Blattodea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Scarafaggio)
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Blattoidei
Cockroachcloseup.jpg
Periplaneta americana
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Exopterygota
Subcoorte Neoptera
Superordine Polyneoptera
Sezione Blattoidea
Ordine Blattodea
Sinonimi

Blattaria
Latreille, 1810

Nomi comuni

Blatte
Scarafaggi

Famiglie

I Blattoidei (Blattodea) sono un ordine di insetti comunemente noti come blatte o scarafaggi. L'ordine comprende oltre 4000 specie, divise in 6 famiglie. Sono insetti cosmopoliti, diffusi ovunque, tranne ai poli e alle altitudini superiori ai 2.000 metri.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

Macropanesthia rhinoceros. Lo scarafaggio necrofago gigante australiano.

I Blattodei sono insetti dal corpo depresso in senso dorso-ventrale e dai colori poco appariscenti, generalmente bruno. Le dimensioni variano moltissimo, secondo la specie, con estremi che vanno dai 3 mm di lunghezza delle Nocticola sp.[1] agli oltre 8 cm della Gromphadorhina portentosa del Madagascar[2] e della Macropanesthia rhinoceros dell'Australia[1].

Il capo è ipognato, talvolta rivolto con le appendici boccali all'indietro. È provvisto di antenne relativamente lunghe e filiformi, composte da numerosi articoli. Gli occhi sono a volte assenti, ma in genere ben sviluppati, disposti lateralmente rispetto all'inserzione delle antenne, gli ocelli in numero di due. L'apparato boccale è masticatore tipico, con palpi mascellari e labiali composti rispettivamente da 5 e 3 articoli. Le mandibole sono corte e robuste.

Il torace ha il pronoto espanso anteriormente fino a ricoprire il capo, con margine anteriore marcatamente convesso e margini laterali laminari; in alcune specie può avere conformazioni bizzarre, come ad esempio in Gromphadorhina portentosa. È frequente il meiotterismo, fino all'assenza totale di ali e, in alcune specie, il dimorfismo sessuale dovuto al differente sviluppo delle ali. Quando sono presenti, le ali anteriori sono differenziate in tegmine e, quindi, debolmente e uniformemente sclerificate; quelle posteriori mostrano una regione anale ben sviluppata. In fase di riposo, le tegmine sono ripiegate orizzontalmente sull'addome e reciprocamente incrociate. Le zampe sono sottili ma robuste, adattate alla funzione cursoria. Nel genere Geoscapheus le zampe anteriori sono fossorie. Le coxe sono allungate, i tarsi formati da 5 segmenti, con il primo più lungo degli altri. I pretarsi mostrano unghie ben sviluppate, fra le quali è presente l'arolio o, talvolta, l'empodio.

L'addome è composto da 10 uriti, provvisto di cerci pluriarticolati. Nelle femmine, l'ovopositore è breve.

Anatomia[modifica | modifica sorgente]

L'apparato digerente ha un discreto grado di differenziazione, con specializzazioni tipiche della funzione masticatoria e, in alcuni casi, adattate a specifici regimi dietetici: in particolare mostra un marcato sviluppo dell'ingluvie e del ventriglio e diversi diverticoli ciechi, in numero di 8-10. Nelle specie xilofaghe del genere Cryptocercus e della sottofamiglia delle Panesthiinae sono presenti Protozoi Flagellati e batteri simbionti nel proctodeo, permettendo la digestione della cellulosa. Questo carattere avvicina questo genere agli Isotteri, insetti xilofagi per eccellenza. L'apparato escretore comprende 60-70 tubi malpighiani riuniti in più gruppi distinti.

Gromphadorhina portentosa, la blatta fischiante del Madagascar.

L'apparato secretore è caratterizzato principalmente per la presenza di ghiandole repugnatorie e ghiandole odorifere attrattive. Lo sbocco delle ghiandole repugnatorie si ha in corrispondenza degli uriti V e VI, in posizione ventrale. Quelle odorifere sboccano dorsalmente in corrispondenza degli uriti VI-VIII. Le ghiandole repugnatorie emettono sostanze maleodoranti ed hanno un effetto repellente, quelle odorifere svolgono un ruolo nella vita di relazione in quanto la loro emissione, da parte dei maschi, precede l'accoppiamento.

L'apparato respiratorio comprende 8 paia di stigmi, di cui due nel torace e sei nell'addome.

Il funzionamento dell'sistema nervoso centrale e di quello respiratorio evidenziano la natura metamerica del corpo degli Insetti soprattutto nel caso di un ordine sostanzialmente primitivo come quello dei Blattoidei. È stato riscontrato che la Periplaneta americana decapitata, può essere mantenuta in vita per alcune settimane ricorrendo ad alcuni accorgimenti[3]. Ciò è un'evidente conseguenza della decentralizzazione di alcune funzioni vitali, come, ad esempio, la respirazione tracheale e il controllo neurovegetativo e motorio affidato, in buona parte, ai gangli ventrali.

L'apparato riproduttore comprende gonadi composte da 30-40 testicoliti nei testicoli (maschio) e da 8 ovarioli negli ovari. Nelle femmine, la vagina è in connessione con una camera genitale e con la spermateca.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Femmina di Blattella germanica con ooteca.

La riproduzione avviene ordinariamente per anfigonia, mentre la partenogenesi interessa pochissime specie e in contesti particolari[4][5][6]. Ad esempio, nella specie Nauphoeta cinerea, la partenogenesi è occasionale e si verifica in alcune femmine e se isolate dai maschi[7][8]. Un tipico caso di partenogenesi geografica è invece riscontrato nello Scarafaggio del Suriname (Pycnoscelus surinamensis): questa specie, diffusa in diverse regioni tropicali e temperate, è tipicamente anfigonica, ma negli USA sono presenti solo popolazioni partenogenetiche a causa dell'assenza dei maschi[9][10].

La generalità dell'ordine è rappresentata da specie ovipare, ma si riscontrano anche casi di ovoviviparità o di viviparità. Le femmine depongono le uova, in numero variabile secondo la specie, dell'ordine di diverse decine, all'interno di ooteche. L'ooteca è una capsula formata con il secreto delle ghiandole colleteriche ed è suddivisa in cellette verticali, ciascuna contenente un uovo, disposte su due serie allineate [5][11]. Ogni femmina può produrre più ooteche nel corso della sua vita e a seguito di un unico atto riproduttivo. L'ooteca viene trattenuta dalla femmina nell'estremità dell'addome e depositata un po' prima della schiusa in un ambiente adatto, in genere rappresentato da un luogo riparato, umido e oscuro. Nelle specie ovovivipare e vivipare, l'ooteca viene riassorbita oppure trattenuta all'interno dell'apparato genitale e l'incubazione si svolge perciò all'interno del corpo della madre.

Ciclo[modifica | modifica sorgente]

Ooteche di scarafaggi.

I Blattoidei sono insetti paurometaboli oppure, nelle forme attere, pseudoametaboli. Il ciclo di sviluppo è piuttosto lento e si svolge in un intervallo di alcuni mesi o, addirittura, di alcuni anni, secondo la specie e le condizioni ambientali. Ad esempio, la Blattella germanica completa il suo sviluppo in circa 6 mesi[12], mentre la Periplaneta americana richiede in media tempi di sviluppo di 6-12 mesi[13]. Tuttavia, per quest'ultima specie sono citati in letteratura casi di sviluppi postembrionali che hanno richiesto anche 19 o 34 mesi[12][14].

Nel corso dello sviluppo, i Blattodei subiscono in genere 5-6 mute[4][12], ma talvolta si possono avere anche più di 10 mute[4]. Lo sviluppo passa attraverso gli stadi di neanide e, successivamente, nel caso dei paurometaboli, di ninfa. I giovani nascono in uno stadio immaturo, detto preneanide[5], hanno un colore biancastro e diventano scuri dopo poche ore. Nelle prime fasi di vita, le neanidi vivono vicino alla madre e, talvolta, si riscontrano anche casi di cure parentali[5][15].

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Blatta orientalis, durante una muta.

Il regime dietetico della maggior parte dei Blattoidei è fitofago, con una spiccata tendenza, in molte specie, all'onnivoria e alla saprofagia. La base alimentare dei Blattoidei è rappresentata da materiali amilacei o zuccherini, perciò sono di particolare importanza le specie domestiche per le infestazioni a carico delle derrate alimentari. Non mancano casi di predazione vera e propria e nella stessa P. americana si è osservata l'alimentazione a spese di cimici dei letti[16]. Occasionalmente si può verificare anche il cannibalismo[1].

Un regime dietetico particolare è quello degli scarafaggi xilofagi, che fanno capo alle sottofamiglie Panesthiinae e Cryptocerciinae. La simbiosi con microrganismi cellulosolitici permette a questi blattoidei di alimentarsi a spese del legno morto.

Habitat[modifica | modifica sorgente]

Le blatte colonizzano svariati ambienti, ma in generale prediligono i luoghi umidi e poco illuminati. Vivono all'aperto, nelle foreste e nelle campagne, riparandosi nella lettiera o sotto i sassi o in anfratti vari, oppure all'interno di edifici. Pur essendo una ristretta minoranza, le specie domestiche, vere e proprie commensali dell'uomo, sono quelle che riscuotono il maggior interesse.

Altre specie hanno habitat particolari, alcune sono acquatiche o semiacquatiche, altre, infine, vivono come commensali nei nidi di formiche e termiti.

Etologia[modifica | modifica sorgente]

Eurycotis dicipiens, specie silvestre tropicale. Le aggregazioni sono un aspetto etologico ricorrente in questo ordine.

Sull'etologia dei Blattoidei sono stati condotti molti studi, ma le informazioni sono tuttavia ancora limitate. Due sono gli aspetti di maggior interesse: le cure parentali e la vita di relazione.

Le cure parentali sono state documentate in molte occasioni e in generale riguardano diverse specie ovipare. Le femmine rivolgono attenzioni verso le ooteche proprie e, talvolta, depositate da altre femmine, saggiandole con i palpi e le antenne e aiutando le preneanidi a fuoriuscire[15]. In generale le neanidi delle specie vivipare e ovovivipare tendono a disperdersi alla nascita, ma in diverse specie ovipare è stata riscontrata una protezione da parte della madre nei confronti delle neonate. In particolare, in alcune specie, le giovani neanidi sono accolte sul corpo della madre, che provvede anche al loro trasporto oltre che a dare rifugio[15].

La vita relazionale è in generale evidenziata da una tendenza al gregarismo e comportamenti basati sui segnali chimici, come la marcatura dei passaggi per la ricerca del cibo, attraverso le deiezioni, oppure il richiamo sessuale dei maschi verso le femmine, con il secreto delle ghiandole odorifere. Altri studi hanno messo in evidenza una forma di autoregolazione dei rapporti tra cooperazione e competizione finalizzati allo sfruttamento ottimale delle risorse ambientali[17]. Di particolare importanza, sotto l'aspetto evolutivo, è la vita relazionale delle specie xilofaghe del genere Cryptocercus, in quanto è considerata una forma primitiva di aggregazione sociale assimilabile a quella delle termiti.

In merito ai comportamenti etologici individuali, i Blattoidei sono generalmente insetti con abitudini notturne e piuttosto schivi. Sono cattivi volatori ma, in compenso, eccezionali corridori, dotati di una notevole velocità di movimento. Hanno uno spiccato senso di orientamento e in caso di pericolo raggiungono rapidamente il loro rifugio[5]. Alcune specie sono in grado di volare, ma in modo grossolano e per brevi tragitti.

Un altro aspetto comportamentale di notevole importanza, sotto l'aspetto pratico, è l'abitudine degli scarafaggi a defecare e rigurgitare durante l'alimentazione sullo stesso substrato.

Nemici naturali[modifica | modifica sorgente]

Fra i nemici naturali più attivi si citano gli Imenotteri della famiglia Evaniidae. Si tratta di parassitoidi-predatori oofagi le cui larve, poco conosciute, si sviluppano a spese delle ooteche dei Blattoidei. Nella regione paleartica le specie più attive sono Evania appendigaster, cosmopolita e piuttosto comune negli ambienti frequentati dagli scarafaggi domestici, e Brachygaster minuta[18][19]. Altro parassitoide oofago di scarafaggi domestici, citato in letteratura, è il Calcidoideo Tetrastichus hagenowi (Hymenoptera: Eulophidae)[20][21].

Fra i predatori si citano invece gli Imenotteri della sottofamiglia Ampulacinae (Hymenoptera: Sphecidae), che predano piccoli Blattoidei silvestri, in particolare del genere Ectobius[22] e i Miriapodi Chilopodi del genere Scolopendra, comunemente noti come centopiedi.

Storia e filogenesi[modifica | modifica sorgente]

I più antichi resti fossili di blattoidei risalgono al Carbonifero, tra 354 e 295 milioni di anni fa. Le principali differenze morfologiche riguardano la lunghezza dell'ovopositore, che è andata riducendosi nel corso dell'evoluzione. La comparsa delle forme moderne risalirebbe al primo Cretaceo.

In merito alla filogenesi, è accertata la relazione con gli ordini Mantodea (mantidi) e Isoptera (termiti)[23]. Differenti, secondo gli Autori, sono le interpretazioni relative all'albero filogenetico: una tesi propende per una relazione più stretta fra Blattoidei e Mantodei, mentre una seconda mette in relazione i Blattoidei con gli Isotteri.

           
           

 Isoptera



           

 Mantodea



 Blattodea




           
           

 Mantodea



           

 Isoptera



 Blattodea




Altre ipotesi, infine, considerano il raggruppamento dei Blattoidei essere parafiletico.

Sistematica e diffusione[modifica | modifica sorgente]

Alcune comuni specie di Blattoidei domestici in una tavola di Snodgrass:
A. Blattella germanica
B. Periplaneta americana
C. Periplaneta australasiae
D. Blatta orientalis (femmina)
E. Blatta orientalis (maschio).

Attualmente, sulla base delle suddette relazioni filogenetiche, i Blattoidei sono inquadrati al rango di sottordine nell'ordine Dictyoptera, comprendente anche i vecchi ordini dei Mantodea e degli Isoptera, anch'essi inquadrati come sottordini dei Dictyoptera. La tradizionale classificazione, che scorporava i Dictyoptera nei tre ordini è ancora largamente adottata nella classificazione pratica basata fondamentalmente sulla morfologia e sulla funzionalità.

L'ordine comprende oltre 4000 specie ripartite in circa 460 generi. Trattandosi di un raggruppamento sistematico ancora poco studiato, si presume che un numero imprecisato di specie sia ancora sconosciuto e che la sistematica interna sarà soggetta a future revisioni[1]. Attualmente l'ordine si suddivide in 6 famiglie secondo il seguente schema:

Schemi tassonomici alternativi differiscono per l'inquadramento sistematico di alcune sottofamiglie. Pur essendo cosmopoliti, i Blattoidei sono prevalentemente diffusi nelle regioni tropicali e subtropicali. Diverse specie commensali dell'uomo sono diventate cosmopolite perché diffuse per mezzo delle navi. Le specie di maggior interesse, quelle "domestiche" sono circa 30 e rappresentano perciò una percentuale irrisoria rispetto al numero totale.

Dimorfismo sessuale della blatta comune (B. orientalis). a) femmina; b) maschio; c) femmina di lato; d) neanide.

In Europa sono rappresentate le famiglie Blaberidae, Blattellidae, Blattidae e Polyphagidae[24]. In Italia sono rappresentate tre famiglie (Blattellidae, Blattidae e Polyphagidae), con complessive 40 specie, quasi tutte appartenenti alle Blattellidae e, nell'ambito di queste, alla sottofamiglia delle Ectobiinae[25].

Le specie nostrane di maggior interesse, in quanto commensali dell'uomo, sono le seguenti:

  • Blatta orientalis, fam. Blattidae. Nomi comuni: blatta nera, scarafaggio nero, blatta comune, blatta orientale.
  • Periplaneta americana, fam. Blattidae. Nomi comuni: blatta rossa, blatta americana, scarafaggio americano, scarafaggio delle navi.
  • Blattella germanica, fam. Blatellidae. Nomi comuni: blatta grigia, fuochista.
  • Supella longipalpa, fam. Blatellidae. Nomi comuni: blatta dei mobili, scarafaggio dalla banda marrone.

Fra le specie domestiche di grande importanza in varie regioni del mondo si ricordano inoltre Periplaneta australasiae (noto come scarafaggio australiano), Periplaneta fuliginosa, Polyphaga aegyptiaca (nota come blatta egiziana), Blatta lateralis e Blattella vaga. La Polyphaga aegyptiaca è presente anche nell'Italia meridionale[26][27][28], ma è considerata un'infestante secondaria perché meno frequente delle quattro specie citate in precedenza.

Rapporti con l'uomo[modifica | modifica sorgente]

Nell'immaginario collettivo, le blatte sono percepite come insetti immondi che incutono ribrezzo e disagio. Gli stessi media enfatizzano questa percezione associando la figura dello scarafaggio alla sporcizia e agli ambienti malsani. Va precisato che, in generale, i Blattoidei sono insetti poco dannosi: delle oltre 4000 specie conosciute, quasi tutte hanno abitudini che interferiscono con le attività dell'uomo in modo marginale. Le stesse specie fitofaghe, potenzialmente dannose alle coltivazioni, sono responsabili di danni irrilevanti sotto l'aspetto economico.

Diversa è invece l'importanza delle specie commensali dell'uomo. A queste si attribuiscono due tipologie di dannosità:

  1. Danni economici causati alle derrate alimentari, rese inservibili dal punto di vista commerciale.
  2. Danni alla salute per la trasmissione di organismi patogeni.
Blattella germanica, il fuochista, frequentatore delle cucine degli esercizi di ristoro. È riconoscibile per le due bande scure sul pronoto.

Sul primo aspetto va detto che il danno materiale diretto è limitato in quanto i livelli di infestazione non sono tali da provocare ingenti distruzioni delle derrate attaccate. Sotto questo aspetto le blatte sono tra gli insetti meno dannosi. Va tuttavia specificato che il danno indiretto è di rilevante entità: gli scarafaggi commensali dell'uomo visitano ambienti malsani, come ad esempio fognature e discariche, per spostarsi in ambienti domestici; a causa dell'abitudine di rigurgitare parte del cibo ingerito precedentemente sul substrato e di defecare durante l'alimentazione, anche un basso livello di infestazione può rendere inservibile una partita a causa dei cattivi odori trasmessi e, soprattutto, dei rischi igienici derivanti dall'infestazione. Gli ambienti che possono essere frequentati sono tutti quelli che possono contenere derrate alimentari di qualsiasi natura, perciò sono suscettibili di infestazioni da scarafaggi e, di conseguenza, di contaminazioni, le abitazioni civili, i magazzini di derrate, le aziende agrarie, le industrie e i laboratori artigianali di trasformazione agroalimentare, gli esercizi di ristorazione (alberghi, ristoranti, bar, mense, ecc.), gli ospedali, le scuole, gli uffici, gli istituti di detenzione, ecc.[1][29].

I rischi alla salute sono di una certa entità. Le specie che rappresentano una vera e propria emergenza sarebbero meno di una decina[1][29], ma le stesse sono responsabili della trasmissione di alcune fra le più importanti malattie del mondo[1]. I Blattodei sono infatti possibili vettori di virus, batteri, protozoi, nematodi, cestodi, a loro volta responsabili di affezioni più o meno gravi[4]. Fra le possibili affezioni trasmesse attraverso la contaminazione degli alimenti sono citate la dissenteria, la salmonellosi, l'epatite A, la poliomielite, la malattia del legionario[29][30][31]. Gli scarafaggi, inoltre, trasmettono antigeni che causano l'insorgenza dell'asma[29][30].

Metodi di lotta[modifica | modifica sorgente]

Neanide di Supella longipalpa, nota come blatta dei mobili.

La difesa dagli scarafaggi[29][32][33][34] si indirizza esclusivamente contro le specie "domestiche" e si attua attraverso tre tipi di intervento:

  • Prevenzione
  • Trattamento con esche
  • Disinfestazione o deblattizzazione

La prevenzione è l'intervento di maggiore rilievo, in quanto elimina alla fonte la possibilità di infestazioni. Gli scarafaggi sono infatti attirati da ogni possibile fonte alimentare e favoriti da condizioni che ne permettono l'ingresso e l'insediamento e il rifugio. In generale vanno adottate tutte le ordinarie misure d'igiene, quali la pulizia dei locali e degli arredi, lo stoccaggio temporaneo dei rifiuti organici in adatti contenitori a chiusura, la conservazione degli alimenti in contenitori chiusi e in ambienti puliti. La manutenzione ordinaria e straordinaria degli edifici è un altro fattore di prevenzione, in quanto vanno sistematicamente rimosse le fessure nel pavimento e nella muratura, gli interstizi fra muratura e tubazioni e, in generale, tutti quelli che favoriscono l'ingresso, il passaggio o il rifugio degli insetti. La scelta degli arredi deve essere finalizzata a favorire il più possibile la pulizia degli angoli più remoti, l'ispezione e l'eventuale intervento. I punti più critici sono le cucine, i servizi igienico-sanitari, le tubazioni di scarico, gli impianti elettrici, gli scantinati e, in generale tutti gli ambienti in cui si può accumulare un certo grado di umidità.

Scopi preventivi ha anche l'irrorazione degli esterni con insetticidi per usi civili. Si tratta di prodotti attivi per contatto e ad alto potere abbattente, a base perciò di piretroidi di sintesi, eventualmente miscelati con clorpirifos; per il loro ampio spettro d'azione sono efficaci per il controllo di una vasta gamma di artropodi associati all'uomo (mosche, zanzare, formiche, zecche, scarafaggi, ecc.).

Il trattamento con esche consiste nella disposizione di trappole, innescate con attrattivi alimentari, di varia natura (trappole meccaniche, a vischio, esche avvelenate). Vanno disposte e ricambiate periodicamente nei possibili punti di passaggio quando si sospetta o si ritiene probabile l'ingresso di scarafaggi. Questa soluzione si presta generalmente per gli usi domestici.

Ectobius pallidus, una blatta silvestre comune ma innocua perché non infesta le derrate alimentari.

La deblattizzazione è l'intervento curativo più drastico e consiste nell'irrorazione per mezzo di nebulizzatori e atomizzatori di insetticidi, spesso combinati con un attrattivo, oppure con la fumigazione. Queste operazioni, poiché sono eseguite all'interno dei locali e richiedono la conoscenza dell'etologia e della biologia delle specie interessate, sono riservate ad operatori qualificati e ditte specializzate nel settore delle disinfestazioni di ambienti civili. Fondamentale è l'adozione degli accorgimenti necessari a prevenire rischi di intossicazione di persone e animali, per quanto i prodotti impiegati siano a bassa tossicità. In genere un intervento di disinfestazione si attua in più fasi che prevedono l'ispezione, il trattamento, il successivo monitoraggio (con l'uso di trappole) e, infine, un secondo trattamento eradicante, a distanza di 3 settimane, per colpire le neanidi nate dalle ovature.

I principi attivi generalmente usati, sia per il trattamento degli esterni sia per le disinfestazioni, oppure come formulati per le esche, sono diversi piretroidi di sintesi (deltametrina, cipermetrina, ciflutrin, cifenotrin, ecc.), alcuni fosforganici (clorpirifos, diclorvos), altri prodotti (imidacloprid, acido borico). In generale un insetticida da usarsi contro gli scarafaggi, deve presentare le seguenti caratteristiche:

  • Classificazione come presidio medico-chirurgico: non sono ammessi i prodotti concepiti per uso agricolo, bensì quelli autorizzati per usi civili e industriali.
  • Bassa tossicità: l'uso all'interno di locali ad uso civile richiede necessariamente il ricorso a principi attivi che hanno una tossicità acuta o cronica relativamente bassa. Naturalmente anche il ricorso a questi prodotti presuppone l'adozione di tutte le norme in materia di sicurezza.
  • Lunga persistenza, alto potere abbattente, duplice azione per contatto e per ingestione: fatta qualche eccezione, l'insetticida ha effetto sugli scarafaggi che transitano nei siti irrorati, perciò l'insetticida deve persistere per tempi relativamente lunghi (alcune settimane), agire anche con il semplice contatto dei tarsi e dell'addome con le molecole disperse sulla superficie, agire in tempi rapidi, data la velocità con cui si muovono questi insetti (potere abbattente).

Gli scarafaggi nei media e nella cultura[modifica | modifica sorgente]

La stretta relazione fra l'uomo e alcuni Blattoidei ha inevitabilmente ispirato la citazione di questi insetti in molti contesti. Quello che segue è solo un elenco parziale dei tanti esempi.

Musica[modifica | modifica sorgente]

Nella musica l'esempio più famoso in Italia è l'album dei Goblin del 1978, Il Fantastico Viaggio del Bagarozzo Mark, mentre a livello internazionale si può citare la famosa canzone messicana La Cucaracha, il cui titolo e il cui ritornello sono appunto dedicati allo scarafaggio. Dedicato allo scarafaggio, anche se in senso figurato, è il titolo e il ritornello di 'O scarrafone, di Pino Daniele. Nel 2011 nella trasmissione televisiva Colorado, in onda su Italia 1, il gruppo Gem Boy (noto per le famose parodie) crea una canzone intitolata Capitan Blatta.

Letteratura e narrativa[modifica | modifica sorgente]

Nel più famoso racconto di Franz Kafka, La metamorfosi, il protagonista Gregor Samsa si sveglia un giorno tramutato in un insetto, che secondo un'interpretazione corrente è uno scarafaggio (in realtà, Kafka non parla mai di scarafaggio, e anzi, stando al testo, si tratta di tutt'altro animale). Un romanzo di Daniel Evan Weiss, Gli scarafaggi non hanno re, narra le vicende di una colonia di scarafaggi nell'appartamento newyorchese di un ebreo americano dal punto di vista degli scarafaggi stessi[35].

Il racconto Il mar delle blatte di Tommaso Landolfi (1939) è un'opera surreale e grottesca, in cui i personaggi vivono situazioni fantastiche e si muovono in un mondo che ricorda quello dei grandi viaggi per mare del Cinquecento, quando negli oceani c'erano ancora i mostri marini. I mostri sono qui inverosimilmente qualcosa di terrestre:

« Il mare a perdita di vista, senza una terra all'orizzonte, sotto la cappa affocata del cielo, appariva nero come l'inchiostro, e di una lucentezza funebre; una quantità sterminata di blatte, tanto fitte da non lasciar occhieggiare l'acqua di sotto, lo copriva per tutta la sua distesa. Nel gran silenzio s'udiva distintamente il rumore dei loro gusci urtati dalla prua. Lentamente, a fatica, la nave poteva avanzare, e subito le blatte si richiudevano sul suo passaggio. »

Il racconto da fantastico volge presto al drammatico, allorché i marinai, stanchi di viaggiare in quella situazione si ammutinano e uno di loro uccide anche una blatta, scatenando l'ira delle sorelle.

Il romanzo di fantascienza apocalittica La piaga Efesto (The Hephaestus Plague 1973) scritto da Thomas Page vede come protagonista una singolare specie di blatte incendiarie, fuoriuscite da una fenditura del terreno a seguito di un terremoto negli Stati Uniti.[36] Dal romanzo nel 1975 è stato tratto il film Bug - insetto di fuoco (Bug) per la regia di Jeannot Szwarc.[37]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Molte sono le citazioni degli scarafaggi nella storia del cinema. In Creepshow, gli scarafaggi uccidono un malvagio ricco, maniaco dell'igiene. In Men in black, il protagonista "cattivo" è uno scarafaggio extraterrestre che "indossa" la pelle di un contadino. In Mimic, una specie mutante di scarafaggi, creata in laboratorio per debellare una pestilenza, si evolve fino ad assumere le dimensioni di un essere umano ed attacca i passeggeri della metropolitana. In Indiana Jones e il tempio maledetto, gli scarafaggi giganti sono un piatto prelibato che compare nel banchetto servito ad Indiana Jones. In Il pasto nudo, di William Burroughs, il protagonista è un disinfestatore e uno dei temi principali è l'abbondanza di scarafaggi; nel film, la macchina da scrivere del protagonista, di notte, si trasforma in uno scarafaggio parlante; anche nella serie TV Heroes sono presenti molti riferimenti agli scarafaggi, in particolare nella prima stagione. Va ricordato anche Papillon che si ciba di scarafaggi per sopravvivere quando viene messo in isolamento e a pane e acqua e A casa di Joe dove un ragazzo si trasferisce in un appartamento a New York e scoprirà ben presto di "ospitare" nella sua nuova residenza un fiume di scarafaggi parlanti... e canterini! Infine nel film "La ragazza di Trieste" di Pasquale Festa Campanile, del 1982, la protagonista femminile, Nicole, interpretata da Ornella Muti, in preda a psicosi e deliri, vedeva scarafaggi ovunque e, per la paura di sentirseli addosso, si taglia i capelli a zero.

I Beatles: quando l'errore diventa mito[modifica | modifica sorgente]

In Italia, da circa mezzo secolo si associa il nome dei Beatles agli scarafaggi, al punto da considerarli sinonimi. Questa leggendaria associazione, ricorrente anche nei media più autorevoli[38][39][40][41] è in realtà frutto di un errore, perché la parola inglese beetle, che la leggenda vuole sia l'origine di un gioco di parole sulla scelta del nome Beatles, significa "coleottero", e non "scarafaggio". In altri termini, se gli italiani sono convinti che i Beatles si identificassero negli scarafaggi in senso stretto, cioè nelle blatte, è presumibile che il vero intento sia stato invece quello di identificarsi nei maggiolini, ovvero i coleotteri per antonomasia. Il termine "Beatles", che indica il noto quartetto musicale, deriva dal verbo inglese to beat: battere, ritmare...cioè fare musica, e non ha nulla a che vedere né con scarafaggi né coleotteri o insetti vari.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g Australian Faunal Directory. Vedi collegamenti esterni.
  2. ^ Staněk. Op. cit., p. 78.
  3. ^ (EN) Charles Choi, Fact or Fiction?: A Cockroach Can Live without Its Head in Scientific American. URL consultato il 09-07-2008.
  4. ^ a b c d Tremblay. Op. cit., p. 20.
  5. ^ a b c d e Servadei et al. Op. cit., p. 252.
  6. ^ Moreira da Costa Lima. Op. cit., pp. 222-223.
  7. ^ L.S. Corley et al, Developmental constraints on the mode of reproduction in the facultatively parthenogenetic cockroach Nauphoeta cinerea in Evolution & devolopment, vol. 1, n. 2, 1999, pp. 90-9. ISSN 1520-541X. URL consultato il 10-07-2008.
  8. ^ P.J. Moore, A.J. Moore AJ, Developmental flexibility and the effect of social environment on fertility and fecundity in parthenogenetic reproduction in Evolution & devolopment, vol. 5, n. 2, 2003, pp. 163-8. URL consultato il 10-07-2008.
  9. ^ E. Davis Parker et al, Genetic Diversity in Colonizing Parthenogenetic Cockroaches in Evolution, vol. 31, n. 4, 1977, pp. 836-842.
  10. ^ (EN) Species Pycnoscelus surinamensis - Surinam Cockroach in BugGuide. URL consultato il 10-07-2008.
  11. ^ Moreira da Costa Lima. Op. cit., p. 223.
  12. ^ a b c Moreira da Costa Lima. Op. cit., pp. 228-230.
  13. ^ Kathryn A. Barbara, American cockroach in Featured Creatures, Department of Entomology and Nematology, University of Florida. URL consultato il 10-07-2008.
  14. ^ Servadei et al. Op. cit., p. 254.
  15. ^ a b c Moreira da Costa Lima. Op. cit., pp. 225-228, 232-233.
  16. ^ Moreira da Costa Lima. Op. cit., p. 234.
  17. ^ (EN) Jennifer Viegas, Cockroaches Make Group Decisions in Animal Planet News. URL consultato il 10-07-2008.
  18. ^ Servadei et al. Op. cit., pp. 649-650.
  19. ^ Viggiani. Op. cit., pp. 288-289.
  20. ^ Servadei et al. Op. cit., p. 254.
  21. ^ Viggiani. Op. cit., p. 414.
  22. ^ Viggiani. Op. cit., p. 492.
  23. ^ (EN) David R. Maddison, Dictyoptera in The Tree of Life Web Project, 2002. URL consultato il 09-07-2008.
  24. ^ (EN) Taxon details: Blattodea in Fauna Europaea version 2.6.2, Fauna Europaea Web Service, 2013. URL consultato l'11-07-2008.
  25. ^ (EN) Fabio Stoch, Checklist of the Italian fauna on-line in Fauna Italia, 2003. URL consultato l'11-07-2008.
  26. ^ Tremblay, op. cit.
  27. ^ Fabio Stoch, Family Polyphagidae in Checklist of the Italian fauna online version 2.0, 2003. URL consultato il 24-03-2011.
  28. ^ (EN) Taxon details: Polyphaga aegyptiaca in Fauna Europaea version 2.6.2, Fauna Europaea Web Service, 2013. URL consultato il 24-03-2011.
  29. ^ a b c d e Rust & Reierson. Op. cit..
  30. ^ a b N. Chaudhuri, L. Fruchtengarten, Chapter 3. Where the child lives and plays in J. Pronczuk de Garbino (a cura di), Children's health and the environment, Ginevra, World Health Organization, 2004, p. 36.
  31. ^ M.A. Baumholtz et al, The medical importance of cockroaches in International Journal of Dermatology, vol. 36, n. 2, 1997, pp. 90-96.
  32. ^ Tremblay. Op. cit., p. 21.
  33. ^ Aldo Pollini. Manuale di entomologia applicata. Bologna, Edagricole, 2002, 55-56. ISBN 88-506-3954-6.
  34. ^ Centri di Produzione Pasti. Guida per l'applicazione del sistema HACCP (Dossier 37) in Collana Dossier, Regione Emilia-Romagna. CDS Aziende USL Città di Bologna e Ravenna, p. p. 88. URL consultato il 13-07-2008.
  35. ^ D.E. Weiss, Gli scarafaggi non hanno re, Milano, Feltrinelli, 1999. ISBN 88-7108-305-9.
  36. ^ Thomas Page, La piaga Efesto, Collana Urania n.664, Mondadori, 1975.
  37. ^ (EN) Bug - Insetto di fuoco in Internet Movie Database, IMDb.com Inc.
  38. ^ I miticiScarafaggi di Liverpool a trent'anni dall'addio alle scene in Archivio storico del Corriere della Sera. URL consultato il 24-06-2009.
  39. ^ Liverpool capitale europea della cultura. A metà tra i Beatles e il futuro in Canale viaggi, Panorama.it. URL consultato il 24-06-2009.
  40. ^ Nasce la prima laurea in 'Beatles'. Ed è già boom di richieste in Quotidiano Net, Monrif Group. URL consultato il 24-06-2009.
  41. ^ Il barocco beatlesiano: quando la lirica diventa pop in dISPENSER - distributore automatico di stimoli quotidiani, RAI. URL consultato il 24-06-2009.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Antonio Servadei; Sergio Zangheri; Luigi Masutti. Entomologia generale ed applicata. Padova, CEDAM, 1972.
  • Ermenegildo Tremblay. Entomologia applicata. Volume II Parte I. 1ª ed. Napoli, Liguori Editore, 1981. ISBN 978-88-207-1025-5.
  • Ângelo Moreira da Costa Lima. XIV. Ordem Blattariae in Insetos do Brasil. Tomo 1. Escola Nacional de Agronomia, 1940. (in portoghese).
  • Václav Jan Staněk. Enciclopedia illustrata degli insetti. Elisabetta Ghisotti Steinman (Trad. it.). Praga, Artia (Ed. it. Librerie Accademia) [1970], 1978. ISBN 0-600-03085-7.
  • (EN) M.K. Rust, D.A. Reierson, Cockroaches in Pest Notes (Publication 7467), University of California. Agriculture and Natural Resources, 2007. URL consultato il 13-07-2008. Versione HTML.
  • Gennaro Viggiani. Lotta biologica e integrata. Napoli, Liguori Editore, 1977. ISBN 88-207-0706-3.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi