Il trafficone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il trafficone
Il trafficone.jpg
Carlo Giuffré e Rita Calderoni in una scena del film
Lingua originaleItaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1974
Durata102 min
Generecommedia, erotico
RegiaBruno Corbucci
SoggettoBruno Corbucci, Mario Amendola
SceneggiaturaBruno Corbucci, Mario Amendola
ProduttoreGalliano Juso
Casa di produzioneCinemaster
FotografiaGuglielmo Mancori
MontaggioDaniele Alabiso
MusicheUbaldo Continiello
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il trafficone è un film commedia del 1974 diretto da Bruno Corbucci.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un magliaro napoletano in trasferta a Roma, mentre cerca di vendere ad un incrocio un giaccone di finta renna, incontra per caso Laura, una bella donna che lo invita a casa sua. Tra i due è subito passione, ma l'inaspettato arrivo del marito sarà l'inizio per il magliaro di una nuova esperienza in quanto verrà pagato dallo stesso per essere stato sorpreso a letto con la moglie, e sbloccato così dalla sua impotenza psicologica. Così messo al corrente dalla moderna coppia delle teorie di William Masters e Virginia Johnson, pur senza una reale competenza aprirà un centro di sessuologia per risolvere i problemi delle coppie e poter guadagnare tanto senza doversi più arrangiare per mantenere la famiglia.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Molti credono che la colonna sonora del film anticipi Il ballo del qua qua, inciso nel 1981 da Romina Power, visto che la somiglianza è evidente. In realtà la musica originale è stata composta negli anni '50 dal musicista svizzero Werner Thomas. È stata adattata con parole diverse in molteplici nazioni e usata nel corso degli anni in vari film, tra cui appunto questo.
  • La scena della ripresa della coppia che fa l'amore rivisto alla moviola è una chiara parodia della moviola della trasmissione La domenica sportiva di quegli anni con la freccia bianca che indicava il luogo del fallo e con il tecnico che nel film si chiama Pitaletti mentre nella realtà era il moviolista della Rai Heron Vitaletti.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]