Arabella (opera)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arabella
D-Dresden-Staatsoper 008.jpg
Staatsoper di Dresda (1929)
Titolo originale Arabella
Lingua originale tedesco
Genere commedia lirica
Musica Richard Strauss
Libretto Hugo von Hofmannsthal
Atti tre
Prima rappr. 1º luglio 1933
Teatro Staatsoper, Dresda
Prima rappr. italiana 27 marzo 1936
Teatro Teatro Carlo Felice di Genova
Personaggi
  • Il conte Waldner, capitano a riposo (Basso)
  • Adelaide, sua moglie (Mezzosoprano)
  • Arabella, loro figlia (Soprano)
  • Zdenka, altra loro figlia (Soprano)
  • Mandryka (Baritono)
  • Matteo, ufficiale del corpo dei cacciatori (Tenore)
  • Conte Elemer, ammiratore di Arabella (Tenore)
  • Conte Dominik, ammiratore di Arabella (Baritono)
  • Conte Lamoral, ammiratore di Arabella (Basso)
  • La Fiaker-Milli, La Milli dei cocchieri (Soprano di coloratura)
  • Una cartomante (Soprano)
  • Welko, Djura e Jankel, servitori di Mandryka (voci recitanti)
  • Un cameriere d'albergo, l'accompagnatrice di Arabella, tre giocatori, un medico (silenziosi)
  • Un groom, cocchieri, ospiti del ballo, clienti dell'albergo, servitori

Arabella è un'opera lirica in tre atti di Richard Strauss (Opus 79) su libretto in lingua tedesca di Hugo von Hofmannsthal, rappresentata per la prima volta alla Staatsoper di Dresda il 1º luglio 1933[1].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ritratto di Richard Strauss (1919)
Ritratto di Hugo von Hofmannsthal (1929)

La vicenda si svolge a Vienna attorno al 1860.

Atto primo. Vienna 1860, nel salotto di un albergo. La contessa Adelaide interroga una cartomante sul destino della figlia Arabella, nel cui matrimonio confida per risollevare le disastrate sorti economiche della famiglia. Il conte Waldner, suo marito, ha infatti dilapidato al gioco ogni suo avere. Nel frattempo Zdenka, la sorella minore di Arabella, travestita da ragazzo e da tutti creduta tale – il padre non può permettersi il lusso di mantenere due figlie in società – ha il suo bel daffare nel respingere i numerosi creditori. Zdenka, benché innamorata dell’ufficiale Matteo, favorisce i suoi tentativi di conquistare la mano della sorella. Quest’ultima, reduce da una passeggiata nel corso della quale ha respinto le profferte amorose dei conti Elemer, Dominik e Lamoral, confida tuttavia alla sorella di non volerne sapere di Matteo, ma di essere rimasta folgorata alla vista di un giovane sconosciuto che si aggirava nei pressi dell’albergo. Giungono intanto Elemer, che se non altro ha ottenuto da Arabella il privilegio di accompagnarla al ballo della sera, e con lui il conte Waldner, che avvisa la consorte di aver nuovamente perduto al gioco e di aver perciò scritto al vecchio e ricco compagno d’armi Mandryka per promettergli la mano di Arabella. Annunciato dal cameriere irrompe infatti Mandryka: ma non è il vecchio compagno d’armi di Waldner bensì il nipote, unico erede del cospicuo patrimonio. Accertatosi delle rendite del patrimonio e ottenuta una somma come anticipo per saldare i debiti, Waldner promette che gli presenterà la figlia al ballo della sera. Zdenka intanto rassicura Matteo, promettendogli che durante il ballo riceverà per suo tramite una lettera di Arabella, grazie alla quale avrà definitiva conferma dei suoi sentimenti favorevoli.

Atto secondo. Una sala da ballo pubblica. Arabella ha riconosciuto in Mandryka il bel giovane avvistato la mattina: i due si giurano subito eterno amore. Durante il ballo, tuttavia, Arabella ottiene dall’amante il permesso di rimanere libera per il tempo necessario a congedare i numerosi pretendenti. Intanto Matteo e Zdenka, sempre travestita in abiti maschili, sono intenti a confabulare. Zdenka consegna a Matteo la lettera d’amore firmata da Arabella, ma che ella stessa ha scritto imitando la calligrafia della sorella; inoltre riferisce che l’affascinante Arabella l’attende nella sua camera d’albergo e gli consegna la chiave che permette di introdurvisi indisturbato. Mandryka, non visto, ha casualmente udito il dialogo e, roso dalla gelosia, si mette sulle tracce dell’amata. A lui si uniscono Waldner e Adelaide, altrettanto preoccupati di non vedere la figlia, che ha infatti abbandonato la festa.

Atto terzo. Sala d’ingresso dell’albergo, con scalinata ai piani superiori. Matteo ha appena abbandonato la camera nella quale è convinto di aver avuto un convegno amoroso con Arabella. Ma resta esterrefatto quando si imbatte in quest’ultima appena giunta dal ballo e si sente trattare da lei con freddezza. Giungono anche i coniugi Waldner e Mandryka che, ormai convinto del tradimento dell’amata, sfida a duello il malcapitato ufficiale. Arabella protesta la sua innocenza, ma inutilmente. A sciogliere i nodi dell’intricata situazione è Zdenka, che appare finalmente in vesti femminili e rivela di essere stata lei, da sempre innamorata di Matteo, ad attrarre l’ufficiale nella sua camera con il sotterfugio della falsa lettera. Nello sbigottimento generale Arabella perdona la sorella e può riabbracciare Mandryka, finalmente convinto della sua fedeltà. Matteo e Zdenka si incontreranno nuovamente l’indomani.[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Arabella è la sesta e ultima opera musicata da Strauss su libretto di Hofmannsthal. La composizione dell'opera iniziò nel settembre del 1923; la stesura del libretto fu terminata da Hofmannsthal poco prima della morte (15 luglio 1929); la partitura fu completata da Strauss nell'ottobre del 1932[2]. L'opera fu rappresentata per la prima volta alla Staatsoper di Dresda il 1º luglio 1933, diretta da Clemens Krauss, con il seguente cast:

Ruolo Voce Interprete)
Arabella soprano Viorica Ursuleac
Zdenka soprano Margit Bokor
Il conte Waldner basso Friedrich Plaschke
Adelaide mezzosoprano Camilla Kallab
Mandryka baritono Alfred Jerger
Matteo tenore Martin Kremer
Il conte Elemer tenore Karl Albrecht Streib
Il conte Dominik baritono Kurt Böhme
Il conte Lamoral basso Arno Schellenberg
La Fiaker-Milli soprano di coloratura Ellice Illiard
La cartomante soprano Jessyka Koettrik
Welko
Djura
Jankel
voce recitante Robert Büssel,
Robert Schmalnauer,
Horst Falke
Un cameriere voce recitante Ludwig Eybisch

Al Wiener Staatsoper la premiere è stata il successivo 21 ottobre diretta da Krauss con Lotte Lehmann e fino al 2012 ha avuto 170 recite.

Al Royal Opera House, Covent Garden di Londra la premiere è stata il 17 maggio 1934.

La prima rappresentazione in Italia avvenne al Carlo Felice di Genova il 27 marzo 1936, nella traduzione in lingua italiana del libretto effettuata da Ottone Schanzer.

Al Festival di Salisburgo va in scena il 12 agosto 1942 diretta da Krauss con la Ursuleac.

Negli Stati Uniti la premiere è stata nel 1955 Metropolitan Opera House di New York diretta da Rudolf Kempe con Eleanor Steber, George London, Hilde Güden e Roberta Peters e fino al 2014 ha avuto 58 recite.

All'Opera di Santa Fe (Nuovo Messico) va in scena negli anni: 1965 (con Jean Kraft), 1983, 1997 e 2012.

Al Teatro Verdi (Trieste) ed al Teatro La Fenice di Venezia va in scena nel 1966.

Al Teatro alla Scala di Milano la prima è stata nel 1970 diretta da Wolfgang Sawallisch con Paolo Montarsolo, Giuseppe Campora e Nicola Zaccaria.

Al Grand Théâtre di Ginevra va in scena nel 1979 con Gundula Janowitz.

Al San Francisco Opera va in scena nel 1980 con Kiri Te Kanawa ed Ingvar Wixell.

All'Opéra National de Paris la prima è stata nel 1981 con la Te Kanawa e Gino Quilico.

È stata ripresa alla Scala di Milano nel 1992 diretta da Sawallisch con Felicity Lott (Arabella), Alfred Kuhn (Waldner), Margareta Hintermeier (Adelaide), Julie Kaufmann (Zdenka), Bernd Weikl (Mandryka) e Vincenzo Manno (Welko)[3][4].

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Arabella è classificata fra le cosiddette "opere minori" di Strauss, al pari del Cavaliere della rosa e Arianna a Nasso, opere cioè nelle quali il compositore tende a una conciliazione fra la nostalgia del passato, un equilibrio formale perfetto e una natura lirica insofferente della forma[5]. Arabella tuttavia ebbe meno fortune di queste due per la minor frequenza di arie e pezzi d'insieme (in Arabella prevale infatti il dialogo) e per le proporzioni cameristiche dell'orchestra[2]. Per Alberto Arbasino, Hofmannsthal, ma non Strauss, «sembra ormai molto stanco, in Arabella, nell'invenzione e nella messa a punto delle situazioni. Stava per morire»[3].

Organico orchestrale[modifica | modifica wikitesto]

La partitura di Richard Strauss prevede l'utilizzo di:

Incisioni discografiche[modifica | modifica wikitesto]

  • 1955 Metropolitan Opera - Rudolf Kempe - auf englisch
    Ralph Herbert (Graf Waldner); Blanche Thebom (Adelaide); Eleanor Steber (Arabella); Hilde Güden (Zdenka); George London (Mandryka); Brian Sullivan (Matteo); Clifford Harvuot (Graf Dominik); Lawrence Davidson (Graf Lamoral); Roberta Peters (Die Fiakermilli)
    Dante VL 2014-3 (3 CD)

DVD parziale[modifica | modifica wikitesto]

  • Arabella - Solti/Janowitz/Weikl/Kollo, regia Otto Schenk - 1977 Decca
  • Arabella - Welser-Most/Fleming/Larsen, regia Götz Friedrich - 2007 Decca

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b H. Rosenthal e J. Warrack, Op. cit.
  2. ^ a b Piero Gelli e Filippo Poletti, Arabella, op. cit
  3. ^ a b Alberto Arbasino, «Magic moment per Arabella», la Repubblica del 12 marzo 1992
  4. ^ Duilio Courir, «Arabella, l'incanto dell'amore», Corriere della Sera del 3 febbraio 1992
  5. ^ Luigi Colacicchi, Dizionario Bompiani, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • «Arabella». In: Harold Rosenthal e John Warrack (eds), Dizionario dell'opera lirica, Firenze: Vallecchi, 1974, Vol. I, p. 34
  • «Arabella». In: Piero Gelli e Filippo Poletti (a cura di), Dizionario dell'opera 2008, Milano: Dalai editore, 2007. pp. 79-81, 88-8089-177-4, ISBN 9788880891772
  • Luigi Colacicchi, «Arabella». In: Dizionario Bompiani delle Opere e dei Personaggi, di tutti i tempi e di tutte le letterature, Milano: RCS Libri SpA, 2006, Vol. I, p. 480, ISSN 1825-78870

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica