Menezio (titano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Menezio
Nome orig. Μενοίτιος
Specie Titano
Sesso Maschio

Menezio (in greco antico: Μενοίτιος, Menoítios) è una figura della mitologia greca. Figlio del Titano Giapeto e di una delle Oceanine, Climene, era uno dei Titani della seconda generazione[1].

Era fratello di Prometeo, Epimeteo ed Atlante e come questi scampò all'inabissamento di Atlantide e si schierò a fianco dei Titani contro Zeus[2].
Durante la guerra venne ucciso proprio da Zeus con una folgore ed in seguito relegato nel Tartaro insieme con i suoi fratelli.

Non è da confondere con il padre di Patroclo, l'argonauta omonimo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Esiodo, Teogonia, 508
  2. ^ Igino, Fabulae, Prefazione
Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca