Fly by Night (singolo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fly by Night
ArtistaRush
Tipo albumSingolo
Pubblicazione1975
Durata3:20
Album di provenienzaFly by Night
GenereHard rock
EtichettaMercury Records
ProduttoreRush e Terry Brown
Rush - cronologia
Singolo precedente
(1974)
Singolo successivo
(1975)

Fly by Night è un brano del gruppo rock canadese Rush, pubblicato dall'etichetta discografica Mercury Records nel 1975 come lato A del singolo estratto dall'album omonimo, il primo con Neil Peart alla batteria. La facciata B include Anthem, brano proveniente dal medesimo album.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Per Fly by Night e Anthem sono stati realizzati dei video promozionali dove si vedono i Rush che simulano una esibizione live; i filmati sono noti come The church sessions video a causa della scenografia posta nello sfondo[1][2][3].

Fly by Night

Entrato da pochi mesi nel gruppo Neil Peart contribuisce fin da subito alla composizione dei brani mediante la stesura dei testi: in questo caso il batterista tratta dello spostamento tra luoghi diversi (facendo riferimento in particolare alla sua trasferta in Inghilterra) e della sensazione di essere in sospeso tra diversi posti, in attesa del prossimo volo[4]. Il testo comprende una sorta di prologo[5] che non compare nel brano cantato[4].

Il pezzo ha una struttura melodica semplice e ben rappresenta la tipologia di brano dal quale i Rush intendevano evolvere in quel periodo[4]; tra i primissimi pezzi scritti con la nuova formazione, Fly by Night venne composto nell'ottobre 1974 in Michigan[6]. Nel bridge la voce di Lee viene filtrata attraverso un amplificatore Leslie.

Fly by Night è stata eseguita in concerto già nel dicembre del 1974 - prima quindi della registrazione dell'album Fly by Night - presso gli Electric Lady Studios di New York, in una esibizione trasmessa alla radio. In seguito è stata regolarmente proposta negli show dal vivo fino al tour di A Farewell to Kings, da sola ma anche in medley con In the Mood. Proprio una di queste versioni è stata in seguito pubblicata come singolo discografico in occasione dell'uscita del primo album dal vivo del gruppo.

Il brano compare nella serie televisiva Degrassi High (episodio Home Sweet Home) e Supernatural (episodio Wendigo); un segmento del brano è inoltre utilizzato in uno spot televisivo statunitense per la Passat.

Anthem

Anthem è il primo brano scritto dai Rush con Peart nella formazione: la parte musicale si basa su un riff di Lifeson e Lee al quale mancava però un testo. Peart scrisse le liriche prendendo spunto da una novella di Ayn Rand del 1938, Antifona[7], la tematica dell'oggettivismo è stata in seguito ripresa da Peart in altri testi. Si tratta anche del primo riff che il gruppo suonò con Peart per testarlo come batterista del gruppo[7][8]. Il brano presenta molte delle caratteristiche che contraddistinguono la maturità stilistica dei Rush[7].

Come Fly by Night anche Anthem è stata eseguita in concerto prima della pubblicazione su disco, nel dicembre 1974 presso gli Electric Lady Studios. Anthem è stata poi regolarmente proposta durante i concerti fino al Tour of the Hemispheres del 1978-79, in seguito è stata occasionalmente inserita in scaletta - in forma abbreviata e all'interno di un medley - nel tour successivo, nel Roll the Bones Tour, nel tour del trentesimo e quarantesimo anniversario. Versioni dal vivo si possono trovare negli album All the World's a Stage, Different Stages, R30: 30th Anniversary World Tour e R40 Live.

Anthem Records è il nome della casa discografica della band, fondata nel 1977[9].

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Il singolo pubblicato per il mercato statunitense contiene le seguenti tracce[10][11]:

  1. Fly by Night - 3:20 (Lee, Peart)
  2. Anthem - 4:10 (Lee, Lifeson, Peart) (lato B)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Anthem è stata interpretata da alcuni artisti[12]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1] Max Mobley, Rush FAQ: All That's Left to Know About Rock's Greatest Power Trio, 2014
  2. ^ [2] Scheda sul video di Fly by Night
  3. ^ [3] Scheda sul video di Anthem
  4. ^ a b c [4] Fly by Night su rush vault
  5. ^ Il testo recita: airport scurry / flurry faces / parade of passers-by / people going many places / with a smile or just a sigh / waiting, waiting, pass the time / another cigarette / get in line, gate thirty-nine / the time is not here yet
  6. ^ Jon Collins, Rush, Tsunami Edizioni, 2009, p. 54. ISBN 978-88-96131-03-9
  7. ^ a b c [5] Anthem su rush vault
  8. ^ Jon Collins, Rush, Tsunami Edizioni, 2009, p. 46. ISBN 978-88-96131-03-9
  9. ^ (EN) Anthem by Rush Songfacts, Songfacts.com, 2 giugno 2004. URL consultato il 12 maggio 2017.
  10. ^ (EN) Fly by Night, Discogs.
  11. ^ Martin Popoff, Rush: The Illustrated History, Omnibus Press, 2013, p. 182. ISBN 978-17-83051-47-2
  12. ^ [6] Anthem cover

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]