Forevermore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Forevermore
Artista Whitesnake
Tipo album Studio
Pubblicazione 9 marzo 2011
(vedi date di pubblicazione)
Durata 63:31
Dischi 1
Tracce 13
Genere Hard rock
Heavy metal
Blues rock
Etichetta Frontiers (Europa)
WEA (Giappone)
Produttore Los Bros Brutalos (David Coverdale, Doug Aldrich, Michael McIntyre)
Registrazione 2010 – Snakebyte Studios and Grumblenott Studios & Villas, Lake Tahoe, Nevada, Casa Dala, Sherman Oaks, Entourage Studios, North Hollywood, California
Formati CD, LP, download digitale
Whitesnake - cronologia
Album precedente
(2008)
Album successivo
(2011)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic[1] 3.5/5 stelle
Blabbermouth.net[2] 8.5/10 stelle
The Guardian[3] 2/5 stelle

Forevermore è l'undicesimo album in studio del gruppo musicale britannico Whitesnake, pubblicato il 9 marzo 2011 dalla Frontiers Records.

L'album ha debuttato alla 49ª posizione della Billboard 200, vendendo 12.000 copie nella prima settimana di pubblicazione.[4] Al maggio del 2015, aveva venduto oltre 44.000 copie nei soli Stati Uniti.[5]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2008 i Whitesnake hanno pubblicato il loro primo album in studio dopo oltre un decennio, Good to Be Bad. Il disco è stato ben accolto sia dalla critica che dal pubblico. Nel 2009 il chitarrista del gruppo Doug Aldrich ha rivelato di essere al lavoro per la composizione di nuovo materiale in vista di un prossimo album, mentre nel febbraio 2011 ha svelato i primi dettagli sul disco.[6]

Il frontman David Coverdale ha dichiarato che Forevermore secondo lui «abbraccia ancora tutti quegli elementi che hanno reso famosi gli Whitesnake».[7]

Tour[modifica | modifica wikitesto]

Il tour mondiale dell'album è partito a Westbury, New York, l'11 maggio 2011. Le date statunitensi sono state seguite da concerti in Europa, Sud America e Asia. Il tour è arrivato a toccare 40 paesi diversi. La serie di concerti si è conclusa l'8 dicembre 2011 a Wolverhampton, in Inghilterra. Durante il tour sono state presentate dal vivo sei canzoni del nuovo album. Gli ex chitarristi della band, Adrian Vandenberg e Bernie Marsden, sono saliti sul palco come ospiti speciali in occasione di quattro concerti.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di David Coverdale e Doug Aldrich.

  1. Steal Your Heart Away – 5:18
  2. All Out of Luck – 5:28
  3. Love Will Set You Free – 3:52
  4. Easier Said Than Done – 5:13
  5. Tell Me How – 4:41
  6. I Need You (Shine a Light) – 3:49
  7. One of These Days – 4:53
  8. Love and Treat Me Right – 4:14
  9. Dogs in the Street – 3:48
  10. Fare Thee Well – 5:18
  11. Whipping Boy Blues – 5:02
  12. My Evil Ways – 4:33
  13. Forevermore – 7:22
Traccia bonus dell'edizione giapponese
  1. Whipping Boy Blues (Swamp mix) – 6:06
Tracce bonus dell'edizione deluxe
  1. Love Will Set You Free (Alternative mix) – 4:09
  2. Forevermore (Acoustic version) – 4:42
  3. My Evil Ways (My Evil Drums Mix) – 4:50
Tracce bonus dell'edizione iTunes
  1. Love Will Set You Free (Alternative mix) – 4:09
  2. Forevermore (Acoustic version) – 4:42
  3. Love Will Set You Free (Video) – 3:51

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2011) Posizione
massima
Austria[8] 27
Belgio (Fiandre)[8] 63
Belgio (Vallonia)[8] 37
Finlandia[8] 11
Francia[8] 124
Germania[8] 16
Giappone[9] 18
Italia[8] 41
Norvegia[8] 16
Paesi Bassi[8] 42
Polonia[10] 42
Regno Unito[11] 33
Regno Unito (rock & metal)[12] 2
Repubblica Ceca[13] 15
Scozia[14] 34
Stati Uniti[15] 49
Stati Uniti (hard rock)[15] 5
Stati Uniti (independent)[15] 10
Stati Uniti (rock)[15] 13
Stati Uniti (tastemaker)[15] 3
Svezia[8] 6
Svizzera[8] 17
Ungheria[16] 23

Date di pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

Luogo Data
Giappone 9 marzo 2011[17]
Austria 25 marzo 2011
Belgio
Germania
Paesi Bassi
Svizzera
Finlandia 28 marzo 2011
Norvegia
Svezia
Canada 29 marzo 2011[18]
Italia
Stati Uniti
Francia 31 marzo 2011[19]
Regno Unito 18 aprile 2011[20]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Thom Jurek, Forevermore, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 13 giugno 2015.
  2. ^ (EN) Scott Alisoglu, Whitesnake: "Forevermore", Blabbermouth.net. URL consultato il 13 giugno 2015.
  3. ^ (EN) Michael Hann, Whitesnake: Forevermore – review, The Guardian, 21 aprile 2011. URL consultato il 13 giugno 2015.
  4. ^ (EN) WHITESNAKE Frontman: 'I Don't Accept That People Don't Buy Records Anymore', Blabbermouth.net, 18 maggio 2011. URL consultato il 4 luglio 2011.
  5. ^ (EN) Upcoming Releases, su Hits Daily Double, HITS Digital Ventures. URL consultato il 6 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 15 maggio 2015).
  6. ^ (EN) WHITESNAKE Guitarist Discusses Making Of 'Forevermore' In New Interview – Feb. 20, 2011, Blabbermouth.net. URL consultato il 4 luglio 2011.
  7. ^ (EN) COVERDALE Says 'Forevermore' Embraces Elements That Drew Fans To WHITESNAKE in First Place – Apr. 1, 2011, Blabbermouth.net. URL consultato il 4 luglio 2011.
  8. ^ a b c d e f g h i j k (NL) Whitesnake - Forevermore, Ultratop. URL consultato il 13 giugno 2015.
  9. ^ (JA) Japan Charts – Whitesnake – Forevermore, Oricon. URL consultato il 13 giugno 2015.
  10. ^ (EN) OLiS - Sales for the period 28.03.2011 - 03.04.2011, OLiS. URL consultato il 13 giugno 2015.
  11. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100: 24 April 2011 - 30 April 2011, Official Charts Company. URL consultato il 13 giugno 2015.
  12. ^ (EN) Official Rock & Metal Albums Chart Top 40: 24 April 2011 - 30 April 2011, Official Charts Company. URL consultato il 13 giugno 2015.
  13. ^ (CS) Hitparáda – Týden – 13. 2011., International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 13 giugno 2015.
  14. ^ (EN) Official Scottish Albums Chart Top 100: 24 April 2011 - 30 April 2011, Official Charts Company. URL consultato il 13 giugno 2015.
  15. ^ a b c d e (EN) Whitesnake - Chart history, Billboard. URL consultato il 13 giugno 2015.
  16. ^ (HU) Top 40 album-, DVD- és válogatáslemez-lista: 2011. 14. hét, Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 13 giugno 2015.
  17. ^ Amazon.co.jp, Amazon.co.jp. URL consultato il 4 luglio 2011.
  18. ^ (EN) WHITESNAKE – Forevermore Tracklisting, Release Dates Revealed; New Song Streaming, Brave Words & Bloody Knuckles. URL consultato il 4 luglio 2011.
  19. ^ Amazon.fr, Amazon.fr. URL consultato il 4 luglio 2011.
  20. ^ Amazon.co.uk, Amazon.co.uk. URL consultato il 4 luglio 2011.