Miracolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la rappresentazione teatrale sulla vita dei santi, vedi Miracolo (teatro).
Simone Martini, Miracolo del beato Novello, Siena, Pinacoteca Nazionale

Si definisce miracolo (dal latino «miraculum», cosa meravigliosa), in teologia, un evento straordinario, al di sopra delle leggi naturali, che si considera operato da Dio direttamente o tramite una sua creatura[1]. Nel linguaggio comune, per estensione, il termine miracolo indica anche un fatto eccezionale, che desta meraviglia. Colui che si ritiene abbia compiuto dei miracoli di natura medica è detto taumaturgo.

Sui fatti ritenuti miracolosi si è sviluppato storicamente un dibattito tra i sostenitori della loro natura divina e i sostenitori di un approccio razionalista al fenomeno che negano spesso sia la veridicità che la natura soprannaturale di tali eventi.[2]

Il miracolo nelle religioni[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ebraismo, così come nell'Islam, i miracoli sono considerati segni dell'onnipotenza di Dio.

Nella Bibbia svariati eventi vengono presentati come miracolosi. Si deve tuttavia fare una differenza tra l'interpretazione ebraica, ovviamente limitata all'Antico Testamento, e l'interpretazione cristiana, che abbraccia soprattutto il Nuovo Testamento, del quale l'Antico è letto come prefigurazione.

I miracoli nell'Induismo[modifica | modifica wikitesto]

I testi sacri propri dell'Induismo contengono vari esempi di miracoli, tra cui la comparsa di un ponte sull'oceano per lasciare che gli eserciti di Rama lo attraversino, il salvataggio divino di Prahlada alla cui vita si era attentato con molti mezzi (fuoco, calpestamento ad opera di elefanti, ecc), la scomparsa del corpo fisico di Mirabai e Andal mentre entrano nel santuario di un tempio, Krishna che risuscita dai morti Parikshit. In epoca recente si sarebbero verificati miracoli da parte del dio Ganesha; tra i più rilevanti quello del 21 settembre 1995, quando in diverse parti del mondo - dall'Asia alle comunità induiste europee ed americane - le statue della divinità avrebbero bevuto del latte[3].

I miracoli nel Cristianesimo[modifica | modifica wikitesto]

Nel Nuovo Testamento i principali miracoli sono opera di Gesù, e sono accompagnati da un valore simbolico; spesso capita che lo stesso Gesù si rifiuti di fare miracoli per fare proseliti. Da ricordare, come momento topico, la tentazione di Satana che nel deserto propone a Gesù di cambiare i sassi in pane; Gesù rifiuta, con questo e altri segni, di far diventare i miracoli segni per convincere i testimoni. Da ricordare, dopo la moltiplicazione dei pani, come Gesù si nasconda per fuggire alla gente che voleva farlo re. Gesù evita che i miracoli da lui operati possano venir equivocati dalla folla. Numerose sono le volte che Gesù chiede ai miracolati di rimanere in silenzio e di non dirlo, è sempre fatto divieto a chi riceve un miracolo di seguirlo. Nell'ottica complessiva del messaggio evangelico, l'unico segno attorno a cui ci si deve convertire è quello duro e crudo della croce. Il Nuovo Testamento riferisce anche di miracoli operati dagli Apostoli, attribuendoli esplicitamente al potere concesso loro da Gesù, perché potessero testimoniare la loro fede e annunciare il regno di Dio. Essi vengono presentati dagli evangelisti come opere di Gesù, il Cristo, termine greco che traduce l'ebraico Messia, e sono considerati come parte della proclamazione del regno divino, a solo scopo di sollecitare il pentimento e la conversione a Dio. Nel Nuovo Testamento è presente anche la figura di Simone Mago che compie prodigi considerati veri miracoli dai testimoni.

Sono quattro i termini Greci usati solitamente per indicare i miracoli nella Scrittura:

I miracoli secondo la Chiesa Cattolica[modifica | modifica wikitesto]

Il miracolo è sempre opera di Dio anche se può avvenire tramite l'intercessione dei Santi. La Chiesa cattolica romana richiede due distinti eventi miracolosi, avvenuti dopo la morte e riferibili alla sua intercessione, come presupposto per la causa di canonizzazione dei santi, uno per la Beatificazione, più un secondo per la Canonizzazione.

Secondo la procedura attuale, definita nel 1983,[4] l'inchiesta compiuta dalla Chiesa per accertare la verità del miracolo si basa, nei casi di guarigione inspiegabile, su un'attenta analisi dei fatti da parte di una consulta medica nominata dalla Congregazione per le cause dei santi composta da specialisti sia credenti sia non credenti, la quale verifica se il caso in esame soddisfi i sette criteri definiti dal cardinale Prospero Lambertini, poi papa Benedetto XIV, nel De servorum beatificatione et beatorum canonizatione (1734).[5] Fondamentale il 7º e ultimo punto: la guarigione deve dimostrarsi permanente, e ciò richiede un periodo d'osservazione (follow up) notevole, convenzionalmente sui 20-25 anni.

In caso di responso positivo, si valuta se le circostanze dell'evento sono compatibili con un intervento divino, ad esempio se la persona guarita miracolosamente stava pregando o era in pellegrinaggio in un santuario, o se qualcuno aveva fatto una di queste cose per lei, altrimenti la guarigione, anche se avente tutte le caratteristiche oggettive per esser dichiarata miracolosa è archiviata come remissione spontanea.

Taluni sostengono che l'obiezione secondo la quale tra i vari casi miracolosi non si annoverino, tuttavia, casi di ricrescita di arti mutilati o amputati[6] sarebbe falsa, perché almeno un caso di presunto reimpianto miracoloso di una gamba amputata tre anni prima, e seppellita nel campo dell'ospedale, è stato sufficientemente documentato a Calanda in Spagna, nel Seicento, cfr. nella bibliografia Vittorio Messori, Il Miracolo, Rizzoli 1998. In tal senso il CICAP ipotizza oggi la non veridicità della documentazione da cui è attestato l'evento, oppure ipotizza oggi che l'evento sia stato a suo tempo interpretato in modo fuorviante.[7][8]

In senso lato, parte della Chiesa cattolica considera come miracoli anche eventi non prettamente fisici come le guarigioni corporali ma vi include anche i così detti "miracoli spirituali" o "interiori", come per esempio l'improvvisa e completa conversione alla fede di persone fino a un istante prima incredule, atee, fortemente e dichiaratamente ostili e nemiche della fede. Il caso più famoso è, nella Bibbia, la Conversione di Saulo sulla via di Damasco. Altri casi moderni sono state le conversioni di Alphonse Marie Ratisbonne, André Frossard e Bruno Cornacchiola. Naturalmente per tali "miracoli" non sono possibili verifiche da parte di commissioni mediche.

Ad eccezione dei miracoli di Gesù contenuti nei Vangeli canonici, la Chiesa cattolica non impone nessun miracolo come obbligatorio da credersi. Per la dottrina cattolica, i miracoli sono segni di Dio e sono orientati alla Fede, non alla soluzione di problemi materiali. Il miracolo non genera automaticamente la Fede in Dio, che può essere aiutata, ma non sostituita, da un evento materiale ancorché miracoloso; pertanto i miracoli non possono costituire la strada ordinaria dell'annuncio della Fede[9].

Ebraismo[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Era messianica.

Maimonide asserisce che il miracolo attesta l'avvenuta creazione del Mondo inoltre può essere di differenti tipologie:

- può perdurare, come il caso delle benedizioni o delle maledizioni;

- può avvenire in modo prodigioso secondo differenti caratteristiche:

la previsione di tale manifestazione;
il luogo e/o il popolo cui può manifestarsi;
qualità e quantità di esso, nel primo caso come il bastone, divenuto serpente ed ancora bastone per Mosè, e nel secondo per gran parte delle dieci piaghe, che in parte presentano le precedenti caratteristiche.

Egli afferma anche che il miracolo, spesso, potrebbe suscitare perplessità qualora sia perpetuo, anche se ciò possibile, infatti l'evento della terra, aperta e poi richiusa, sotto Core ed i suoi seguaci e l'apertura delle acque del ma rosso che poi si riversarono su alcuni degli egizi furono non perpetui.

Così Nachmanide, come per la Chassidut, molti spiegano ancora che la stessa esistenza del Creato è un miracolo "continuo" infatti essa potrebbe essere riportata al nulla qualora Dio volesse, anche in un istante, concludendo però con l'espressione "...che Dio non voglia".

I miracoli secondo la filosofia e la scienza[modifica | modifica wikitesto]

I filosofi razionalisti, in particolare David Hume, identificando il Creatore con le sue leggi, hanno opposto obiezioni alla possibilità di eventi miracolosi. La tesi razionalista indica che un evento si può considerare miracoloso solamente perché l'uomo in quel momento non possiede una conoscenza piena ed esaustiva delle leggi della natura che lo regolano. Rifacendosi a Baruch Spinoza, che afferma che il richiamo alla volontà divina non sarebbe altro che una scusa per i limiti della nostra conoscenza[10], il razionalismo afferma che appellarsi a un miracolo è semplicemente un'ammissione di ignoranza.

Tale punto di vista è condiviso da una larga parte degli scienziati contemporanei, per i quali non è possibile parlare di miracolo. I miracoli avvengono infatti nel mondo fisico, che è governato dalle leggi naturali che gli scienziati cercano di scoprire mediante osservazioni e indagini empiriche. Ciò che alcuni considerano un miracolo è semplicemente un fatto per cui ancora non sono note le leggi naturali ordinarie che lo regolano, oppure un fatto la cui spiegazione con leggi naturali ordinarie è ben nota alla comunità scientifica, ma questa spiegazione è ignorata dalle persone che credono a quel miracolo, oppure una leggenda non avvenuta realmente. La scienza cerca le spiegazioni dei fenomeni del mondo fisico nell'ambito delle leggi naturali, rifiutando di considerare qualsiasi ipotesi di intervento soprannaturale o trascendente; il concetto di miracolo inteso come intervento diretto divino sarebbe in contraddizione con il metodo scientifico e l'approccio razionalista, che per i fenomeni fisici non contempla la possibilità di una causalità non materiale[11]. Thomas Paine, uno dei padri fondatori della Rivoluzione Americana, scrisse[12]

(EN)
« All the tales of miracles, with which the Old and New Testament are filled, are fit only for impostors to preach and fools to believe. »
(IT)
« Tutti i racconti di miracoli, di cui l'antico e il nuovo testamento sono colmi, sono adatti solo a impostori che predicano e stolti che credono. »
(Thomas Paine[13])

Anche taluni teologi (come Hans Küng) sposano la tesi dell'inviolabilità delle leggi naturali e quindi dell'impossibilità dei miracoli. Il biblista Xavier Léon-Dufour sostiene che il miracolo non può essere una violazione delle leggi naturali o una deroga ad esse, perché se Dio agisse in questo modo andrebbe contro se stesso, dato che è all'origine del mondo e non in contraddizione ad esso[14]. Anche altri teologi ritengono che i miracoli siano eventi naturali inconsueti di cui Dio si serve per inviare segnali all'uomo.

Alcuni scienziati credenti sono tuttavia possibilisti sui miracoli, ritenendo che la natura sia più complessa di ciò che immaginiamo e abbia delle potenzialità sconosciute. Essi pensano che le leggi naturali non sarebbero rigide ed immutabili, ma avrebbero un ampio spazio di indeterminazione, per cui non sarebbe possibile conoscerle fino in fondo; in questo quadro si potrebbe inserire un'azione molto sottile del Creatore, che non sarebbe "contro natura" o "in deroga alla natura", ma "secondo natura" in base a regole sconosciute[15]. Altri scienziati interpretano il miracolo in termine di sincronicità. Secondo Colin Humphreys, fisico inglese dell'Università di Cambridge che ha studiato i miracoli dell'Esodo, il miracolo non è rappresentato dall'evento in sé (che è un fatto naturale, anche se di rara frequenza) ma dal fatto che l'evento stesso si verifichi proprio in quell'istante in cui è necessario[16].

I miracoli nell'esoterismo[modifica | modifica wikitesto]

Nell'esoterismo si definiscono due concetti contrapposti di eventi miracolosi:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Vocabolario Treccani, 2003: "Fatto sensibile straordinario, fuori e al di sopra del consueto ordine della natura, che si considera operato da Dio direttamente o per l'intermediazione di una sua creatura".
  2. ^ Come la scienza spiega i cosiddetti miracoli - UAAR Ultimissime
  3. ^ Corriere della Sera-Miracolo indù anche a Roma
  4. ^ Papa Giovanni Paolo II, costituzione apostolica Divinus perfectionis Magister, 25 gennaio 1983. Si vedano anche [1] e, in inglese, [2].
  5. ^ Cf. Patrizio Polisca, Guarigioni miracolose? La parola anzitutto ai medici, pubblicato il 12-13 giugno 2009 su L'Osservatore Romano.
  6. ^ Piergiorgio Odifreddi; Perché non possiamo essere cristiani (e meno che mai cattolici)
  7. ^ Il mistero della gamba restituita
  8. ^ I miei dubbi sul "miracolo" della gamba ricresciuta
  9. ^ I segni di Dio e la Fede
  10. ^ B. Spinoza, Tractatus theologico-politicus, Amburgo, 1670
  11. ^ Silvano Fuso, I nemici della scienza, Dedalo, 2009
  12. ^ The Writings of Thomas Paine, Volume 4, page 289, Putnam & Sons, 1896
  13. ^ Cfr. The theological works of Thomas Paine
  14. ^ Xavier Léon-Dufour, I miracoli di Gesù secondo il Nuovo Testamento, Queriniana, 1980
  15. ^ Dizionario interdisciplinare di scienza e fede
  16. ^ Colin Humphreys, The Miracles of Exodus, Bloomsbury Academic, 2003

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Testi teologici[modifica | modifica wikitesto]

  • René Latourelle, Miracoli di Gesù e teologia del miracolo, Cittadella, Assisi, 1987
  • I nemici del miracolo in Giovanni Re, Religione e Cristianesimo, Società Editrice Internazionale, Torino 1944/4, pp. 105–119 [3]

Raccolte documentali[modifica | modifica wikitesto]

  • René Laurentin, Lourdes, cronaca di un mistero, Mondadori, 1998.
  • Lucia racconta Fatima, a cura di Antonio Maria Martins, Editrice Querinina, Brescia 1999.
  • J. Bouflet, P. Boutry. Un segno nel cielo. Le apparizioni della Vergine, Marietti, Genova 1999.
  • Vittorio Messori, Il miracolo. Spagna 1640: indagine sul più sconvolgente prodigio mariano, Rizzoli, 1998 (sul mistero della "gamba restituita").
  • Ruggero Pegna, Miracolo d'amore (storia di una miracolosa guarigione dalla leucemia), Rubbettino Editore, 2005.
  • Piero Vigorelli, Miracoli. Guarigioni, prodigi, apparizioni in Italia e nel mondo, Piemme, 2003.
  • Piero Vigorelli, Nuovi miracoli e guarigioni straordinarie, Piemme, 2003.
  • AA.VV., Dizionario dei miracoli e dello straordinario cristiano, Vol. 1º: A-L - Vol. 2º: M-Z, EDB, 2008.

Testi critici[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Teologici[modifica | modifica wikitesto]

Filosofici[modifica | modifica wikitesto]

Critici[modifica | modifica wikitesto]