Asteria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Asteria (disambigua).
Asteria
Asteria.jpg
Asteria seduta su una roccia sotto un albero con una lira e una corona di alloro al suo fianco.
Nome orig.Ἀστερία
Epiteto"Stella"
SpecieTitanide
SessoFemmina

Asteria (in greco antico: Ἀστερία) è un personaggio della mitologia greca, figlia della titanide Febe e del titano Ceo[1][2].

Genealogia[modifica | modifica wikitesto]

Sorella di Latona[2], sposò il titano Perse che gli diede la figlia Ecate[3].

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Per sfuggire alle avances di Zeus, che si era trasformato in un aquila per raggiungerla mentre tesseva[4] Asteria si trasformò in una quaglia e si gettò nel mar Egeo[2] dove si trasfromò in un'isola che prese il nome di Ortigia, ovvero "isola delle quaglie"[5][2].

Su quest'isola Leto (sorella di Asteria) trovò asilo e vi partorì Artemide ed il dio del Sole Apollo, facendo sì che l'isola si circonfuse di luce e che per questo motivo fu chiamata Delo ("la chiara, la luminosa").
Il nome di Delo risulta inoltre in coerente simmetria con la parola "asteria" che significa "stella"[5][2].

Nonno di Panopoli aggiunge un finale leggermente diverso scrivendo che dopo che Asteria si gettò in mare, fu Poseidone[6] che continuando a cercarla fece sì che Asteria si trasformasse nell'isola deserta di Delo (oggi Delos dal verbo greco deloo che significa “mostrare"), facendosi aiutare da Apollo che la radicò immobile tra le onde.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca