Marco Spagnoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Marco Spagnoli (Napoli, 23 giugno 1970) è un critico cinematografico, giornalista, regista, e sceneggiatore italiano.

Nel 1995 si laurea in Storia delle Istituzioni Sociali e politiche alla facoltà di filosofia e si occupa da circa vent'anni di cinema e spettacolo. È principalmente noto per i suoi documentari sul cinema, in particolare sul rapporto fra il cinema italiano e quello statunitense e per i suoi diversi lavori biografici su importanti personalità che hanno contribuito al successo di Cinecittà. Alterna la sua attività di sceneggiatore e regista a quella di critico cinematografico e giornalista in diverse riviste cartacee e redazioni web nel settore cinema e spettacolo. Nel 2009 Hollywood sul Tevere ottiene diverse nomination al Nastro d'argento e al David di Donatello, nel 2011 riceve una nomination al premio Focal grazie a Hollywood Invasion[1] e nel 2015 gli viene assegnato un Nastro d'Argento Speciale per Walt Disney e l'Italia - Una storia d'amore, Sophia racconta la Loren e Enrico Lucherini - Ne ho fatte di tutti i colori, quest'ultimo nominato nuovamente al David.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista e sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Documentari

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ biografia su mymovies.it, mymovies.it. URL consultato il 12 febbraio 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN43675066