Vasilij Vasil'evič Smyslov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vasilij Smyslov nel 2002

Vasilij Vasil'evič Smyslov (in russo: Василий Васильевич Смыслов?; Mosca, 24 marzo 1921Mosca, 27 marzo 2010) è stato uno scacchista russo (fino al 1992 sovietico), settimo Campione del mondo dal 1957 al 1958.

È stato candidato per il Campionato del mondo di scacchi in otto occasioni (1948, 1950, 1953, 1956, 1959, 1965, 1983 e 1985). Ha vinto due Campionati Sovietici (1949 e 1955) e ha ottenuto un totale di 17 medaglie alle Olimpiadi degli scacchi. Ha vinto inoltre dieci medaglie d'oro nelle sue cinque partecipazioni ai Campionati europei a squadre.

È scomparso per attacco cardiaco nel 2010 all'età di 89 anni.[1]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

I primi anni[modifica | modifica sorgente]

Imparò a giocare a scacchi da suo padre, Vasilij O. Smyslov, un giocatore di livello di forte Candidato Maestro[2]. Dopo essere entrato nel circuito competitivo la sua crescita fu rapida: il giovane Smyslov vinse un Campionato sovietico per Candidati Maestri nella tarda adolescenza, guadagnando così il titolo di Mastro Nazionale.

Nel 1938, all'età di 17 anni, vinse il Campionato URSS juniores. Lo stesso anno vinse, a pari merito con Sergej Belavenets, il Campionato di Mosca, con 12,5 su 17.

Il suo primo tentativo in una competizione per adulti al di fuori della sua città natale fu però deludente: arrivò 12°-13° nel notevolmente competitivo torneo internazionale di Leningrado-Mosca del 1939 con 8 su 17.

Nel Campionato di Mosca del 1939-40 si piazzò 2°-3° con 9 su 13.

Gli anni della guerra[modifica | modifica sorgente]

Ottenne un ottimo risultato nel suo esordio al Campionato Sovietico (Mosca, 1940), giungendo 3º con 13 su 19, davanti al Campione in carica Michail Botvinnik. Questo torneo fu il più forte disputato in Unione Sovietica sino ad allora, poiché incluse diversi forti giocatori, quali Paul Keres e Vladas Mikenas, provenienti da nazioni annesse all'URSS come previsto dagli accordi del Patto Molotov-Ribbentrop del 1939.

La Federazione Sovietica organizzò un ulteriore torneo tra i sei giocatori migliori del Campionato del 1940, che fu chiamato Campionato URSS assoluto, uno dei tornei più forti mai tenuti. Il formato vide ogni giocatore affrontare i suoi avversari quattro volre. I giocatori furono Botvinnik, Keres, Smyslov, Isaak Boleslavskij, Igor' Bondarevskij e Andor Lilienthal. Smyslov giunse terzo con 10 su 20, alle spalle di Botvinnik e Keres. Questo risultato provò che Smyslov era un giocatore dalla classe genuina e con una forza da Grande Maestro all'età di vent'anni, un risultato molto raro per l'epoca.

La Seconda guerra mondiale impose uno stop ai tornei internazionali. Ma diversi tornei con partecipazione limitata a giocatori sovietici furono comunque organizzati. Smyslov vinse il Torneo di Mosca 1942 con un notevole 12 su 15. A Kuybyshev 1942 giunse secondo con 8 su 11. Nel forte torneo di Sverdlovsk 1943 arrivò 3°-4° con 8 su 14. Nel Torneo di Mosca 1943-44 Smyslov divise il 3º-4º posto con 11.5 su 16. Il 13º Campionato sovietico (1944) lo vide giungere 2° con 10.5 su 16. Vinse il Torneo di Mosca 1944-45 con 13 su 16. A questo punto della carriera Smyslov era arrivato nel gruppo dei migliori tre giocatori sovietici, assieme a Botvinnik e Keres (che durante la guerra si trovava nell'Europa occupata dai nazisti)

Con la fine della guerra nel 1945 fu nuovamente possibile l'organizzazione di Tornei internazionali. Ma la forma di Smyslov ebbe una seria crisi nell'immediato dopoguerra. Il 14º Campionato sovietico (Mosca 1945) lo vide a metà di un forte gruppo con 8.5 su 17 (vincitore fu Botvinnik, con Boleslavskij e l'astro nascente David Bronštejn occupare il secondo e il terzo posto). Ottenne il suo peggior risultato in carriera sino ad allora a Tallinn 1945, potendo ottenere unicamente 6.5 su 15 in un Torneo non eccessivamente impegnativo. Un risultato leggermente migliore lo ottenne nel Torneo di Mosca del 1945-46, dove comunque arrivò solo 7°-11° con 7.5 su 15 (vittoria di Bronštejn). Successivamente, un'altra prestazione insoddisfacente al Torneo di Mosca 1946, dove giunse 3°-6° con 8.5 su 15 (nuova vittoria di Bronštejn). In questo periodo ottenne complessivamente solo 31 su 62 in questi tornei, per una percentuale utile del 50% (a fronte del 61.3% dell'intera carriera[3])

In ogni caso, gli ottimi risultati precedentemente ottenuti gli assicurarono uno dei cinque posti disponibili per i sovietici per il primo importante torneo internazionale del dopoguerra a Groninga, nei Paesi bassi, nell'agosto del 1946. L'evento, l'Howard Staunton Memorial, fu vinto da Botvinnik con 14.5 su 19, mezzo punto in più del già Campione del mondo Max Euwe. Smyslov concluse 3° con 12.5 su 19, confermando il suo status di giocatore tra i più forti al mondo.

Per il periodo successivo, comunque, Smyslov ebbe risultati buoni ma non eclatanti, una volta ritornato agli eventi sovietici. Nel successivo 15º Campionato sovietico (Leningrado, 1947), vinto da Keres, arrivò 3°-4° con 12 su 19. A Pärnu 1947 ottenne 8 su 13 per un 4º-6º posto nel torneo che vide una nuova vittoria di Keres. A Varsavia 1947 ottenne 6 su 9, giungendo 2º-5º (vittoria di Svetozar Gligorić). Nel Michail Čigorin memorial di Mosca 1947 giunse 3°-4° con 10 su 15. La vittoria andò a Botvinnik.

I suoi risultati sino a questo momento mostrano una costante presenza ai piani alti delle classifiche di forti competizioni, ma nessuna vittoria nei tornei. Smyslov da adulto non aveva mai vinto nessun torneo, con l'eccezione del Torneo di Mosca 1944-45, prima di ritrovarsi Candidato al Titolo nel Campionato mondiale di scacchi del 1948.

Pretendente al Titolo[modifica | modifica sorgente]

Smyslov partecipò al Campionato del mondo di scacchi 1948, organizzato per determinare il successore di Aleksandr Alechin, morto nel 1946, al Titolo di Campione del mondo. Giunse 2° alle spalle di Michail Botvinnik realizzando 11 punti sui 20 possibili.

Questo suo risultato lo qualificò di diritto al Torneo dei Candidati di Budapest 1950, dove si piazzò 3° con 10 su 18 alle spalle di Bronštejn e Boleslavskij, vincitori a pari merito. Nuovamente, il risultato gli permise di essere ammesso al successivo Torneo dei Candidati. Gli fu, nel frattempo, conferito il titolo di Grande Maestro Internazionale nella lista inaugurale della FIDE del 1950.

Dopo aver finalmente vinto il Torneo dei Candidati a Zurigo 1953 con 18 su 28, due punti in più di Keres, Bronštejn e Samuel Reshevsky, Smyslov disputò un match contro Botvinnik per il titolo di Campione del mondo l'anno successivo. Giocato a Mosca, la sfida terminò in parità (7 vittorie a testa e 10 pareggi) dopo 24 partite. Le regole dell'epoca prevedevano che il tale circostanza il Campione mantenesse il titolo, Smyslov dovette quindi tentare un nuovo assalto.

Campione del mondo[modifica | modifica sorgente]

L'ulteriore vittoria nel Torneo dei candidati ad Amsterdam 1956, portò ad una nuova sfida mondiale contro Botvinnik nel 1957. Assistito dai secondi Vladimir Makogonov e Vladimir Simagin, Smyslov vinse con il risultato di 12.5 a 9.5, diventando il settimo Campione del mondo ufficiale di scacchi. L'anno successivo Botvinnik esercitò il diritto alla rivincita che le regole gli consentivano e si riprese il titolo con un punteggio finale di 12.5 a 10.5. Smyslov dichiarò successivamente che pativa di salute durante il match di ritorno, soffriva infatti di polmonite, ma riconobbe che la preparazione di Botvinnik fu estremamente rigorosa[4]. Nel corso di tre sfide mondiali in quattro anni, Smyslov vinse 18 partite a fronte alle 17 di Botvinnik (ci furono inoltre 34 patte) eppure fu Campione per un solo anno. Nella sua collezione autobiografica di partite Smyslov Best Games, scrisse: "Non ho motivo di lamentarmi del mio destino. Ho realizzato il mio sogno e sono divenuto il settimo Campione del mondo nella storia degli scacchi"[4]

Campionati del mondo successivi[modifica | modifica sorgente]

Anche se Smyslov non si qualificò più per una sfida mondiale, continuò a partecipare agli eventi di qualificazione ottenendo ancora qualche buona prestazione. Nel 1959 fu uno dei Candidati, ma arrivò solo quarto nel Torneo qualificatorio tenuto in Jugoslavia, vinto dalla stella nascente Michail Tal'. Non si qualificò nel 1962, ma tornò in corsa nel 1964, grazie al primo posto a pari merito al Torneo interzonale di Amsterdam (17 su 23). Fu però sconfitto al primo turno da Efim Geller. A partire dal 1968 fu tra i collaboratori della rivista scacchistica 64, sotto la direzione di Tigran Petrosjan

Nel 1983, a 62 anni, arrivò sino alla Finale dei Candidati (un macht che determinava il giocatore che avrebbe poi affrontato il Campione, all'epoca Anatolij Karpov). Pareggiò il quarto di finale contro Robert Hübner 7 a 7 (per decidere chi dei due avrebbe passato il turno ci si affidò ad un giro di ruota di roulette) e batté nella semi finale Zoltán Ribli per 6.5 a 4.5. La finale del 1984 a Vilnius lo vide opposto a Garri Kasparov, che aveva un terzo dei suoi anni. Perse 4.5 a 8.5. Kasparov batté poi Karpov nel 1985 e divenne il nuovo Campione del mondo. La sua ultima apparizione come Candidato fu a Montpellier 1985, dove non riuscì a passare il turno.

Le Olimpiadi e i Campionati europei a squadre[modifica | modifica sorgente]

Smyslov ha rappresentato l'Unione Sovietica per nove volte nelle Olimpiadi degli scacchi, dal 1952 al 1972 restando escluso unicamente nel 1962 e nel 1966. Ha contribuito notevolmente alle medaglie d'oro di squadra in ogni occasione in cui ha giocato, vincendo un totale di otto medaglie personali. Il suo totale di 17 medaglie Olimpiche vinte, tra quelle personali e quelle di squadra, è secondo solo a quello di Garri Kasparov, che detiene il record con 19 medaglie (di cui 15 d'oro).
Il dettaglio dei suoi risultati:

  • Helsinki 1952 (2ª scacchiera): 10 ½ su 13, oro personale e di squadra
  • Amsterdam 1954 (2ª scacchiera): 9 su 12, bronzo personale e oro di squadra
  • Mosca 1956 (2ª scacchiera): 8 ½ su 13, oro di squadra.
  • Monaco 1958 (2ª scacchiera): 9 ½ su 13, argento personale e oro di squadra
  • Lipsia 1960 (1ªriserva): 11 ½ su 13, oro personale e di squadra
  • Tel Aviv 1964 (3ªscacchiera): 11 su 13, oro personale e di squadra
  • Lugano 1968 (2ª riserva): 11 su 12, oro personale e di squadra
  • Siegen 1970 (1ªriserva): 8 su 11, bronzo personale e oro di squadra
  • Skopje 1972 (3ªscacchiera): 11 su 14, argento personale e oro di squadra

Il risultato totale è un impressionante 90 su 113 (+69 = 42 -2). Questa performance utile del 79.6% è a gennaio 2009 la quinta migliore di sempre tra chi ha partecipato ad almeno quattro olimpiadi.[5]

Smyslov ha rappresentato l'Unione Sovietica anche in cinque Campionati europei a squadre, uscendone con un medagliere perfetto: cinque medaglie d'oro di squadra e cinque medaglie d'oro personali. Il suo risultato totale è stato di 19 vittorie, 15 patte e 1 sconfitta, per una percentuale utile del 75,7%.
Il dettaglio dei risultati:

  • Vienna 1957 (1ªscacchiera): 3.5 su 6 (+2 =3 -1), oro personale e di squadra
  • Oberhausen 1961 (5ª scacchiera): 8 su 9 (+7 =2 -0), oro personale e di squadra
  • Amburgo 1965 (4ª scacchiera): 6 su 9 (+3 =6 -0), oro personale e di squadra
  • Kapfenberg 1970 (5ª scacchiera): 5 su 6 (+4 =2 -0), oro personale e di squadra
  • Bath 1973 (6ª scacchiera): 4 su 5 (+3 =2 -0), oro personale e di squadra

Altri risultati[modifica | modifica sorgente]

Smyslov a Reggio Emilia 1986/87
(alle sue spalle Boris Spassky)

Smyslov ha vinto due Campionati sovietici. Arrivò 1°-2° a pari merito nel 17º Campionato sovietico di Mosca del 1949. Ribadì il risultato nella ventiduesima edizione di Mosca 1955 assieme a Efim Geller, ma perse il playoff. Arrivò secondo con 12 su 15 a Venezia 1950 e vinse a Mar del Plata 1966. Giocò per l'URSS nei macht del 1970 e del 1984 contro rappresentative del resto del mondo. Fu 6ª scacchiera a Belgrado 1970 e 4ª scacchiera a Londra 1984, l'URSS vinse entrambe le sfide. Nel 1991 Smyslov vinse l'edizione inaugurale del Campionato del mondo senior.

Non ha giocato partite ufficiali dal 2001, dopo il Torneo Veterans Versus Ladies di Amsterdam. Il suo punteggio Elo dopo questo evento era di 2494.

Eredità[modifica | modifica sorgente]

Smyslov è noto per il suo stile posizionale e, in particolare, per la sua precisa conduzione del finale, ma molte delle sue partite presentano anche notevoli finezze tattiche. Ha dato grandi contributi alla teoria in diverse aperture tra cui l'Apertura Inglese, la Difesa Gruenfeld e la Difesa Siciliana. Una variante della Ruy Lopez chiusa porta il suo nome (1.e4 e5 2.Cf3 Cc6 3.Ab5 a6 4.Aa4 Cf6 5.0-0 Ae7 6.Te1 b5 7.Ab3 d6 8.c3 0-0 9.h3 h6). Ha inoltre riportato in auge la Difesa in fianchetto nella Ruy Lopez (1.e4 e5 2. Nf3 Nc6 3.Bb5 g6) negli anni settanta. Nella Difesa slava la linea principale 1.d4 d5 2.c4 c6 3.Cc3 Cf6 4.Cf3 dxc4 5.a4 Af5 è chiamata Variante Ceca o Smyslov.

Forse come tributo al suo intelletto, Stanley Kubrick, valido scacchista dilettante, ha dato ad un personaggio di 2001: Odissea nello spazio il nome di Vasilij Smyslov.[6].

Cantante d'opera[modifica | modifica sorgente]

In gioventù Smyslov è stato un buon baritono. Solamente dopo aver fallito un'audizione al Teatro Bol'šoj nel 1950 decise di dedicarsi completamente alla carriera di scacchista[7]. In una occasione ha dichiarato: "Sono sempre vissuto tra gli scacchi e la musica". Prima di una partita contro Botvinnik ha cantato di fronte a un pubblico di migliaia di persone. Durante i tornei si esibiva occasionalmente, a volte accompagnato dall'amico Grande Maestro e pianista Mark Tajmanov.

Partite notevoli[modifica | modifica sorgente]

Vasilij Smyslov si congratula con Jurij Averbach per il suo 80º compleanno mentre gli regala un suo libro di studi scacchistici

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Vasilij Smyslov, Alla ricerca dell'armonia 1935-2001 - Caissa Italia 2005, ISBN 88-88756-23-X
  • Vasily Smyslov, Smyslov's Best Games, Volume 1: 1935-1957, Moravian Chess Publishing House, 2003
  • Vasily Smyslov, Smyslov's Best Games, Volume 2: 1958-1995, Moravian Chess Publishing House, 2003
  • Vasily Smyslov, Endgame Virtuoso, Cadogan, 1997
  • Vasily Smyslov, Smyslov's 125 Selected Games, Everyman Chess, 1995
  • Grigory Levenfish e Vasily Smyslov (1971) Rook Endings (Batsford Edition)
  • Winter, Edward G. (ed.), World Chess Champions, Pergamon, 1981, ISBN 0-08-024094-1.
  • Chernev, Irving. Twelve Great Chess Players and Their Best Games, Dover, 1995, ISBN 0-486-28674-6.
  • Kasparov, Garry, My Great Predecessors, part II, Everyman Chess, 2003, ISBN 1-85744-342-X

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Notizia della morte dalla Reuters
  2. ^ Nel 1912 vinse una partita contro Alekhine nel 1º torneo invernale di San Pietroburgo.
  3. ^ The chess games of Vasily Smyslov
  4. ^ a b Watson, J., Book Reviews by John Watson, chess.co.uk.
  5. ^ Solo Michail Tal' (81,2%), Anatolij Karpov (80,1), Tigran Petrosjan (79,8) e Isaac Kashdan (79,7) hanno fatto di meglio
  6. ^ "I'M SORRY, FRANK...", ChessBase, 29 agosto 1999.
  7. ^ Al Horowitz «I campioni del mondo di scacchi» Milano, Mursia, 1988

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Campione del mondo di scacchi Successore
Michail Botvinnik 1957 - 1958 Michail Botvinnik

Controllo di autorità VIAF: 106942152 LCCN: n81149880