Doug Aldrich

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Doug Aldrich
Doug Aldrich con gli Whitesnake nel 2008
Doug Aldrich con gli Whitesnake nel 2008
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Heavy metal
Pop metal
Hard rock
Album-oriented rock
Periodo di attività 1986 – in attività
Strumento Chitarra
Gruppo attuale Burning Rain
Steam Roller
Revolution Saints
Gruppi precedenti Lion
Hurricane
House of Lords
Bad Moon Rising
Dio
Whitesnake
Album pubblicati 4 (solista)
Studio 4
Sito web

Doug Aldrich (Raleigh, 19 febbraio 1964) è un chitarrista heavy metal statunitense.

Attualmente fa parte dei The Dead Daisies con i quali ha registrato il disco "Make Some Noise", in uscita ad agosto 2016.

Ha militato in gruppi quali Whitesnake, Dio, Lion, Bad Moon Rising, Hurricane, House of Lords, Burning Rain, Steam Roller e Revolution Saints.

Aldrich è stato per anni endorser della Jackson Guitars. Ha utilizzato i loro Super Strat Dinky e Soloist, così come un personale modello costruito su misura dalla Seymour Duncan.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Aldrich cominciò a suonare la chitarra all'età di 11 anni dopo che sua sorella Jennifer gli fece ascoltare Jeff Beck. La sua prima chitarra fu un modello Les Paul comprato presso un centro Sears. Aldrich fece un provino per i Kiss.[1] Non ottenne il posto nella band ma in quella stessa occasione incontrò Gene Simmons, con cui strinse una sincera amicizia durata nel corso degli anni. Aldrich è stato anche un insegnante di chitarra molto richiesto, per un periodo è arrivato ad avere oltre 70 studenti a settimana.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Solista[modifica | modifica wikitesto]

Lion[modifica | modifica wikitesto]

Hurricane[modifica | modifica wikitesto]

House of Lords[modifica | modifica wikitesto]

Bad Moon Rising[modifica | modifica wikitesto]

Burning Rain[modifica | modifica wikitesto]

Dio[modifica | modifica wikitesto]

Whitesnake[modifica | modifica wikitesto]

Revolution Saints[modifica | modifica wikitesto]

Altri album[modifica | modifica wikitesto]

Tribute album[modifica | modifica wikitesto]

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Classic Rock presents Whitesnake The Official Magazine pg.127

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN224796837 · ISNI: (EN0000 0003 6264 2722 · BNF: (FRcb140071011 (data)