Lamium

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Falsa ortica
LamiumMaculatum-kl.JPG
Lamium maculatum (Falsa ortica macchiata)
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Asteridae
Ordine Lamiales
Famiglia Lamiaceae
Genere Lamium
L., 1753
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Tricolpate basali
(clade) Asteridi
(clade) Euasteridi I
Ordine Lamiales
Famiglia Lamiaceae
Specie
(Vedi : Specie di Lamium )

Lamium L. 1753 è un genere di piante Spermatofite Dicotiledoni appartenenti alla famiglia delle Lamiaceae, dall'aspetto di piccole erbacee annuali o perenni dai tipici fiori labiati.

Sistematica[modifica | modifica sorgente]

Il genere Lamium si compone di circa 40 - 50 specie gravitanti nella maggioranza dei casi attorno al bacino del Mediterraneo, una decina delle quali vivono spontaneamente in Italia. La famiglia delle Lamiaceae è relativamente numerosa e comprende 258 generi con circa 6.970 specie[1].
Nelle classificazioni più vecchie questa famiglia viene chiamata Labiatae.
In riferimento alle specie spontanee del territorio italiano il genere Lamium viene suddiviso in quattro sezioni[2]:

  • Sezione 2A : il tubo corollino è diritto e alle fauci dello stesso è presente un anello trasversale di peli = Sezione ORVALA.
  • Sezione 2B : il tubo corollino è curvo e alle fauci dello stesso è presente un anello obliquo di peli = Sezione GALEOBDOLON Benth. (1834)
  • Sezione 1B : le antere sono irsute;
  • Sezione 3A : il tubo corollino è cilindrico con o senza anello di peli alle fauci = Sezione LAMIOPSIS Dumort (1827)
  • Sezione 3B : il tubo corollino è contratto nella parte basale ed è sempre fornito di un anello di peli alle fauci = Sezione LAMIOTYPUS Dumort (1827)/Briq. (1895)

Altre sezioni sono:

  • Amplexicaule J.Mennema (1989)
  • Amplexicaulia Briq. (1897) (subsezione)
  • Lamium
  • Pollichia Briq. (1895)

Qui di seguito è indicata la classificazione scientifica di questo genere[3][4]:

Famiglia : Lamiaceae definita dal botanico inglese John Lindley (8 febbraio 1799 – 1º novembre 1865) nella pubblicazione ”A Natural System of Botany“ del 1836.
Sottofamiglia : Lamioideae
Tribù : Lamieae definita dai botanici francesi Ernest Saint-Charles Cosson (1819-1889) e Jacques Nicolas Ernest Germain de Saint-Pierre (1815-1882) in una pubblicazione del 1845.
Sottotribù : Lamiinae definita dal botanico, numismatico e orientalista tedesco Stephan Ladislaus Endlicher (Presburgo, 24 giugno 1804 – Vienna, 28 marzo 1849), in una pubblicazione del 1838.
Genere : Lamium L. (1753)

Variabilità e ibridi[modifica | modifica sorgente]

Questo genere è molto polimorfo, questo comporta la presenza di diverse varietà per ogni specie, di ibridi interspecifici e naturalmente difficoltà di ordine tassonomico. In effetti alcuni Autori tendono a includere in questo genere delle specie di altri generi strettamente correlati come Lamiastrum Fabr., Galeopsis L. e Leonurus L.

Specie spontanee della flora italiana[modifica | modifica sorgente]

Per meglio comprendere ed individuare le varie specie del genere (solamente per le specie spontanee della flora italiana) l'elenco che segue utilizza in parte il sistema delle chiavi analitiche[5].

  • Gruppo 1A : il tubo corollino è diritto e il colore è rosso; la corolla è lunga da 25 a 40 mm;
  • Gruppo 1B : il tubo corollino è incurvato alla base e il colore è rosa chiaro; la corolla è lunga da 15 a 25 mm;
  • Lamium flexuosum Ten. - Falsa ortica flessuosa : il colore della corolla è rosa o biancastro; il lobo centrale del labbro inferiore è allargato; i lobi laterali sono ridotti a piccoli denti. L'altezza della pianta varia da 20 a 40 cm; il ciclo biologico è perenne; la forma biologica è emicriptofita scaposa (H scap); il tipo corologico è Orofita Nord Ovest-Mediterraneo; l'habitat tipico sono le pietraie e le rupi umide; la diffusione sul territorio italiano è solo al sud e centro e si può trovare ad una altitudine compresa tra i 300 e i 1900 m s.l.m..
  • Lamium galeobdolon L. - Falsa ortica gialla : il colore della corolla è giallo; i tre lobi inferiori sono grandi uguali. L'altezza della pianta varia da 15 a 70 cm; il ciclo biologico è perenne; la forma biologica è emicriptofita scaposa (H scap); il tipo corologico è Europeo - Caucasico; l'habitat tipico sono i luoghi umidi e ombrosi dei boschi; la diffusione sul territorio italiano è quasi totale (a parte le isole) e si può trovare fino ad una altitudine compresa tra i 100 e i 1900 m s.l.m..
  • SEZIONE B : le antere sono irsute (sono circondate da un ciuffo di peli biancastri);
  • Gruppo 1A : la lunghezza della corolla è maggiore di 20 mm;
  • Gruppo 2A : il tubo della corolla è diritto;
  • Gruppo 2B : il tubo della corolla è incurvato alla base;
  • Gruppo 1B : la lunghezza della corolla è minore di 20 mm;
  • Gruppo 3A : il colore della corolla è bianco, mentre il labbro superiore è profondamente bifido.
  • Lamium bifidum Cyr. - Falsa ortica bifida : l'altezza della pianta varia da 10 a 40 cm; il ciclo biologico è annuo; la forma biologica è terofita scaposa (T scap); il tipo corologico è Steno Mediterraneo; l'habitat tipico sono gli incolti, i boschi umidi e gli orti; questa pianta è rara, comunque è diffusa al centro, al sud e nelle isole e si può trovare fino ad una altitudine di 1200 m s.l.m..
  • Gruppo 3B : il colore della corolla è purpureo, mentre il labbro superiore è intero.
  • Lamium purpureum L. - Falsa ortica purpurea : le foglie dell'infiorescenza hanno una lamina cuoriforme e non decorrente sul picciolo; il colore è rosso-vinoso e sono sempre più ravvicinate verso l'apice. L'altezza della pianta varia da 10 a 20 cm; il ciclo biologico è annuo; la forma biologica è terofita scaposa (T scap); il tipo corologico è Eurasiatico; l'habitat tipico sono gli orti, i vigneti, i campi e le zone ruderali; questa pianta è comune su tutto il territorio (un po' rara al sud) e si può trovare fino ad una altitudine di 1500 m s.l.m..
  • Lamium hybridum Vill. - Falsa ortica ibrida : le foglie dell'infiorescenza hanno una lamina ovale che si prolunga a cuneo sul picciolo; il colore è verde-giallastro. L'altezza della pianta varia da 10 a 25 cm; il ciclo biologico è annuo; la forma biologica è terofita scaposa (T scap); il tipo corologico è Paleotemperato; l'habitat tipico sono gli orti, le macerie e zone incolte; questa pianta è rara ed ha una diffusione discontinua e si può trovare fino ad una altitudine di 1500 m s.l.m..

Generi simili[modifica | modifica sorgente]

Queste piante, quando non sono in fase di fioritura, possono facilmente essere scambiate per un'ortica (anche se i due generi appartengono a famiglie diverse: Urticaceae è la famiglia per le “ortiche” vere). Le specie di questo genere si distinguono soprattutto per la sezione del fusto: quadrata nelle piante del genere Lamium, circolare nelle “ortiche” vere e proprie. Mentre le foglie sono molto simili: da qui il nome comune (“Falsa ortica”) derivato da credenze antiche (un dizionario del X secolo chiama queste piante “Ortica cieca[2]) anche se naturalmente queste piante sono totalmente prive di peli urticanti e quindi non pungono (da qui un altro nome popolare per questo gruppo di specie: “Ortica morta”, ossia “Urtica mortua” dal testo Ortus Sanitatis del XV secolo[2] ).
Al di là di questa apparente somiglianza con le “ortiche vere”, nell'ambito della famiglia delle Lamiaceae, diversi sono i generi “vicini” (e quindi confondibili) a quello di questa scheda. Qui sono elencati alcuni:

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Specie di Lamium.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Uno dei primi studiosi dell'antichità ad usare il nome generico per questi fiori (Lamium) è stato Plinio (Como, 23 – Stabia, dopo l'8 settembre 79), scrittore e naturalista latino, il quale ci indica anche una possibile etimologia: questo termine discenderebbe da un vocabolo greco ”laimos” il cui significato è “fauci – gola”. Ma potrebbe discendere anche da altre parole greche: ”lamos” (= larga cavità), oppure dal nome di una regina libica ”Làmia”. In quest'ultimo caso il collegamento esiste in quanto le mamme greche, per far star buoni i loro bambini, descrivevano questa regina come un mostro capace di ingoiarli (come del resto fa il fiore di questa pianta quando un bombo entra nel tubo corollino in cerca del nettare)[2].
La nomenclatura scientifica di questo genere attualmente accettato (Lamium) è stato proposto da Carl von Linné (Rashult, 23 maggio 1707 –Uppsala, 10 gennaio 1778), biologo e scrittore svedese, considerato il padre della moderna classificazione scientifica degli organismi viventi, nella pubblicazione Species Plantarum del 1753. In realtà prima ancora di Linneo fu Tournefort (Joseph Pitton de Tournefort (5 giugno1656—28 dicembre 1708), botanico francese) ad usare per primo questa denominazione per un genere botanico.

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

I dati morfologici si riferiscono soprattutto alle specie europee e in particolare a quelle spontanee italiane.

Il portamento (Lamium amplexicaule)

L'altezza media di queste piante oscilla fra i 10 cm e il metro. L'aspetto è erbaceo a volte quasi cespitoso e comunque sempre foglioso. La forma biologica è per metà di tipo terofita scaposa (T scap), e per l'altra metà di tipo emicriptofita scaposa (H scap); questo in base soprattutto al ciclo biologico che può essere annuo (o eventualmente bienne) nel primo caso e perenne nel secondo. Le pianta in genere hanno un odore sgradevole e possono essere sia glabre che pubescenti.

Radici[modifica | modifica sorgente]

Le radici sono del tipo a fittone per le terofite e del tipo rizomatoso per le emicriptofite.

Fusto[modifica | modifica sorgente]

Il fusto in genere è eretto (o prostrato-ascendente), ramoso alla base. Il fusto ha una sezione quadrangolare a causa della presenza di fasci di collenchima posti nei quattro vertici, mentre le quattro facce sono concave. In alcune specie ai nodi inferiori il fusto può radicare (emettere delle radici) oppure (in altre specie) la parte ipogea del fusto è stolonifera. Inoltre facilmente può presentarsi arrossato nella parte basale.

Foglie[modifica | modifica sorgente]

La foglia (Lamium purpureum)

Le foglie, tutte picciolate, sono cuoriformi o ovato-triangolari o reniformi con apice arrotondato o acuto a seconda della specie. Lungo il fusto sono disposte in modo opposto (a due a due) e ogni verticillo è alternato rispetto al precedente; sono inoltre prive di stipole. La superficie è pubescente quasi tomentosa; il bordo è grossolanamente dentato o crenato e sulla pagina inferiore sono presenti delle evidenti nervature.

Infiorescenza[modifica | modifica sorgente]

Infiorescenza (Lamium orvala)
Località: Col di Navasa, Limana (BL), 500 m s.l.m.- 25/04/2009

L'infiorescenza è portata in vari verticilli ascellari sovrapposti lungo il fusto. Ogni verticillo è composto da pochi fiori sessili (da 4 a 14 fiori) disposti circolarmente a corona poggianti su due brattee fogliose (o semplicemente foglie più piccole rispetto a quelle lungo il fusto). I verticilli sono ravvicinati specialmente verso l'apice del fusto. La forma di queste brattee è ovale-cuoriforme con picciolo, pubescenti o lanose sulla pagina superiore più o meno come le foglie vere e proprie. Le brattee del verticillo seguente sono disposte in modo alterno e sono sempre più piccole di quelle inferiori.

Fiore[modifica | modifica sorgente]

Il fiore (Lamium maculatum)

I fiori sono ermafroditi, zigomorfi (il calice è attinomorfo), tetraciclici (con i quattro verticilli fondamentali delle Angiosperme: calicecorollaandroceogineceo) e pentameri (calice e corolla formati da cinque elementi). Sono inoltre omogami (autofecondanti) e sono ricchi di nettare.

K (5), C (5), A 2+2, G (2)[6]
  • Calice: i cinque sepali del calice sono concresciuti (calice gamosepalo) in una forma tubulare-campanulata e a struttura piuttosto rigida; all'apice termina con cinque lunghi denti lanceolati e spinescenti; questi sono inoltre lievemente divergenti e più o meno uguali (simmetria di tipo attinomorfa). La superficie del calice è pelosa ed è inoltre percorsa da 5 – 10 nervature longitudinali. Il calice è inoltre persistente.
  • Corolla: i cinque petali sono quasi completamente fusi (gamopetalo) in una unica corolla formata da due labbra molto sviluppate. Il tubo è stretto e diritto oppure ricurvo a seconda della specie. Il labbro superiore (composto da due dei cinque petali concresciuti) ha la forma di un cappuccio pubescente ben sviluppato e tutto intero; in questo modo protegge gli organi di riproduzione dalle intemperie e dal sole. Il labello (labbro inferiore composto dai tre petali rimanenti) è formato generalmente da un doppio lobo centrale anch'esso ben sviluppato e piegato verso il basso per fare da base di “atterraggio” agli insetti pronubi e da due lobi laterali molto contratti. I margini dei lobi possono essere interi o smarginati o anche crenati. Le fauci sono circondate da un anello di peli per impedire l'accesso ad insetti più piccoli e non adatti all'impollinazione. Il colore della corolla è vario: giallo, purpureo, violaceo, rosa o bianco con varie macchie interne più scure, soprattutto sui lobi inferiori, che servono da guida agli insetti pronubi.
L'androceo (Lamium album)
  • Androceo: gli stami sono quattro (didinami - due corti e due lunghi – quello mediano posteriore, il quinto stame, manca per abortimento) e tutti fertili. Il paio posteriore è più breve, mentre l'altra copia è aderente al labbro superiore della corolla e sporge lievemente; tutti i filamenti sono paralleli tra di loro. Le antere hanno i lobi arrotondati a deiscenza longitudinale; sono inoltre conniventi. Le antere sono di due tipi: alcune hanno dei lunghi ciuffi di peli biancastri e lanosi, mentre altre sono glabre. I due lobi sono staccati e sono di colore generalmente scuro.
  • Impollinazione: l'Impollinazione è entomofila ossia tramite insetti e in particolare tramite il Bombo, ma anche api. In effetti la corolla di queste piante è sorprendentemente conformata alle dimensioni e struttura dei Bombi. Quando questi insetti cercano di entrare nel tubo corollino per raggiungere i nettari (posti alla base dell'androceo) con le loro vibrazioni scuotono le antere poste all'interno del labbro superiore. In questo modo fanno scendere e quindi aderire al loro dorso peloso il polline della pianta. Visitando poi un altro fiore, parte di questo polline andrà a cadere sullo stimma provocando così l'impollinazione e la successiva fecondazione. Questo senz'altro è uno dei più interessanti mutui rapporti tra mondo animale e mondo vegetale per il raggiungimento di reciproci interessi. È da aggiungere comunque che qualora il tubo corollino si presentasse troppo stretto per prelevare il nettare, il Bombo allora si porta all'esterno del fiore e incomincia a rosicchiare la base della corolla raggiungendo così alla fine, per una via non naturale, il suo obiettivo: il nettare. In questo modo però si “rompe” il mutuo rapporto a favore solamente dell'insetto; il fiore non verrà impollinato e rimarrà sterile.

Frutti[modifica | modifica sorgente]

Il frutto è una nucula acheniforme (schizocarpo) troncato all'apice; più precisamente è una drupa (ossia una noce) con quattro semi (uno per ovulo derivato dai due carpelli divisi a metà). Questo frutto nel caso delle Lamiaceae viene chiamato “clausa”. Le quattro parti in cui si divide il frutto principale, sono ancora dei frutti (parziali) ma monospermici (un solo seme) e privi di endosperma. I frutti si trovano all'interno del calice persistente.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Oltre al Mediterraneo, e quindi l'Africa settentrionale (fino all'Abissinia), anche l'Asia extra-tropicale (fino alla Siberia) partecipa alla distribuzione delle specie di questo genere, alcune delle quali si trovano anche nell'America del nord e del sud (probabilmente sono naturalizzate dal periodo coloniale). Sul suolo italiano queste piante occupano un po' tutti i terreni, dalla zona dell'ulivo del Mediterraneo a quella del faggio collinare, fino ad arrivare al piano alpino.
Delle undici specie spontanee della flora italiana, otto (a parte le sottospecie) vivono sull'arco alpino. La tabella seguente mette in evidenza alcuni dati relativi all'habitat, al substrato e alla diffusione delle specie alpine[7].

Specie Comunità
vegetali
Piani
vegetazionali
Substrato pH Livello trofico H2O Ambiente Zona alpina
L. album 5 collinare
montano
subalpino
Ca Si neutro alto medio C2 C3 tutto l'arco alpino
L. amplexicaule 2 collinare
montano
Ca Si neutro alto secco B1 tutto l'arco alpino
L. galeobdolon
subsp. flavidum
14 collinare
montano
subalpino
Ca Si neutro alto medio B5 C3 I1 I2 tutto l'arco alpino
L. galeobdolon
subsp. montanum
14 collinare
montano
subalpino
Ca Si neutro medio medio I2 VA CO SO
L. garganicum 3 collinare
montano
Ca basico basso secco C3 C4 F2 I2 CN
L. hybridum 2 collinare
montano
Ca Si neutro alto medio B1 B2 BS
L. maculatum 5 collinare
montano
subalpino
Ca Si neutro alto medio B3 G4 tutto l'arco alpino
L. orvala 14 collinare
montano
Ca Si neutro alto umido B2 B6 G2 G4 I2 BG SO BS TN BZ BL UD

Legenda e note alla tabella.
Per il “substrato” con “Ca/Si” si intendono rocce di carattere intermedio (calcari silicei e simili); vengono prese in considerazione solo le zone alpine del territorio italiano (sono indicate le sigle delle province).

Comunità vegetali:
2 = comunità terofiche pioniere nitrofile
3 = comunità delle fessure, delle rupi e dei ghiaioni
5 = comunità perenni nitrofile
14 = comunità forestali
Ambienti:
B1 = campi, colture e incolti
B2 = ambienti ruderali, scarpate
B3 = siepi e margini dei boschi
B5 = rive, vicinanze corsi d'acqua
B6 = tagli rasi forestali, schiarite, strade forestali
C3 = ghiaioni, morene e pietraie
C4 = campi solcati
F2 = praterie rase, prati e pascoli dal piano collinare al subalpino
G2 = praterie rase dal piano collinare a quello alpino
G4 = arbusteti e margini dei boschi
I1 = boschi di conifere
I2 = boschi di latifoglie

Usi[modifica | modifica sorgente]

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Farmacia[modifica | modifica sorgente]

  • Sostanze presenti: in queste piante sono presenti diverse sostanze come oli eterei (all'interno di peli ghiandolari), mucillagini, tannino, saponine e sali di potassio[2].
  • Proprietà curative: la medicina popolare utilizza questa piante come vulnerarie (guarisce le ferite), antispasmodiche (attenua gli spasmi muscolari, e rilassa anche il sistema nervoso), depurative (facilita lo smaltimento delle impurità), espettoranti (favorisce l'espulsione delle secrezioni bronchiali), risolventi in generale, toniche (rafforza l'organismo in generale) e astringenti (limita la secrezione dei liquidi)[2].

Giardinaggio[modifica | modifica sorgente]

L'utilizzo di queste specie da parte dell'uomo è circoscritto principalmente al giardinaggio grazie anche alla loro elegante spiga di fiori. Sono del 1596 le prime documentazioni dell'ingresso di queste piante (L. orvala) nei giardini europei[2]. Nello sfruttamento orticolo le specie più usate sono: L. orvala, L. galeobdolon, L. garganicum e L. maculatum.

Altro[modifica | modifica sorgente]

Alcune larve di lepidotteri del genere Phlogophora della famiglia delle Noctuidae e del genere Coleophora della famiglia Coleophoridae si nutrono di queste piante.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Eduard Strasburger, Trattato di Botanica. Vol.2, Roma, Antonio Delfino Editore, 2007, pag. 850, ISBN 88-7287-344-4.
  2. ^ a b c d e f g Giacomo Nicolini, Enciclopedia Botanica Motta. Volume secondo, Milano, Federico Motta Editore, 1960, pag. 617.
  3. ^ Crescent Bloom. URL consultato il 07-09-2009.
  4. ^ ZipcodeZoo Database.
  5. ^ Sandro Pignatti, Flora d'Italia. Vol. 2, Bologna, Edagricole, 1982, pag. 456-458, ISBN 88-506-2449-2.
  6. ^ Tavole di Botanica sistematica. URL consultato il 05-09-2009.
  7. ^ AA.VV., Flora Alpina. Volume secondo, Bologna, Zanichelli, 2004, pag.116-120.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Giacomo Nicolini, Enciclopedia Botanica Motta. Volume secondo, Milano, Federico Motta Editore, 1960, pag. 617.
  • Sandro Pignatti, Flora d'Italia. Volume secondo, Bologna, Edagricole, 1982, pag. 456-459, ISBN 88-506-2449-2.
  • AA.VV., Flora Alpina. Volume secondo, Bologna, Zanichelli, 2004, pag. 116-120.
  • 1996 Alfio Musmarra, Dizionario di botanica, Bologna, Edagricole.
  • Eduard Strasburger, Trattato di Botanica. Volume secondo, Roma, Antonio Delfino Editore, 2007, pag. 850, ISBN 88-7287-344-4.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]