Portale:Scacchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chess.svg
Portale scacchi
modifica
Chess.svg

Il Portale Scacchi vuole essere il punto di partenza per tutti gli appassionati del gioco degli scacchi.

Se puoi, contribuisci a migliorare questo spazio e soprattutto ad arricchire le voci riguardanti le aperture, le biografie degli scacchisti, le informazioni sui tornei e campionati. A questo proposito, sei invitato a consultare il Progetto Scacchi.

Chess.svg
Presentazione

Gli scacchi sono un gioco da tavolo di strategia che vede opposti due avversari, detti Bianco e Nero dal colore dei pezzi che muovono. È giocato su una scacchiera quadrata composta da 64 caselle, sulla quale all'inizio si trovano trentadue pezzi, sedici di ciascun colore: un re, una donna (detta anche regina), due alfieri, due cavalli, due torri e otto pedoni; l'obiettivo del gioco è di dare scacco matto, ovvero di attaccare il re avversario senza che l'altro abbia la possibilità di sfuggirvi.

La forma moderna degli scacchi è emersa in Europa nel XV secolo, ma deriva da un gioco di origine indiane, giunto in Europa attraverso la mediazione degli Arabi.

Da più di un secolo, gli scacchi sono anche praticati agonisticamente, e sono uno sport riconosciuto dal CIO. Il primo campione del mondo è stato Wilhelm Steinitz, mentre quello attuale è Magnus Carlsen, che ha conquistato il titolo nel 2013.

Continua a leggere...
Chess.svg
Scacchisti
Fisher nel 1960.

Bobby Fischer (Chicago, 9 marzo 1943 - Reykjavík, 17 gennaio 2008) è stato l'undicesimo campione del mondo di scacchi, l'unico statunitense ad aver ottenuto tale riconoscimento. Uno degli scacchisti più talentuosi della storia, ottenne il titolo nel 1972, al quale era arrivato sconfiggendo nettamente tutti i suoi avversari, sconfiggendo Boris Spassky in un match che venne visto come una proiezione scacchistica della Guerra Fredda. Fischer perse il titolo nel 1975, quando per contrasti con la FIDE sull'organizzazione del campionato del mondo 1975 rifiutò di difendere il suo titolo, ritirandosi dalle competizioni.

Leggi la voce...

Top 20 (lista FIDE febbraio 2015)
  1. Magnus Carlsen (2865)
  2. Fabiano Caruana (2811)
  3. Aleksandr Griščuk (2810)
  4. Veselin Topalov (2800)
  5. Anish Giri (2797)
  6. Viswanathan Anand (2797)
  7. Wesley So (2788)
  8. Vladimir Kramnik (2783)
  9. Levon Aronian (2777)
  10. Hikaru Nakamura (2776)
  11. Maxime Vachier-Lagrave (2775)
  12. Sergey Karjakin (2760)
  13. Shakhriyar Mamedyarov (2759)
  14. Ding Liren (2755)
  15. Boris Gelfand (2747)
  16. Peter Svidler (2739)
  17. Michael Adams (2738)
  18. Dmitrij Andreikin (2737)
  19. David Navara (2735)
  20. Nikita Vitiugov (2735)
Chess.svg
Portali correlati
Chess.svg
Diagramma
a b c d e f g h
8
Chessboard480.svg
b8 torre del nero
f8 cavallo del nero
h8 re del nero
a7 torre del nero
e7 donna del nero
g7 pedone del nero
e6 pedone del nero
h6 pedone del nero
a5 pedone del nero
c5 pedone del nero
e5 pedone del bianco
c4 alfiere del bianco
d4 pedone del nero
f4 pedone del bianco
b3 pedone del bianco
h3 donna del bianco
a2 pedone del bianco
g2 pedone del bianco
h2 pedone del bianco
c1 torre del bianco
f1 torre del bianco
g1 re del bianco
8
7 7
6 6
5 5
4 4
3 3
2 2
1 1
a b c d e f g h

Fischer-Spassky, Campionato del mondo 1972, partita 6. Il bianco, con 26.f5(?), inizia un attacco che porterà alla vittoria.

Chess.svg
Fasi del gioco

L'apertura è la prima fase della partita di scacchi. Scopo dell'apertura è impostare il gioco cercando di controllare le case più importanti della scacchiera, al fine di impostare l'attacco al re avversario ed al tempo stesso garantendo protezione al proprio. Per ottenere questo, i giocatori devono cercare di attivare il più possibile i loro pezzi, massimizzandone il raggio d'azione contro l'avversario.

Leggi la voce - Esplora la categoria

Il mediogioco è la fase centrale della partita, tra l'apertura e il finale. Sebbene sia difficile stabilire i suoi confini, in linea di principio inizia quando i due giocatori hanno terminato di sviluppare i propri pezzi e la struttura dei pedoni ha assunto una fisionomia più o meno definita e termina quando vengono cambiati la maggior parte dei pezzi.

Leggi la voce

Il finale è la parte conclusiva della partita, in cui sono presenti sulla scacchiera solamente pochi pezzi oltre ai due re. Nonostante la separazione tra mediogioco e finale non sia netta, quest'ultima fase presenta diverse caratteristiche peculiari, tra le quali vi sono l'accresciuta importanza del re e dei pedoni: il primo diventa infatti un attivo pezzo di attacco e di difesa, mentre la possibilità o la minaccia di promuovere i secondi diventa un importantissimo fattore di gioco.

Leggi la voce - Esplora la categoria
Chess.svg
Categorie