Troppo per vivere... poco per morire

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Troppo per vivere... poco per morire
Troppo per vivere poco per morire.jpg
Claudio Brook e Sydney Chaplin in una scena del film
Titolo originale Troppo per vivere... poco per morire
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia, Francia
Anno 1967
Durata 90 min
Genere giallo
Regia Michele Lupo
Soggetto Sandro Continenza, Ernesto Gastaldi, Paolo Levi, Fabio Carpi
Sceneggiatura Sandro Continenza, Ernesto Gastaldi, Paolo Levi, Fabio Carpi
Produttore Edmondo Amati
Produttore esecutivo Maurizio Amati
Casa di produzione Fida Cinematografica
Fotografia Franco Villa, Stelvio Massi
Montaggio Antonietta Zita
Effetti speciali Eugenio Ascani
Musiche Francesco De Masi. La canzone L'uomo che saprà è cantata da Raoul Lovecchio
Scenografia Franco D'Andria
Costumi Walter Patriarca
Trucco Marcello Di Paolo, Giancarlo De Leonardis
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Troppo per vivere... poco per morire è un film del 1967 diretto da Michele Lupo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un branco di malviventi, d'accordo con una fotomodella, mette gli occhi su alcuni gioielli presentati durante una sfilata di moda ed indossati da stupende indossatrici. I diamanti, raccolti con pazienza ad opera di alcune associazioni di collezionisti, sono appartenuti a donne dell'alta società e, alcuni di essi, risalgono all'età dell'assolutismo francese. Tra sparatorie e colpi di scena la polizia, grazie all'aiuto di un agente e di una ragazza, riuscirà a salvare i preziosi.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Scotland Yard ha concesso il permesso di girare alcune sequenze nelle varie sedi.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema