Mädchen Amick

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mädchen Amick nel 2014.

Mädchen E. Amick (Sparks, 12 dicembre 1970[1]) è un'attrice statunitense, nota principalmente per i ruoli di Shelly Johnson nella serie televisiva I segreti di Twin Peaks e nel relativo prequel, Fuoco cammina con me, e di Wendy Beauchamp ne Le streghe dell'East End.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Primi anni[modifica | modifica sorgente]

Nata a Sparks[1], Nevada, poche miglia a est di Reno, dal musicista Bill Amick e dall'ufficiale medico Judy[2]; entrambi di origine tedesca[3]. Il nome Mädchen (ˈmɛːtçən), che significa "ragazza" o "vergine" in tedesco, fu scelto dai genitori poiché desiderosi di un nome inusuale per la figlia[4][5].

Da ragazzina i genitori la spingono a seguire i propri impulsi artistici, motivo per il quale inizia a studiare pianoforte, basso, violino e chitarra; oltre a prendere lezioni di danza classica, moderna, balletto, danza jazz e tip tap.

All'età di sedici anni si trasferisce a Los Angeles in cerca di fortuna come attrice.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver partecipato a diversi spot pubblicitari e videoclip musicali, nel 1989, in veste di guest star, ottiene il primo ruolo da attrice professionista partecipando alla serie televisiva Star Trek: The Next Generation, sebbene il ruolo di gavetta che le rimane maggiormente impresso sia, poco tempo dopo, in un episodio della serie Baywatch[6]. Compare poi in varie altre serie e film TV finché, nel 1990, David Lynch, rimasto piacevolmente colpito dalla sua performance alle audizioni tenutisi per I segreti di Twin Peaks ma a corto di ruoli da offrirle, crea appositamente per lei il personaggio della cameriera Shelly Johnson, giovane e docile moglie del violento Leo Johnson[7]. Tale ruolo le conferisce un enorme popolarità, nonché la nomina ai Soap Opera Digest Awards; inoltre, nel 1992, riveste nuovamente i panni del personaggio nel film prequel Fuoco cammina con me.

Negli anni seguenti partecipa alla serie Dawson's Creek e al film horror I sonnambuli, tratto da un libro di Stephen King. Inoltre recita nei film: Incubo d'amore, al fianco di James Spader; Vestito che uccide, di Tobe Hooper e Bufera in paradiso, con Nicolas Cage.

Nel 1995 entra nel cast di Central Park West e, nel 1998, in quello di Fantasilandia. Entrambe serie cancellate dopo una sola stagione[8].

Dopo un decennio di ruoli che non sono riusciti ad eguagliare il successo avuto da Twin Peaks, la Amick è progressivamente divenuta un volto facilmente riconoscibile in televisione, partecipando alle serie: Una mamma per amica, E.R. e Joey. Nel 2006 diviene una dei coprimari della poco longeva sitcom Freddie, al fianco di Freddie Prinze Jr., mentre, dopo una comparsa come guest star nella serie NBC Kidnapped, ottiene il ruolo della co-protagonista nella drammedia musical Viva Laughlin, di cui furono trasmessi solo 2 episodi su 8.

Ha in seguito interpretato la duchessa Catherine Beaton, interesse sentimentale di Nate Archibald in Gossip Girl; e Janie Jones, vecchia fiamma di Lew Ashby in Californication. Nel 2008 riveste il ruolo della moglie del personaggio di Christian Slater in My Own Worst Enemy, serie cancellata dopo soli 9 episodi. Nel 2010 compare nella terza stagione di Damages e, l'anno successivo, ritorna al cinema con il film Priest[9].

Nel 2013, la Amick interpreta la strega Wendy Beauchamp, membro, assieme a Julia Ormond, Rachel Boston e Jenna Dewan-Tatum, del cast corale della serie Lifetime Le streghe dell'East End[10][11]. Originariamente la sua parte era intesa durasse solo per l'episodio pilota ma, vista la performance della Amick, gli autori decisero di mantenere il personaggio[12].

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Nel 1986[13] Mädchen Amick conosce il musicista, divenuto poi personal trainer[13], David Alexis, che sposa nel 1992. La coppia ha avuto un figlio, Sylvester Time Amick-Alexis; e una figlia, Mina Tobias Amick-Alexis[5].

Grande appassionata di musical[13], parla correttamente tedesco ed è molto amica del regista David Lynch[6][5], dell'attrice Sarah Michelle Gellar e di suo marito Freddie Prinze Jr.[5]. È allergica ai gatti[14].

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

La Amick ha anche preso parte a degli episodi pilota che non vennero però ordinati per diventare serie tv e cioè: The Verdict (nel 2008), The Law (2009), Pleading Guilty (2010), Metro (2011).

Doppiatrici italiane[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Madchen Amick Biography, Buddytv.com, 12-12-1970. URL consultato il 16-10-2013.
  2. ^ Mädchen Amick Biography (1970-), Film Reference.
  3. ^ Twin Peaks - Mädchen Amick interview with Rick Dees, YouTube, 09-04-2007.
  4. ^ Mädchen Amick is Allison on Freddie, wchstv.com.
  5. ^ a b c d Mädchen Amick on IMDb, Internet Movie Database.
  6. ^ a b A Slice of Lynch corto documentario diretto da Charles de Lauzirika - contenuto nel disco 10 del cofanetto DVD Twin Peaks, Definitive Gold Box Edition
  7. ^ Northwest Passage: Creating the Pilot documentario diretto da Charles de Lauzirika, Twin Peaks Box Set Golden Edition
  8. ^ Mädchen Amick | Movies and Biography, Yahoo Movies. URL consultato il 16-10-2013.
  9. ^ Courtney O., Madchen Amick Set for Priest, Movieweb.com, 18-09-2009. URL consultato il 16-10-2013.
  10. ^ Lesley Goldberg, Madchen Amick, Glenne Headly Join Lifetime's 'Witches of East End', The Hollywood Reporter, 09-10-2012. URL consultato il 16-10-2013.
  11. ^ Nellie Andreeva, Lifetime’s ‘Witches Of East End’ Picked Up To Series, deadline.com, 31 gennaio 2013.
  12. ^ Mädchen Amick Talks WITCHES OF EAST END, How Much Fun it is to Play the Troublemaker, and More, Collider. URL consultato il 16-10-2013.
  13. ^ a b c Keith Watson, Twin Peaks actress Mädchen Amick: On set, you have to be confident being naked, metro.co, 12 dicembre 2013.
  14. ^ Nudity, Allergies: Amick's Spell on 'Witches', YouTube, 18 dicembre 2013.
  15. ^ Inseguimento mortale (1998) - Film.tv.it. URL consultato il 30-01-2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 61747159 LCCN: no97039251