Epilobium

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Epilobio
Epilobum augustifolium Aug2003.jpg
Fiori di Epilobium angustifolium
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Myrtales
Famiglia Onagraceae
Genere Epilobium

Il genere Epilobium (epilobio) comprende più di un centinaio di specie di erbe dei climi temperati e freddi di entrambi gli emisferi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Epilobium angustifolium con frutti maturi

Le specie del genere Epilobium sono erbe annue o perenni, eccezionalmente frutici.


Le foglie sono semplici, ovali o lanceolate, di solito opposte.

I fiori hanno quattro petali ben separati (corolla dialipetala), di colore rosa, rosso, giallo o viola secondo le specie. I petali sono quasi sempre bilobati, dando l'impressione superficiale di essere otto invece che quattro.


Il frutto è una capsula cilindrica allungata, che si apre a maturità liberando numerosi semi piumati. La cospicua piumosità bianca favorisce efficacemente la dispersione dei semi a opera del vento.


Sistematica[modifica | modifica wikitesto]

Il genere Epilobium viene attribuito alla famiglia delle Onagracee.

Alcune specie di Epilobium

Il limite tra questo genere e altri generi affini della famiglia non è stabilito in modo unanime. Alcune specie vengono variamente attribuite ai generi affini Boisduvalia, Chamaenerion, Chamerion, Cordylophorum, Crossostigma, Pyrogennema e Zauschneria (di questi la classificazione APG in [1] riconosce l'autonomia solo di Boisduvalia, mentre tutti gli altri sono inclusi in Epilobium).

Generalmente, vengono riconosciute in questo genere 160-200 specie.

Nella flora italiana ne sono presenti una decina:

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]