Gran Premio d'Austria 2001

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Austria Gran Premio d'Austria 2001
669º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 6 di 17 del Campionato 2001
Circuit A1 Ring.svg
Data 13 maggio 2001
Circuito A1-Ring
Percorso 4.326 km
circuito permanente
Distanza 71 giri, 307,146 km
Clima sereno
Risultati
Pole position Giro più veloce
Germania Michael Schumacher Regno Unito David Coulthard
Ferrari in 1'09"562 McLaren - Mercedes in 1'10"843
(nel giro 48)
Podio
1. Regno Unito David Coulthard
McLaren - Mercedes
2. Germania Michael Schumacher
Ferrari
3. Brasile Rubens Barrichello
Ferrari

Il Gran Premio d'Austria 2001 è stato un Gran Premio di Formula 1 disputato il 13 maggio 2001 sul circuito A1-Ring di Zeltweg. La gara fu vinta da David Coulthard su McLaren, davanti a Michael Schumacher e Rubens Barrichello su Ferrari.

Vigilia[modifica | modifica sorgente]

Aspetti sportivi[modifica | modifica sorgente]

Il direttore tecnico della Minardi, Gustav Brunner, lasciò la scuderia italiana nella settimana precedente il Gran Premio. Il tecnico fu ingaggiato dalla Toyota, che lo nominò direttore tecnico del proprio team di Formula 1, il cui debutto sarebbe avvenuto nella stagione successiva.

Aspetti tecnici[modifica | modifica sorgente]

La Williams fu costretta a modificare il diffusore delle proprie monoposto, ritenuto irregolare dalla FIA in seguito alle proteste dei team rivali nel precedente Gran Premio di Spagna.[1] La scuderia inglese, che non aveva adottato il controllo di trazione per problemi di affidabilità nel Gran Premio precedente, lo introdusse in questa occasione.[1] La Ferrari portò in pista diversi affinamenti aerodinamici, oltre a due nuovi alettoni posteriori, uno con due e uno con tre profili: in gara fu utilizzato il primo modello.[1] La Honda fornì a Jordan e BAR una nuova versione del proprio propulsore, che non fu utilizzata in gara dal solo Panis.[1]

Prove libere[modifica | modifica sorgente]

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Nella prima sessione di prove di venerdì i risultati furono i seguenti:[2]

Pos No Pilota Costruttore Tempo
1 3 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 1'11"751
2 4 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 1'12"036
3 1 Germania Michael Schumacher Ferrari 1'12"222

Nella seconda sessione di prove di venerdì i risultati furono i seguenti:[2]

Pos No Pilota Costruttore Tempo
1 4 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 1'11"245
2 3 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 1'11"272
3 1 Germania Michael Schumacher Ferrari 1'11"401

Nella sessione di prove libere di sabato mattina i risultati furono i seguenti:[2]

Pos No Pilota Costruttore Tempo
1 4 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 1'10"010
2 2 Brasile Rubens Barrichello Ferrari 1'10"039
3 1 Germania Michael Schumacher Ferrari 1'10"103

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

Michael Schumacher ottenne la quinta pole position su sei gare, battendo di poco più di un decimo Montoya, alla guida di una Williams piuttosto competitiva sul breve e veloce tracciato austriaco. In terza posizione si piazzò Ralf Schumacher, davanti a Barrichello, Trulli e Heidfeld. Coulthard e Häkkinen, non soddisfatti dell'assetto delle loro McLaren, fecero segnare solo il settimo e l'ottavo tempo, precedendo Räikkönen e Panis. In fondo alla griglia Alonso riuscì per la terza volta consecutiva a piazzarsi in diciottesima posizione, ancora una volta davanti ad entrambe le Benetton.

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Pos No Pilota Costruttore Pneumatici Tempo Distacco
1 1 Germania Michael Schumacher Ferrari B 1'09"562
2 6 Colombia Juan Pablo Montoya Williams - BMW M 1'09"686 +0"124
3 5 Germania Ralf Schumacher Williams - BMW M 1'09"769 +0"207
4 2 Brasile Rubens Barrichello Ferrari B 1'09"786 +0"224
5 12 Italia Jarno Trulli Jordan - Honda B 1'10"202 +0"640
6 16 Germania Nick Heidfeld Sauber - Petronas B 1'10"211 +0"649
7 4 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes B 1'10"331 +0"759
8 3 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes B 1'10"342 +0"780
9 17 Finlandia Kimi Räikkönen Sauber - Petronas B 1'10"396 +0"834
10 9 Francia Olivier Panis BAR - Honda B 1'10"435 +0"873
11 11 Germania Heinz-Harald Frentzen Jordan - Honda B 1'10"923 +1"361
12 10 Canada Jacques Villeneuve BAR - Honda B 1'11"058 +1"496
13 18 Regno Unito Eddie Irvine Jaguar - Ford M 1'11"632 +2"070
14 19 Spagna Pedro de la Rosa Jaguar - Ford M 1'11"752 +2"190
15 15 Brasile Enrique Bernoldi Arrows - Asiatech B 1'11"823 +2"261
16 14 Paesi Bassi Jos Verstappen Arrows - Asiatech B 1'12"187 +2"625
17 23 Brasile Luciano Burti Prost - Acer M 1'12"206 +2"644
18 21 Spagna Fernando Alonso Minardi - European M 1'12"640 +3"078
19 7 Italia Giancarlo Fisichella Benetton - Renault M 1'12"644 +3"082
20 22 Francia Jean Alesi Prost - Acer M 1'12"910 +3"348
21 8 Regno Unito Jenson Button Benetton - Renault M 1'13"459 +3"897
22 20 Brasile Tarso Marques Minardi - European M 1'13"585 +4"023

Warm-up[modifica | modifica sorgente]

Risultati[modifica | modifica sorgente]

I tempi migliori fatti segnare nel warm-up di domenica mattina furono i seguenti:[2]

Pos No Pilota Costruttore Tempo
1 3 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 1'11"647
2 4 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 1'11"765
3 11 Germania Heinz-Harald Frentzen Jordan - Honda 1'11"800

Gara[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

Alla partenza rimasero ferme sullo schieramento ben quattro vetture: le due Jordan di Trulli e Frentzen, la McLaren di Häkkinen e la Sauber di Heidfeld. Trulli e Heidfeld ripartirono dalla corsia dei box, sebbene piuttosto attardati, ma il pilota italiano uscì dalla pit lane con il semaforo rosso e fu squalificato. Frentzen e Häkkinen, traditi rispettivamente dal cambio e dalla frizione, furono invece costretti immediatamente al ritiro.

In testa alla corsa sia Montoya che Ralf Schumacher sopravanzarono Michael Schumacher, prendendo il comando davanti al pilota tedesco della Ferrari e a Barrichello, Coulthard, Irvine e Verstappen. Quest'ultimo, favorito dalla minore quantità di benzina a bordo rispetto ai rivali, sopravanzò Irvine e Coulthard, inserendosi alle spalle delle Ferrari. Al decimo giro Ralf Schumacher si ritirò per problemi ai freni. Il fratello cominciò ad avvicinarsi a Montoya, in crisi per via dell'accentuata usura degli pneumatici: al sedicesimo passaggio Schumacher tentò di sopravanzare il rivale, ma Montoya ritardò eccessivamente la frenata ed entrambi finirono nella via di fuga, rientrando in pista in sesta e settima posizione. Al comando della gara passò quindi Barrichello, seguito da Verstappen, Coulthard, Räikkönen e Panis.

Al 23º giro il pilota olandese della Arrows, partito con una strategia a due soste, si fermò ai box, dando via libera a Coulthard. Alle spalle dello scozzese Schumacher sopravanzò sia Panis che Räikkönen, portandosi in terza posizione. Il pilota francese fu superato anche da Montoya, che però si ritirò al 41º giro per un problema all'impianto idraulico. Nel frattempo cominciarono le soste ai box: Schumacher effettuò il suo unico rifornimento al 46º passaggio, imitato da Räikkönen e, nella tornata seguente, da Barrichello. Coulthard rimase in pista per altri tre giri, durante i quali fece segnare il giro più veloce. Il pilota scozzese rifornì alla cinquantesima tornata, tornando in gara in prima posizione. Nel finale della corsa Schumacher si avvicinò a Barrichello, al quale fu più volte richiesto via radio di far passare il compagno di squadra: il pilota brasiliano eseguì polemicamente l'ordine all'ultima curva, tagliando il traguardo in terza posizione. Räikkönen conquistò il quarto posto davanti a Panis e Verstappen.

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Pos No Pilota Costruttore Pneumatici Giri Tempo/Ritiro e posizione al ritiro Partenza Punti
1 4 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes B 71 1h27'45"927 7 10
2 1 Germania Michael Schumacher Ferrari B 71 +2"190 1 6
3 2 Brasile Rubens Barrichello Ferrari B 71 +2"527 4 4
4 17 Finlandia Kimi Räikkönen Sauber - Petronas B 71 +41"593 9 3
5 9 Francia Olivier Panis BAR - Honda B 71 +53"775 10 2
6 14 Paesi Bassi Jos Verstappen Arrows - Asiatech B 70 +1 giro 16 1
7 18 Regno Unito Eddie Irvine Jaguar - Ford M 70 +1 giro 13
8 10 Canada Jacques Villeneuve BAR - Honda B 70 + 1 giro 12
9 16 Germania Nick Heidfeld Sauber - Petronas B 69 + 2 giri 6
10 22 Francia Jean Alesi Prost - Acer M 69 + 2 giri 20
11 23 Brasile Luciano Burti Prost - Acer M 69 + 2 giri 17
Ritirato 8 Regno Unito Jenson Button Benetton - Renault M 60 Motore (12°) 21
Ritirato 19 Spagna Pedro de la Rosa Jaguar - Ford M 48 Semiasse (12°) 14
Ritirato 6 Colombia Juan Pablo Montoya Williams - BMW M 41 Impianto idraulico (5°) 2
Ritirato 21 Spagna Fernando Alonso Minardi - European M 38 Trasmissione (15°) 18
Ritirato 20 Brasile Tarso Marques Minardi - European M 25 Trasmissione (16°) 22
Ritirato 15 Brasile Enrique Bernoldi Arrows - Asiatech B 17 Impianto idraulico (8°) 15
Ritirato 5 Germania Ralf Schumacher Williams - BMW M 10 Freni (2°) 3
Ritirato 7 Italia Giancarlo Fisichella Benetton - Renault M 3 Motore (17°) 19
Ritirato 3 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes B 1 Elettronica (21°) 8
Ritirato 11 Germania Heinz-Harald Frentzen Jordan - Honda B 0 Elettronica 11

Squalificato

12 Italia Jarno Trulli Jordan - Honda B 14 5

Dopo gara[modifica | modifica sorgente]

Dopo l'ordine di squadra ricevuto a poche tornate dal termine, Barrichello si espresse in modo piuttosto polemico nei confronti della sua squadra. Una situazione simile, l'anno seguente, avrebbe poi portato alla proibizione degli ordini di scuderia.

Dopo la gara la BAR protestò a lungo per un presunto doppiaggio effettuato da Räikkönen su Burti in regime di bandiere gialle: i commissari di gara assolsero però il pilota finlandese.[3]

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Costruttori[modifica | modifica sorgente]

Pos. Team Punti
1 Italia Ferrari 60
2 Regno Unito McLaren - Mercedes 42
3 Regno Unito Williams - BMW 18
4 Irlanda Jordan - Honda 13
5 Svizzera Sauber - Petronas 12
6 Regno Unito BAR - Honda 9
7 Italia Benetton - Renault 1
7 Regno Unito Arrows - Asiatech 1

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d Giorgio Piola, «Una Ferrari d'alto profilo». Autosprint n.20, 15-21 maggio 2001, pagg.50-52
  2. ^ a b c d «tutti i tempi delle prove», Autosprint 20, 15-21 maggio 2001, pag. 44
  3. ^ (EN) Grand Prix Results: Austrian GP, 2001, Grandprix.com

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Tutti i dati statistici provengono da Autosprint n.20/2001

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2001
Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Austria.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2000
Gran Premio d'Austria
Edizione successiva:
2002
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1