Stazione di Piombino Marittima

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Piombino Marittima
Piombino Fascio Binari Mare
stazione ferroviaria
Stazione del porto di piombino.JPG
La struttura vista da Piazzale Premuda
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàPiazzale Premuda, Piombino (LI)
Coordinate42°55′43.29″N 10°32′41.67″E / 42.928692°N 10.544908°E42.928692; 10.544908Coordinate: 42°55′43.29″N 10°32′41.67″E / 42.928692°N 10.544908°E42.928692; 10.544908
LineeCampigla M.-Piombino M.
Caratteristiche
Tipofermata di testa in superficie, sopraelevata
Stato attualeIn uso
Attivazione1991
Binari1
InterscambiAutobus urbani, extraurbani, traghetti e catamarano

La stazione di Piombino Marittima, utilizzata unicamente per il traffico passeggeri, è una stazione terminale della Ferrovia Campiglia Marittima-Piombino Marittima, di cui costituisce un capolinea. Lo scalo è classificato da RFI nella categoria "Silver".[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima stazione venne attivata il 1º marzo 1961, insieme alla nuova tratta ferroviaria da Piombino[2]. La stazione era costituita da un binario che percorreva uno dei moli per tutta la sua lunghezza. Nel punto di incrocio con la viabilità stradale era presente un passaggio a livello, posto a monte della sezione deputata alla sosta dei convogli per le operazioni di salita e discesa.

L'incidente del 31 luglio 1983

Il 31 luglio 1983 si verificò un grave incidente: il convoglio Freccia dell'Elba in marcia verso la stazione di Piombino Marittima, nell'approssimarsi a quest'ultima non riesce ad attuare correttamente le operazioni di frenatura, impatta, col terminale posto sul molo al termine dei binari, lo abbatte e conclude la propria corsa in mare. L'elettromotrice di testa ALe 840 ne risultò completamente immersa, seguita dalla rimorchiata Le 800.005 che si immerse anch'essa parzialmente in acqua, rimanendo in bilico sul bordo del molo; il resto del convoglio, composto da un'altra rimorchiata e dall'elettromotrice di coda, rimasero sul molo risultando gravemente danneggiate dall'impatto[3]. Solo per fortunata casualità l'incidente non provocò vittime o feriti: il treno era privo di passeggeri ed il percorso ferroviario, in parte a raso, è sgombro da persone o mezzi. Il personale di macchina riuscì a salvarsi senza danni gettandosi dal treno in corsa.

Valutazioni successive all'incidente depongono a favore della realizzazione di una stazione arretrata e sopraelevata, in modo da eliminare gli attraversamenti con la viabilità stradale e ridurre la pendenza della linea, critica per la frenatura dei mezzi. La nuova stazione terminale, ancora una volta realizzata ad un solo binario, viene inaugurata nel 1991.

La stazione riveste particolare importanza specie nel periodo estivo per i turisti diretti all'Isola d'Elba.

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

La stazione dispone di:

  • Edicola Edicola
  • Biglietteria Trenitalia (anche automatica)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ www.rfi.it, Stazioni della Toscana, su rfi.it. URL consultato il 17-11-2008 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2012).
  2. ^ Ordine di Servizio n. 20 del 1961
  3. ^ LA FERROVIA DELLA VAL DI CORNIA TRA CAMPIGLIA MARITTIMA E PIOMBINO, su lestradeferrate.it. URL consultato il 2 aprile 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]