Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Emera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Emera, personificazione del Giorno. Tela di William-Adolphe Bouguereau. 1884

Eméra, in greco Ἠμἐρα (Hemera), è una figura della mitologia greca, personificazione del Giorno.

Nel mito[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di una divinità femminile, per la quale i mitografi forniscono origini diverse; secondo Esiodo, essa era nata dall'unione di Notte ed Erebo, assieme al fratello Etere[1], con il quale avrebbe generato una figlia, Talassa. Nella Genealogia di Igino (opera di cui si conserva solo un frammento comunemente posto come prefazione delle sue Fabulae), invece, Emera, Etere, Erebo e Notte sono fratelli tra di loro, tutti figli di Caos e Caligine. Secondo altre versioni ancora, suo padre era Elio, mentre in alcuni poemi fra i figli di Emera ed Etere figura anche Urano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Esiodo, Teogonia 124 e seguenti.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]