Suor Angelica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Suor Angelica
SuorAngelica-poster.gif
Locandina per la prima rappresentazione
Lingua originale italiano
Musica Giacomo Puccini
Libretto Giovacchino Forzano
(libretto online)
Fonti letterarie Giovacchino Forzano
Atti uno
Epoca di composizione fine febbraio - metà settembre 1917
Prima rappr. 14 dicembre 1918
Teatro Metropolitan, New York
Prima rappr. italiana 11 gennaio 1919
Teatro Teatro Costanzi, Roma
Personaggi
  • Suor Angelica (soprano)
  • La zia principessa (contralto)
  • La badessa (mezzosoprano)
  • La suora zelatrice (mezzosoprano)
  • La maestra delle novizie (mezzosoprano)
  • Suor Genovieffa (soprano)
  • Suor Osmina (soprano)
  • Suor Dolcina (soprano)
  • La suora infermiera (mezzosoprano)
  • Le cercatrici (soprani, coro)
  • Le novizie (soprani, coro)
  • Le converse (soprano e mezzosoprano, coro)
  • Coro interno di donne, ragazzi e uomini
Autografo Archivio Storico Ricordi, Milano
« La grazia è discesa dal cielo
già tutto, già tutto mi accende
risplende risplende
Già vedo, sorelle, la meta! »
(Suor Angelica)

Suor Angelica è un'opera lirica in un atto di Giacomo Puccini, su libretto di Giovacchino Forzano. Fa parte del Trittico. La prima assoluta ebbe luogo il 14 dicembre 1918 al Metropolitan di New York con Geraldine Farrar, Flora Perini e Minnie Egener e fino al 2009 ha avuto 74 rappresentazioni.
È tra le poche opere a contenere solo personaggi femminili. Fra le tre opere che compongono il Trittico era la preferita da Puccini.

Al Teatro Costanzi di Roma la prima è stata l'11 gennaio 1919 (all'interno di "Il trittico") diretta da Gino Marinuzzi (1882-1945) con Gilda Dalla Rizza alla presenza del compositore. Al Teatro San Carlo di Napoli la prima è stata il 10 febbraio 1919 con la Dalla Rizza.

Il 10 luglio 1919 avviene la prima nel Nuevo Teatro Colón di Buenos Aires con Claudia Muzio diretta da Tullio Serafin.

Al Teatro Regio di Torino la prima è stata il 25 gennaio 1920 diretta da Ettore Panizza ed al Teatro La Fenice di Venezia il successivo 24 aprile con Tina Poli-Randaccio ed Elvira Casazza.

Nel Regno Unito la prima è stata il 18 giugno 1920 nel Royal Opera House, Covent Garden di Londra con la Dalla Rizza per la Grand Opera Syndicate Limited.

Nella Staatsoper di Vienna la prima è stata il 20 ottobre 1920 diretta da Franz Schalk con Lotte Lehmann e fino al 1982 ha avuto 43 recite.

Al Grand Théâtre de Monte Carlo la prima è stata il 24 marzo 1921 con la Dalla Rizza diretta da Victor de Sabata.

Al Teatro Comunale di Bologna la prima è stata il 27 ottobre 1921 diretta da Serafin.

Al Teatro alla Scala di Milano la prima è stata il 29 gennaio 1922 diretta da Panizza.

Il 9 dicembre 1922 avviene la prima nel Teatro dell'Opera di Budapest.

Al San Francisco Opera va in scena il 29 settembre 1923 diretta da Gaetano Merola.

Al Teatro Verdi (Trieste) va in scena nel 1941 con la Casazza diretta da Antonino Votto.

Nel 1955 avviene la prima nel Teatro Comunale di Firenze con Marcella Pobbe ed Adriana Lazzarini dirette da Gabriele Santini.

Nel 1957 avviene la prima nel King’s Theatre di Glasgow, nel 1960 nel Théâtre du Casino di Enghien-les-Bains e nel 1961 nel City Center Theater of Music and Drama di New York.

Nel Théâtre national de l'Opéra-Comique di Parigi la prima di "Sœur Angélique" è stata nel 1967 (all'interno di "Le triptyque") nella traduzione di Paul Ferrier.

A Bilbao va in scena nel 1996.

La trama[modifica | modifica wikitesto]

L'azione si svolge verso la fine del XVII secolo, tra le mura di un monastero nei dintorni di Siena.

Da sette anni Suor Angelica, di famiglia aristocratica, ha forzatamente abbracciato la vita monastica per scontare un peccato d'amore. Durante questo lungo periodo non ha saputo più nulla del bambino nato da quell'amore, che le era stato strappato a forza subito dopo la nascita.

L'attesa sembra finalmente terminata: nel parlatorio del monastero Angelica è attesa a colloquio dalla zia principessa. Ma la vecchia signora, algida e distante, non è venuta a concederle il sospirato perdono, bensì a chiederle un formale atto di rinuncia alla sua quota del patrimonio familiare, allo scopo di costituire la dote per la sorella minore Anna Viola, prossima ad andare sposa. Il ricordo di eventi lontani ma mai cancellati dalla memoria e la possibilità di avvicinare una persona di famiglia spingono Angelica a chiedere con insistenza notizie del bambino.

Ma con implacabile freddezza la zia le annuncia che da oltre due anni il piccolo è morto, consumato da una grave malattia. Allo strazio della madre, caduta di schianto a terra, la vecchia non sa porgere altro conforto che una muta preghiera. Il pianto di Angelica continua, soffocato e straziante, anche dopo che la zia, ottenuta la firma, si allontana. Nel suo animo si fa strada l'idea folle e disperata di raggiungere il bambino nella morte per unirsi a lui per sempre. È scesa intanto la notte e Suor Angelica, non vista, si reca nell'orto del monastero: raccoglie alcune erbe velenose e con esse prepara una bevanda mortale.

D'improvviso, dopo aver bevuto pochi sorsi del distillato, Angelica è assalita da un angoscioso terrore: conscia di essere caduta in peccato mortale, si rivolge alla Vergine chiedendole un segno di grazia. E avviene il miracolo: la Madonna appare sulla soglia della chiesetta e, con gesto materno, sospinge il bambino fra le braccia protese della morente.

Organico orchestrale[modifica | modifica wikitesto]

La partitura di Puccini prevede l'utilizzo di:

Da suonare internamente:

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Anno Cast (Suor Angelica, La zia principessa) Direttore Etichetta
1957 Victoria de los Ángeles, Fedora Barbieri Tullio Serafin EMI Classics
1962 Renata Tebaldi, Giulietta Simionato Lamberto Gardelli Decca Records
1973 Katia Ricciarelli, Fiorenza Cossotto Bruno Bartoletti RCA Italiana
1975 Renata Scotto, Marilyn Horne Lorin Maazel Sony Masterworks
1978 Joan Sutherland, Christa Ludwig Richard Bonynge Decca Records
1982 Ilona Tokodi, Eszter Póka Lamberto Gardelli Hungaroton
1987 Lucia Popp, Marjana Lipovšek Giuseppe Patanè Eurodisc
1991 Mirella Freni, Elena Souliotis Bruno Bartoletti Decca Records
1999 Cristina Gallardo-Domâs, Bernadette Manca di Nissa Antonio Pappano EMI Classics

Brani celebri[modifica | modifica wikitesto]

  • Ave Maria (coro)
  • Il principe Gualtiero vostro padre [...] Nel silenzio di quei raccoglimenti (duetto tra la Zia Principessa e Suor Angelica)
  • Senza mamma (romanza di Suor Angelica)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(IT) Giovacchino Forzano parla di Puccini e delle opere scritte per lui (da un documentario RAI

Giacomo Puccini
Giacomo Puccini automobilista
Opere di Giacomo Puccini

Le Villi (1884) · Edgar (1889) · Manon Lescaut (1893) · La bohème (1896) · Tosca (1900)
Madama Butterfly (1904) · La fanciulla del West (1910) · La rondine (1917)
Il trittico: Il tabarro, Suor Angelica, Gianni Schicchi (1918) · Turandot (1926)

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica