Pamela Villoresi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pamela Villoresi

Maria Pamela Villoresi, meglio nota come Pamela Villoresi (Prato, 1º gennaio 1957), è un'attrice italiana di teatro, cinema e televisione.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Pamela Villoresi è nata a Prato da padre toscano e madre tedesca. Inizia lo studio del teatro al Metastasio di Prato a soli 13 anni, a 14 debutta come protagonista nel "Re Nudo" di Schwarz diretta da Paolo Magelli, a 15 si iscrive al collocamento e inizia la sua carriera. All'età di 17 anni gira il "Marco Visconti" che la rende famosa al grande pubblico, e a 18 approda al Piccolo Teatro di Milano da Giorgio Strehler (suo padre teatrale), e partecipa con Jack Lang alla fondazione dell'Unione dei Teatri d'Europa. Ha recitato in più di 60 spettacoli di cui 5 con Strehler, e poi con Nino Manfredi, Vittorio Gassman, Mario Missiroli, Giancarlo Cobelli e Maurizio Panici, al fianco dei più grandi attori italiani.

Si è specializzata nell'interpretazione della poesia (ha in repertorio 23 recital di poesie) ed è stata voce recitante in 5 melologhi. Ha commissionato molti nuovi testi drammaturgici, tutti messi poi in scena e alcuni pubblicati in italiano e inglese. Ha diretto lei stessa 28 spettacoli. Ha lavorato in 36 film, con grandi maestri come Jancso, Bellocchio, Fratelli Taviani, Ferrara, Placido e Sorrentino ne "La Grande Bellezza", Premio Oscar 2014. Recita in 5 lingue: italiano, inglese, tedesco, francese e spagnolo.

Ha girato otto sceneggiati televisivi con Majano, Mario Ferrero e Nocita. Ha condotto la trasmissione "Milleunadonna". È stata docente di recitazione e poesia a Prato, Reggio Calabria, Lugano, Guastalla e Orbetello. È stata direttore artistico di 4 Festival: "Ville Tuscolane", "Festival dei Mondi", "Arie di Mare", "Divinamente Roma" e "Divinamente New York".

È stata nel consiglio d'Amministrazione dell'Accademia d'Arte Drammatica Silvio D'Amico, del Met Teatro Stabile della Toscana e del Teatro Argentina Stabile di Roma. Ha ideato e realizzato, a Prato per l'Ateneo di Firenze, il primo corso universitario PROGEAS per i mestieri organizzativi e promozionali dello Spettacolo.

Ha vinto numerosi premi tra cui due Maschere d'Oro, due Grolle D'oro, due premi Ubu, uno alla carriera e uno per la Pace insieme a Rugova e al Patriarca di Gerusalemme, e la Medaglia d'Oro del Vaticano tra i cento artisti del mondo che favoriscono il dialogo con la Spiritualità. È vedova del direttore della fotografia Cristiano Pogany da cui ha avuto i suoi 3 figli: Eva, Tommaso e Isabel.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Prosa teatrale[modifica | modifica wikitesto]

  • Melologo su Clara Schumann, di Piero Rattalino (1970)
  • L'ispettore generale, di Nicolaj Gogol, regia Mario Missiroli (1972)
  • Il re nudo, di Eugenj Schwarz, con Roberto Benigni (1972)
  • Il carcere, regia Marco Parodi, (1973)
  • Commedia cauteraria, regia Marco Parodi, (1973)
  • Il matrimonio di Figaro, di Pierre Augustin Caron de Beaumarchais, regia Armando Pugliese, (1973)
  • La figlia di Iorio, di Gabriele D'Annunzio, regia Giancarlo Cobelli, (1973)
  • Cirano, di Edmond Rostand, regia Marco Gagliardo, (1974)
  • Il campiello, di Carlo Goldoni, regia di Giorgio Strehler, con Maddalena Crippa, Didi Perego, (1975)
  • La Venexiana, regia di Giancarlo Cobelli, con Valentina Fortunato (1977)
  • Arlecchino, Servitore di Due Padroni, di Carlo Goldoni, con Ferruccio Soleri, regia di Giorgio Strehler (1977)
  • Temporale, di August Strindberg, con Tino Carraro e Franco Graziosi, regia di Giorgio Strehler (1980)
  • Otello, di William Shakespeare, con Vittorio Gassman, Massimo Ghini, Giulio Brogi, regia di Alvaro Piccardi (1982)
  • Minna Von Barnhelm, di Gotthold Ephraim Lessing, con Andrea Jonasson, regia di Giorgio Strehler (1983)
  • La dodicesima notte, di William Shakespeare, con Glauco Mauri, regia di Marco Sciaccaluga (1985)
  • La tragedia di Didone, regina di Cartagine, di Christopher Marlowe, con Massimo Popolizio, regia di Cherif (1986)
  • La fiaccola sotto il moggio, di Gabriele D'Annunzio, regia di Piero Maccarinelli (1986)
  • Les liasons dangereuses, dal romanzo di Choderlos de Laclos, con Umberto Orsini, regia di Antonio Calenda (1988)
  • Gente di facili costumi, di Nino Manfredi e Nino Marino, con Nino Manfredi, regia di Nino Manfredi (1988)
  • Hanging the president, di Michele Celeste, regia di Piero Maccarinelli e Pamela Villoresi (1990)
  • Diotima o la vendetta di Eros, di Bebetta Campeti, regia di Pamela Villoresi (1990)
  • Il piacere di dirsi addio, di Jules Renard, con Massimo Popolizio, regia di Marco Sciaccaluga (1991)
  • Marina e l'altro, di Valeria Moretti, con Bruno Armando, regia di Pamela Villoresi (1991)
  • Crimini del cuore, di Beth Henley, con Bruno Armando, Giuliana De Sio, Maria Amelia Monti, Elisabetta Pozzi, Luca Zingaretti, adattamento e regia di Nanny Loy (1992)
  • Curva cieca, con Franco Castellano, Sabina Vannucchi, Pamela Villoresi (Ilse Hubach), Bruno Armando, Susanna Marcomeni, Edoardo Erba, Mario Sala, regia di Pamela Villoresi (1992)
  • L. Cenci, con Pamela Villoresi (Beatrice), Roberto Herlitzka (Giudice), regia di Giuseppe Manfridi (1992)
  • Le Baruffe Chiozzotte di Carlo Goldoni, con Nino Bignamini, Donatella Ceccarello, Mimmo Craig, Elio Crovetto, Armando De Ceccon, Susanna Marcomeni, Gianfranco Mauri, Laura Pasetti, Didi Perego, Luciano Roman, Edmondo Sannazaro, Fabio Sartor, Lino Troisi, Pamela Villoresi (Lucietta), Regia di Giorgio Strehler (1992)
  • Saffo, Musiche di Luciano Vavolo, Con Pamela Villoresi (1993)
  • L'isola degli schiavi di Pierre de Marivaux, con Renato De Carmine, Philippe Leroy (Trivellino), Laura Marinoni (Madame), Massimo Ranieri (Arlecchino), Luciano Roman (Monsieur), Mattia Sbragia, Pamela Villoresi (Silvia Cleantis), Regia di Giorgio Strehler (1994/1995)
  • Le utopie di Marivaux: L'isola degli schiavi, L'isola della Ragione, La colonia, Il dialogo tra l'amore e la verità, Le Cabinet du philosophe, L'Indigent philosophe, con Philippe Leroy, Laura Marinoni, Luciano Roman, Pamela Villoresi, Alessandro Mor, Paola Roscioli, Luca Scaglia, Maria Grazia Solano, regia di Giorgio Strehler (1994)
  • Lapin, Lapin di Coline Serrau, con Riccardo Bellandi (le petit soldat), Elsa Bossi, Massimo Brizi, Vito Favata, Gianluigi Fogacci, Massimo Mesciulam, Gianna Piaz, Alessandra Schiavoni, Roberto Serpi (Lapin), Paolo Serra, Federico Vanni, Pamela Villoresi (Mamma), regia di Marco Sciaccaluga (1995/1996)
  • Taibele e il suo demone di Isaac Bashevis Singer e Eve Friedman, con Olek Mincer (Menasha), Moni Ovadia (Alchonon), Elena Sardi (Genendel), Pamela Villoresi (Taibele) e la Theater-Orchestra, Musiche di Alfredo Lacosegliaz e Moni Ovadia, Regia di Pamela Villoresi (1995/1996)
  • Antigone di Jean Anouilh, con Bruno Armando (Creonte), Fulvio Falzarano, Evelina Meghnagi (Coro), Pamela Villoresi (Antigone), Alessandra Acciai (Ismene), Dora Romano (Nutrice), Pietro Genuardi (Emone), Massimiliano Croce, Scene e costumi di Arnaldo Pomodoro, Regia di Maurizio Panici (1996/1997/1998)
  • Il caso Fedra di Michele di Martino, con Bruno Armando (Teseo), Andrea Bacci (Ippolito), Massimiliano Franciosa, Isabel Pogany, Luciano Roman, Pamela Villoresi (Fedra), Scene e costumi di Arnaldo Pomodoro, Regia di Maurizio Panici (1997)
  • Paul Valery: Elogio della lentezza, con Philippe Leroy (1997)
  • Chanson de Bilitis, Musiche di Debussy, al flauto Marzio Conti (1998)
  • Frammenti d'Atridi: Atreus et Iliona con Andrea Bacci, Silvia Budri, Francesca Pizzo, Sandro Querci, Maurizio Bugli, Giampaolo Carradori, Andrea Franchi, Nicola Innocenti, Carlotta Vettori, regia di Maurizio Panici (1998)
  • Atridi di Michele Di Martino, con Pamela Villoresi (Clitemnestra-Atena), Carlo Alighiero, Antonella Attili, Danilo Nigrelli, Blas Roca Rey, Elisabetta Valgoi, Maurizio Panici, Laura Della Mora (flauti), regia di Maurizio Panici (1998)
  • La viola di Prato di Valeria Moretti, con Silvia Budri, Cristina Pierattini, Dora Romano, Eva Mabellini, Alessia Bresci, Chiara Vannini, Lavinia Villoresi, Sandro Querci, Musiche di Luciano Vavolo, regia di Pamela Villoresi (1999)
  • Dietro le sbarre l'azzurro: Monologo per la liberazione di Silvia Baraldini, Regia di Alessandro Arrabito (1999)
  • Histoire du Soldat di Igor Stravinskij, Musiche di Stravinskij, con l'Orchestra Regionale Toscana (1999)
  • Amore e chimica di Jean-Noël Fenwick con Pietro Longhi e Gabriella Silvestri (1999)
  • La locandiera di Carlo Goldoni, con Pamela Villoresi (Mirandolina), Massimo Wertmüller (Cavaliere di Ripafratta), Renato Scarpa (Marchese di Forlipopoli), Manrico Gammarota (Conte d'Albafiorita), Alessandra Costanzo (Ortensia), Maria Teresa Pintus (Dejanira), Sandro Querci (Servitore del Cavaliere), Regia di Maurizio Panici (2000)
  • Rappresentazione della croce di Giovanni Raboni, con Giulio Brogi (Pietro), Franco Graziosi (Zaccaria), Ilaria Occhini (Maria), Antonio Silvia, Pamela Villoresi (Maddalena), Remo Girone (Giuda), Marzio Margine (Giacomo), Carlo Valli (Pilato), Virgilio Zernitz (Caifa), Regia di Pietro Carriglio (2000)
  • La Deposizione di Emilio Tadini, Regia di Beppe Arena (2001)
  • Il racconto d'inverno di William Shakespeare, con Marco Marelli (Polissene, Re di Boemia), Gabriele Parrillo, Antonio Silvia (Figlio del pastore), Pamela Villoresi (Ermione/Perdita), Giulio Brogi (Leonte, Re di Sicilia), Gianni De Lellis (Nobiluomo), Stefano Giambona, Gianna Giachetti (Pallina, dama di corte), Franco Soldati (Pastore boemo), Mario Parlagreco, Antonio Fermi, Caterina Marcianò,Elena Pistillo, Massimiliano Davoli, Fiorenza Brogi, Virgiglio Zernitz (Autolico), Regia di Roberto Guicciardini (2002)
  • L'ora di Otranto tratto da “L'ora di tutti” di Maria Corti di Michele Di Martino, Con Renato Campese, Sandro Querci, Silvia Budri, Oscar de Summa, Enzo La Marca e il gruppo Officina Zoè, Musiche di Luciano Vavolo e Officina, Regia di Pamela Villoresi (2002)
  • Didone di Cristopher Marlowe, con Massimo Popolizio e Olimpia Carrisi, regia di Cherif (2002)
  • Medea di Euripide, con Pamela Villoresi, Pietro Bontempo, Leandro Amato, Silvia Budri, Stefania Castiglion, musiche di Luciano Vavolo, regia di Maurizio Panici (2003)
  • Tre Sorelle di Anton Checov, con Antonella Attili (Natascia), Renato Campese (Cebutykin), Valeria Ciangottini (Olga), Pamela Villoresi (Maša), Sergio Basile, Silvia Budri (Iriba), Fabio Bussotti, Manrico Gammarota, Giorgio Barlotti, Maurizio Panici, Sandro Querci, Lucia Ricalzone, Regia Maurizio Panici (2003)
  • Il cielo ha baciato la terra di Piero Rattalino – Melologo su Clara Schumann (2003)
  • Il gufo e la gattina di Bill Manhoff, con Pamela Villoresi e Pietro Longhi, regia di Silvio Giordani (2004)
  • Lisistrata di Aristofane, con Pamela Villoresi, Luciana Turina, musiche dei Novalia, regia Maurizio Panici (2004)
  • Storia di Ninì da Lo Scialo di Vasco Pratolini, adattamento Pamela Villoresi e Guido Davico Bonino, regia Pamela Villoresi (2005)
  • Animali nella nebbia: Una sacra rappresentazione di Edoardo Erba con Pamela Villoresi e con Mauro Malinverno, Fernando Maraghini, Valentina Banci, Francesco Borchi, Francesco Cortopassi, regia di Paolo Magelli (2007)
  • Un grande grido d'amore di Josiane Balasko, con Pamela Villoresi (Gigì Ortega), Pietro Longhi (Hugo Martial), Gabriella Silvestri (Agente), Stefano Antonucci (Regista), regia di Maurizio Panici (2007)
  • La Pupilla di Carlo Goldoni con Pamela Villoresi, Elisabetta Valgoi, regia di Giuseppe Argiro (2007)
  • Persephone con Carla Fracci, al Teatro dell'Opera di Roma (2007)
  • Marlene di Giuseppe Manfridi, con Silvia Budri e Cristina Sebastianelli, con la partecipazione di Orso Maria Guerrini, regia di Maurizio Panici (2008)
  • Appuntamento a Londra di Mario Vargas Llosa, con Pamela Villoresi e David Sebasti, regia Maurizio Panici (2009-2012)
  • Baccanti da Euripide, coreografia e regia di Micha van Hoecke, elaborazione del testo di Chiara Muti, con Chiara Muti e Pamela Villoresi e l'Ensemble di Micha van Hoecke (2008)
  • Atridi di Michele Di Martino dall'Orestea di Eschilo, con Pamela Villoresi, David Sebasti, Renato Campese, Silvia Budri Da Maren, Andrea Bacci, Elena Sbardella, Maurizio Panici, impianto scenico di Arnaldo Pomodoro, regia di Maurizio Panici (2010)
  • Medea di Euripide, traduzione e adattamento di Michele Di Martino e Maurizio Panici, con Pamela Villoresi, David Sebasti, Renato Campese, Maurizio Panici, Silvia Budri Da Maren, Andrea Bacci, Elena Sbardella, musiche di Luciano Vavolo (2010-2012)
  • Vita scritto e diretto da Angelo Longoni, con Pamela Villoresi, Emilio Bonucci, Eleonora Ivone (2011)
  • Il mio Coppi soggetto di Albert Ross, testo di Daniela Morelli, regia di Maurizio Panici (2012)
  • Memorie di una schiava iberamente tratto da “Spedizione al Baobab” diWilma Stockenstrom, musiche dal vivo di Baba Sissoko, adattamento drammaturgico e regia di Gigi Di Luca (2012)
  • Un angelo sopra Bagdad di Judith Thompson, con Pamela Villoresi, Melania Giglio, Gianluigi Fogacci, regia Marco Carniti (2012)
  • Eva contro Eva di Mary Orr con Pamela Villoresi, Romina Mondello, Luigi Diberti, Maurizio Panici, Silvia Budri Da Maren, Giulia Weber e con Massimiliano Franciosa, regia di Maurizio Panici (2013-2014)
  • Nata sotto una pianta di datteri Liberamente tratto da Yusdra e la città della Sapienza di Daniela Morelli, drammaturgia di Daniela Morelli e Gigi di Luca con Pamela Villoresi, Dalal Suleiman, musiche dal vivo di Marzouk Mejri, regia di Gigi di Luca (2013)
  • Il mondo non mi deve nulla di Massimo Carlotto, con Pamela Villoresi e Claudio Casadio, regia di Francesco Zecca (2014-2015-2016)
  • Un castello nel cuore: Teresa d'Avila di Michele Di Martino, consulenza fonti Antonio Maria Sicari e Fabio Silvestri, musiche originali di Luciano Vavolo, voce e canto Fabrizio Checcacci, Alessia Spinelli, Maurizio Panici, regia di Maurizio Panici (2015-2016)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN102342036 · BNF: (FRcb14236768p (data)