Tina Aumont

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Tina Aumont, all'anagrafe Marie Christine Aumont (Los Angeles, 14 febbraio 1946Port-Vendres, 28 ottobre 2006), è stata un'attrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Tina Aumont nacque a Hollywood, celeberrimo distretto di Los Angeles (California), il 14 febbraio 1946, figlia di Jean-Pierre Aumont, attore francese di origine ebraico-olandese, e dell'attrice dominicana María Montez[1]. Dopo un'infanzia e un'adolescenza difficili, anche per la prematura scomparsa della madre, si sposò nel 1963 con l'attore francese Christian Marquand, dal quale divorziò nel 1965[1].

Debuttò al cinema con il nome di Tina Marquand[1] nel 1966 in Modesty Blaise - La bellissima che uccide di Joseph Losey[2]. Nello stesso anno recitò in La calda preda di Roger Vadim, ed entrò in contatto con il cinema italiano, nell'ambito del quale avrà modo di intraprendere una lunga carriera: il suo primo ruolo fu quello di una delle amanti di Alberto Sordi in Scusi, lei è favorevole o contrario? (1966)[2]. Due anni più tardi recitò per Bernardo Bertolucci in Partner (1968).

Bella, con grandi occhi e labbra seducenti[2], negli anni successivi il cinema italiano le offrì numerose parti di donna di facili costumi[2], dall'erotismo malizioso e ribelle: nel 1968 interpretò la maga Circe nel Satyricon di Gian Luigi Polidoro, nel 1969 fu una delle conquiste di Giacomo Casanova in Infanzia, vocazione e prime esperienze di Giacomo Casanova, veneziano di Luigi Comencini. Impersonò un'amante poco rassicurante in Metello (1970) di Mauro Bolognini e venne scelta in due differenti occasioni da Tinto Brass, prima ne L'urlo (1968) e successivamente per Salon Kitty (1976).

Nel 1975 interpretò il ruolo dell'adultera ne Il messia di Roberto Rossellini e, nello stesso anno, quello di Henriette, giovane ragazza che fa (nuovamente) perdere la testa a Giacomo Casanova nel Casanova di Federico Fellini. È forse questo il ruolo per il quale Tina Aumont è principalmente nota al pubblico italiano.

Negli anni ottanta e novanta recitò per film minori e serie televisive francesi, ma con scarsa fortuna[2].

Morì nel 2006, all'età di 60 anni, per un'embolia polmonare. Negli ultimi anni di vita si era trasferita in Francia, nella regione dei Pirenei orientali. Riposa a Parigi nel cimitero di Montparnasse, accanto alla madre.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Tutto Cinema. Il libro degli attori, Rizzoli Editore, 1977, pag. 14
  2. ^ a b c d e Le Garzantine - Cinema, Garzanti, 2002, pag. 56-57

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN56305922 · LCCN: (ENno2003082165 · ISNI: (EN0000 0001 0903 4192 · GND: (DE138209014