Pachinko

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero non essere legalmente accurati, corretti, aggiornati o potrebbero essere illegali in alcuni paesi. Le informazioni hanno solo fine illustrativo. Wikipedia non dà consigli legali: leggi le avvertenze.
Giocatori di pachinko in una moderna sala

Il pachinko (パチンコ?) è un gioco d'azzardo giapponese, ideato sul finire della seconda guerra mondiale nella città di Nagoya, anche se il momento storico preciso della sua origine è stato più volte messo in dubbio in base alla mancanza di prove e fonti certe. Sembra che la parola derivi da pachi-pachi, onomatopea che indica lo scoppiettare del fuoco.

Dietro al pachinko però, come in molti settori che movimentano ingenti quantità di denaro, si manifesta l'ombra della criminalità giapponese, in questo caso della Yakuza, della quale l'industria del gioco d'azzardo è l'attività tradizionale.[1]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Una moderna macchina da pachinko

Il pachinko è praticato in sale simili a casinò (le sale pachinko), dove c'è un certo numero di macchine. Il giocatore deve acquistare presso il banco le sfere d'acciaio che sono necessarie per giocare. Quelle più moderne sono dotate anche di un cambia-soldi interno per poter procedere all'acquisto delle sfere in modo automatico.

La macchina in cui si svolge il gioco è una sorta di flipper, che si sviluppa in verticale: il giocatore inserisce una sfera nella macchina, che la rilascia in cima al campo di gioco, su cui si trovano pioli, barriere e così via: la sfera, una volta rilasciata, inizia quindi a rimbalzare su di essi. Nel campo di gioco sono presenti anche dei fori d'uscita: se la sfera li raggiunge, si vincono ulteriori sfere, che danno diritto ad altre partite. Se invece la sfera cade sul fondo della parete, essa viene persa. Nelle macchine più antiche il giocatore lanciava le sfere attraverso una leva a molla, ma nelle macchine più moderne la sferetta viene lanciata attraverso una valvola a farfalla.

Durante il gioco, per non far alzare i giocatori dalle loro postazioni, spesso vengono offerte delle bibite fresche. Tutto il personale, prima di entrare e prima di uscire dalle file delle macchinette, saluta i giocatori con un inchino. In altri tipi di apparecchiature da gioco, dette "pachislot" (fusione delle parole "pachinko" e "slot-machine") c'è un'ulteriore opportunità di vincita: funzionano in modo simile alle slot-machine, ma in caso di vincita si ottengono sfere.

Delle ragazze sponsorizzano una sala di pachinko

Per legge le sfere non possono essere cambiate in contanti all'interno delle sale in cui vengono distribuite, per cui all'interno delle sale (che spesso espongono all'ingresso il maneki neko come segno di fortuna) vengono cambiate con delle fiches o con dei premi simbolici che potranno poi essere convertiti in denaro all'esterno del locale stesso presso appositi sportelli. Il noto videogioco Peggle si basa sullo stesso principio fisico alla base del Pachinko.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La mafia? In Giappone è peggio, in La Repubblica, Gruppo Editoriale L'Espresso, 8 aprile 2013. URL consultato il 19 aprile 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Giappone Portale Giappone: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Giappone