John Barrowman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
John Barrowman
Fotografia di John Barrowman
Nazionalità Scozia Scozia
Genere
Periodo di attività 1989 – in attività

John Barrowman (Glasgow, 11 marzo 1967) è un attore, cantante, ballerino e personaggio dello spettacolo scozzese naturalizzato statunitense.

Barrowman nacque a Glasgow ma all'età di nove anni emigrò con la sua famiglia negli Stati Uniti trasferendosi in Illinois.

Al liceo venne incoraggiato a perseguire la sua passione per la musica e il teatro; studiò arti sceniche presso la United States International University di San Diego prima di tornare nel Regno Unito ed ottenere il ruolo di Billy Crocker nel musical Anything Goes di Cole Porter presso il londinese Teatro del West End.

Dal suo debutto teatrale, Barrowman ha interpretato diversi ruoli da protagonista in musical sia al West End che a Broadway, tra cui Matador, Miss Saigon, The Phantom of the Opera e Sunset Boulevard. Dopo esser apparso nella produzione di Sam Mendes del musical The Fix, venne nominato per il premio Laurence Olivier Award del 1998 come Miglior attore in un musical e tornò, all'inizio degli anni 2000, ad interpretare Billy Crocker nel revival of Anything Goes. Il suo lavoro teatrale più recente risale alla partecipazione al musical La cage aux folles del 2009.

Barrowman è inoltre apparso in produzione cinematografiche e televisive, tra cui i musical De-Lovely (2004) e The Producers - Una gaia commedia neonazista (2005). Nel Regno Unito è noto per il suo lavoro presso il canale BBC, in particolare per aver presentato programmi per bambini del contenitore CBBC, per il programma televisivo auto-prodotto Tonight's the Night, e per il ruolo del personaggio di Jack Harkness, apparso nella popolare serie televisiva di fantascienza Doctor Who e nel suo spin-off Torchwood. Prima di lavorare per la televisione britannica, è apparso nelle serie televisive statunitensi Titans and Central Park West. Da allora, Barrowman ha avuto diversi ruoli da guest star in programmi televisivi sia negli Stati Uniti che nel Regno Unito. Ha partecipato come concorrente del talent show Dancing on Ice, mentre la sua esperienza teatrale gli ha permesso di diventare un giudice nei talent show musicali How Do You Solve A Problem Like Maria?, Any Dream Will Do e I'd Do Anything. Nel 2006, è stato votato come "Entertainer of the Year" da Stonewall (UK).

Oltre che come attore, Barrowman ha inoltre partecipato alla produzione di dozzine di registrazioni musicali, interpretando alcune reinterpretazioni di brani, presenti negli album Another Side (2007) e Music Music Music (2008). Entrambi gli album sono entrati nella classifica UK Albums Chart, così come l'album chiamato John Barrowman del 2010, che raggiunse la undicesima posizione. Infine, Barrowman ha pubblicato due autobiografie, Anything Goes (2008) e I Am What I Am (2009), con sua sorella come co-autore.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

John Scot Barrowman è nato nel 1967 nell'area di Mount Vernon presso Glasgow, più giovane di tre fratelli. È vissuto a Glasgow fino all'età di otto anni.[1] Sua madre era una cantante e lavorava come commessa in un negozio di dischi[2], mentre suo padre era un impiegato dell'azienda Caterpillar di Uddingston. Nel 1976 Barrowman e la sua famiglia si sono trasferiti ad Aurora, in Illinois, e successivamente a Joliet, presso cui John ha frequentato il liceo.[3] Gli insegnanti di lettere e musica del liceo cambiarono il futuro di Barrowman,[4] incoraggiandolo a non sprecare il suo talento musicale e teatrale.

Tra il 1983 e il 1985 Barrowman ha ottenuto una parte in diversi musical, tra cui Hello, Dolly!, Oliver!, Camelot, Li'l Abner ed Anything Goes.

Barrowman si è diplomato nel 1985, e nello stesso anno ha acquistato la cittadinanza americana, che mantiene tuttora insieme a quella inglese.[5][5][6][7] In seguito si è trasferitoì a San Diego, in California, per studiare arti sceniche presso la United States International University. Nel 1989 ha vissuto per sei mesi nuovamente nel Regno Unito per studiare il lavoro di William Shakespeare.[6]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Attore teatrale[modifica | modifica sorgente]

John Barrowman al San Diego Comic-Con International del 2008

Nel 1989 Barrowman iniziò a lavorare come attore al teatro londinese Prince Edward Theatre, interpretando il ruolo di Billy Crocker nel musical Anything Goes di Cole Porter; venne affiancato da Elaine Paige, nei panni di Reno Sweeney, e da Bernard Cribbins in quelli di Moonface Martin. Negli anni successivi continuò ad apparire in produzione del West End: interpretò la parte di Domingo Hernandez nel Matador presso il Queen's Theatre nell'anno 1991; quella di Raoul ne The Phantom of the Opera al Her Majesty's Theatre nel 1992; il personaggio di Claude nel musical Hair all'Old Vic Theatre nel 1993; Chris in Miss Saigon al Theatre Royal, Drury Lane nel 1993; Joe Gillis in Sunset Boulevard al Adelphi Theatre dal 1994 al 1995; e quella della Bestia in Beauty and the Beast al Dominion Theatre nell'anno 1999.[2]

Barrowman prese parte al musical Godspell nel 1994, e cantò come solista le canzoni We Beseech Thee e On The Willows. Venne nominato per l'Olivier Award come miglior attore in un musical nel 1998 per aver interpretato il ruolo di Cal Chandler in The Fix.[8] Barrowman interpretò poi Joe Gillis nel musical Sunset Boulevard a West End e brevemente anche a Broadway. Tornò a Broadway solo nel 1999, quando interpretò il personaggio di Barry in Putting It Together di Stephen Sondheim. In una recensione, la performance di Barrowman venne lodato dal critico teatrale Tom Samiljan, che notò la sua «voce baritonale e il suo aspetto soave».[9] Nel 2002, Barrowman apparì nel musical Company in occasione della Stephen Sondheim Celebration del Kennedy Center.[10]

Tornò ad interpretare il ruolo di Billy Crocker nel revival di Anything Goes del 2003,[11][12] ed apparì in altri dramma non musicale del West End, come Rope, A Few Good Men e Jack and the Beanstalk. Tra il 2007 e il 2008 ha interpretato il protagonista del musical Aladdin al Birmingham Hippodrome[13], mentre nel 2008 è apparso come guest star nella Royal Variety Performance al London Palladium.[14] Nella stagione 2008-2009 interpretò inoltre la pantomima Robin Hood al Birmingham Hippodrome.[15]

Il 14 settembre 2008 ha presentato la festa del sessantesimo compleanno di Andrew Lloyd Webber presso l'Hyde Park di Londra.

Un anno più tardi prese il ruolo di Zaza/Albin nel revival West End di La cage aux folles al Playhouse Theatre.[16]

Presentatore televisivo[modifica | modifica sorgente]

Barrowman al gay pride di Londra del 2007

Barrowman fu uno dei presentatori originali di Live & Kicking, un programma di varietà per bambini della rete BBC; divenne in quel periodo famoso per la battuta "it's a dirty rat!" ("è uno sporco ratto!"), che ripeteva frequentemente durante lo show. Tra il 1994 e il 1996 apparve inoltre nel game show per bambini The Movie Game, mentre dal 1997 al 1999 fu uno dei presentatori fissi del programma 5's Company del canale britannico Five.[17] Nel 2006 sostituì durante le vacanze pasquali il presentatore del talk show mattutino This Morning su ITV[18] e divenne uno dei giudici del talent show della BBC How Do You Solve A Problem Like Maria?, insieme ai colleghi Andrew Lloyd Webber, David Ian e Zoe Tyler.[19] Nello stesso anno apparve come ospite nel programma Heaven & Earth, condotto sulla BBC da Gloria Hunniford,[20] in cui parlò di spiritualità e unioni civili.[20] L'11 febbraio 2007 Barrowman co-presentò un servizio sui BAFTA Awards insieme a Ruby Wax per il canale televisivo E!.[21]

Nel 2007 presentò due edizioni di Elaine Paige on Sunday[22] e fu uno dei giudici di Any Dream Will Do, condotto da Graham Norton.

Apparve inoltre nel quiz show Never Mind the Buzzcocks (2006) e nei programmi Al Murray's Happy Hour, The Charlotte Church Show e Friday Night with Jonathan Ross. Nel 2007 condusse The Friday Night Project, su Channel 4, insieme a Justin-Lee Collins e Alan Carr.

Nel 2008 fece sfoggio del suo accento scozzese nella prima puntata della show documentario The Making of Me e presentò un game show della BBC chiamato The Kids Are All Right.[23] Nello stesso anno divenne uno dei giudici della versione canadese di How Do You Solve a Problem Like Maria? e iniziò a condurre il programma per bambini Animals at Work[24]

Nel 2009 condusse il programma Tonight's the Night sulla BBC.[25]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Nel 2002 Barrowman interpretò il ruolo di Ben Carpenter nel film Shark Attack 3: Megalodon.

Le sue abilità musicali gli permisero di partecipare ad altri film, tra cui De-Lovely (2004), in cui duetta con Kevin Kline cantando Night and Day;[11] e il musical The Producers - Una gaia commedia neonazista, in cui interpreta Springtime for Hitler.

Talent show[modifica | modifica sorgente]

Nel 2006 Barrowman partecipò al programma musicale The Sound of Musicals sia come presentatore sia esibendosi in quanto cantante.[26]

Tra il gennaio e il febbraio 2006 Barrowman prese inoltre parte al talent show Dancing on Ice su ITV1,[27] mentre nel 2010 fu una delle cinque celebrità ospiti del Strictly Come Dancing Christmas Special.

Attore televisivo[modifica | modifica sorgente]

Barrowman iniziò la sua carriera di attore televisivo apparendo in alcune soap opere. Nel 1995 interpretò Peter Fairchild in Central Park West[28], mentre nel 2000 ottenne la parte di Peter Williams nella serie televisiva Titans della NBC.

Venne considerato per il ruolo di Will nella sitcom Will & Grace, ma escluso per essere «troppo etero».[29]

Il 25 marzo 2008 Barrowman fece un'apparizione nel ventiduesimo episodio della serie televisiva Hotel Babylon.[30], mentre nel 2010 si unì al cast di Desperate Housewives interpretando il ruolo ricorrente di Patrick Logan.[31]

Doctor Who e Torchwood[modifica | modifica sorgente]

Nel Regno Unito Barrowman è meglio conosciuto per il ruolo del Capitano Jack Harkness, interpretato inizialmente nella serie televisiva Doctor Who e in seguito anche nello spin-off ad egli dedicato, Torchwood.

Il personaggio, un viaggiatore del tempo proveniente dal cinquantunesimo secolo, apparve per la prima volta nel doppio episodio Il bambino vuoto della prima stagione della nuova serie di Doctor Who. Divenne così popolare che venne scelto per fare da protagonista a uno spin-off, chiamato Torchwood, che andò in onda a partire dal 2006. Ken Tucker di Entertainment Weekly descrisse il ruolo di Barrowman in Torchwood come «audace» e «celestialmente promiscuo».[32]

Barrowman continuò ad apparire in Doctor Who come guest star: nel 2007 partecipò agli episodi Utopia, Il suono dei tamburi e L'ultimo signore del tempo (terza stagione), mentre nel 2008 il personaggio apparve negli episodi finali della quarta stagione, La terra rubata e La fine del viaggio.

Nel 2010 Barrowman fece inoltre un cameo nell'episodio speciale La fine del tempo, insieme ad altre star apparse precedentemente nello show.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Nonostante abbia dichiarato di non volersi sposare,[33] Barrowman si è unito civilmente con il suo compagno Scott Gill nel 2006. Ha tuttavia dichiarato di non volere chiamare la loro unione col termine "matrimonio" e in generale di non sostenere il concetto di matrimonio in una relazione omosessuale; insomma è bisessuale... forse..[34][35]

Barrowman è bidialettale: ha infatti imparato l'accento americano dopo essersi trasferito negli Stati Uniti dalla Scozia.[36] Il suo accento è spesso chiamato Mid-Atlantic.[5]

Un'autobiografia di Barrowman, Anything Goes, venne pubblicata nel 2008 dalla casa editrice Michael O'Mara Books.[37] Sua sorella, professoressa di lettere e giornalista, lo aiutò a scriverla, servendosi degli appunti del fratello.[38]

Nel 2009 Barrowman ha inoltre pubblicato I Am What I Am,[39], una biografia in cui racconta la più recente fama in campo televisivo e musicale.

Barrowman è attivo nella comunità LGBT. Ha lavorato con Stonewall, un'organizzazione britannica per i diritti dei gay, nella campagna "Education for All" ("Educazione per tutti") contro l'omofobia nella scuole.[4][40] Ha inoltre tenuto un discorso alla Oxford Union riguardo alla sua carriera, all'industria dello show business e ai diritti dei gay. L'evento venne filmato dalla BBC e riportato all'interno del programma documentaristico The Making of Me.[41]

Nel 2006 venne votato "Entertainer of the Year" dall'organizzazione Stonewall[42] e rientrò nella Out 100 del 2008,[43] la lista di persone degne di note nella comunità LGBT stilata annualmente dalla rivista Out.

Nel giugno 2010 Barrowman incontrò il primo ministro David Cameron come rappresentante della comunità LGBT.[44]

Il 2 luglio 2013 ha annunciato su Twitter di essersi sposato in California con il suo compagno Scott Gill[45].

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Teatro[modifica | modifica sorgente]

Titolo Periodo Ruolo Teatro
Anything Goes 1989 Billy Crocker Prince Edward Theatre, Londra
Miss Saigon 1990–91 Chris Theatre Royal, Drury Lane, Londra
Matador 1991 Domingo Hernandez Queen's Theatre, Londra
The Phantom of the Opera 1992 Raoul Her Majesty's Theatre, Londra
Rope 1993 Wyndham Brandon Minerva Theatre, Chichester
Hair 1993 Claude The Old Vic, Londra
Miss Saigon 1993–94 Chris Theatre Royal, Drury Lane, Londra
Sunset Boulevard 1994 Joe Gillis Adelphi Theatre, Londra
Sunset Boulevard 1996 Joe Gillis Minskoff Theatre, New York
Red Red Rose 1996 Robert Burns Concert Hall, Aarhus, Danimarca
Aspects of Love 1997 Alex Olympia Theatre, Dublin (6 weeks)
Cork Opera House, Cork (Una settimana)
The Fix 1997 Cal Chandler Donmar Warehouse, Londra
Evita 1997 Che Oslo Spektrum, Oslo, Norvegia
Hey, Mr. Producer! 1998 Cal Chandler Lyceum Theatre, Londra
Putting It Together 1998 The Younger Man Mark Taper Forum, Los Angeles
Beauty and the Beast 1999 La Besta Dominion Theatre, Londra
Putting It Together 1999–2000 The Younger Man Ethel Barrymore Theatre, New York
Company 2002 Bobby Kennedy Center, Washington, DC
Anything Goes 2002–03 Billy Crocker National Theatre, Londra
Love's Labour's Lost 2003 Dumaine National Theatre, Londra
The Beautiful and Damned 2003 F. Scott Fitzgerald Yvonne Arnaud Theatre, Guildford
Anything Goes 2003–04 Billy Crocker Theatre Royal, Drury Lane, Londra
Chicago 2004 Billy Flynn Adelphi Theatre, Londra
A Few Good Men 2005 Lt Jack Ross Theatre Royal Haymarket, Londra
Cinderella 2005–06 Principe Azzurro New Wimbledon Theatre, Londra
Jack and the Beanstalk 2006–07 Jack New Theatre, Cardiff
Aladdin 2007–08 Aladdin Hippodrome Theatre, Birmingham
Robin Hood: The Pantomime Adventure 2008–09 Robin Hood Hippodrome Theatre, Birmingham
La cage aux folles 2009 Albin / Zaza Playhouse Theatre, Londra
Robin Hood: The Pantomime Adventure 2009–10 Robin Hood New Theatre, Cardiff
Aladdin 2010–11 Aladdin Clyde Auditorium, Glasgow
Robinson Crusoe and the Caribbean Pirates 2011–12 Robinson Crusoe Clyde Auditorium, SECC, Glasgow

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Membro dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine dell'Impero Britannico
— 14 giugno 2014

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Jenny Johnston, I don't want to be liked...just to get a little respect, says Doctor Who star John Barrowman, Mail Online, 4 ottobre 2008. URL consultato il 22 dicembre 2009.
  2. ^ a b "John Barrowman." (2009). Contemporary Theatre, Film, and Television. 92. Farmington Hills, Michigan: Gale.
  3. ^ (EN) Mark Anstead, My Best Teacher, Times Educational Supplement, 11 maggio 2007.
  4. ^ a b (EN) People, Times Educational Supplement, 14 marzo 2008.
  5. ^ a b c (EN) Michael Portantiere, Playbill: Dear John: Barrowman Puts It All Together on Broadway News, Playbill, 10 gennaio 2000. URL consultato il 26 gennaio 2008.
  6. ^ a b (EN) Stephen Holden, Cabaret Review; Confessions of a Yankee Doodle Dandy, The New York Times, 25 febbraio 2002.
  7. ^ ohnotheydidnt: David Tennant & John Barrowman interviews, Doctor Who wins award, community.livejournal.com. URL consultato il 5 agosto 2010.
  8. ^ (EN) 1998 Olivier Awards winners and nominations, Albermarle of London. URL consultato il 21 maggio 2007.
  9. ^ (EN) Tom Samiljan, Sondheim's "Putting it Together" in Billboard, vol. 112, nº 5, 20 gennaio 2000, p. 39.
  10. ^ (EN) Charles Isherwood, Connecting the dots in 2 Sondheim tuners in Variety, vol. 387, nº 5, 17 giugno 2002, p. 31.
  11. ^ a b (EN) Stephen Rebello, He's delightful, he's delicious: De-Lovely's John Barrowman on singing Cole Porter and flashing his bum in The Advocate, nº 924, 12 ottobre 2004, pp. 88–89, ISSN 0001-8996.
  12. ^ (EN) Amy Rosenthal, All-singing and dancing: Amy Rosenthal gets a kick out of a sparkling thirties satire on the cult of celebrity in New Statesman, vol. 132, nº 4621, 20 gennaio 2003, p. 44.
  13. ^ (EN) John Barrowman to play Aladdin!, Birmingham Hippodrome, 5 giugno 2007. URL consultato il 5 giugno 2007.
  14. ^ (EN) 2008 Royal Variety Performance, London Palladium, Entertainment Artistes' Benevolent Fund. URL consultato il 4 dicembre 2009.
  15. ^ (EN) Andrew Gans, Barrowman Is Robin Hood Beginning Dec. 19 in the U.K., 19 dicembre 2008. URL consultato il 22 dicembre 2009.
  16. ^ (EN) Fiona Mountford, Best of times for Barrowman as La Cage ups the fun level, Evening Standard, 6 ottobre 2009, p. 17.
  17. ^ (EN) John Barrowman, Gavin Barker Associates Ltd..
  18. ^ (EN) Cameron Robertson, Exclusive: Dr's Jack takes on ITV sofa, The Daily Mirror, 13 marzo 2006.
  19. ^ (EN) How Do You Solve a Problem Like Maria? panel chosen, BBC, 6 giugno 2006.
  20. ^ a b (EN) Kurly, Catching you up through 2007, Torchwood. TV, 15 dicembre 2006. URL consultato il 13 gennaio 2007.
  21. ^ (EN) JohnBarrowman.com Webmaster, Bafta Red Carpet, John Barrowman Official Site — News, 10 gennaio 2007. URL consultato il 17 febbraio 2007 (archiviato dall'url originale il 17 febbraio 2007).
  22. ^ (EN) JohnBarrowman.com Webmaster, JB on the Radio, John Barrowman Official Site — News, 12 gennaio 2007. URL consultato il 13 gennaio 2007 (archiviato dall'url originale il 15 gennaio 2007).
  23. ^ (EN) John Barrowman to host prime time BBC One show The Kids Are All Right, BBC, 19 ottobre 2007. URL consultato il 13 febbraio 2008.
  24. ^ (EN) Will Hurrell, Barrowman to meet talented animals, Broadcast, 3 settembre 2008.
  25. ^ (EN) Guess who wants to sing with you; They've all been dealt a cruel hand in life – but these unsuspecting stars of a new Saturday night show finally get the recognition they deserve as their dreams of stardom become reality in Daily Mail, 18 aprile 2009, p. 12.
  26. ^ (EN) Jason Deans, It's showtime on BBC1, guardian.co.uk, 2 settembre 2005.
  27. ^ (EN) Celebrities set for Dancing on Ice, RTÉ.ie, 4 gennaio 2006.
  28. ^ (EN) Send in the clones in People, vol. 44, nº 14, 2 ottobre 1995, p. 88, ISSN 0093-7673.
  29. ^ (EN) Gay Doctor Who star was too straight for Will and Grace, Pink News, 13 gennaio 2006.
  30. ^ (EN) Hotel Babylon series three: Credits, BBC, 8 febbraio 2008. URL consultato il 12 febbraio 2008.
  31. ^ (EN) Michael Ausiello, Scoop: 'Desperate Housewives' snags John Barrowman, Entertainment Weekly, 30 gennaio 2010.
  32. ^ (EN) Ken Tucker, Work That Bawdy in Entertainment Weekly, nº 981, 7 marzo 2008, p. 79.
  33. ^ (EN) Susan Swarbrick, Organised religion says gay men are evil..., The Herald, 13 agosto 2005. URL consultato il 9 dicembre 2009.
  34. ^ (EN) Andrew Williams, 60 seconds: John Barrowman, Associated Newspapers, 2 novembre 2006. URL consultato l'8 dicembre 2009.
  35. ^ (EN) Any Queries, Attitude Magazine, dicembre 2006.
  36. ^ (EN) Christopher Fisher, John Barrowman, Scotland Magazine, 1º dicembre 2006, pp. 28. URL consultato il 10 dicembre 2009.
  37. ^ (EN) Autobiography release dates confirmed. (archiviato dall'url originale il 9 gennaio 2008).
  38. ^ (EN) Joanne Weintraub, His own universe, Milwaukee Journal Sentinel, 4 settembre 2007.
  39. ^ Roll Out the Barrowman in The Bookseller, nº 5382, 15 maggio 2009, p. 46, ISSN 0006-7539.
  40. ^ (EN) Education for All, Stonewall. URL consultato il 23 dicembre 2009.
  41. ^ (EN) Rachel Cooke, Three cheers for the X factor, What makes a man gay? The question, mercifully, is too complex to answer in New Statesman, vol. 137, nº 4907, 28 luglio 2008, p. 38, ISSN 1364-7431.
  42. ^ (EN) =John Barrowman, Sugar Rush, Sheri Dobrowski, Mail on Sunday win accolades at Stonewall Awards, Stonewall, 3 novembre 2006. URL consultato il 3 novembre 2006-.
  43. ^ Andrew Gans, Annual Out 100 List Celebrates Jackson, O'Hare, Bell, Bowen, Albee, Arias and More, Playbill, 17 novembre 2008. URL consultato il 15 dicembre 2009.
  44. ^ (EN) John Barrowman Meets David Cameron. URL consultato il 19 agosto 2011.
  45. ^ (EN) John Barrowman annuncia il matrimonio con Scott Gill, 2 luglio 2013. URL consultato il 3 luglio 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 29148555 LCCN: no98064185