Ferrovia Campiglia Marittima-Piombino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Campiglia Marittima-Piombino
Stati attraversati Italia Italia
Lunghezza 16 km
Apertura 1892
Gestore RFI
Scartamento 1 435 mm
Elettrificazione 3 000 V =
Ferrovie

La ferrovia Campiglia Marittima-Piombino, è una diramazione della ferrovia Roma-Pisa, che dalla stazione di Campiglia Marittima (presso la cittadina di Venturina) permette di raggiungere il centro della città di Piombino ed il suo porto.

La tratta finale lato Campiglia, in prossimità della connessione con la linea Tirrenica. Sullo sfondo la cittadina di Venturina.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 aprile 1892 fu inaugurata la tratta ferroviaria da Campiglia Marittima a Piombino, della lunghezza di circa 15 km, con lo scopo di servire la città di Piombino e supportarne lo sviluppo industriale, principalmente legato agli importanti stabilimenti siderurgici.

Il 1º marzo 1961 venne attivata un'ulteriore tratta da Piombino al terminale di Piombino Marittima[1], costruito in prossimità dell'imbarco portuale, allo scopo di agevolare il traffico di passeggeri diretto verso Isola d'Elba e supportarne lo sviluppo turistico.

Il 2 ottobre 1985 venne attivato il raddoppio del binario fra la stazione di Populonia e la nuova stazione di Fiorentina di Piombino[2].

Nei primi anni novanta venne costruita una nuova stazione terminale sopraelevata a Piombino Marittima, mentre la stazione di Portovecchio di Piombino è stata dismessa pochi anni dopo, a causa dello scarso traffico. Recentemente[Quando?] è stata però avanzata l'ipotesi di riaprirla per supportare ulteriormente lo sviluppo del porto. Progetti ancora più recenti[Quando??] ipotizzano il completamento del raddoppio su tutta la linea.

Oggi vi si sovrappongono il traffico merci verso i tuttora esistenti stabilimenti siderurgici, in particolare per il trasporto dei prodotti dello stabilimento siderurgico Lucchini-Severstal (tra i quali hanno grande importanza le rotaie stesse), il traffico dei pendolari ed il traffico turistico per le isole servite dal porto di Piombino, detto porto serve le linee traghetto per l'Isola d'Elba (Portoferraio, Porto Azzurro, Rio Marina, Cavo), per Pianosa, Sardegna (Olbia) e Corsica (Bastia): è uno dei pochi casi in Italia dove è ancora presente un interscambio treno – nave.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Stazioni e fermate
Continuation backward
linea per Roma
Station on track
0+000 Campiglia Marittima 7 m s.l.m.
Unknown route-map component "kABZg3"
deviatoio Baratti
Unknown route-map component "CONTgq" Unknown route-map component "kABZr+12" Unknown route-map component "STR+k34"
deviatoio Piazzalone linea per Livorno
Unknown route-map component "kABZg+4"
Stop on track
4+871 Populonia 8 m s.l.m.
Non-passenger station/depot on track
7+914 Fiorentina di Piombino (* 1985, termine doppio binario) 6 m s.l.m.
Unknown route-map component "eHST"
Fiorentina di Piombino † 1985)
Unknown route-map component "SKRZ-G2u"
SP 23 bis raccordo S.G.C. Aurelia
Junction to left Unknown route-map component "CONTfq"
raccordo Stabilimenti
Enter and exit tunnel
Galleria Capezzòlo
Non-passenger station/depot on track
13+381 (0+467) Portovecchio di Piombino 4 m s.l.m.
Junction from left Track turning from right
End station Straight track
13+848 (0+000) Piombino 18 m s.l.m.
End stop Pier
(1+228) Piombino Marittima

La linea è interamente a trazione elettrica, a 3000 Volt a corrente continua. Il binario è doppio nella tratta da Campiglia Marittima a Fiorentina di Piombino ed unico da quest'ultima a Piombino e Piombino Marittima. Il collegamento alla linea "tirrenica" Pisa-Roma è realizzato mediante un raccordo "a triangolo" che permette ai treni provenienti da Campiglia Marittima e da Pisa di non effettuare regresso (inversione di marcia). Il regresso è invece necessario nella stazione di Piombino (in quanto stazione di testa o terminale) per il traffico da Campiglia Marittima a Piombino Marittima e viceversa. Il regresso è altresì necessario presso la stazione di Campiglia Marittima per i treni che, seppur diretti o provenienti da nord (Pisa), vogliano fare fermata anche in questa stazione. È presente una galleria tra le stazioni di Fiorentina di Piombino e Portovecchio di Piombino all'altezza della frazione del Gagno, in corrispondenza del monte del Capezzòlo. Dalla metà degli anni novanta la stazione di Fiorentina di Piombino supporta solamente traffico merci, in particolare gestisce la diramazione non elettrificata a binario unico che qui ha origine e la collega alla rete interna di proprietà degli stabilimenti siderurgici Lucchini-Severstal di Piombino (produzione Acciaio). In prossimità della stazione di Fiorentina la ferrovia è superata, mediante cavalcavia, dal raccordo stradale verso la Strada statale 398 Via Val di Cornia che a sua volta collega Piombino alla strada di grande comunicazione (S.G.C.) SS1 Aurelia.

È attivo anche un servizio di autobus a integrazione di quello ferroviario ma, soprattutto nel periodo estivo, può risentire delle condizioni del traffico, visto anche che Piombino è collegato all'entroterra mediante una sola strada.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ordine di Servizio n. 20 del 1961
  2. ^ "Notizia flash" su "I Treni" n. 55 (novembre 1985), p. 8

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]