Marcione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marcione di Sinope

Marcione (greco: Μαρκίων; Sinope, 85 circa – Roma, 160) è stato un vescovo e teologo greco antico, fondatore della dottrina cristiana che prende il nome di Marcionismo, considerata eretica dalla chiesa primitiva. L'ipotesi che il primo a redigere un canone del Nuovo Testamento sia stato Marcione, sviluppata da Adolf von Harnack[1],è tuttora oggetto di dibattito tra gli studiosi[2][3][4][5][6].

I suoi insegnamenti furono rilevanti nel cristianesimo del II secolo, continuando poi ad essere influenti nei secoli successivi, e furono percepiti come una notevole minaccia dai Padri della Chiesa, in particolare dalla Chiesa di Roma, che poi emerse vittoriosa dalla lotta contro le altre correnti dei primi secoli per essere confermata nel concilio di Nicea (325).

Sebbene spesso incluso nella corrente gnostica, Marcione accolse la dottrina di Paolo di Tarso, che sottolineava come la salvezza non fosse ottenibile solo attraverso la Legge, e la portò alle sue estreme conseguenze: secondo Marcione esistevano due divinità, il Dio degli Ebrei, autore della Legge e dell'Antico Testamento, e il Dio Padre di Gesù Cristo, che aveva mandato il proprio figlio per salvare gli uomini; solo il secondo era il vero dio da adorare e che portava la salvezza.

Per sostenere le proprie dottrine, Marcione raccolse il primo canone cristiano di cui si ha notizia, che comprendeva dieci lettere di Paolo e un vangelo (probabilmente il Vangelo secondo Luca epurato di alcune parti), detto Vangelo di Marcione;[7] allo stesso tempo rigettava completamente la Bibbia ebraica, considerandola ispirata da un dio inferiore.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La vita di Marcione è nota esclusivamente attraverso le testimonianze dei suoi avversari, che peraltro fanno una certa confusione sulle date che lo riguardano.[8]

Marcione visse a Sinope del Ponto, una città sulla costa meridionale del Mar Nero. Tertulliano sosteneva che fosse un armatore. Secondo altre fonti, Marcione era figlio del vescovo di Sinope, il quale lo cacciò dalla Chiesa locale, e sedusse una vergine;[9] molti studiosi moderni mettono in dubbio l'espulsione e interpretano la seduzione della vergine in senso figurato, con la vergine che rappresenta la Chiesa.[10]

Quali che fossero i motivi, ad un certo punto della sua vita, raccolse delle lettere di raccomandazione dai suoi concittadini e si mise in viaggio per l'Asia Minore, dove fece opera di evangelizzazione. In questo periodo fu collegabile ad un certo Cerdone (latino: Cerdo), ma le fonti non sono concordi se questi fosse un maestro o un discepolo di Marcione.[11]

Marcione si recò poi a Roma, dove si trovava una delle maggiori comunità cristiane; fece una notevole donazione alla Chiesa romana (200.000 sesterzi, pari a metà del reddito necessario per entrare a far parte dell'ordine equestre) e fu un membro rispettato della comunità romana per diversi anni.[12] Secondo alcune fonti, inizialmente seguì le idee proto-ortodosse, poi presentò alla comunità la sua idea che il vangelo cristiano fosse qualcosa di totalmente nuovo rispetto alla Bibbia ebraica, che ricevette una pessima accoglienza, costringendo Marcione ad abbandonare la Chiesa di Roma.

Interpretazioni della vita di Marcione[modifica | modifica wikitesto]

Ireneo di Lione afferma che Marcione "fiorì" sotto papa Aniceto (invaluit sub Aniceto). Sebbene questo periodo possa essere il periodo di maggior successo di Marcione a Roma, è sicuro che arrivò prima, probabilmente nel 140, nel periodo tra la morte di papa Igino e la consacrazione di papa Pio I. Epifanio racconta che Marcione cercò l'ammissione nella Chiesa di Roma, ma fu rifiutato. La motivazione di questo rifiuto risiedeva nel fatto che colui che era stato espulso dal proprio vescovo, non poteva essere ammesso alla comunione col vescovo di Roma senza precedenti comunicazioni con quell'autorità. Questa storia è però stata indicata come estremamente improbabile, dato che implicava che la grande Chiesa di Roma si dichiarava incompetente sulle decisioni di un vescovo locale. Deve essere invece tenuto presente che Marcione arrivò a Roma durante una sede vacante, "dopo la morte di Igino", e che tale risposta suona abbastanza naturale sulle labbra di un presbitero ancora senza un vescovo. Inoltre, è ovvio che Marcione era già un vescovo consacrato. Un laico non sarebbe stato in grado di disputare coi presbiteri sulle Sacre scritture come faceva lui, né avrebbe potuto dichiarare poco dopo il suo arrivo: "Io dividerò la vostra Chiesa e causerò una divisione al suo interno che durerà per sempre", come si dice che Marcione abbia fatto. Un laico non avrebbe potuto, inoltre, fondare un'istituzione mondiale, la cui caratteristica principale era l'episcopalismo. Un laico, se accettiamo la storia di Epifanio, non sarebbe stato espulso permanentemente della Chiesa, senza speranza di riconciliazione, dal proprio padre, nonostante le sue implorazioni, per un semplice peccato di fornicazione, né divenire oggetto di scherno da parte dei concittadini pagani. Un laico non sarebbe stato deluso per non essere stato consacrato vescovo poco dopo il suo arrivo in una città la cui sede era vacante, come si dice che Marcione sia stato.

Questa storia potrebbe essere il massimo dell'assurdo e così sarebbe, se noi ignorassimo il fatto che Marcione era un vescovo, e che, secondo Tertulliano,[12] donò 200.000 sesterzi alla comunità romana subito dopo il suo arrivo. Questo straordinario dono, una somma enorme per quei giorni, può essere attribuito al primigenio fervore della fede, o ad una speranza per qualcosa. I soldi gli furono restituiti subito dopo la sua rottura con la Chiesa. Questo è di nuovo naturale se il dono fosse stato fatto con una condizione tacita, che, se si fosse verificata, non sarebbero stati restituiti. Infine, il racconto riportato in varie opere di Tertulliano in cui si dice che Marcione, al suo arrivo a Roma, dovette rinnovare la sua professione di fede[13] calza perfettamente con la supposizione che fosse un vescovo, ma sarebbe, come indica G. Krüger, una cosa inaudita di nel caso di un laico.

Si può dare, quindi, per assodato che Marcione fosse un vescovo, probabilmente un assistente o un suffraganeo di suo padre a Sinope. Essendo caduto in disgrazia con il padre, si recò a Roma, dove, quale navigatore o armatore e quindi grande viaggiatore, poteva essere già conosciuto e dove la sua ricchezza gli ottenne influenza e posizioni. Anche se Tertulliano suppone che sia stato ammesso in comunione con la Chiesa di Roma ed Epifanio dice che l'ammissione gli fu rifiutata, le due tesi possono essere facilmente riconciliate: basta intendere in Tertulliano la mera appartenenza o la comunione, ed in Epifanio l'accettazione delle sue pretese episcopali. La sua dignità episcopale è stata menzionata da almeno due dei primi scrittori cristiani. Nel primo si dice come "da vescovo sia divenuto un apostata" (Ottato di Mileve, IV, V), e nel secondo di come i suoi seguaci si chiamino Marcioniti, dopo un vescovo, invece di essere chiamati Cristiani dopo Cristo (Origene Adamantio, Dial., I, ed. Sande Bakhuysen).

La sua rottura finale con la Chiesa di Roma avvenne nell'autunno del 144, per questo i Marcioniti contavano 115 anni e 6 mesi dai tempi di Cristo all'inizio della loro setta. Sebbene Marcione sembra avesse fatto causa comune con Cerdone, lo gnostico siriano che in quel tempo si trovava a Roma, sembra improbabile che la sua dottrina derivi da quella gnostica. Ireneo riferiva (Adv. Haeres., III, III) che in un incontro a Roma Marcione chiese a Policarpo di Smirne: "Ci riconoscete?" ed ebbe come risposta: "Io riconosco te come il primogenito di Satana". Questa incontro probabilmente avvenne nel 154. A quella data Marcione e le sue dottrine erano molto conosciute, per questo motivo Giustino martire nella sua prima Apologia (scritta intorno al 150), descriveva l'eresia di Marcione come sparsa dappertutto. Questo periodo, dal 144 al 150, sembrava, a molti eresiologi, un tempo troppo corto per un successo così prodigioso, pertanto si supponeva che Marcione fosse attivo in Asia Minore ben prima della sua venuta a Roma. Clemente Alessandrino (Strom., VII, VII, 106) lo definiva il più vecchio contemporaneo di Basilide e Valentino, ma in tal caso, quando giunse a Roma, doveva essere un uomo di mezza età ed una sua precedente opera di propaganda ad oriente non è impossibile.

Che la Cronaca di Edessa posizioni l'inizio del Marcionismo nel 138, favorisce grandemente questo punto di vista. Tertulliano, nel 207 (la data del suo Adv. Marc., IV, IV), riferiva che Marcione professò penitenza ed accettò come condizione per la sua riammissione nella Chiesa di far ritornare sulla retta via coloro che aveva traviato, ma la morte lo impedì. La data precisa della sua morte è ignota, ma molto probabilmente avvenne intorno al 160

La chiesa dei marcioniti, da lui fondata, sopravvisse fino al VI secolo, soprattutto nella parte orientale dell'impero. Il suo allievo più importante fu Apelle. Se tale chiesa ebbe un merito fu quello di stimolare la formazione del Canone del Nuovo Testamento.

La dottrina marcionita[modifica | modifica wikitesto]

Marcione non presentò particolari speculazioni su cosmogonie varie. La dottrina marcionita (della quale non possediamo documenti originali, ma che possiamo ricostruire dalle opere degli eresiologi) si esplica nell'antitesi tra l'Antico e il Nuovo Testamento in una sorta di diteismo asimmetrico. Questa interpretazione dualistica probabilmente fu mutuata da Cerdone, lo gnostico siriano che in quel periodo predicava a Roma, ma Marcione non può essere considerato semplicemente uno gnostico in quanto, secondo lui, la salvezza non derivava dalla gnosi, ma dalla Grazia divina. Egli voleva un Cristianesimo puro, non corrotto dall'associazione col Giudaismo. Il Cristianesimo per Marcione era la pura e semplice Nuova Alleanza.

Le questioni astratte sull'origine del male o sull'essenza della Divinità lo interessavano poco, ma l'Antico Testamento, con la sua rozzezza e l'implacabilità del suo Dio, era inconcepibile, pertanto doveva essere accantonato. L'interpretazione strettamente letterale della cosmogonia biblica e della Storia Sacra induceva Marcione a ritenere che il «Dio giusto» dell'Antico Testamento non potesse identificarsi con il Dio, Padre buono e misericordioso, amante delle proprie creature di cui parlano i Vangeli. L'autore di un mondo riboccante di mali e di un uomo pieno di imperfezioni non poteva essere che un dio "minore" e imperfetto, un demiurgo inferiore al proprio compito, il quale, per correggere in qualche modo la sua opera incompiuta, avrebbe tentato di mantenervi un certo ordine, instaurando una legge inesorabile sostenuta da sanzioni tremende e crudeli ispirate alla Legge del taglione, capaci di colpire il peccatore nella sua discendenza fino alla quarta generazione.

La relazione metafisica tra queste due divinità, però, creò qualche problema a Marcione, che non essendo gnostico, non sapeva nulla di emanazioni divine, eoni, syzygies, princìpi eternamente opposti di bene e male. Marcione, inoltre, doveva tener conto anche di quei passaggi del Nuovo Testamento che si basavano sul Vecchio. Egli tagliò, così, tutti i testi che erano contrari al suo dogma creando un suo Nuovo Testamento basato su una riduzione del Vangelo secondo Luca ed un Apostolicon contenente dieci epistole di Paolo di Tarso. Nel rigettare l'Ebraismo, Marcione suggerì che anche gli apostoli, pilastri della Chiesa, Pietro, Giacomo il Maggiore, e Giovanni avevano tradito la fiducia dei cristiani. Egli amava parlare di "falsi apostoli", e lasciava i suoi uditori a chiedersi chi fossero. Una volta che si fu liberato completamente dell'Antico Testamento, Marcione non desiderava ulteriori cambiamenti. Egli creò la sua Chiesa puramente neotestamentaria il più possibile simile alla Chiesa cattolica, intessuta del suo profondo puritanesimo.

La prima descrizione della dottrina di Marcione risale a Giustino martire, che diceva: "Con l'aiuto del diavolo Marcione ha contribuito in ogni paese alla blasfemia ed al rifiuto di Dio quale Creatore del mondo". Il Demiurgo ha quindi creato tutti gli uomini, ma scelse di eleggere gli ebrei quale suo popolo e così diventò il dio degli ebrei. La prospettiva teologica di Marcione è quindi limitata alla Bibbia e la sua lotta con la Chiesa cattolica sembra una semplice battaglia di testi: l'Antico Testamento è abbastanza vero, Mosè ed i Profeti sono i messaggeri del Demiurgo, il Messia ebreo verrà sicuramente a fondare un regno millenario per gli ebrei sulla terra, ma il messia ebreo non ha nulla a che fare con il Cristo figlio del Buon Dio Invisibile, Indescrivibile (aoratos akatanomastos agathos theos).

Proprio grazie al Cristo, inviato per liberare l'uomo dalla tirannia del suo creatore, il Buon Dio si è rivelato sia al Demiurgo, che ne ignorava l'esistenza, sia alle sue creature. Non si sa se Marcione ammettesse o no la Trinità. Cristo è davvero il Figlio di Dio, ma è anche semplicemente "Dio", senza ulteriori qualifiche, infatti, il Vangelo di Marcione iniziava con le parole; "Nel quindicesimo anno dell'Imperatore Tiberio Dio discese in Cafarnao ed insegnò agli ebrei". Per quanto coraggiosa e capricciosa, questa manipolazione del testo Evangelico, è comunque una testimonianza lampante che, nei circoli cristiani della prima metà del II secolo, la Divinità di Cristo era un dogma centrale.

Per Marcione, tuttavia, Cristo era il Dio Manifestato, non il Dio Incarnato. La sua Cristologia era quella Docetista, che rifiutava la storia dell'infanzia. Il Redentore di Marcione era un Deus ex machina del quale dice beffardamente Tertulliano: "Improvvisamente un Figlio, improvvisamente Cristo!". Questi (Cristo, che non è il Messia atteso dagli ebrei) proclamò la nuova legge d'amore e riscattò l'umanità dal pesante giogo del suo creatore. Marcione, per far comprendere la vita di Cristo, usò la storia dei tre angeli che mangiarono camminarono, e conversarono con Abramo e che tuttavia non avevano un vero corpo umano (Adv. Marc., III, ix). Per Marcione la materia e la carne non erano cattive in sé, ma solo spregevoli, una mera produzione del Demiurgo, ed era semplicemente inconcepibile che Dio li avesse fatti propri. Il seguace di Cristo che ha ricevuto il battesimo, per rendersi degno di questa redenzione, dovrà affrancarsi al massimo dalla materia, rinunciando ai beni e ai piaceri terreni, soprattutto al matrimonio che, con la procreazione, continua l'opera del Dio cattivo.

La dottrina marcionita ebbe notevole diffusione e si protrasse per diversi secoli, sebbene andasse degenerando e scindendosi in varie sette: il demiurgo o Dio cattivo si venne confondendo con il principio del male o Satana, e i due dèi, che nella dottrina originaria non erano mai entrati in aperto conflitto, si confusero con i due princìpi opposti del bene e del male, in eterno contrasto fra loro, degli gnostici e dei manichei; anzi il marcionismo divenne uno dei principali veicoli dello gnosticismo e del manicheismo.

L'etica di Marcione era molto severa: prevedeva una rigorosa astinenza alimentare, la proibizione del matrimonio e la preparazione costante al martirio. I nuovi convertiti, se sposati, dovevano immediatamente sciogliere il matrimonio ed abbandonare il coniuge. Marcione battezzava solamente quelli che non vivevano nel matrimonio: vergini, vedove, celibi, ed eunuchi (Tert., Adv. Marc., I, XXIX); tutti gli altri rimanevano catecumeni. D'altra parte l'assenza di divisioni tra catecumeni e persone battezzate, nelle cerimonie Marcionite, scioccò i cristiani ortodossi dell'epoca. Secondo quanto riporta Epifanio i seguaci di Marcione digiunavano il sabato per spirito di opposizione al Dio ebreo che fece del sabato un giorno di festa. Il mondo materiale era disprezzato e lo Stato era considerato con indifferenza.

Le opere[modifica | modifica wikitesto]

Il nome di Marcione appare prepotentemente nella discussione di due importanti questioni: il Credo dell'Apostolo e il Canone del Nuovo Testamento. In base ad approfonditi studi è stato provato che il Credo dell'Apostolo fu redatto dalla Chiesa di Roma proprio in opposizione al Marcionismo (cf. F. Kattenbusch, Das Apost. Symbol., Leipzig, 1900; A.C. McGiffert, "Il Credo dell'Apostolo", New York, 1902).

Le Antitesi[modifica | modifica wikitesto]

La dottrina portante di Marcione era l'opposizione dell'Antico Testamento al Nuovo, e questa dottrina fu ampiamente illustrata nel suo grande (perduto) lavoro, Antitesi, o "Contrasti". Qui sosteneva essenzialmente che il Dio delle Scritture ebraiche non fosse la stessa persona rivelata da Gesù dato che era inflessibile nella sua dispotica giustizia e che puniva le creature peccatrici mediante una guerra di sterminio condotta dal suo popolo, gli Ebrei. Gesù aveva invece rivelato, alla sua venuta, il vero Dio, il buon Padre che perdona, ama e salva anche a costo di soffrire egli stesso per tutti. Che siano scritti suoi originali o che siano rimaneggiamenti di testi precedenti non è dato sapere, ma è certo che solo dopo l'operato di Marcione, nel mondo paleocristiano, si comincerà a parlare della necessità di un canone di testi specifici cristiani, che verrà chiuso in modo definitivo solo nel IV secolo.

Alcuni studiosi come John Knox ritengono che l'odierno vangelo secondo Luca sia da considerarsi scritto da qualcuno che ha letto il vangelo marcionita o quantomeno l'ipotetica fonte da cui questo è tratto (fonte che comunque si esclude possa essere il vangelo secondo Luca)[senza fonte].

Canone marcionita[modifica | modifica wikitesto]

Tenendo[14] conto delle numerosissime confutazioni di Marcione ed in particolare quella di Epifanio di Salamina si può tentare di ricostruire il Canone di Marcione. Il Vangelo di Marcione è una parte di quello di Luca, nulla viene aggiunto. Le principali differenze individuate sono le seguenti:

  1. Manca l'intero capitolo 1: sia la prefazione che dice esplicitamente trattarsi di una revisione che la narrazione della nascita del Battista, l'Annunciazione ed inoltre il Magnificat (ha soccorso Israele come aveva promesso ai nostri padri...) e il Benedictus il signore Dio di Israele;
  2. Manca l'intero capitolo 2: Nascita e infanzia di Gesù;
  3. Dal Capitolo 3 mancano l'invito alla sollevazione del Battista e la genealogia di Gesù;
  4. Varie frasi nel capitoli intermedi, tutte con riferimenti ad Israele ed all'Antico Testamento;
  5. Quasi tutto l'ultimo capitolo 24 ed in particolare la narrazione delle apparizioni.

Come si vede si tratta di testi che connettono Gesù alla tradizione e storia ebraica e che danno senso politico alla sua azione. Le Lettere di Paolo secondo Marcione, che egli chiamò Apostolikon, sulla base delle informazioni da Tertulliano, sostanzialmente confermate da Epifanio erano le seguenti:

  1. Rispetto al canone cattolico mancano le Epistole Pastorali (Timoteo I e II, Tito ed Ebrei) che sono databili al II secolo;
  2. Corinzi (I e II), Tessalonicesi (I e II) Colossesi, Filippesi, e Filemone: probabilmente invariate;
  3. Galati: mancanti dell'incontro con Pietro e la spartizione dei compiti ed quasi tutto il capitolo 3 denso di riferimenti alla legge mosaica;
  4. Romani: senza interi capitoli come 1, 9, 10 11, e 15;
  5. Lettera ai Laodicesi: secondo Tertulliano è da identificare con Efesini del Canone Cattolico.

I Padri della Chiesa (Giustino Martire, Ireneo di Lione, Epifanio di Salamina) concordano con la tesi di Tertulliano che Marcione modificasse il testo di Luca per adattarlo alle sue tesi. Gli studiosi moderni tendono invece ad ipotizzare una fonte comune perduta (F.C.Baur) oppure che il Vangelo di Marcione sia una versione più antica (A.Ritschl) e che sia stato esteso per ridurre le differenze nella predicazione di Pietro e Paolo, coerentemente con il contenuto degli Atti degli Apostoli attribuiti allo stesso Luca.

Confutazioni di Marcione[modifica | modifica wikitesto]

Marcione è conosciuto esclusivamente attraverso le numerose confutazioni delle sue tesi che vanno dal secondo al quinto secolo. Si ha notizia anche di varie confutazioni andate perdute. In ordine cronologico le principali sono le seguenti:

  1. Giustino Martire (circa 150) conobbe Marcione e si riferì ai Marcioniti nella sua prima Apologia. Contro di loro scrisse anche Syntagma pros Markiona, ora perduto ma citato da Ireneo. Ireneo (Haer., IV, VI, 2) cita corti passaggi di Giustino che contengono, ad esempio, la frase: Io non avrei creduto a Dio Stesso se Questi avesse annunciato qualcun altro come Creatore.
  2. Ireneo di Lione (circa 176) anch'egli contemporaneo di Marcione volle scrivere un lavoro particolare per confutare Marcione, ma non terminò mai l'opera (Haer., I, 27, 4; III, 12 13); in ogni caso, nella sua opera contro tutte le eresie, da qualche informazione sulle tesi di Marcione e riporta la frase di Policarpo: io ti conosco primogenito del diavolo.
  3. Rodone (180-192) scrisse un trattato contro Marcione. L'opera è perduta, ma esistono riferimenti di Eusebio di Cesarea.
  4. Quinto Settimio Fiorente Tertulliano, la fonte principale delle nostre informazioni, scrisse l'Adversus Marcionem in cinque libri nel 207, e si riferisce a Marcione in molti dei suoi lavori: De Praescriptione, De Carne Christi, De Resurrectione Carnis, e De Anima. Il suo lavoro Adversus Apelle è andato perduto.
  5. Pseudo Tertulliano (probabilmente Commodiano), scrisse un lungo poema in esametri contro Marcione
  6. Pseudo Tertulliano (probabilmente Vittorino Afro) scrisse un Ad Justinum Manichaeu, Contra Duo Principia Manichaeorum (circa 240)
  7. Adamantio scrisse il dialogo De Recta in Deum Fide, autore altrimenti sconosciuto ma da non confondere con Origene Adamantio. Il lavoro fu probabilmente composto in greco intorno al 300 e poi tradotto in latino da Rufino. È una confutazione del Marcionismo e di Bardesane.
  8. Ippolito di Roma (circa 220) parlò di Marcione nel suo Refutazione di tutte le Eresie, libro VII, capitoli 17-26; e X, 15.
  9. Epifanio di Salamina compose la sua opera contro le eresie nel 374. Il suo lavoro è di valore inestimabile per la ricostruzione del Canone Marcionita, dato che fornisce 78 passaggi del Nuovo Testamento di Marcione che differiscono dal testo cattolico e, per ogni frammento, aggiunge una breve confutazione
  10. Efrem il Siro (373) fu, in molte delle sue scritture come ad es. Inni contro gli eretici, in polemica contro Marcione.
  11. Yeznik di Koghb, arciprete armeno o, forse, vescovo di Bagrawand(478), scrisse una Confutazione delle Sette, il cui Libro IV è incentrato su Marcione, gli altri libri riguardano i filosofi pagani e gli zoroastriani. È l'unica fonte esterna all'impero romano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Adolf von Harnack, Marcione. Il Vangelo del Dio straniero, Marietti, 2007
  2. ^ (IT) Giovanni Magnani, Cristologia storica, p.145, 2002, Pontificia università Gregoriana.
  3. ^ (IT) Werner Georg Kummel, Il Nuovo Testamento : storia dell'indagine scientifica sul problema neotestamentario, 1976, Il Mulino.
  4. ^ Secondo Theodor Zahn il complesso insieme di evoluzioni attraverso cui è emerso il canone fu prodotto di sviluppi interni alla Chiesa cristiana e non una reazione alla scelta selettiva di Marcione (Cfr. Th. Zahn, Geschichte des neutestamentlichen Kanons, 1889)
  5. ^ Secondo Bruce Metzger il riconoscimento di un testo come canonico nella chiesa antica è stato determinato da una combinazione dialettica di diversi fattori, tra cui l'origine apostolica dello scritto, la sua ortodossia, e il suo uso da parte di tutte le chiese (Cfr. B.M. Metzger, Il canone del nuovo testamento, Paideia, 1997).
  6. ^ Sappiamo che i pochi testi ritenuti canonici da Marcione erano provvisti anche del riconoscimento delle comunità ortodosse (Cfr. Enrico Riparelli, Il volto del Cristo dualista: da Marcione ai catari, pag. 24, Peter Lang, 2008)
  7. ^ Eusebio, Storia ecclesiastica; sull'identificazione del vangelo di Marcione con quello secondo Luca si veda David Salter Williams, "Reconsidering Marcion's Gospel", Journal of Biblical Literature 108 (1989), p.477-96.
  8. ^ Tyson, p. 27.
  9. ^ Epifanio di Salamina, Panarion adversus omnes haereres, XLII, II
  10. ^ Ehrman; Tyson, p. 26.
  11. ^ Ireneo di Lione afferma che Marcione diffuse le teorie di Cerdone, Tertulliano riporta l'opinione che fu Cerdone a dare forma alla teologia di Marcione (Tyson, p. 26).
  12. ^ a b Tertulliano, De Praeser., XXX.
  13. ^ De Praeser., XXX,; Adv. Mar., I, XX; De Carne Christi, II.
  14. ^ vedi i testi di Tyson, Moll

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Le fonti primarie e secondarie sono riportate in ordine strettamente cronologico in quanto gli studi recenti hanno rivisto profondamente le tesi di quelli più datati:

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

Fonti secondarie[modifica | modifica wikitesto]

  • Arendzen, John. Marcionite The Catholic Encyclopedia. Vol. 9. New York: Robert Appleton Company, 1910. online.
  • Adolf von Harnack, Marcion: Das Evangelium vom fremden Gott. Eine Monographie zur Geschichte der Grundlegung der katholischen Kirche (TU 45), Leipzig 1921, 1924, ristampa Darmstadt 1960 e 1985. Traduzione italiana: Marcione. Il Vangelo del Dio straniero, a cura di F. Dal Bo, Marietti, 2007, ISBN 88-211-9443-4
  • M.J. Lagrange Saint Paul ou Marcion RB 41 (1940) pp. 5–30;
  • E.C. Blackmann, Marcion and his Influence, Londra 1948;
  • J. Knox,Marcion and the New Testament: An Essay on the Early History of the Canon, Chicago 1942
  • H. Langerbeck, Zur Auseinandersetzung von Theologie und Gemeindeglauben in der r?mischen Gemeinde in den Jahren 135-165, in Id., Aufs?tze zur Gnosis, Goettingen 1967, pp. 167–179;
  • U. Bianchi, Marcion: Theologien biblique ou docteur gnostique?VC XXI (1970) pp. 41–49;
  • E. Norelli La funzione di Paolo nel pensiero di Marcione RBIt 34 (1986) pp. 543–597. G. Ory, Marcion, Parigi 1980;
  • R.J. Hoffmann, Marcion: On the Restitution of Christianity. An essay on the development of radical Paulinist theology in the second century, Chico, California 1984;
  • Bart Ehrman, I Cristianesimi perduti, Carocci editore, 2003
  • J.Tyson, Marcion and Luke-Acts: A Defining Struggle, University of South Carolina Press, 2006, ISBN 978-1-57003-650-7. Tyson, Joseph, Marcion consultazione parziale
  • S.Moll The arch-heretic Marcion Mohr Siebek Tubingen, 2010 consultazione parziale

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 79097894