Chiesa cattolica in Serbia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa cattolica in Serbia
Emblem of the Holy See usual.svg
Anno 2006
Cristiani
Ichthus.svg
6,5 milioni
Cattolici 430 mila
Popolazione 9,4 milioni
Nunzio apostolico Orlando Antonini

La Chiesa cattolica in Serbia è parte della Chiesa cattolica universale, sotto la guida spirituale del Papa e della Santa Sede.
I cattolici di Serbia appartengono per lo più a minoranze etniche (albanesi, croati, ungheresi e gruppi minori di bulgari, cechi, tedeschi e slovacchi) e sono concentrati in Voivodina. I serbi appartengono per lo più alla Chiesa ortodossa serba, che è la confessione più seguita nel paese.

Struttura[modifica | modifica sorgente]

Organizzazione territoriale della Chiesa cattolica di rito romano in Serbia e Kosovo

La Chiesa di rito romano prevede una provincia ecclesiastica.

Per i fedeli di rito bizantino:

I vescovi serbi sono membri di diritto della Conferenza episcopale internazionale dei Santi Cirillo e Metodio, che raggruppa gli episcopati di Serbia, Montenegro, Kosovo e Macedonia.

Nunziatura apostolica[modifica | modifica sorgente]

La nunziatura apostolica di Jugoslavia fu istituita nel 1920. Al termine della seconda guerra mondiale le relazioni diplomatiche furono interrotte, per essere riprese il 14 agosto 1970. Nel 2003 la nunziatura apostolica di Jugoslavia assunse il nome di nunziatura apostolica di Serbia e Montenegro. Il 19 giugno 2006 è stata istituita l'attuale nunziatura apostolica di Serbia.

Nunzi apostolici di Jugoslavia[modifica | modifica sorgente]

Delegati apostolici di Jugoslavia[modifica | modifica sorgente]

  • Mario Cagna † (17 settembre 1966 - 22 agosto 1970 nominato pro-nunzio apostolico di Jugoslavia)

Nunzi apostolici di Jugoslavia (Serbia e Montenegro)[modifica | modifica sorgente]

Nunzi apostolici di Serbia[modifica | modifica sorgente]