Paco Ignacio Taibo II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paco Ignacio Taibo II (a destra) alla Fiera del Libro di L'Avana del 2009.

Paco Ignacio Taibo II, all'anagrafe Francisco Ignacio Taibo Mahojo (Gijón, 11 gennaio 1949) è uno scrittore, giornalista, saggista ed attivista spagnolo naturalizzato messicano.

Risiede in Messico dal 1958, quando la sua famiglia scappò dalla dittatura di Francisco Franco. Direttore delle raccolte "Messico, storia di un popolo" e "Cronaca generale del Messico" (1931-1986), del supplemento culturale della rivista "Siempre!" (1987-1988) e delle riviste "Enigma" e "Bronca". Le sue opere comprendono romanzi storici, racconti ispirati alla cronaca e romanzi gialli.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Suo nonno paterno, Benito Taibo, apparteneva al gruppo dirigente del Partito Socialista. Partecipò alla insurrezione del 1934 e alla Guerra Civile Spagnola del 1936. Il fratello della nonna paterna era direttore del giornale socialista "El Avance" ed entrambi furono prigionieri nelle carceri franchiste per le loro attività e ideologie politiche. Il nonno materno procurava armi di contrabbando agli anarco-sindacalisti e durante la guerra civile armò un peschereccio e combatté la sua guerra contro il franchismo, fino a che morì con tutto il suo equipaggio, dopo che l'imbarcazione fu colpita dal nemico. Il padre, Francisco Ignacio Taibo Lavilla González Nava Suárez Vich Manzón (noto come Paco Taibo I), scrittore e giornalista scomparso il 14 novembre 2008, dovette aggiungere un "I" al cognome quando il figlio cominciò a pubblicare libri.

Considerate le notevoli difficoltà incontrate sotto il regime franchista, la famiglia Taibo decise di lasciare la Spagna e di trasferirsi in Messico, paese che, per tradizione, aveva accolto profughi e perdenti di molte rivoluzioni, quando Paco Ignacio non aveva ancora 10 anni. In Messico il padre lavorò come giornalista televisivo fino al 1968 quando, di fronte alla repressione sanguinosa del Movimento Studentesco, sentendosi limitato nella propria libertà d'espressione, decise di lasciare il lavoro alla televisione e di ritornare al suo vecchio amore, la stampa. Nel frattempo il giovane Paco Ignacio si dedicò intensamente all'impegno politico nel movimento studentesco e al giornalismo, professione che ama e che mai abbandonerà, così come non abbandonerà la sua amata Città del Messico, teatro di azione di molti dei suoi racconti. Nel 1971 sposa Paloma Saiz.

Le opere ed i premi[modifica | modifica sorgente]

La carriera del Taibo scrittore può essere riassunta in alcune cifre: più di 50 titoli pubblicati – romanzi, libri di racconti, fumetti, reportages giornalistici, saggi storici – pubblicati in più di 20 paesi; numerosi premi letterari tra i quali:

Héctor Belascoarán Shayne[modifica | modifica sorgente]

È l'investigatore privato di Città del Messico protagonista di molti libri dello scrittore. Figlio di un basco e di una irlandese (da qui il doppio cognome, a cui lui tiene molto), anarcoide, condivide l'ufficio con un idraulico, un tappezziere ed un ingegnere che si occupa di fogne. Ha un fratello impegnato politicamente a sinistra, una sorella reduce da un divorzio ed una fidanzata fantasma con la coda di cavallo. È brutto e - da una certa avventura in poi - orbo e claudicante. Le storie sono ambientate a Città del Messico e quando lo scrittore, agli inizi degli anni novanta, decise di "abbandonarla", i muri della città si riempirono di scritte come ‘Belascoarán, per favore ritorna!’

I libri che hanno per protagonista Héctor Belascoarán Shayne non sono solo gialli, ma descrivono molto bene la società messicana, la sua precarietà e la corruzione diffusa, ma anche la semplicità, l'umorismo e la voglia di vivere dei messicani.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Compaiono tra parentesi il titolo originale e l'anno della prima edizione italiana:

Romanzi con Héctor Belascoarán Shayne:

Altre opere di narrativa:

Saggi:

Altre opere non ancora pubblicate in Italia:

  • 1971 - Nacimiento de la memoria
  • 1978 - Historia General de Asturias. (Tomo 7), Gran Enciclopedia Asturiana Silverio Cañada
  • 1979 - Historia General de Asturias. (Tomo 8), Gran Enciclopedia Asturiana Silverio Cañada
  • 1980 - La huelga de los sombrereros
  • 1980 - Asturias 1934
  • 1981 - Memoria del Congreso de Mérida
  • 1981 - El primer primero de mayo en México, (con Jorge Fernández)
  • 1981 - La huelga del verano de 1920 en Monterrey
  • 1982 - El primer primero de mayo en el mundo
  • 1982 - México, historia de un pueblo
  • 1982 - Héroes convocados: manual para la toma del poder
  • 1982 - Irapuato mi amor
  • 1983 - Pascual sexto round
  • 1983 - El socialismo en un solo puerto, (con Rogelio Vizcaino)
  • 1984 - El socialismo libertario mexicano
  • 1984 - Memoria roja. Luchas sindicales de los años 20, (con Rogelio Vizcaino)
  • 1984 - Bajando la frontera
  • 1985 - Danzón en Bellas Artes, (con Luis Hernández)
  • 1985 - Octubre 1934, cincuenta años para la reflexión
  • 1985 - Pistolero y otros reportajes
  • 1985 - Reportaje
  • 1986 - Bolshevikis. Historia narrativa de los orígenes del comunismo en México 1919-1925
  • 1987 - Ataca Oaxaca
  • 1988 - El regreso de la verdadera araña y otras historias que pasaron en algunas fábricas
  • 1988 - Fantasmas nuestros de cada día
  • 1988 - Raymond Chandler's Phillip Marlowe
  • 1988 - Pascual: décimo round
  • 1989 - La batalla de Santa Clara
  • 1990 - Las dos muertes de Juan Escudero, (con Rogelio Vizcaino)
  • 1991 - El hombre de los lentes oscuros que mira hacia el cielo se llama Domingo y se llama Raul
  • 1991 - 68
  • 1992 - El caso Molinet
  • 1993 - Cuevas-Taibo: mano a mano
  • 1994 - Frontera de espejos rotos (autore di uno dei racconti)
  • 1994 - Nomás los muertos están bien contentos
  • 1994 - Cárdenas de cerca: Una entrevista biográfica
  • 1996 - Máscara Azteca y el Doctor Niebla (después del golpe)
  • 1997 - El general orejón ese
  • 1997 - Insurgencia mi amor
  • 1997 - Adiós Madrid
  • 1997 - Cuentos policiacos mexicanos
  • 1998 - Mi amigo Moran
  • 1998 - El camino de María
  • 1999 - Primavera pospuesta
  • 2001 - Retornamos como sombras
  • 2002 - El cura Hidalgo y sus amigos
  • 2003 - Hurler à la lun (con Marc Behm)
  • 2006 - Sólo tu sombra fatal
  • 2006 - Olga Forever
  • 2008 - Tony Guiteras, un hombre guapo
  • 2008 - El libro rojo (con altri scrittori ed artisti)

Musica[modifica | modifica sorgente]

Paco Ignacio Taibo II viene citato nella canzone Latinoamericana di Stefano "Cisco" Bellotti in cui Pino Cacucci recita la frase «Ahi, pobre Mexico tan lejos de Diós y tan cerca de los gringos de Americanos!».

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 112643855 LCCN: n82096350