Clockwork Angels

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Clockwork Angels
ArtistaRush
Tipo albumStudio
Pubblicazionegiugno 2012
Durata66:04
Dischi1
Tracce12
GenereRock progressivo
Hard rock
EtichettaAnthem Records
Roadrunner Records
ProduttoreNick Raskulinecz, Rush
ArrangiamentiRush, Nick Raskulinecz
NoteTour promozionale collegato: Clockwork Angels Tour
Rush - cronologia
Album successivo
(2013)
Singoli
  1. Caravan/BU2B
    Pubblicato: 2010
  2. Headlong Flight (Radio Edit)/Headlong Flight[1]
    Pubblicato: 2012
  3. The Wreckers (Radio Edit)/The Wreckers[2]
    Pubblicato: 2012
  4. The Anarchist (Radio Edit)/The Anarchist[3]
    Pubblicato: 2013
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
All Music Guide[4] 4/5 stelle

Clockwork Angels è il ventesimo album in studio (ma il diciannovesimo composto da materiale originale) del gruppo rock canadese Rush, uscito in contemporanea mondiale il 12 giugno 2012. Due brani dell'album, Caravan e BU2B, sono stati registrati al Blackbird Studio di Nashville, Tennessee nell'aprile 2010 e pubblicati come singolo già nel giugno 2010; tutti gli altri pezzi sono stati registrati nel periodo ottobre/dicembre 2011 presso gli studi Revolution Recording di Toronto, Ontario. Le orchestrazioni sono state registrate nel gennaio 2012 presso lo studio Ocean Way Studios di Los Angeles, California. L'album è stato mixato nel periodo gennaio/marzo 2012 agli Henson Studios, sempre a Los Angeles[5]. L'album nel 2013 si aggiudica un Juno Award nella categoria "Album Rock dell'anno"[6].

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Promozione e pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

Due brani dell'album, Caravan e BU2B, sono stati pubblicati e resi disponibili alle stazioni radio e per il download digitale il 1º giugno 2010. A seguito della pubblicazione di queste due canzoni, la band ha intrapreso il Time Machine Tour nel 2010 e 2011. Il tour è stato anche caratterizzato dalle prime esibizioni dei due nuovi pezzi, introdotte nella scaletta dei concerti. Clockwork Angels è stato completato a seguito di questo tour. Il successivo singolo estratto dall'album, intitolato Headlong Flight, è stato pubblicato il 19 aprile 2012; il mese seguente, il 12 giugno 2012, è stato pubblicato il full-length Clockwork Angels. Un altro estratto dall'album, The Wreckers, è stato reso disponibile nelle radio nord americane a partire dal 25 luglio. Un nuovo singolo promozionale, The Anarchist, lanciato il 20 febbraio 2013, ha anticipato la seconda parte del Clockwork Angels Tour.

Influenze e direzioni musicali[modifica | modifica wikitesto]

Clockwork Angels è una vera e propria rock opera, dato che tutte le canzoni che lo compongono trattano una unica narrazione. I Rush non realizzavano opere di così ampio respiro dal 1978, con Cygnus X-1 book 2 - Hemispheres, dall'album Hemispheres, dove comunque la composizione non interessava tutto l'album, ma solo parte di esso.

Dai testi dell'album, scritti da Neil Peart, è stato tratto un romanzo scritto da Kevin J. Anderson[7]. Quest'ultimo descrive così la trama del concept album: "Un giovane nella ricerca di inseguire i propri sogni, è imprigionato tra le grandiose forze dell'ordine e del caos. Esso viaggia in un mondo steampunk e alchemico ricco e colorato, con città perdute, pirati, anarchici, carnevali esotici ed un inflessibile Orologiaio che impone la precisione in ogni aspetto della vita quotidiana."

Clockwork Angels è stato accolto in maniera molto favorevole sia dai fans che dalla critica: Classic Rock lo ha valutato con 9/10 e lo ha definito come la migliore produzione dei Rush degli ultimi 30 anni[8]; Martin Popoff di Brave Words & Bloody Knuckles, che lo ha valutato con 10/10, ha detto dell'album: "Non si può negare che ci sia più determinazione e chiarezza qui che in qualsiasi altro album dei Rush"[9].

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • L'orologio in copertina indica le ore 21 e 12 minuti, riprendendo il titolo dell'album 2112.
  • Le copertine della versione CD e vinile sono differenti tra loro.
  • Le vicende narrate nell'album hanno dato origine, oltre che all'omonimo romanzo di Kevin J. Anderson, anche a una storia a fumetti.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi di Neil Peart, musiche di Geddy Lee e Alex Lifeson.

  1. Caravan – 5:40
  2. BU2B – 5:10
  3. Clockwork Angels – 7:31
  4. The Anarchist – 6:52
  5. Carnies – 4:52
  6. Halo Effect – 3:14
  7. Seven Cities of Gold – 6:32
  8. The Wreckers – 5:01
  9. Headlong Flight – 7:20
  10. BU2B2 – 1:28
  11. Wish Them Well – 5:25
  12. The Garden – 6:59

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2012) Posizione
massima
Stati Uniti[5] 2

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Clockwork Angels è stato eletto "Album dell'anno" ai Progressive Music Awards[10] ed anche dalla rivista Classic Rock[11].

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo
Altri musicisti

Principali edizioni e formati[modifica | modifica wikitesto]

Clockwork Angels è stato pubblicato in varie edizioni e formati; queste le principali[12]:

  • 2012, Anthem Records (solo Canada), formato: CD
  • 2012, Roadrunner Records, formato: CD, doppio LP (vinile 180 g.)
  • 2012, Roadrunner Records/Classic Rock, formato: CD + numero speciale monografico di Classic Rock (solo Regno Unito)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rush Single: Headlong Flight
  2. ^ Rush Single: The Wreckers
  3. ^ Rush Single: The Anarchist
  4. ^ Rush | Discography | AllMusic
  5. ^ a b "Clockwork Angels" linternotes and lyrics
  6. ^ Artist Summary | The JUNO Awards Archiviato il 26 marzo 2014 in Internet Archive.
  7. ^ Author Kevin J. Anderson to write novelization of Rush's upcoming Clockwork Angels album, Rushisaband.com. URL consultato il 6 maggio 2012.
  8. ^ Rush cover feature in July, 2012 issue of Classic Rock magazine, Classic Rock, 18 maggio 2012. URL consultato il 15 giugno 2012.
  9. ^ Martin Popoff, RUSH - Martin Popoff Reviews Clockwork Angels, in News, Brave Words & Bloody Knuckles, 24 maggio 2012. URL consultato il 15 giugno 2012.
  10. ^ Prog Awards – The Winners Archiviato il 8 settembre 2012 in Internet Archive.
  11. ^ Copia archiviata, su classicrockmagazine.com. URL consultato il 7 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 28 gennaio 2013).
  12. ^ http://www.discogs.com/Rush-Clockwork-Angels/master/443890

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]