Stolone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Uno stolone è un ramo laterale che spunta da una gemma ascellare vicino alla base (colletto) della pianta, definita appunto stolonifera, e che si allunga scorrendo sul suolo, o appena sotto il terreno, emettendo radici e foglie dai nodi da cui si generano nuove piantine.

Botanica[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Lo stolone inizialmente consente il passaggio di acqua e nutrienti dalla pianta madre al nuovo germoglio, successivamente in alcuni casi anche viceversa, fino a che il collegamento viene reciso, o ne viene a mancare la naturale funzionalità; a questo punto le giovani piantine divengono indipendenti.

La pianta madre può produrre stoloni in più direzioni, cosa che permette una sua rapida diffusione. In questo senso gli stoloni diventano degli efficienti organi di moltiplicazione vegetativa. In questo modo, le specie stolonifere possono colonizzare, molto velocemente, territori aperti formando una copertura così fitta che spesso non consente l'attecchimento di altre specie.

Numerose piante possono formare rami che crescono prossimi al terreno, ma non per questo sono stolonifere, bensì possono essere solo delle piante prostrate. Per essere stolonifera una pianta deve generare rami che, non solo strisciano sul terreno, ma devono anche radicare ai nodi e produrre nuovi germogli.

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

Le piante stolonifere si possono generalmente trovare in habitat dove l'acqua è abbondante o il suolo e molto umido durante la stagione in cui gli stoloni vengono emessi.

Alcuni esempi[modifica | modifica wikitesto]

Diverse sono le piante che producono, e si possono anche riprodurre, per mezzo di stoloni. Tra queste ricordiamo i generi: Antennaria, Cynodon, Epilobium, Fragaria, Geum, Hieracium, Poa, Potentilla, Ranunculus, Saxifraga, Sempervivum, Trifolium, Utricularia ecc.

Micologia[modifica | modifica wikitesto]

In micologia lo stolone rappresenta un insieme di ife divise che interconnettono gli sporangiofori, organizzazione talvolta osservata in alcune strutture anatomiche. Formazioni simili alle radici, definite rizoidi, possono comparire sullo stolone ancorando le ife sulla superficie del fungo.

Zoologia[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni briozoi formano colonie attraverso la connessione di singole unità tramite stoloni. Altre colonie includono tappeti e colonie erette.[1]

Alcuni cnidari si sviluppano come stoloni con strutture medusoidi interconnesse che successivamente si separano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jeffrey S. Levinton, Marine Biology, Oxford Press, 2008 (3ª edizione).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]