Là-bas - Educazione criminale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Là-bas - Educazione criminale
Là-bas - Educazione criminalе.png
Una scena del film
Lingua originalefrancese, inglese, italiano, napoletano
Paese di produzioneItalia
Anno2011
Durata100 min
Generedrammatico
RegiaGuido Lombardi
SceneggiaturaGuido Lombardi
ProduttoreGaetano Di Vaio, Gianluca Curti, Pietro Pizzimento
Produttore esecutivoGennaro Fasolino
Casa di produzioneEskimo, Figli del Bronx, Minerva Pictures, Rai Fiction, Regione Campania
FotografiaFrancesca Amitrano
MontaggioAnnalisa Forgione, Beppe Leonetti
ScenografiaMaica Rotondo
CostumiFrancesca Balzano
Interpreti e personaggi
  • Kader Alasko Alassane: Yussouf
  • Moussa Mone: Moses
  • Esther Elisha: Suad
  • Salvatore Ruocco: Il Capoclan
  • Billi Serigne Faye: Germain
  • Alassane Doulougou: Idris
  • Fatima Traore: Asetù
  • Diallo Mamadou Tajou: Derron
  • Nsangu Maulidi Kagutta: Sakelè
  • Nelson Iyere: Jackson
  • Marco Mario de Notaris: Il chirurgo
Premi
Premio Bif&st 2012: miglior opera prima

Là-bas - Educazione criminale è un film del 2011 diretto da Guido Lombardi.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Yussouf, dopo essere stato mantenuto per anni da un suo zio africano residente in Italia, decide di partire dall'Africa alla volta di Castel Volturno nella speranza di una vita migliore. Ben presto scopre che la fortuna di suo zio deriva da introiti della droga, capo di uno dei tanti clan africani che si spartiscono la gestione dello spaccio nel territorio casalese.

Ma quello che Yussouf e i suoi amici e parenti non sanno è che i clan camorristici sono stanchi di rivaleggiarsi con gli immigrati sul "loro" territorio, ragion per cui la rivalità fra camorristi e spacciatori africani finirà in un bagno di sangue. Attratto dalla "via facile", come è chiamata dai suoi connazionali, ma preoccupato delle conseguenze, Yussouf dovrà scegliere se aggregarsi con lo zio o scegliere un'occupazione pulita.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006, il documentarista Guido Lombardi scrisse insieme ad alcuni collaboratori una sceneggiatura intitolata Là bas (let. "laggiù"), la cui storia trattava il fenomeno camorristico visto da un altro punto di vista: quello delle comunità di immigrati africani, e dello scontro fra le due realtà per il controllo del traffico di droga finito nel sangue. Il 18 settembre 2008, a Castel Volturno una squadra di sicari referente al clan dei casalesi entrò nel quartiere africano della città, uccidendo sei persone; la strage, dalla carta alla realtà, portò i produttori a rivedere il progetto, trasformandolo in un film basato proprio sulla vicenda.[1] Ad aiutarsi nella scrittura dei dialoghi e dei dettagli relativi le relazioni camorra-clan africani e rivalità interne la comunità africana, Lombardi si è avvalso della lettura di «atti processuali, ordinanze di carcerazione e verbali di magistrati» e della consulenza dello scrittore Sergio Nazzaro.[2]

Non appena il progetto del «Gomorra nero», come ribattezzato dai realizzatori, di Lombardi ottenne visibilità, Rai Fiction, Eskimo, Minerva Pictures e Figli del Bronx di Gaetano Di Vaio si accordarono per coprodurlo.

Dopo i primi movimenti dei produttori sul territorio (es. volantinaggio, avvisi di ricerca attori per provini), Di Vaio, il produttore Dario Formisano e Maurizio Gemma, direttore generale di Film Commission Campania, furono convocati alla sede del Comune di Castel Volturno dal sindaco Antonio Scalzone per ragguagli e potenziali concordati fra le istituzioni locali e i produttori. L'incontro, definito «cordiale» da Di Vaio, nonostante le buone premesse, non fruttò alcuna intesa di partenariato per le due parti.[3] Forse per la mancata apertura al film, Di Vaio, in un'intervista, criticò il comportamento di Scalzone, parlando di presunti tentativi di boicottaggio alla realizzazione da lui attuati [4]. Il sindaco, da parte sua, replicò alle accuse con una missiva alla redazione di Campania C'Entro, spiegando che alla natura dei suoi gesti, interpretati come mosse di boicottaggio, vi sarebbe stata la volontà di difendere il nome della città da ulteriori spettacolarizzazioni alla luce dell'eco propagatosi a livello internazionale della strage e quindi di volere conoscere nei dettagli la natura del progetto [3][5]

A promuovere il film a livello casalese, il gruppo dei Missionari Comboniani e il centro migranti Mammut [4].

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Dopo un processo di casting durato più di un anno coadiuvato da Film Commission Regione Campania, Assessorato regionale al lavoro Campania e Gesco Campania, furono scelti veri immigrati senza esperienze artistiche al fine di rendere più realistica l'opera. Il beninese Abdou "Alasko" Kader fu confermato come protagonista a fianco di Mose Mone, Suad Elisha, Asetù Fatima Traore e Germain Billi Serigne Faye in altri ruoli [6]. L'unica eccezione nel cast è rappresentata dall'attrice di cinema e teatro Esther Elisha.[7][8]

Secondo Guido Lombardi, sarebbe emerso dalle diverse audizioni tenute «che la zona della sparatoria, dove bazzicano trafficanti ghanesi, sia stata addirittura indicata da un nigeriano rivale», lasciando «intuire quale scontro vi sia tra le etnie e i clan che operano tra Pescopagano-Baia Verde-Castel Volturno e il Lago Patria».[2]

Gli unici attori professionisti sono: Salvatore Ruocco, che recita nel ruolo di Giuseppe Setola, capo dei casalesi e ideatore della strage, e Marco Mario de Notaris.[9]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese sono state realizzate a Castel Volturno tra l'ottobre e il dicembre 2010.[2] Il film è stato girato al 90% in lingua inglese e francese.[10]

« Noi lavoriamo su quello che accade in quella zona da prima ancora della strage, prima con un progetto che voleva raccontare la storia di immigrazione di un ragazzo del Burkina Faso che cerca di ribellarsi al reclutamento dei casalesi e viene coinvolto in un grave fatto di sangue, poi la realtà nel 2008 ci ha superati, così abbiamo deciso di orientare la sceneggiatura raccontando quello che veramente è accaduto. Abbiamo girato tutto nei luoghi veri, a Castel Volturno e coinvolgendo gli immigrati, facendo loro provini da attori ma utilizzandoli nel modo più naturale possibile. »

(Gaetano Di Vaio sul film.[4])

Post produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è entrato in postproduzione nel dicembre 2010[2][4][11].

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer è stato pubblicato su YouTube il 24 agosto 2011 dal canale ufficiale di Guido Lombardi.[12]

Durante la gara alla Settimana della Critica del festival di Venezia 2011, il 5 settembre, è stato ricreato un finto sbarco di clandestini con gommone sul lido veneziano con a bordo i protagonisti dell'opera per promuovere il titolo e, nel contempo, dare un messaggio nel contesto mediatico e sociale sull'immigrazione creatosi in Italia.[13][14][15]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 dicembre 2010, alla presenza speciale di Abel Ferrara, furono proiettati i primi sei minuti estratti dal film, ancora in fase di montaggio [2], alla 15ª edizione del Capri Hollywood.

È stato tra i finalisti dell'edizione 2010 del Sonar Script Festival, all'interno della categoria Sonar Script.[16][17] Inoltre, è stato presentato dalla Minerva Pictures al Martin Gropius Bau all'interno dell'EFM di Berlino nel febbraio 2011.[18]

Nell'aprile 2011, Gaetano di Vaio, presidente di Figli del Bronx, parlò all'Ansa del film, esprimendo la sua speranza nel potere vedere gareggiare il film al Quinzaine des Realisateurs, selezione parallela interna al festival di Cannes 2011 [4][19][20][21][22], ma il titolo non figurò alla pubblicazione dell'elenco dei candidati ufficiali alla selezione. Di partecipare a Cannes 2011, se ne era già parlato alcuni mesi addietro, durante l'anteprima del film al Capri Hollywood 2010.

Dopo aver espresso interesse nel partecipare al festival di Venezia 2011 [8], a fine luglio il film fu confermato nella lista dei titoli in concorso alla 26ª Settimana Internazionale della Critica, un cartello integrato alla Mostra istituito dal Sindacato Critici Cinematografici. La Bâs fu scelto da un gruppo di 4 critici, valicando gli altri circa 300 titoli in gara per l'evento.[10][23][24].

Il film dovrebbe essere distribuito da 01 Distribution. L'uscita era originariamente prevista per il periodo aprile/maggio 2011.[18]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il film è interamente girato con Canon 5D e Canon 7D.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Film sulla camorra con veri immigrati punta a Cannes
  2. ^ a b c d e Gianni Valentino. 'Così racconto in un film il mondo degli immigrati'. La strage. La Repubblica, 12-01-2011 (ultimo accesso il 17-03-2011).
  3. ^ a b 'La Bas/Scalzone'. Non abbiamo mai inteso offendere il territorio di Castel Volturno. Campania C'Entro, 18-04-2011 (ultimo accesso il 12-05-2011).
  4. ^ a b c d e La Strage di Castel Volturno diventa film. Caserta On, 15-04-2011 (ultimo accesso il 12-05-2011).
  5. ^ Strage della Domiziana, la polemica sul film. La replica di Antonio Scalzone accusato di aver boicottato 'Là bas'. Campani C'Entro, 16-04-2011 (ultimo accesso il 12-05-2011).
  6. ^ Luca Marconi. La strage di Setola va a Venezia. Il Corriere del Mezzogiorno, 26-05-2011 (ultimo accesso il 14-08-2011).
  7. ^ Esther Elisha. NCE Italiana, (ultimo accesso il 17-03-2011).
  8. ^ a b Diego Del Pozzo. L'universo di Gomorra visto dagli immigrati. Il Mattino, 30-12-2010 (ultimo accesso il 12-05-2011).
  9. ^ L'attore Salvatore Ruocco, sempre più richiesto[collegamento interrotto]. Articolando, 05-02-2011 (ultimo accesso il 20-05-2011).
  10. ^ a b Maurizio Di Rienzo. Settimana internazionale della Critica a Venezia. Max, Ed. 26 del 07-2011 (ultimo accesso il 14-08-2011).
  11. ^ Notifica Minerva 23-12-2010[collegamento interrotto]. Minerva Pictures, 23-12-2010 (ultimo accesso il 20-05-2011).
  12. ^ Trailer del film su YouTube, 24-08-2011 (ultimo accesso il 31-08-2011).
  13. ^ Foto Venezia 68: sbarcano i clandestini - Yahoo! Cinema Italia
  14. ^ Lo sbarco degli extracomunitari di la-Bas - Photostory Spettacolo - ANSA.it
  15. ^ http://www.minervapictures.com/Documenti/L%C3%A0%20bas_rassegna%20stampa_30dicembre-18aprile.PDF[collegamento interrotto]
  16. ^ Sonar Script Festival 2010 Archiviato il 3 settembre 2011 in Internet Archive.. Sonar Script Festival, (ultimo accesso il 20-05-2011).
  17. ^ Giuria 2010 Archiviato il 25 settembre 2011 in Internet Archive.. Racconti di cinema, (ultimo accesso il 20-05-2011).
  18. ^ a b Michela Greco. Minerva presenta a Berlino "Là-bas", il "Gomorra" nero[collegamento interrotto]. News Cinecittà, 14-02-2011 (ultimo accesso il 20-05-2011).
  19. ^ Al Festival di Cannes Là-Bas. Minerva Pictures, 11-05-2011 (ultimo accesso il 12-05-2011).
  20. ^ Un film su strage Castel Volturno. Ansa, 15-04-2011 (ultimo accesso il 12-05-2011).
  21. ^ Cannes: in gara per la Quinzaine "La Bas" di Guido Lombardi[collegamento interrotto]. La Stampa del Mezzogiorno, (ultimo accesso il 12-05-2011).
  22. ^ Al festival di Cannes "La Bas", film sulla strage di Castel Volturno Archiviato il 24 aprile 2011 in Internet Archive.. Caserta News, 16-04-2011 (ultimo accesso il 12-05-2011).
  23. ^ La-Bas, noir su immigrazione e camorra. Ansa, 25-07-2011 (ultimo accesso il 14-08-2011).
  24. ^ Due italiani alla Settimana. Il Sole 24 Ore, 25-07-2011 (ultimo accesso il 14-08-2011).
  25. ^ CANDIDATURE PREMI DAVID 2011-2012, daviddidonatello.it. URL consultato il 13 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2012).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema