Emera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Emera
William-Adolphe Bouguereau (1825-1905) - Day (1881).jpg
Emera. Tela di William-Adolphe Bouguereau
Nome orig.Θάλασσα
SpecieDivinità
SessoFemmina

Emera (in greco antico: Ἡμερα, Hêmera) è un personaggio della mitologia greca. È una divinità primordiale che rappresenta il giorno[1].

Genealogia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di Erebo e Notte[2] o di Crono[3] o di Caos[4], generò con Etere i figli Gea, Urano e Talassa[4].

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Emera fu spesso identificata con Era, la regina dei cieli o con Eos, la dea dell'alba[1].

Pausania ad esempio sembra confonderla con Eos guardando la piastrellatura del portico reale di Atene che illustrava il mito di Eos e Cefalo[5].

Ogni sera sua madre (la Notte) si allungava da est per coprire il cielo ed oscurare il blu splendente della volta celeste (suo fratello Etere), ma ogni mattina lei (Emera) disperdeva le nebbie della madre per ricoprire di nuovo la terra con la luce di Etere.
Nelle antiche cosmogonie notte e giorno erano sostanze reali distinte tra loro ed indipendenti dal Sole poichè esso dominava il giorno ma la sua luce non ne era la fonte[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Emera, su theoi.com. URL consultato il 20 maggio 2019.
  2. ^ (EN) Esiodo, Teogonia 116, su theoi.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
  3. ^ Bacchilide, frammento 7
  4. ^ a b (EN) Igino, Fabulae Prefazione, su theoi.com. URL consultato il 20 maggio 2019.
  5. ^ (EN) Pausanja il Periegeta, Periegesi della Grecia III, 18.12, su theoi.com. URL consultato il 20 maggio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca