Siberia (opera)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Siberia
Lingua originale italiana
Musica Umberto Giordano
Libretto Luigi Illica (libretto in pdf)
Atti 3
Epoca di composizione 1901-1903
Prima rappr. 19 dicembre 1903
Teatro Teatro alla Scala. Milano
Versioni successive

5 dicembre 1927, Teatro alla Scala, Milano

Personaggi
  • Stephana (soprano)
  • Nikona mezzosoprano
  • La fanciulla (soprano)
  • Vassili (tenore)
  • Gleby (baritono)
  • Il principe Alexis (tenore)
  • Ivan (tenore)
  • Il banchiere Miskinsky (baritono)
  • Walinoff (basso)
  • Il capitano (basso)
  • Il sergente (tenore)
  • Il cosacco (tenore)
  • Il governatore (basso)
  • L'invalido (baritono)
  • L'ispettore (basso)
Autografo sconosciuto

Siberia è un'opera lirica in tre atti di Umberto Giordano su libretto di Luigi Illica.

La prima rappresentazione ebbe luogo al Teatro alla Scala di Milano il 19 dicembre 1903. Il compositore revisionò in seguito l'opera che andò in scena nella sua versione definitiva ancora alla Scala il 5 dicembre 1927.

Siberia era la preferita di Giordano tra le proprie opere. La prima rappresentazione presentava un cast prestigioso comprendente Rosina Storchio (Stephana), Giovanni Zenatello (Vassili) e Giuseppe De Luca (Gleby). Quando venne rappresentata a Parigi nel 1905 Fauré la dichiarò come il miglior prodotto della Giovane scuola. L'opera ebbe il raro onore di essere rappresentata in francese all'Opéra di Parigi, onore accordato per la prima volta a un compositore italiano vivente dopo l'Otello di Verdi (1894)

L'opera godette di molta popolarità anche grazie alle suggestive evocazioni musicali dovute all'impiego di numerose melodie russe autentiche.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Stephana (soprano) è mantenuta dal principe Alexis Frouwor (tenore) ma in realtà ama, ricambiata, Vassilli (tenore), al quale ha fatto credere di essere una donna povera e onesta. Quando Vassilli scopre la verità, ferisce in duello il principe e per questo viene condannato alla deportazione in Siberia. Qui viene raggiunto da Stephana che gli concede ancora tutto il suo amore. A rovinare la felicità ormai conquistata dai due, arriva Gleby (baritono), anch'egli deportato, l'uomo che in passato aveva sedotto e venduto Stephana. La donna decide allora di tentare l'evasione insieme a Vassilli ma Gleby li denuncia. Stephana viene colpita da una fucilata di una guardia e muore tra le braccia di Vassilli.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

  • 1951 - Adriana Guerrini (Stephana), Aldo Bertocci (Vassili), Luigi Borgonovo (Gleby) - Direttore: Pietro Argento - E.J. Smith «The Golden Age of Opera» EJS 320 (LP)[1]
  • 1974 - Luisa Maragliano (Stephana), Amedeo Zambon (Vassili), Walter Monachesi (Gleby), Mario Ferrara (Principe Alexis), Laura Londi (Nikona), Mario Guggia (Ivan), Gino Calò (Walinoff) - Direttore: Danilo Belardinelli - Orchestra e Coro della RAI di Milano - Registrazione dal vivo - Opera D´Oro[2]
  • 1999 - Elena Zelyenskaya (Stephana), Dario Volonté (Vassili), Walter Donati (Gleby), Massimo Giordano (Principe Alexis), Claudia Marchi (Nikona), Darren Abrahams (Ivan), Eldar Aliev (Walinoff) - Direttore: Daniele Callegari - Orchestra of Radiotelefis Eireann. Coro: Wexford Festival Opera Chorus - Registrazione dal vivo - Premiere Opera Ltd. CDNO 105-2[3]
  • 2003 - Francesca Scaini (Stephana), Jeon-Won Lee (Vassili), Vittorio Vitelli (Gleby), Nicola Sette (Principe Alexis), Eufemia Tufano (Nikona), Domingo Stasi (Ivan), Pietro Naviglio (Walinoff) - Direttore: Manlio Benzi - Orchestra: Internazionale d´Italia. Coro: Bratislava Chamber Choir - Registrazione dal vivo - Dynamic[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Siberia by Umberto Giordano, 1951, http://www.operadis-opera-discography.org.uk/. URL consultato il 22 dicembre 2013.
  2. ^ Umberto Giordano - Siberia - Danilo Belardinelli (1974), Operaclass.com. URL consultato il 22 dicembre 2013.
  3. ^ Siberia by Umberto Giordano, 1999, http://www.operadis-opera-discography.org.uk/. URL consultato il 22 dicembre 2013.
  4. ^ Umberto Giordano - Siberia - Manlio Benzi (2003), Operaclass.com. URL consultato il 22 dicembre 2013.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Franca Cella, Siberia, "santa terra di lacrime, e d'amore. Soggetti russi nell'opera italiana tra Ottocento e Novecento", in Ultimi splendori. Cilea, Giordano, Alfano, a cura di Johannes Streicher, Ismez Editore, Roma 1999, pp. 80-124 (su Siberia pp. 100-109).
  • Raffaele Manica, Siberia in Piero Gelli (a cura di), Dizionario dell'opera, Milano, Baldini&Castoldi, 1996. ISBN 88-8089-177-4. URL consultato il 22 dicembre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]