Gianluca Curti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gianluca Curti (Roma, 20 ottobre 1963) è un produttore cinematografico, sceneggiatore e editore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio dell'attrice Leonora Ruffo e del produttore Ermanno Curti, inizia l'attività di produttore vincendo nel 1991 il premio del pubblico al Giffoni Film Festival con Buck ai confini del cielo, tratto dai racconti di Jack London, alla presenza del protagonista John Savage e del regista Tonino Ricci.

Nel 2001, in collaborazione con la Andy Warhol Foundation di Roma e con Stefano Curti, edita l'opera omnia cinematografica del padre della pop art. La sua opera di recupero, restauro e conservazione di varie pellicole del cinema mondiale ottiene vari riconoscimenti nei festival specializzati del settore.

Dal 1997 al 1999 co-produce il festival "Cinema e storia" di San Marino, il cui direttore artistico è Carlo Lizzani. Dal 2005 al 2010 produce e dirige il Reggio Calabria Film Fest, rassegna del cinema italiano. Nel 2010 è consulente artistico-editoriale del Bellaria Film Festival. È amministratore delegato della Minerva Pictures e del gruppo editoriale Minerva-RaroVideo. Da gennaio 2018 a gennaio 2019 è portavoce di CNA - Cinema e audiovisivo. Da febbraio 2019 ne è presidente nazionale.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

David di Donatello
Festival del cinema ritrovato
Giffoni Film Festival
  • 1991 - Premio del pubblico
Italian DVD Award
Nastro d'argento
  • 2009 - candidatura come Miglior produttore per Fortàpasc
  • 2012 - candidatura come Miglior produttore per Là-bas - Educazione criminale
  • 2017 - candidatura come Miglior produttore per Falchi
Taormina Film Fest
  • 2018 - Miglior produttore per Restiamo amici

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN5209490 · ISNI (EN0000 0000 1085 3809 · WorldCat Identities (ENlccn-no2009176698