Arthur Light

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Dottor Light (Arthur Light))
Dottor Light
Universo Universo DC
Nome orig. Arthur Light
Lingua orig. Inglese
Autori
Editore DC Comics
1ª app. giugno 1962
1ª app. in Justice League of America n. 12
Sesso Maschio

Arthur Light è un supercriminale dei fumetti pubblicati dalla DC Comics. È il terzo ad aver assunto l'identità di Dottor Light, dopo il nemico della Golden Age di Dottor Mid-Nite e suo ex-socio, Jacob Finlay. Light, nemico di lunga data della Justice League of America e dei Teen Titans, fu descritto come una minaccia seria per gli eroi, ma come una simpatica compagnia per i super criminali incompetenti. Il suo campo come Dottor Light è in concorrenza con la supereroina omonima Kimiyo Hoshi. Nel 2009, Dottor Light fu inserito al 84º posto dalla IGN nella lista dei Più Grande Criminali dei Fumetti di Tutti i Tempi.

Biografia del personaggio[modifica | modifica sorgente]

Origini[modifica | modifica sorgente]

Il primo Dottot Light della Silver Age era un criminale psicopatico di nome Dr. Arthur Light, che comparve per la prima volta in Justice League of America n. 12. Una retcon lo introdusse in Secret Origins n. 37 rivelando che in realtà il suo personaggio era il secondo ad aver assunto l'identità di Dottor Light. Secondo la connessione, il suo predecessore era un suo collega dei Laboratori S.T.A.R., uno scienziato di nome Jacob Finlay. Finlay creò un vestito tecnologicamente avanzato per controllare la luce e volle usarlo nelle vesti di un super eroe minore, ma fu accidentalmente ucciso da Arthur all'inizio della sua carriera eroica. Light prese il costume e il nome in codice di "Dottor Light", utilizzandoli per i suoi mezzi criminali. Fu periodicamente perseguitato dal fantasma di Finlay nel corso degli anni, ma utilizzò i poteri del costume per farlo sparire.

Dalla Silver alla Bronze Age, Dottor Light fu un nemico minore ma persistente per un sempre maggiore numero di eroi. Prima combatté contro la League, dopo aver fallito ed essere stato sconfitto, combatté contro le loro spalle, i Teen Titans. Fu anche sconfitto notoriamente dal solo Hal Jordan poco dopo aver subito la sconfitta da parte della JLA. Quindi fondò la squadra di super criminali dei Fearsome Five, ma anche questi furono sconfitti dai Titans, e Light fu violentemente espulso dal suo stesso gruppo. Ogni atto criminale lo portò alla sconfitta, ma tali sconfitte furono da lui utilizzate come basi per l'umiliazione che culminò negli eventi di Crisi Infinita e negli effetti conseguenti.

Forse la sconfitta più ignobile di Dottor Light avvenne quando fu sconfitto da Little Boy Blue e i suoi Blue Boys, cioè da un gruppo di bambini senza super poteri.

Suicide Squad[modifica | modifica sorgente]

Guidato dalla colpa e dal dubbio, grazie in parte alla presenza del fantasma di Finlay, il Dottor Light entrò a far parte della Suicide Squad, un gruppo di super criminali incarcerati che andavano in pericolosissime missioni segrete per il Governo degli Stati Uniti in cambio dell'indulto. In una missione contro la super squadra patriottica chiamata "Force of July", incontrò Sparkler, il membro più giovane del gruppo. La presenza del ragazzo super potente gli ricordò delle sue sconfitte passate, e scagliatosi contro Sparkler, lo uccise con un colpo al petto.

Durante il periodo con la Squad, Light dimostrò il semplice desiderio di voler piacere agli altri membri. Vide la sua chance quando un misterioso forestiero armato di torte si scatenò contro il gruppo, ma nessuno credette veramente che Light fosse stato colpito.

Finalmente il fantasma di Finlay convinse Light a divenire un eroe durante una missione dove molti membri del gruppo, alcuni involontariamente, viaggiarono fino ad Apokolips. Light fu subito ucciso dai Parademoni. Quindi venne mandato all'Inferno, dove fu fisicamente riunito a Finlay. Sotto osservanza di un demone minore e del suo noioso assistente, entrambi furono rilasciati dall'Inferno e ritornarono in vita. Entrambi morirono di nuovo subito dopo: Arthur Light soffocò mentre si trovava nella sua bara, mentre lo scheletro di Finlay si fece strada verso la superficie dalla sua tomba per essere poi distrutto da una famiglia di religiosi. Arthur Light ritornò in vita una seconda volta, e sopravvisse appena alla caduta che i suoi torturatori demoniaci avevano programmato per essere fatale. Arthur trovò anche il tempo di impossessarsi del corpo della Dottor Light femminile, Kimiyo Hoshi. Con l'aiuto di una sua insegnante, Kimiyo riuscì a bandire la presenza di Arthur dal suo corpo.

Dottor Light riuscì a liberarsi del fantasma del suo ex-collega, tentò di riunirsi alla Squad, ma il suo appello fu respinto da Amanda Waller.

Successivamente venne intrappolato nella batteria del potere di Lanterna Verde, e come conseguenza fu temporaneamente trasformato in luce vivente. poi fece parte dell'incarnazione di breve durata della Lega dell'ingiustizia, in cui assistette Lex Luthor nella costruzione dei suoi duplicati olografici della JLA.

Da Crisi d'identità in poi[modifica | modifica sorgente]

La miniserie controversa del 2004, Crisi d'Identità, rivelò retroattivamente che il Dottor Light, ad un certo punto nel passato, diede la caccia e poi stuprò Sue Dibny, la deceduta consorte del super eroe Elongated Man, sul Satellite della JLA. Successivi numeri rivelarono anche che era uno stupratore recidivo e che era una notizia falsa la convinzione che Sue Dibny fosse la sua prima vittima. Dopo una decisione presa con una votazione, la Justice League decise di alterare la sua mente attraverso l'utilizzo della magia di Zatanna così che Light non sarebbe più potuto essere una minaccia per i loro cari. Nel processo, gli fu praticata accidentalmente anche una lobotomia, il che spiegherebbe come mai fu sconfitto dai Teen Titans e da Little Boy Blue. Successivamente riacquisì i suoi ricordi e il suo intelletto, e decise di vendicarsi della squadra di super eroi.

Quando Dottor Light comparve successivamente, catturò Freccia Verde, utilizzandolo come esca così che potesse vendicarsi dei Titans. L'intera squadra dei Teen Titans, ex membri e membri correnti, risposero alla chiamata, ma lui riuscì brutalmente e con successo a sconfiggerli tutti. Infine, Cyborg riuscì a batterlo utilizzando un dispositivo che risucchiò tutta la luce dall'ambiente, rendendo Light impotente. Batman e Batgirl comparvero per portarlo in carcere, ma si dimostrarono essere Deathstroke e Ravager travestiti, e offrirono al Dottor Light un posto nella Società segreta dei supercriminali, un'organizzazione guidata da Lex Luthor. Dottor Light, assetato di vendetta e potere, accettò immediatamente.

Come membro della Società, aiutò Merlyn e Deathstroke a sconfiggere Freccia Verde a Star City. Quindi Dottor Light si attaccò e assorbì una grande quantità di luce dalla eroina Dottor Light, successivamente riferendosi al gesto come a uno stupro (Green Arrow n. 54). Tuttavia, Kimiyo riuscì a riottenere i suoi poteri assorbendoli direttamente da lui.

Successivamente, Arthur partecipò alla Battaglia di Metropolis nel n. 7 di Crisi Infinita, dove fu sconfitto dagli sforzi combinati di Raggio, Black Canary, Martian Manhunter e Kimiyo.

Un Anno Dopo e Crisi Finale[modifica | modifica sorgente]

In Justice League of America Wedding Special, Light era un membro della Injustice League Unlimited. Durante una battaglia contro la Justice League, la sua compagna di squadra Cheetah lo tradì e lo ferì alla schiena poiché odiava gli stupratori. Poco dopo, l'intera Injustice League fu catturata e deportata su un mondo alieno dalla Suicide Suad; Dottor Light fu successivamente uno dei criminali protagonisti di Salvation Run.

Dopo essere ritornato sulla Terra, in DC Universe n. 0, Dottor Light fece parte della Società segreta dei supercriminali di Libra, in Crisi finale n. 1, e lui e Mirror Master furono inviati da Libra alla ricerca della sedia di Metron. Furono sfidati poi da Empress, Sparx, e Más y Menos, ma entrambi riuscirono a sconfiggerli in un battito di ciglia combinando i suoi raggi con gli specchi di Mirror Master. Light coadiuvò anche l'assassinio di Martian Manhunter, aiutando la Fiamma Umana e Libra.

Successivamente, in Final Crisis: Revelations, lo Spettro consegnò il giudizio finale deciso sul Dottor Light, e lo bruciò fino alla morte trasformandolo in una candela, e utilizzando la sua testa come stoppino. Lo Spettro, nella sua ironica moda caratteristica, scelse di punirlo a causa degli abusi commessi e della sua abilità di manipolare la luce.

Il personaggio della Millestone Comics conosciuto come Shadow Cabinet, tentò di rubare i resti di Arthur Light, ancora in forma di candela. Si rivelò poi nel numero successivo essere una falsa supposizione; Superman ed Icon furono gli artefici di questo scenario per fare sì che Shadow Cabinet familiarizzasse con la JLA. La candela fu, tuttavia, utilizzata da Hardware per ricostituire i poteri che Arthur Light rubò a Kimiyo Hoshi.

La notte più profonda[modifica | modifica sorgente]

Durante il crossover La notte più profonda, Dottor Light fu identificato come uno dei deceduti sotterrati sotto la Sala della Giustizia. Il cadavere del Dottor Light resuscitò come Lanterna Nera durante l'evento. Lo si vide divorare i resti del cadavere di Gehenna, e attaccare Kimiyo Hoshi. I due si batterono, e Arthur sembrò avere la meglio utilizzando la psicologia facendo sì che Kimiyo dubitasse di sé stessa. Tuttavia, non appena si trovò sul limite della vittoria, fece il fatale errore di minacciare i figli di Kimiyo, facendola arrabbiare al punto che l'eroina generò una luce così forte da ridurre la Lanterna Nera e il suo anello in polvere.

Poteri e abilità[modifica | modifica sorgente]

Dottor Light era un manipolatore della luce, con l'abilità di controllare la luce per una varietà di propositi. Poteva piegare la luce per diventare invisibile, generare raggi energetici, creare campi di forza, e volare. Respingendo mentalmente i fotoni, Light poteva creare aree di completa oscurità. Teen Titans n. 23 affermò che Light poteva potenziarsi assorbendo la luce dall'ambiente. Durante la storia di Rock of Ages di Grant Morrison nella serie di JLA, Light fu mostrato mentre prendeva il controllo assoluto anche sull'intero spettro elettromagnetico su suggerimento di Lex Luthor.

I limiti dei suoi poteri non sono chiari, ma sembra essere in grado di avere qualche potere su qualsiasi cosa che emetta luce. Tra questi vi sono i costrutti di Lanterna Verde, la vista calorifica di Superboy, e il lampo magico del lazzo di Wonder Girl. Riuscì anche a svuotare della luce i super eroi con poteri a base di luce, come gli eroici Dottor Light (Kimiyo Hoshi) e Raggio, lasciandoli temporaneamente senza poteri. Ebbe anche l'abilità temporanea di creare immagini olografiche. Nonostante le frequenti sconfitte, rimane comunque molto potente.

Originariamente, i poteri di Dottor Light derivano dalla sua tuta, ma con il tempo riuscì ad appropriarsi di tale abilità, e poteva utilizzare i suoi poteri senza necessitare del costume.

Arthur Light era mentalmente un genio, un genio nel campo della fisica. Tuttavia, il suo lavaggio del cervello da parte della League ridusse sostanzialmente la sua intelligenza, e perse la sua abilità creativa nell'utilizzo dei suoi poteri. Il ritrovo recente dei ricordi di Light sembrarono aver portato indietro il suo intelletto e anche la sua parafilia. Come risultato, divenne un avversario molto più letale, in grado di combattere squadre del calibro dei Teen Titans fino alla sconfitta e affrontando una moltitudine di eroi tutti in una volta.

Comparse nei fumetti[modifica | modifica sorgente]

  • Justice League of America (prima serie) n. 12 (L'Ultimo Caso della Justice League)
  • Atom n. 8 (Bloccato nella Lampadina Letale)
  • Green Lantern n. 33 (Mago delle Armi a Onda di Luce!)
  • Justice League of America (prima serie) n. 122 (La Grande Crisi d'Identità)
  • Teen Titans (prima serie) n. 44 (L'Uomo che Rovesciò i Titans)
  • Secret Origins n. 37 (Legione degli Eroi Sostituti - Dottor Light)
  • Suicide Squad (prima serie) n. 52 (La Morte e La Vita e La Morte e La Vita e La Morte e La Vita di Dottor Light)
  • Green Lantern (terza serie) n. 36 (Il fantasma della Luce di Natale)
  • Green Lantern (terza serie) n. 80 (collegamento a Final Night)
  • Teen Titans (terza serie) n. da 21 a 23 (Luce Spenta)
  • Green Arrow (terza serie) n. da 54 a 58 (Buttandosi nella Luce)
  • Final Crisis: Revelations n. 1 (ucciso dallo Spettro)
  • JLA/Avengers n. 4 (Cameo nella battaglia finale)

In altri media[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

  • Dottor Light comparve in un episodio della serie Lois e Clark: Le nuove avventure di Superman. Qui era uno scienziato di nome Harry Leit che insieme ad un altro delinquente rubò un emettitore di luce ultravioletta che accecò Superman.
  • Dottor Light fu un criminale minore nella serie animata Teen Titans. Il suo personaggio ebbe molto della sua controparte dei fumetti, sebbene dia prova di essere un avversario formidabile. Light è generalmente descritto come un disturbo più che un minaccia vera, sebbene anche lui ha i suoi momenti, e le due comparse e facili sconfitte vengono viste come una gag ricorrente. Dottor Light comparve nell'episodio "Nevermore" della prima stagione, dove diede prova di essere chiaramente un avversario pericoloso. Indossò un costume semplice e aderente che poteva emettere raggi d'energia e creare scudi. Anche se riuscì a sconfiggere quattro dei cinque Titans, fece arrabbiare Raven quando l'attacco. Piena di rabbia, perse i controllo dei suoi poteri, crebbe numerose volte di taglia, e lo chiuse nell'oscurità del suo mantello. Quando ritornò in è e lo lasciò andare, il suo costume venne distrutto e Light fu chiaramente traumatizzato dall'esperienza. Ebbe un breve cameo in "Fractured" e "Wavelenght". La sua più grande comparsa avvenne in "Birthmark". Il suo costume fu più grande e più potente, in cui fu aggiunta una frusta di luce al suo arsenale; comparve in un impianto di trivellazione petrolifera dove riuscì a rubare dell'energia, ma fu fermato dai Titans che puntualizzarono che affermavano di poterlo vedere dalla finestra della loro torre. Riuscì a sconfiggere ogni Titan che gli venne incontro fino a Raven, che mimò il loro primo incontro e chiedendogli "Ti ricordi di me?". Dottor Light si impaurì e arrese quasi immediatamente, dicendo con occhi spalancati "Adesso vorrei andare in prigione, per favore". Nella quinta stagione, Dottor Light si unì alla Confraternita del Male, e lo si può vedere nella padella gigante dei criminali in "Homecoming: Part 2". In "Kole", tentò di sfruttare il potere di Aurora Borealis con un cristallo speciale, per fallire quando i Titans intervennero e lo distrussero. Sia lui che i Titans caddero nel ghiaccio fino ad una landa preistorica. Qui, rapì Kole per rimpiazzare il suo cristallo rotto, che lo rese virtualmente imbattibile. Gnarkk rimosse Kole dalla macchina, permettendogli di sconfiggere Dottor Light concentrando i colpi energetici di Starfire in un potentissimo laser. Fu assente nella battaglia in £Calling All Titans", in quanto optò per una rapina in banca mentre gli eroi e i criminali erano occupati. Tutti e trenta i Titans, dopo aver sconfitto la Confraternita del Male, si prepararono a sconfiggerlo, al che raven dichiarò: "Questa volta impazzirà del tutto".

Film[modifica | modifica sorgente]

Video giochi[modifica | modifica sorgente]

  • Dottor Light è un personaggio utilizzabile nella modalità battaglia del video gioco sui Teen Titans.

Miscellanea[modifica | modifica sorgente]

  • A causa del suo coinvolgimento in Crisi di'Identità, non ebbe comparse in Teen Titans Go! fino al n. 30, dove tentò di rubare la batteria che potenzia Cyborg per utilizzarla per la sua tuta.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

DC Comics Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics