Gilda Dalla Rizza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gilda Dalla Rizza

Gilda Dalla Rizza, nata Ermenegilda Dalla Rizza (Verona, 13 ottobre 1892Milano, 4 luglio 1975), è stata un soprano italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Debuttò nel 1912 al Teatro Verdi di Bologna come Carlotta nel Werther, affermandosi rapidamente nel repertorio verista e divenendo una delle interpreti preferite di Giacomo Puccini, il quale nel 1917 la scelse come prima esecutrice de La rondine. Interpretò inoltre, nel 1919 a Roma, le prime europee di Suor Angelica e Gianni Schicchi. Sempre nell'ambito del verismo, "creò" i ruoli de Il piccolo Marat di Pietro Mascagni e di Giulietta e Romeo di Riccardo Zandonai, di cui fu anche rinomata interprete di Francesca da Rimini.

Fu presente nei principali teatri italiani, a partire dalla Scala, dove, tra le altre, ottenne notevole successo ne La traviata diretta da Arturo Toscanini e dove apparve regolarmente fino al 1939.

Si esibì anche all'estero, in particolare in Sudamerica: Teatro Colón di Buenos Aires (Manon Lescaut con Aureliano Pertile), Rio de Janeiro, San Paolo, nonché alla Royal Opera House di Londra e all'Opera di Monte Carlo.

L'ultima performance fu nel 1942 a Vicenza in Suor Angelica. Successivamente insegnò al Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia fino al 1955.

Nella vecchiaia fu ospite della Casa di riposo per musicisti "G.Verdi" di Milano, dove scomparve all'età di 82 anni.

Ha lasciato numerose incisioni di brani singoli e un'edizione completa di Fedora di Umberto Giordano.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Rodolfo Celletti: Le grandi voci - Istituto per la collaborazione culturale - Roma, 1964
  • Lanfranco Rasponi: The Last Prima Donnas - A. Knopf, 1982