Bart Ehrman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ehrman al Greer-Heard Point-Counterpoint Forum nel New Orleans Baptist Theological Seminary (2008)

Bart D. Ehrman (Lawrence, 5 ottobre 1955) è uno studioso statunitense del Nuovo Testamento e un critico testuale delle origini del Cristianesimo.

Ricopre il ruolo di James A. Gray Distinguished Professor e di Chair of the Department of Religious Studies ("Presidente del Dipartimento di studi religiosi") dell'Università della Carolina del Nord a Chapel Hill. Ha contribuito a diffondere l'idea che i testi originali del Nuovo Testamento siano stati alterati dagli scribi per vari motivi, e che queste alterazioni influenzino l'interpretazione dei testi.

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Ehrman crebbe nel Kansas, a Lawrence, dove frequentò le scuole superiori. Iniziò a studiare la Bibbia(nelle lingue originali) presso il Moody Bible Institute; nel 1978 si laureò (grado BA, bachelor of arts) al Wheaton College, in Illinois. Conseguì nel 1985 un PhD e il grado di "M.Div." (master of divinity) presso il Seminario Teologico di Princeton, dove studiò sotto la guida (fra gli altri) di Bruce Metzger. Tanto la laurea quanto il dottorato furono conseguiti magna cum laude.

Esperienza di fede[modifica | modifica sorgente]

Ehrman divenne un cristiano evangelico durante la sua adolescenza. Nei suoi libri egli dà conto della sua esperienza gioiosa di rinascita, colta attraverso la percezione chiara e solida che Dio aveva veramente ispirato le parole della Bibbia e protetto la sua redazione da qualsiasi errore.[1] Il suo desiderio di conoscere il testo biblico originale lo indusse a studiare non solo le lingue antiche, ma anche le tecniche di critica testuale. I suoi approfondimenti, tuttavia, lo convinsero della necessità e dell'opportunità di iniziare a conclamare le discrepanze fra i manoscritti biblici piuttosto che compiere infruttuosi e inopportuni sforzi di attenuarne (e addirittura armonizzarne) le incongruenze. Ehrman rimase cristiano per quindici anni; poi, scontrandosi insanabilmente con il problema del male e della sofferenza, optò per una posizione agnostica.[1]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

    • I Cristianesimi perduti: Apocrifi, sette ed eretici nella battaglia per le Sacre Scritture, Carocci, 2005. ISBN.
  • The New Testament: A Historical Introduction to the Early Christian Writings, Oxford University Press, USA, 2003. ISBN 0-19-515462-2.
  • Bart Ehrman, Jacobs, Andrew S., Christianity in Late Antiquity, 300-450 C.E.: A Reader, Oxford University Press, USA, 2003. ISBN 0-19-515461-4.
  • The Apostolic Fathers: Volume II. Epistle of Barnabas. Papias and Quadratus. Epistle to Diognetus. The Shepherd of Hermas, Harvard University Press, 2003. ISBN 0-674-99608-9.
  • The Apostolic Fathers: Volume I. I Clement. II Clement. Ignatius. Polycarp. Didache, Harvard University Press, 2003. ISBN 0-674-99607-0.
  • The New Testament and Other Early Christian Writings: A Reader, Oxford University Press, USA, 2003. ISBN 0-19-515464-9.
  • Lost Scriptures: Books that Did Not Make It into the New Testament, Oxford University Press, USA, 2003. ISBN 0-19-514182-2.
  • Jesus: Apocalyptic Prophet of the New Millennium, Oxford University Press, USA, 1999. ISBN 0-19-512474-X.
  • After the New Testament: A Reader in Early Christianity, Oxford University Press, USA, 1998. ISBN 0-19-511445-0.
  • The Orthodox Corruption of Scripture: The Effect of Early Christological Controversies on the Text of the New Testament, Oxford University Press, USA, 1996. ISBN 0-19-510279-7.
  • The Text of the New Testament in Contemporary Research: Essays on the Status Quaestionis, Wm. B. Eerdmans Publishing Company, 1995. ISBN 0-80284-824-9.
  • Didymus the Blind and the Text of the Gospels (The New Testament in the Greek Fathers; No. 1), Society of Biblical Literature, 1987. ISBN 1-55540-084-1.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Ehrman, Bart D., Jesus, Interrupted, HarperCollins, 2009. ISBN 0-06-117393-2.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 22267857 LCCN: n86112715