Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Initial D

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Initial D
頭文字(イニシャル)D
(Inisharu Dī)
Generespokon
Manga
AutoreShuichi Shigeno
EditoreKōdansha
RivistaYoung Magazine
Targetseinen
1ª edizione1995 – 2013
Tankōbon48 (completa)
Volumi it.inedito
Serie TV anime
Initial D First Stage
RegiaNoboru Mitsusawa
ProduttoreRen Usami
SoggettoKoji Kaneda
MusicheRyuichi Katsumata
StudioStudio Comet, Gallop
ReteFuji Television, Animax
1ª TV18 aprile – 28 novembre 1998
Episodi26 (completa)
Aspect ratio4:3
Durata ep.25 min
Editore it.Shin Vision (DVD)
Rete it.MTV (nell'Anime Week 2005, solo primo episodio)
Episodi it.12 / 26 Completa al 46% (interrotta)
Durata ep. it.25 min
Studio dopp. it.SEFIT-CDC
Dir. dopp. it.Serena Verdirosi
Serie TV anime
Initial D Second Stage
RegiaShin'ichi Masaki
SoggettoHiroshi Toda, Nobuaki Kishima
MusicheRyuichi Katsumata
StudioPastel
ReteFuji Television, Animax
1ª TV14 ottobre 1999 – 6 gennaio 2000
Episodi13 (completa)
Aspect ratio4:3
Durata ep.24 min
OAV
Initial D Extra Stage
RegiaShishi Yamaguchi
SoggettoHiroshi Toda, Nobuaki Kishima
MusicheRyuichi Katsumata
StudioPastel
1ª edizione22 – 29 febbraio 2000
Episodi2 (completa)
Aspect ratio4:3
Durata ep.55 min
OAV
Initial D Battle Stage 1
RegiaShishi Yamaguchi
SoggettoHiroshi Toda, Nobuaki Kishima
MusicheRyuichi Katsumata
StudioPastel
1ª edizione15 maggio 2002
Episodiunico
Aspect ratio4:3
Durata45 min
Serie TV anime
Initial D Fourth Stage
RegiaTsuneo Tominaga
SoggettoNobuaki Kishima, Hiroshi Toda
MusicheAtsushi Umebori
StudioA.C.G.T
ReteAnimax, SKY PerfecTV!
1ª TV17 aprile 2004 – 18 febbraio 2006
Episodi24 (completa)
Aspect ratio16:9
Durata ep.28 min
OAV
Initial D Battle Stage 2
RegiaTsuneo Tominaga
SoggettoNobuaki Kishima, Hiroshi Toda
MusicheAtsushi Umebori
StudioA.C.G.T
1ª edizione30 maggio 2007
Episodiunico
Aspect ratio16:9
Durata78 min
OAV
Initial D Extra Stage 2
RegiaTsuneo Tominaga
SoggettoNobuaki Kishima, Hiroshi Toda
MusicheAtsushi Umebori
StudioA.C.G.T
1ª edizione3 ottobre 2008
Episodiunico
Aspect ratio16:9
Durata55 min
Serie TV anime
Initial D Fifth Stage
RegiaMitsuo Hashimoto
SoggettoNobuaki Kishima, Hiroshi Toda
MusicheAtsushi Umebori
StudioSynergySP
ReteAnimax, SKY PerfecTV!
1ª TV9 novembre 2012 – 10 maggio 2013
Episodi14 (completa)
Aspect ratio16:9
Durata ep.28 min
Serie TV anime
Initial D Final Stage
RegiaMitsuo Hashimoto
SoggettoNobuaki Kishima, Hiroshi Toda
MusicheAtsushi Umebori
StudioSynergySP
ReteAnimax, SKY PerfecTV!
1ª TV16 maggio – 22 giugno 2014
Episodi4 (completa)
Aspect ratio16:9
Durata ep.24 min
Initial D Third Stage
Titolo originale頭文字(イニシャル)D Third Stage
Inisharu Dī Third Stage
Lingua originalegiapponese
Paese di produzioneGiappone
Anno2001
Durata105 min
Rapporto16:9
Genereanimazione, sportivo
RegiaFumitsugu Yamaguchi
SoggettoShuichi Shigeno
SceneggiaturaHiroshi Toda, Nobuaki Kishima
ProduttoreKayo Fukuda, Takayuki Nagasawa
Casa di produzioneStudio Deen
MusicheRyuichi Katsumata

Initial D (頭文字(イニシャル)D Inisharu Dī?) è un manga scritto e illustrato da Shuichi Shigeno e pubblicato nel 1995 dalla Kōdansha, da cui sono stati tratti tre serie televisive anime, un anime film, due OAV ed un film live action. Il manga, e di conseguenza l'anime è stato revisionato da Keiichi Tsuchiya, questo spiega l'accuratezza dei dettagli e soprattutto i tecnicismi utilizzati dai personaggi per descrivere il drifting.

In Italia il manga è inedito, nonostante la fallita Shin Vision ne avesse acquisito a suo tempo i diritti[1], mentre la serie animata è stata parzialmente edita sempre dalla Shin Vision, che ne ha tradotte e pubblicate le prime dodici puntate.[2]

Gli anime[modifica | modifica wikitesto]

Le animazioni sono così suddivise:

  • First Stage (serie TV, 26 episodi): racconta l'avvicinamento al mondo delle corse del protagonista della serie, Takumi Fujiwara, con le sue prime vittorie sul valico casalingo di Akina;
  • Second Stage (serie TV, 13 episodi): Takumi affronta nuove sfide, per la prima volta al di fuori del monte Akina; si approfondisce il suo rapporto con la sua misteriosa compagna di scuola Natsuki Mogi, di cui scoprirà un terribile segreto e per cui subirà la sua prima sconfitta in gara.
  • Third Stage (lungometraggio): Racchiude in poco più di un'ora e mezzo l'avvicinamento di Takumi al Project D di Ryosuke Takahashi e l'allontanamento del protagonista dalla sempre amata Natsuki Mogi.
  • Fourth Stage (serie TV, 24 episodi): Comprende la creazione del Project D e le gare che il Team ha affrontato nei vari distretti giapponesi.
  • Battle Stages (OAV, 2 episodi): sono una raccolta delle varie gare a cui sono stati tolti i dialoghi, lasciando così allo spettatore soltanto la guida pura.
  • Extra Stage (OAV, 2 episodi): Approfondiscono alcuni degli aspetti solo accennati dalla serie; entrambi gli OAV sono incentrati sui personaggi di Mako e Sayuki, componenti principali del team Impact Blue.
  • Fifth Stage (serie TV, 14 episodi): Continuano le gare per Project D, l'ultimo atto vede i due assi Takumi Fujiwara e Keisuke Takahashi affrontare le temibili squadre della prefettura di Kanagawa.
  • Final Stage (serie TV, 4 episodi): Serie conclusiva di Initial D. È stata trasmessa in Giappone da maggio 2014.

I disegni[modifica | modifica wikitesto]

Il character design, inizialmente poco attraente, migliora notevolmente dalla prima alla quarta serie; colpiscono molto la qualità grafica delle auto, riprodotte in CG, e la spettacolarità delle gare. Durante la serie appaiono molte auto giapponesi di marche e categorie differenti; la vettura del protagonista, Takumi Fujiwara, è una Toyota Sprinter Trueno AE86, vettura molto popolare in Giappone negli anni ottanta per via della sua leggerezza e del perfetto bilanciamento era inoltre tra le sportive più economiche a trazione posteriore disponibili, La AE86 (detta anche Hachiroku che significa appunto 86 in giapponese) è molto adatta alla tecnica del drifting (guida in derapata) su cui le serie animata è incentrata. Molto coinvolgenti si rivelano anche le musiche, sia per le sigle di apertura e chiusura, sia per la colonna sonora eurobeat, di produzione italiana.

Le auto[modifica | modifica wikitesto]

Lista delle auto presenti:

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Takumi Fujiwara
  • Takumi Fujiwara (藤原 拓海 Fujiwara Takumi?)
Il protagonista della serie. All'inizio della storia Takumi ha 18 anni e quando non è a scuola lavora presso un distributore di benzina insieme al suo amico Itsuki e a Iketani e, per aiutare il padre nel suo lavoro, ogni mattina consegna il Tofu all'hotel in cima al monte Akina. Essendo stato costretto a fare ciò sin dall'età di 13 anni, Takumi acquisisce involontariamente delle strabilianti doti da pilota che gli premetteranno di diventare il miglior pilota del Kanto.
  • Bunta Fujiwara (藤原 文太 Fujiwara Bunta?)
Bunta è il padre di Takumi e il proprietario del negozio di Tofu. Nella storia rimane un personaggio molto misterioso, è il pilota più veloce nella discesa del monte Akina, ma lo tiene sempre nascosto e non si capisce il motivo ma preferisce gestire il suo negozio piuttosto che gareggiare, inoltre ha i contatti del Drift King (il miglior pilota del Giappone), il quale afferma di essere ancora shockato dalla sua bravura.
  • Ryosuke Takahashi (高橋 涼介 Takahashi Ryōsuke?)
Ryosuke, fratello maggiore di Keisuke Takahashi, è uno dei migliori piloti nella prefettura di Gunma e viene anche ricordato come la "La Cometa Bianca di Akagi" (赤城の白い彗星 Akagi no Shiroi Suisei?). È il leader dei Red Suns e successivamente del Project D. Grazie al suo grande intelletto riesce a stabilire la potenza e le caratteristiche di una macchina soltanto vedendola e inoltre riesce a creare delle strategie sempre vincenti.
  • Keisuke Takahashi (高橋 啓介 Takahashi Keisuke?)
È il fratello minore di Ryosuke ed è il numero 2 dei piloti dei Red Suns. Al contrario del fratello, Keisuke è una persona molto irascibile e sconsiderata, ma con una voglia di migliorare altissima. Una volta avviato il Project D Keisuke diventa lo specialista delle corse in salita (hill climb), mentre Takumi di quelle in discesa (downhill). Insieme formano i piloti del Project D, i quali riescono a diventare i più forti del Kanto senza aver subito alcuna sconfitta.

Adattamento italiano[modifica | modifica wikitesto]

In Italia è stato presentato su MTV il primo episodio durante l'Anime Week del 2005[3], mentre su Sky è stato trasmesso solo il live action, ora anche disponibile in DVD. Sono stati inoltre pubblicati dalla Shin Vision 3 DVD con le prime 12 puntate (4 puntate ciascuno) della serie First Stage, unici episodi sinora doppiati in Italiano; la Shin Vision deteneva i diritti della serie ma è poi fallita.[2][4]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Personaggio Doppiatore giapponese Doppiatore italiano
Takumi Fujiwara Shin'ichirō Miki Alessandro Tiberi
Bunta Fujiwara Unshō Ishizuka Massimo Lodolo
Ryosuke Takahashi Takehito Koyasu Massimiliano Manfredi
Keisuke Takahashi Tomokazu Seki Fabrizio Manfredi

Volumi[modifica | modifica wikitesto]

Data di prima pubblicazione
Giapponese
Parte 1: l'AE86 di Akina (17 volumi)
12 novembre 1995[5]ISBN 978-4-06-323567-8
23 febbraio 1996[6]ISBN 978-4-06-323583-8
32 maggio 1996[7]ISBN 978-4-06-323598-2
43 agosto 1996[8]ISBN 978-4-06-336613-6
54 dicembre 1996[9]ISBN 978-4-06-336637-2
64 febbraio 1997[10]ISBN 978-4-06-336650-1
74 giugno 1997[11]ISBN 978-4-06-336670-9
83 settembre 1997[12]ISBN 978-4-06-336686-0
93 dicembre 1997[13]ISBN 978-4-06-336706-5
104 febbraio 1998[14]ISBN 978-4-06-336718-8
1130 aprile 1998[15]ISBN 978-4-06-336736-2
124 agosto 1998[16]ISBN 978-4-06-336751-5
134 novembre 1998[17]ISBN 978-4-06-336765-2
143 marzo 1999[18]ISBN 978-4-06-336786-7
151º maggio 1999[19]ISBN 978-4-06-336799-7
164 agosto 1999[20]ISBN 978-4-06-336818-5
1717 dicembre 1999[21]ISBN 978-4-06-336840-6
Parte 2: Project D (31 volumi)
184 aprile 2000[22]ISBN 978-4-06-336860-4
192 agosto 2000[23]ISBN 978-4-06-336887-1
2022 dicembre 2000[24]ISBN 978-4-06-336919-9
2125 aprile 2001[25]ISBN 978-4-06-336948-9
223 settembre 2001[26]ISBN 978-4-06-336969-4
2326 dicembre 2001[27]ISBN 978-4-06-361012-3
243 giugno 2002[28]ISBN 978-4-06-361043-7
2531 ottobre 2002[29]ISBN 978-4-06-361073-4
263 marzo 2003[30]ISBN 978-4-06-361118-2
273 settembre 2003[31]ISBN 978-4-06-361145-8
285 marzo 2004[32]ISBN 978-4-06-361209-7
296 agosto 2004[33]ISBN 978-4-06-361209-7
3029 novembre 2004[34]ISBN 978-4-06-361283-7
316 giugno 2005[35]ISBN 978-4-06-361327-8
3222 novembre 2005[36]ISBN 978-4-06-361381-0
334 agosto 2006[37]ISBN 978-4-06-361462-6
3427 novembre 2006[38]ISBN 978-4-06-361488-6
352 maggio 2007[39]ISBN 978-4-06-361552-4
365 ottobre 2007[40]ISBN 978-4-06-361598-2
3728 aprile 2008[41]ISBN 978-4-06-361664-4
3826 dicembre 2008[42]ISBN 978-4-06-361723-8
3924 luglio 2009[43]ISBN 978-4-06-361796-2
4026 dicembre 2009[44]ISBN 978-4-06-361854-9
416 agosto 2010[45]ISBN 978-4-06-361918-8
426 gennaio 2011[46]ISBN 978-4-06-361980-5
436 luglio 2011[47]ISBN 978-4-06-382048-5
446 gennaio 2012[48]ISBN 978-4-06-382123-9
456 giugno 2012[49]ISBN 978-4-06-382181-9
464 gennaio 2013[50]ISBN 978-4-06-382256-4
476 agosto 2013[51]ISBN 978-4-06-382344-8
486 novembre 2013[52]ISBN 978-4-06-382377-6

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

In Giappone sono usciti vari videogiochi, il primo dal titolo Initial D per Sega Saturn del 1998[53], altre versioni anche per PlayStation[54][55], uno per PlayStation 2 di nome Initial D Special Stage, uno per PSP di nome Initial D Street Stage e l'altro per PlayStation 3 Initial D Extreme Stage.[56] Il gioco è in stile guida arcade, infatti era uscito prima nelle sale giochi come gioco arcade e dopo fu importato su console.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Federico Salvan, Nuovo manga per Shuichi “Initial D” Shigeno, su MangaForever, 28 febbraio 2014. URL consultato il 26 settembre 2017.
  2. ^ a b Stefano Vinciguerra, Recensione Initial D, su Evereye, 15 marzo 2005. URL consultato il 26 settembre 2017.
  3. ^ Speciale MTV Anime Week 2005, su Evereye, 9 settembre 2005. URL consultato il 26 settembre 2017.
  4. ^ Shin Vision e Fool Frame: tutta la verità, AnimeClick.it, 15 giugno 2009. URL consultato il 26 settembre 2017.
  5. ^ (JA) 頭文字D(1), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  6. ^ (JA) 頭文字D(2), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  7. ^ (JA) 頭文字D(3), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  8. ^ (JA) 頭文字D(4), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  9. ^ (JA) 頭文字D(5), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  10. ^ (JA) 頭文字D(6), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  11. ^ (JA) 頭文字D(7), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  12. ^ (JA) 頭文字D(8), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  13. ^ (JA) 頭文字D(9), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  14. ^ (JA) 頭文字D(10), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  15. ^ (JA) 頭文字D(11), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  16. ^ (JA) 頭文字D(12), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  17. ^ (JA) 頭文字D(13), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  18. ^ (JA) 頭文字D(14), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  19. ^ (JA) 頭文字D(15), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  20. ^ (JA) 頭文字D(16), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  21. ^ (JA) 頭文字D(17), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  22. ^ (JA) 頭文字D(18), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  23. ^ (JA) 頭文字D(19), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  24. ^ (JA) 頭文字D(20), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  25. ^ (JA) 頭文字D(21), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  26. ^ (JA) 頭文字D(22), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  27. ^ (JA) 頭文字D(23), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  28. ^ (JA) 頭文字D(24), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  29. ^ (JA) 頭文字D(25), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  30. ^ (JA) 頭文字D(26), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  31. ^ (JA) 頭文字D(27), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  32. ^ (JA) 頭文字D(28), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  33. ^ (JA) 頭文字D(29), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  34. ^ (JA) 頭文字D(30), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  35. ^ (JA) 頭文字D(31), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  36. ^ (JA) 頭文字D(32), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  37. ^ (JA) 頭文字D(33), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  38. ^ (JA) 頭文字D(34), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  39. ^ (JA) 頭文字D(35), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  40. ^ (JA) 頭文字D(36), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  41. ^ (JA) 頭文字D(37), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  42. ^ (JA) 頭文字D(38), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  43. ^ (JA) 頭文字D ☆(39), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  44. ^ (JA) 頭文字D(40), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  45. ^ (JA) 頭文字D(41), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  46. ^ (JA) 頭文字D(42), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  47. ^ (JA) 頭文字D(43), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  48. ^ (JA) 頭文字D(44), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  49. ^ (JA) 頭文字D(45), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  50. ^ (JA) 頭文字D(46), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  51. ^ (JA) 頭文字D(47), Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  52. ^ (JA) 頭文字D(48)<完>, Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  53. ^ (JA) 頭文字D サタ-ン版, Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  54. ^ (EN) Jonathan Dornan, Initial D Review Sony Playstation PS1, su Bordersdown (NTSC-uk), 7 giugno 2011. URL consultato il 26 settembre 2017.
  55. ^ (JA) 頭文字D プレイステーション版, Kōdansha. URL consultato il 27 settembre 2017.
  56. ^ Initial D: Extreme Stage, Multiplayer.it. URL consultato il 26 settembre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga