Antonio Spinosa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Antonio Spinosa (Ceprano, 18 giugno 1923Roma, 31 gennaio 2009) è stato uno scrittore, giornalista e storico italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nato in provincia di Frosinone con un padre che vedeva malissimo le sue aspirazioni letterarie, chiare sin dalle scuole elementari, ha passato gli anni della sua vita a riscoprire e reinterpretare eventi e personaggi che, in modi diversi e spesso controversi, hanno cambiato l'Italia ed il mondo. Dopo gli studi classici e la laurea, Antonio Spinosa iniziò una brillante carriera giornalistica: fu infatti inviato speciale del Corriere della Sera e de Il Giornale, di cui era direttore Indro Montanelli. In seguito è stato direttore del Nuovo Roma, dell'Agenzia Giornalistica Italia, della Gazzetta del Mezzogiorno e di Videosapere RAI; Inoltre ha lavorato per lungo tempo all'Agenzia Ansa come giornalista parlamentare. Ha vinto numerosi riconoscimenti tra cui il Premio Estense, il Premio Saint-Vincent e il Premio Bancarella. Fu inoltre tra i finalisti del Premio Strega del 1996. Con la sua attività di giornalista ha avuto l'occasione di incontrare e intervistare numerose personalità del Novecento, tra cui Sandro Pertini, Giovanni Paolo II, Maria Josè di Savoia, Albert Schweitzer.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Spinosa fu definito come "l'amico dei grandi della storia". Le sue opere furono edite prima da Rizzoli e poi da Arnoldo Mondadori Editore.

  • Diario di una inquietudine.C. Del Duca Editore,1959.
  • L'ABC dello snobismo. Longanesi & C., 1968.
  • Il terzo mondo siamo noi. SUGARCo EDIZIONI, 1974.
  • Starace. L'uomo che inventò lo stile fascista. Milano, Rizzoli, 1981.
  • I figli del Duce. Il destino di chiamarsi Mussolini. Milano, Rizzoli, 1982.
  • Murat. Da stalliere a re di Napoli. Milano, Mondadori, 1984.
  • Tiberio. L'imperatore che non amava Roma. Milano, Mondadori, 1985.
  • Cesare. Il grande giocatore. Milano, Mondadori, 1986.
  • D'Annunzio. Il poeta armato. Milano, Mondadori, 1987.
  • Mussolini. Il fascino di un dittatore. Milano, Mondadori, 1989.
  • Vittorio Emanuele III. L'astuzia di un re. Milano, Mondadori, 1990.
  • Hitler. Il figlio della Germania. Milano, Mondadori, 1991.
  • Pio XII. L'ultimo papa. Milano, Mondadori, 1992.
  • Salò. Una storia per immagini. Milano, Mondadori, 1992.
  • Edda. Una tragedia italiana. Milano, Mondadori, 1993.
  • Italiane. Il lato segreto del Risorgimento. Milano, Mondadori, 1994
  • Mussolini razzista riluttante. Bonacci, 1994
  • L'Italia liberata. Milano, Mondadori, 1995
  • Augusto. Il grande baro. Milano, Mondadori, 1996.
  • Mussolini - Hitler. Milano, Oscar Mondadori, 1996.
  • Piccoli Sguardi. Ed Piemme, 1996.
  • L'ABC dello snobismo. Milano, Mondadori, 1997.
  • La grande storia di Roma. Milano, Mondadori, 1998.
  • Paolina Bonaparte. L'amante imperiale. Milano, Mondadori, 1999.
  • La saga dei Borgia. Delitti e santità. Milano, Mondadori, 1999.
  • Alla corte del Duce. Milano, Mondadori, 2000.
  • Il destino, il potere e la gloria. Milano, Mondadori, 2001.
  • Churchill. Il nemico degli italiani. Milano, Mondadori, 2001, vincitore del Premio Cimitile nel 2002.
  • Cleopatra. Milano, Mondadori, 2002.
  • Napoleone. Il flagello d'Italia: le invasioni, i saccheggi, gli inganni. Milano, Mondadori, 2003
  • Maria Luisa d'Austria, la donna che tradì Napoleone. La gloria, le passioni, il tormento. Milano, Mondadori, 2004.
  • La grande storia dell'Eneide. Milano, Mondadori, 2005.
  • Luigi XVI. L'ultimo sole di Versailles. Milano, Mondadori, 2007.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Direttore del quotidiano Roma Successore
Alberto Giovannini 1978 - ? Franco Grassi