Pamela Villoresi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Maria Pamela Villoresi, meglio nota come Pamela Villoresi (Prato, 1º gennaio 1957), è un'attrice italiana di teatro, cinema e televisione.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Pamela Villoresi è nata a Prato da padre toscano e madre tedesca. Inizia lo studio del teatro al Metastasio di Prato a soli 13 anni, a 14 debutta come protagonista nel Re nudo di Schwarz diretta da Paolo Magelli. All'età di 17 anni gira il Marco Visconti che la rende famosa al grande pubblico, e a 18 approda al Piccolo Teatro di Milano da Giorgio Strehler, e partecipa con Jack Lang alla fondazione dell'Unione dei Teatri d'Europa.

Ha recitato in più di 60 spettacoli di cui 5 con Strehler, e poi con Nino Manfredi, Vittorio Gassman, Mario Missiroli, Giancarlo Cobelli e Maurizio Panici, al fianco dei più grandi attori italiani.

Si è specializzata nell'interpretazione della poesia (ha in repertorio 23 recital di poesie) ed è stata voce recitante in 5 melologhi. Ha commissionato molti nuovi testi drammaturgici, tutti messi poi in scena e alcuni pubblicati in italiano e inglese. Ha diretto lei stessa 28 spettacoli. Ha lavorato in 36 film, con grandi maestri come Jancso, Bellocchio, i fratelli Taviani, Montaldo, Ferrara, Placido e Sorrentino ne La grande bellezza, Premio Oscar 2014.

Ha girato otto sceneggiati televisivi con Majano, Mario Ferrero e Nocita. Ha condotto la trasmissione Milleunadonna. È stata docente di recitazione e poesia a Prato, Reggio Calabria, Lugano, Guastalla e Orbetello. È stata direttore artistico di 4 Festival: "Ville Tuscolane", "Festival dei Mondi", "Arie di Mare", "Divinamente Roma" e "Divinamente New York".

È stata nel consiglio di amministrazione dell'Accademia d'Arte Drammatica Silvio D'Amico, del Met Teatro Stabile della Toscana e del Teatro Argentina Stabile di Roma. Ha ideato e realizzato, a Prato per l'Ateneo di Firenze, il primo corso universitario PROGEAS per i mestieri organizzativi e promozionali dello Spettacolo.

Ha vinto numerosi premi tra cui due Maschere d'Oro, due Grolle D'oro, due premi Ubu, uno alla carriera e uno per la Pace insieme a Rugova e al Patriarca di Gerusalemme, e la Medaglia d'Oro del Vaticano tra i cento artisti del mondo che favoriscono il dialogo con la Spiritualità. È vedova del direttore della fotografia Cristiano Pogany da cui ha avuto 3 figli: Eva, Tommaso e Isabel.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Prosa teatrale[modifica | modifica wikitesto]

  • Melologo su Clara Schumann, di Piero Rattalino (1970)
  • L'ispettore generale di Nicolaj Gogol, regia Mario Missiroli (1972)
  • Il re nudo, di Eugenj Schwarz (1972)
  • Il carcere, regia di Marco Parodi (1973)
  • Commedia cauteraria, regia di Marco Parodi (1973)
  • Il matrimonio di Figaro di Pierre Augustin Caron de Beaumarchais, regia di Armando Pugliese (1973)
  • La figlia di Iorio di Gabriele D'Annunzio, regia Giancarlo Cobelli (1973)
  • Cirano di Edmond Rostand, regia di Marco Gagliardo (1974)
  • Il campiello di Carlo Goldoni, regia di Giorgio Strehler (1975)
  • La Venexiana, regia di Giancarlo Cobelli (1977)
  • Arlecchino servitore di due padroni di Carlo Goldoni, regia di Giorgio Strehler (1977)
  • Temporale di August Strindberg, regia di Giorgio Strehler (1980)
  • Otello di William Shakespeare, regia di Alvaro Piccardi (1982)
  • Minna Von Barnhelm, di Gotthold Ephraim Lessing, regia di Giorgio Strehler (1983)
  • La dodicesima notte, di William Shakespeare, regia di Marco Sciaccaluga (1985)
  • La tragedia di Didone, regina di Cartagine di Christopher Marlowe, regia di Cherif (1986)
  • La fiaccola sotto il moggio di Gabriele D'Annunzio, regia di Piero Maccarinelli (1986)
  • Les liasons dangereuses di Choderlos de Laclos, regia di Antonio Calenda (1988)
  • Gente di facili costumi, di Nino Manfredi e Nino Marino, regia di Nino Manfredi (1988)
  • Hanging the president, di Michele Celeste, regia di Piero Maccarinelli e Pamela Villoresi (1990)
  • Diotima o la vendetta di Eros, di Bebetta Campeti, regia di Pamela Villoresi (1990)
  • Il piacere di dirsi addio, di Jules Renard, regia di Marco Sciaccaluga (1991)
  • Marina e l'altro, di Valeria Moretti, con Bruno Armando, regia di Pamela Villoresi (1991)
  • Crimini del cuore, di Beth Henley, regia di Nanny Loy (1992)
  • Curva cieca, regia di Pamela Villoresi (1992)
  • L. Cenci, regia di Giuseppe Manfridi (1992)
  • Le baruffe chiozzotte di Carlo Goldoni, regia di Giorgio Strehler (1992)
  • Lapin, Lapin di Coline Serrau, regia di Marco Sciaccaluga (1995/1996)
  • Taibele e il suo demone di Isaac Bashevis Singer e Eve Friedman, regia di Pamela Villoresi (1995/1996)
  • Antigone di Jean Anouilh, regia di Maurizio Panici (1996/1997/1998)
  • Il caso Fedra di Michele di Martino, regia di Maurizio Panici (1997)
  • Chanson de Bilitis, Musiche di Debussy, al flauto Marzio Conti (1998)
  • Atridi di Michele Di Martino, regia di Maurizio Panici (1998)
  • La viola di Prato di Valeria Moretti, regia di Pamela Villoresi (1999)
  • Amore e chimica di Jean-Noël Fenwick con Pietro Longhi e Gabriella Silvestri (1999)
  • La locandiera di Carlo Goldoni, regia di Maurizio Panici (2000)
  • Rappresentazione della croce di Giovanni Raboni, regia di Pietro Carriglio (2000)
  • La Deposizione di Emilio Tadini, regia di Beppe Arena (2001)
  • Il racconto d'inverno di William Shakespeare, regia di Roberto Guicciardini (2002)
  • Il gufo e la gattina di Bill Manhoff, regia di Silvio Giordani (2004)
  • Lisistrata di Aristofane, regia Maurizio Panici (2004)
  • Storia di Ninì da Lo Scialo di Vasco Pratolini, adattamento Pamela Villoresi e Guido Davico Bonino, regia Pamela Villoresi (2005)
  • Animali nella nebbia: Una sacra rappresentazione di Edoardo Erba, regia di Paolo Magelli (2007)
  • Marlene di Giuseppe Manfridi, regia di Maurizio Panici (2008)
  • Appuntamento a Londra di Mario Vargas Llosa, regia Maurizio Panici (2009-2012)
  • Vita scritto e diretto da Angelo Longoni (2011)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN102342036 · SBN: IT\ICCU\TO0V\266317 · BNF: (FRcb14236768p (data)