Vernon Smith

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo cestista, vedi Vernon Smith (cestista).
Vernon Lomax Smith
Medaglia del Premio Nobel Nobel per l'economia 2002

Vernon Lomax Smith (Wichita, 1º gennaio 1927) è un economista statunitense, vincitore, insieme a Daniel Kahneman, del Premio Nobel per l'economia nel 2002 «per avere integrato risultati della ricerca psicologica nella scienza economica, specialmente in merito al giudizio umano e alla teoria delle decisioni in condizioni d'incertezza».[1]

Dopo il master in economia, conseguito alla Kansas University, e il PhD presso l'Harvard University nel 1965, ha insegnato in varie università statunitensi [2]. Professore alla californiana Chapman University [3], dove nel 2008 ha fondato l'Economic Science Institute (ESI) con il compito di studiare e comprendere il comportamento umano in campo economico [4], è l'iniziatore dell'economia sperimentale ed è autore o coautore di più di 250 articoli scientifici sulla teoria del capitale, sull'economia finanziaria e sull'economia delle risorse naturali.

In italiano, di recente, è stato pubblicato il suo lavoro più ambizioso, La razionalità nell'economia.[5]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Investment theory and the theory of cost and production : a synthesis with applications, Lafayette, Ind. Purdue University, 1956
  • Economics : an analytical approach, con Ralph Kirby Davidson e Jay W. Wiley, Homewood, Irwin, 1958.
  • Investment and production; a study in the theory of the capital-using enterprise, Cambridge, Harvard University Press, 1961.
  • Taxes and share valuation in competitive markets, Lafayette, Purdue University, 1967.
  • Economics of natural & environmental resources, New York, Gordon and Breach, 1977.
  • Experimental economics, Aldershot, Angleterre E. Elgar 1989.
  • Game theory and experimental economics : the early years, Durham, Duke University Program in Political Economy, 1990.
  • Papers in experimental economics, Cambridge [England], Cambridge University Press, 1991.
  • Experiments in decision, organization and exchange, con Richard Hollis Day, Amsterdam-New York, North Holland, 1993.
  • Bargaining and market behavior : essays in experimental economics, Cambridge, Cambridge university press, 2000.
  • The law and economics of irrational behavior, con Francesco Parisi, Stanford, Stanford University Press, 2005.
  • Rationality in Economics : Constructivist and Ecological Forms, Leiden, Cambridge University Press, 2007.
  • Handbook of experimental economics results. Volume 1, con Charles R. Plott, Amsterdam-New York, North Holland, 2008.
  • Discovery-a memoir, Bloomington, AuthorHouse, 2008.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Il premio Nobel per l'economia del 2002. URL consultato l'11 dicembre 2007.
  2. ^ Vedi: Treccani.it L'Enciclopedia Italiana, riferimenti in Collegamenti esterni.
  3. ^ La pagina di Vernon L. Smith alla Chapman University
  4. ^ Vedi: About Chapman University's Economic Science Institute in Chapman University Press Room
  5. ^ V.L. Smith, La razionalità nell'economia. Fra teoria e analisi sperimentale, con prefazione di M. Motterlini e F. Guala, Torino, IBL Libri, 2010. ISBN 978-88-6440-020-4. Titolo originale Rationality in Economics, 2007.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 110896359 LCCN: n99036175