Paolo Costella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Paolo Costella (Genova, 19 febbraio 1964) è uno sceneggiatore e regista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1982 collabora per diverse testate nazionali con articoli su televisione, cinema e costume.

Dal 1984 lavora come sceneggiatore, casting director o aiuto regista per Carlo Verdone, Enrico Oldoini, Christian De Sica e Marco Ferreri.

Tra le sceneggiature scritte: “Bellifreschi” (1987), “Bye bye baby” (1987), “La carne” (1990, in collaborazione con Marco Ferreri, Liliana Betti e Massimo Bucchi, presentato in concorso alla 44ª edizione del Festival di Cannes), “Ricky & Barabba” (1992); e, per la televisione, la serie “Dio vede e provvede” (1996).

Nel 1998 scrive e dirige la serie "Dio vede e provvede 2", a cui segue la miniserie "Il commissario Raimondi" (1998).

Nel 1999 la prima regia per il cinema, "Tutti gli uomini del deficiente" (1999), di cui è anche sceneggiatore (insieme alla Gialappa's Band).

Nel 2001 collabora con Laura Betti alla regia di Pier Paolo Pasolini e la ragione di un sogno”, presentato alla 58ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.

Nel 2003 scrive il soggetto "La voce di mia madre", pubblicato nel volume "Premio Sacher per soggetti cinematografici" a cura di Nanni Moretti e Angelo Barbagallo, edito da Cinemazero.

Nel 2005 scrive e dirige il documentario “La libertà di Jaana” sulle prigioni aperte in Finlandia.

Negli anni che seguono cura la regia di “Amore con la S maiuscola” (2002), per la tv scrive e dirige la serie “Fratelli Benvenuti” (2010) e “Natale a 4 zampe” (2012); ); e, per il cinema “A Natale mi sposo” (2010), “Baciato dalla fortuna” (2011) e “Matrimonio al Sud” (2015).

Nel 2016 scrive (insieme a Paolo Genovese, Filippo Bologna, Paola Mammini e Rolando Ravello) la sceneggiatura di “Perfetti sconosciuti”, regia di Paolo Genovese, con Marco Giallini, Kasia Smutniak, Valerio Mastandrea, Anna Foglietta, Alba Rohrwacher, Edoardo Leo, Giuseppe Battiston.

Con Gabriele Muccino scrive “A casa tutti bene” (2018) con Stefano Accorsi, Carolina Crescentini, Elena Cucci, Pierfrancesco Favino, Claudia Gerini, Massimo Ghini, Sabrina Impacciatore, Ivano Marescotti, Giulia Michelini, Sandra Milo, Giampaolo Morelli, Stefania Sandrelli, Valeria Solarino, Gianmarco Tognazzi; e “Gli anni più belli” (2020), con Pierfrancesco Favino, Micaela Ramazzotti, Kim Rossi Stuart, entrambi diretti dallo stesso Muccino.

Con Paolo Genovese scrive (insieme a Rolando Ravello) “Supereroi” (2021) con Alessandro Borghi, Jasmine Trinca, Greta Scarano, Vinicio Marchioni, Linda Caridi, Gwendolyn Gourvenec, Elena Sofia Ricci; e (insieme anche a Isabella Aguilar) “Il primo giorno della mia vita” (2022), con Toni Servillo, Margherita Buy, Valerio Mastandrea, Sara Serraiocco.

Con Liliana Cavani scrive (insieme a Carlo Rovelli) la sceneggiatura de “L’ordine del tempo”, liberamente tratta dall’omonimo libro di Rovelli, per la regia della stessa Cavani.

Nel 2021 dirige e scrive (con Antonella Lattanzi e Paolo Genovese) “Per tutta la vita”, con Ambra Angiolini, Luca Bizzarri, Carolina Crescentini, Claudia Gerini, Paolo Kessisoglu, Filippo Nigro, Claudia Pandolfi, Fabio Volo, Euridice Axen, Ivana Monti, Renato Scarpa, Pamela Villoresi.

Nel 2022 dirige e scrive (con Giacomo Ciarrapico, da una sceneggiatura originale di Cesc Gay) “Vicini di casa", con Claudio Bisio, Vittoria Puccini, Valentina Lodovini, Vinicio Marchioni.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ CIAK D’ORO 2016: TUTTI I VINCITORI, su ciakmagazine.it. URL consultato il 09/06/16 (archiviato dall'url originale il 12 aprile 2020).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN1177150869793722190002 · LCCN (ENno2018159776 · CONOR.SI (SL306527587 · WorldCat Identities (ENlccn-no2018159776