) Mafia: Definitive Edition Original Score, su VGMDB. URL consultato il 27 settembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  25. ^ a b (EN) Ethan Gach, Mafia Remake Is A 'Complete Overhaul' Of The Original Game, su Kotaku, 19 maggio 2020. URL consultato il 21 novembre 2020 (archiviato il 20 maggio 2020).
  26. ^ (EN) Derek Strickland, Original gangster Mafia game reborn in new engine with HUGE upgrades | TweakTown, su tweaktown.com, 19 maggio 2020. URL consultato il 23 settembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  27. ^ Andrea Rivieri, Mafia: Definitive Edition, ritorno a Lost Heaven | Anteprima | Game Division, su Tom's Hardware Italia, Bestofmedia Group Company, 26 agosto 2020. URL consultato il 23 settembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  28. ^ a b (CS) Jan Doskocil, Na Mafia 1 remake dělá v Brně a Praze až 200 lidí, su Eurogamer.cz, 11 luglio 2020. URL consultato il 23 settembre 2020 (archiviato il 22 luglio 2020).
  29. ^ a b Paolo Sirio, Mafia Definitive Edition è un remake "ampliato", esce ad agosto: prime immagini, su SpazioGames, 13 maggio 2020. URL consultato il 23 settembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  30. ^ a b Stefania Sperandio, Mafia: Definitive Edition, quanto è cambiata Lost Heaven?, su SpazioGames, 4 settembre 2020. URL consultato il 23 settembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  31. ^ a b (MUL) 2K Web, La ricerca di una nuova voce per Tommy Angelo in Mafia: Definitive Edition, su Mafia - Official Website. URL consultato il 23 settembre 2020 (archiviato il 1º luglio 2020).
  32. ^ (EN) James O'Connor, Mafia: Definitive Edition: Here's How And Why They Recast Tommy Angelo For The Remake, su GameSpot, 1º luglio 2020. URL consultato il 23 settembre 2020 (archiviato il 3 luglio 2020).
  33. ^ a b (MUL) 2K Web, Un messaggio da Hangar 13 e 2K, su Mafia - Official Website. URL consultato il 23 settembre 2020.
  34. ^ (EN) Seek out these Mafia: Definitive Edition collectibles, su Mafia - Official Website. URL consultato il 21 novembre 2020 (archiviato il 17 settembre 2020).
  35. ^ (EN) Akhil Arora, Mafia: Definitive Edition Review: Half-Baked in Every Sense. URL consultato il 21 novembre 2020 (archiviato il 4 ottobre 2020).
  36. ^ Alessandro Tosoni, Data confermata per Mafia Definitive Edition, su GameSource, 13 maggio 2020. URL consultato il 23 settembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  37. ^ Claudia Marchetto, Mafia: Definitive Edition rinviato causa Coronavirus, ecco la nuova data di uscita, su Eurogamer, 7 luglio 2020. URL consultato il 23 settembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  38. ^ Tommaso Pugliese, Mafia: Definitive Edition rinviato da 2K Games, ecco la nuova data di uscita, su Multiplayer.it, 7 luglio 2020. URL consultato il 23 settembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  39. ^ Antonio Izzo, Mafia Definitive Edition è stato rinviato: ecco la nuova data e un gameplay teaser, su Everyeye.it, 7 luglio 2020. URL consultato il 23 settembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  40. ^ Fabio Canonico, Mafia: Definitive Edition slitta a fine settembre, appuntamento al 22 luglio per il primo gameplay, su GameSoul, 7 luglio 2020. URL consultato il 23 settembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  41. ^ Giona Corucci, Mafia: Definitive Edition è stato ufficialmente rimandato, su Game Legends, 7 luglio 2020. URL consultato il 23 settembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  42. ^ Giovanni Panzano, Mafia Definitive Edition: la versione PC sarà protetta da Denuvo, su Everyeye.it, 21 settembre 2020. URL consultato il 24 settembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  43. ^ Cristian Manfredini, Mafia: Definitive Edition userà Denuvo come protezione, su PC-Gaming, 22 settembre 2020. URL consultato il 24 settembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  44. ^ Giorgio Melani, Mafia: Definitive Edition ora senza Denuvo, rimosso da 2K Games su PC, su Multiplayer.it, NetAddiction, 24 settembre 2021. URL consultato il 24 settembre 2021 (archiviato il 24 settembre 2021).
  45. ^ Mario Cariati, MAFIA DEFINITIVE EDITION: 2K GAMES HA RIMOSSO LA PROTEZIONE DENUVO SU PC, su Everyeye.it, HIDEDESIGN S.n.c., 23 settembre 2021. URL consultato il 24 settembre 2021 (archiviato il 24 settembre 2021).
  46. ^ Giorgio Melani, Mafia: Definitive Edition è il gioco più atteso di settembre 2020, su Multiplayer.it, 3 settembre 2020. URL consultato il 27 settembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  47. ^ Tommaso Stio, Aspettando la nuova generazione... ecco il gioco più atteso di settembre! - Speciale, su Gameplay Café by Tanzen & Friends, 01-09-2020. URL consultato il 26 settembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  48. ^ Filmato audio (EN) MAFIA DEFINITIVE EDITION - ADOLF HITLER EASTER EGG, su YouTube, NsvProductions, 28 settembre 2020. URL consultato il 9 ottobre 2020.
  49. ^ (EN) Germany lifts total ban on Nazi symbols in video games, in BBC News, 10 agosto 2018. URL consultato il 9 ottobre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  50. ^ a b (EN) Mafia: Definitive Edition for PS4 Reviews, su Metacritic, CBS Interactive, 24 settembre 2020. URL consultato il 25 settembre 2020 (archiviato il 22 luglio 2020).
  51. ^ a b (EN) Mafia: Definitive Edition for PC Reviews, su Metacritic, CBS Interactive, 24 settembre 2020. URL consultato il 24 settembre 2020 (archiviato il 27 luglio 2020).
  52. ^ a b (EN) Mafia: Definitive Edition for Xbox One Reviews, su Metacritic, CBS Interactive, 24 settembre 2020. URL consultato il 25 settembre 2020 (archiviato il 1º ottobre 2020).
  53. ^ (EN) Brett Makedonski, Review: Mafia: Definitive Edition, su Destructoid, 24 settembre 2020. URL consultato il 25 settembre 2020 (archiviato il 25 settembre 2020).
  54. ^ (EN) Ben Rayner, Mafia: Definitive Edition review – An enthralling reboot that's true to its roots, su Digital Spy, 24 settembre 2020. URL consultato il 3 ottobre 2020 (archiviato il 1º ottobre 2020).
  55. ^ a b c (EN) Michael Goroff, Mafia: Definitive Edizion review, su Electronic Gaming Monthly, 30 settembre 2020. URL consultato il 3 ottobre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  56. ^ a b Gianluca Musso, Mafia: Definitive Edition - recensione, su Eurogamer, 24 settembre 2020. URL consultato il 25 settembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  57. ^ a b Giuseppe Arace, Mafia Definitive Edition recensione: un remake che merita rispetto, su Everyeye.it, 24 settembre 2020. URL consultato il 25 settembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  58. ^ a b (EN) Jeff Cork, Mafia: Definitive Edition Review – Loyal To A Fault, su Game Informer, 24 settembre 2020. URL consultato il 25 settembre 2020 (archiviato il 1º ottobre 2020).
  59. ^ a b (DE) Manuel Fritsch, Mafia im Test: Ein Remake, das ihr nicht ablehnen solltet, su GamePro, 24 settembre 2020. URL consultato il 1º ottobre 2020 (archiviato il 6 ottobre 2020).
  60. ^ (EN) Richard Wakeling, Mafia: Definitive Edition Review – An Offer You Could Probably Refuse, su GameSpot, 24 settembre 2020. URL consultato il 25 settembre 2020 (archiviato il 25 settembre 2020).
  61. ^ (EN) Sam Spyrison, Review: Mafia: Definitive Edition, su Hardcore Gamer, 28 settembre 2020. URL consultato il 20 novembre 2020 (archiviato il 1º ottobre 2020).
  62. ^ a b (EN) Luke Reilly, Mafia: Definitive Edition Review, su IGN, 24 settembre 2020. URL consultato il 25 settembre 2020 (archiviato il 25 settembre 2020).
  63. ^ a b Tommaso Pugliese, Mafia: Definitive Edition, la recensione: Tommy Angelo torna in un ottimo remake, su Multiplayer.it, 24 settembre 2020. URL consultato il 25 settembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  64. ^ a b (EN) Andy Kelly, Mafia: Definitive Edition review, su PC Gamer, 24 settembre 2020. URL consultato il 25 settembre 2020 (archiviato il 27 settembre 2020).
  65. ^ a b Gabriele Barducci, Mafia: Definitive Edition – Recensione, su The Games Machine, 24 settembre 2020, p. 1. URL consultato il 28 settembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  66. ^ Emanuele Ribaudo, Mafia: Definitive Edition, la recensione, su iCrewPlay.com, 28 settembre 2020. URL consultato il 28 settembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  67. ^ (EN) Zack Zwiezen, Mafia Definitive Edition Is A Great Remake Of A Clunky Classic, su Kotaku, 25 settembre 2020. URL consultato il 26 settembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  68. ^ (EN) Carolyn Petit, Mafia: Definitive Edition is a small-time crime saga, su Polygon, 24 settembre 2020. URL consultato il 26 settembre 2020 (archiviato il 29 novembre 2020).
  69. ^ a b (ES) David Soriano, Mafia: Definitive Edition - Análisis, su IGN.sp, 24 settembre 2020. URL consultato il 25 settembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  70. ^ a b Davide "Shea" Mancino, Mafia: Definitive Edition - La recensione, su IGN Italia, 24 settembre 2020. URL consultato il 3 ottobre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  71. ^ a b Andrea Di Carlo, Mafia: Definitive Edition debutta al terzo posto nelle classifiche di vendita inglesi, su Eurogamer Italia, 28 settembre 2020. URL consultato il 22 ottobre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  72. ^ a b (EN) Christopher Dring, Two Mafia games break Top Ten, but Mario remains in charge | UK Boxed Charts, su GamesIndustry.biz, 27 settembre 2020. URL consultato il 22 ottobre 2020 (archiviato il 27 novembre 2020).
  73. ^ Denise Romano, Dati di vendita britannici, settimana fino al 4 ottobre, su iCrewPlay, 5 ottobre 2020. URL consultato il 5 novembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  74. ^ Francesco Mastroianni, Le classifiche italiane di vendita della Week 39. Mafia: Definitive Edition entra in classifica, su PlayStationBit 4.0, 6 ottobre 2020. URL consultato il 12 novembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  75. ^ a b Edoardo Ullo, Classifiche italiane, c’è sempre Super Mario in testa, su IlVideogioco, 5 ottobre 2020. URL consultato il 12 novembre 2020 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  76. ^ Giuseppe Nebbiai, Steam Awards 2020 - Tutti i vincitori, su naturalborngamers, 4 gennaio 2021. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  77. ^ (EN) Jordan Devore, The 2020 Steam Awards ended up with some unexpected winners, su Destructoid, 4 gennaio 2021. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  78. ^ (EN) Mustafa Mahmoud, The 2020 Steam Awards have been announced, su KitGuru, 22 dicembre 2020. URL consultato il 25 gennaio 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Sparatutto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sparatutto