Tastiera elettronica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Tastiera (strumento musicale))
Tastiera
OB12 synth.jpg
Oberheim-Viscount OB12
Informazioni generali
Classificazione Elettrofoni digitali
Utilizzo
Musica pop e rock
Electronic dance music
Didattica musicale
Suono della tastiera elettronica Esempio di Casio

La tastiera elettronica è uno strumento musicale in grado di riprodurre i timbri di molti strumenti musicali attraverso un sintetizzatore, azionato mediante la pressione di tasti, analoghi a quelli del pianoforte. A volte è munita di altoparlanti interni, ma la maggior parte dei modelli necessita di essere collegata a cuffie o amplificatori esterni.

Le tastiere odierne[modifica | modifica wikitesto]

Nelle tastiere odierne la qualità dei timbri degli strumenti è aumentata enormemente. Per favorire l'interoperabilità fra diversi sintetizzatori (anche non a tastiera) gli strumenti sono poi stati organizzati secondo lo standard general MIDI.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Da parte di molti produttori è entrata in uso una classificazione delle tastiere elettroniche:

  • Piano digitale: tastiera elettronica pensata per un sound e un utilizzo che tende a sostituire il pianoforte acustico, con ulteriori caratteristiche, come la registrazione e la memorizzazione di file, internamente o su un computer
  • Sintetizzatore:- tastiera elettronica che usa suoni di sintesi per produrre uan ampia varietà di suoni
  • Arranger: tastiera elettronica che può produrre una gamma di suoni e di accompagnamenti in sottofondo (questi ultimi usualmente eseguiti con la mano sinistra). Per questo tipo di strumento è in uso anche la denominazione di one-man band (cioè "complesso di un sol uomo")

Una importante caratteristiche che differenzia gli strumenti elettronici è la presenza o meno della "tastiera pesata" (sensibile cioè alla forza con cui vengono premuti in tasti, in modo quindi analogo ad un pianoforte tradizionale).

Componenti[modifica | modifica wikitesto]

I maggiori componenti di una tipica tastiera elettronica moderna sono:

  • tastiera da pianoforte, con tasti bianchi e neri. Ognuno di essi, se premuto, riproduce una nota elettronica
  • software di interfaccia utente. Consente all'esecutore di scegliere i suoni degli strumenti (es. piano, flauto, archi, batteria) effetti (riverbero, eco ecc) ed altre caratteristiche (es. trasposizione)
  • sintesi elettronica di ritmi e accordi
  • chip generatore di suono
  • amplificatore e altoparlanti

Keyboard velocity[modifica | modifica wikitesto]

Poiché lo strumento è elettronico, ogni pressione del tasto invia un segnale al modulo di sintesi interno. Ogni segnale comprende le proprietà del suono, come ad esempio di che nota si tratta o il preset (lo strumento che la deve suonare) scelto. La proprietà che regola l'intensità del suono si chiama keyboard velocity. Nelle tastiere di fascia medio-alta (esempio la Yamaha mox 6) un sistema misura in quanto tempo il tasto raggiunge la posizione più bassa; tanto più in fretta, e quindi con forza, è premuto il tasto, tanto più il suono sarà forte. Inoltre in alcune tastiere, oltre a cambiare il volume del suono, a seconda della forza/velocità con cui il tasto viene premuto, abbiamo anche un cambiamento del timbro dell'effetto. Il keyboard velocity può essere attivato o disattivato e, talvolta, è possibile regolargli la sensibilità così da adattarlo alle esigenze del suono e del musicista.

Effetti[modifica | modifica wikitesto]

Minimoog

L'elettronica permette di applicare degli effetti al suono prodotto. I più comuni sono:

Funzioni speciali[modifica | modifica wikitesto]

Spesso le tastiere più ricche permettono di suddividere i tasti assegnando a due ottave a sinistra una funzione di accompagnamento e alle altre la parte solista. L'accompagnamento può consistere nell'assegnazione alle ottave apposite di uno strumento come organo o archi o addirittura di un arrangiamento automatico creato al momento in base agli accordi suonati con la mano sinistra. Gli strumenti di quest'ultimo tipo sono anche detti arranger.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • T. Holm, Electronic and experimental music: technology, music, and culture,Taylor & Francis, Isbn 0-415-95781-8
  • Peter Gorges, Alex Merck: Keyboards, MIDI, Homerecording, Carstensen, München 2003, ISBN 3-910098-26-6
  • S. Borthwick, Popular Music Genres: An Introduction, Edinburgh University Press, 2004, Isbn 0-7486-1745-0
  • Frank Spannaus, Modern Keyboard Voggenreiter, Bonn 2004, ISBN 3-8024-0418-1.
  • E. Gehrer, Synthesizer Workstation Pro, Franzis Verlag, München, ISBN 978-3-645-70094-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica