Don't Break My Heart Again

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il singolo di Pat Green del 2004, vedi Don't Break My Heart Again (Pat Green).
Don't Break My Heart Again
ArtistaWhitesnake
Tipo albumSingolo
Pubblicazione1981
Durata4:04
Album di provenienzaCome an' Get It
GenereHard rock
Blues rock
EtichettaEMI
ProduttoreMartin Birch
Registrazione1980
FormatiVinile
Whitesnake - cronologia
Singolo successivo
(1981)

Don't Break My Heart Again è una canzone del gruppo musicale britannico Whitesnake, pubblicata come singolo di lancio dell'album Come an' Get It nel 1981.

Si tratta del loro secondo singolo di successo dopo Fool for Your Loving, avendo raggiunto la posizione numero 17 nelle classifiche inglesi.[1]

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Scritta dal cantante David Coverdale, la canzone parte con un'introduzione di tastiere di organo di Jon Lord, accompagnato dal basso di Neil Murray e dalla batteria di Ian Paice, per poi vedere l'entrata delle chitarre e della voce di Coverdale. Secondo i racconti del cantante questa canzone è ispirata, come anche Fool for Your Loving, dalla fine del suo primo matrimonio.

È rimasto uno dei brani più popolari degli Whitesnake, suonato dal vivo fino al 1985, anno dopo il quale è stato completamente rivoluzionato l'organico e di conseguenza il repertorio della band. La canzone è stata recuperata dopo la ricostituzione della band nel 2002. Il chitarrista Doug Aldrich ha citato Don't Break My Heart Again come una delle sue canzoni preferite degli Whitesnake.[2]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Don't Break My Heart Again – 4:04 (David Coverdale)
  2. Child of Babylon – 4:50 (Coverdale, Bernie Marsden)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Whitesnake chart stats, su chartstats.com (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2012).
  2. ^ (EN) Doug Aldrich: Epically Obsessed!, Classic Rock Revisited. URL consultato il 13 novembre 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]