Pallante (titano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Pallante o Pallade è un titano, un personaggio della mitologia greca.

Figlio di Crio (Kreios) ed Euribia ha come fratelli Astreo e Perse.
Nella mitologia greca è ricordato quasi esclusivamente per le imprese dei figli: Pallante si unisce alla ninfa Oceanina Stige e genera Nike, Cratos, Bia e Zelo. Nike è la simbolizzazione della Vittoria. Cratos è il Potere, Bia personifica la Violenza e Zelos la Costanza (oppure la Gelosia).
I figli di Pallante si alleano a Zeus nella lotta contro i Titani. In particolare Bia e Cratos vengono incaricati dal Sommo dio di incatenare Prometeo.

Pare, invece, che egli partecipò alla Gigantomachia, nella quale perse la vita, tentando di abusare sessualmente di Atena (vedere mito dell'Egida, ma secondo altri mitografi si tratta di un altro Pallante.
Pallade, è però considerato Titano patrono della Saggezza o tutore della Saggezza, e per tal motivo l'ellenica Atena avrebbe avuto tutto l'interesse a ucciderlo per prendere il suo posto. D'altronde l'epiteto Atena Lafria, "colei che conquista il bottino", fa supporre che fosse lei l'inseguitrice e non l'inseguita.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca